Connect with us
Pubblicità

Viaggi & Turismo

Appunti di viaggio lungo la costa occidentale della Sicilia

Pubblicato

-

Sembra un paesaggio nordico, invece ci troviamo nella fascia di terra e mare tra le più incantevoli della Sicilia, lungo la via del sale che unisce Trapani a Marsala, un viaggio spensierato effettuato nel 2015 che ci piace raccontare per ravvivare un po’ queste fresche giornate d’aprile.

Una vacanza nel cuore del Mediterraneo con destinazione Marsala, città che conserva innumerevoli testimonianze fenicio-puniche e romane: anfore e relitti di navi, santuari, grotte, terme e strade sommerse.

Nel Museo archeologico “Baglio Anselmi” si possono ammirare i resti della più antica nave punica da guerra, nonché preziosi reperti della Venere Callipigia, una statua marmorea venuta alla luce nel 2005, ad est della Chiesa di San Giovanni Battista al Boeo.

Pubblicità
Pubblicità

La città di Marsala offre il meglio di sé, antichi palazzi nobiliari in stile barocco, chiese, monumenti ed opere d’arte si affacciano sulle antiche strade del centro storico; via XI Maggio la via principale denominata il Cassaro, piazza della Repubblica dove ha sede il palazzo Comunale con il suo porticato e la Chiesa Madre dedicata al martire inglese San Tommaso Becket di Canterbury.

Delle quattro porte che un tempo cingevano la città, ne sono rimaste due: Porta Garibaldi celebre per il passaggio di Giuseppe Garibaldi e i Mille l’11 maggio 1860 e Porta Nuova.

Marsala by night è particolarmente attraente e vivace; numerosi locali con tavolini sistemati all’aperto nei vicoli del centro si riempiono di turisti attratti dal profumo di basilico e olio di oliva (panecunzatu), il pane appena sfornato e la pasticceria di Sicilia, che affonda le sue radici nei riti sacri.

Pubblicità
Pubblicità

Per raggiungere la stazione dei bus si attraversa l’antico Mercato del pesce, che mette in bella mostra il prodotto ittico appena pescato, quasi dispiace non aver scelto un alloggio in appartamento anziché l’hotel per poter cucinare e gustare le diverse specialità richiamate a gran voce dai pescatori, con tanto di ricette.

Utilizziamo i mezzi pubblici per recarci a Mozia un itinerario consigliato dalla pro-loco, in meno di mezzora lungo tratti costieri e spiagge cristalline, siamo in vista della località prescelta: l’affascinante Laguna nella riserva naturale dello Stagnone, dove si specchiano le isole di San Pantaleo, Schola e Isola Lunga.

Qui sostano e nidificano i fenicotteri rosa ma non è raro incontrare la gru africana, l’anatra selvatica e l’airone cenerino.

Sulla terraferma, lungo il canalone e tra i canneti, spuntano candide montagne di sale, qui e là fanno bella mostra suggestivi mulini a vento, il più maestoso dalla storia secolare è il Mulino d’Infersa (XVI^ sec.), visitabile e funzionante tutto l’anno.

Si tratta di un gioiello di archeologia industriale a forma di stella (detto anche olandese), la torre sfiora i tredici metri di altezza e le macine situate al suo interno ruotano mosse dal vento e frantumano il sale.

Al molo in attesa di imbarcarci per il Tour guidato di un’ora, è d’obbligo gustare un buon caffè con cappidduzzo di ricotta o genovese alla crema, seduti comodamente sulla terrazza con vista laguna, situata proprio accanto alla biglietteria.

Il Tour della Riserva Naturale Isole dello Stagnone permette di circumnavigare l’isola dove un tempo prosperava la città fenicia di Mozia, la cui cinta muraria è lunga 2,5 km.

Dalla barca si possono vedere le coste di Schola e Isola Lunga,  per un tratto seguiamo l’antica strada punica sommersa visibile sotto di noi, perché il fondale è profondo appena 60 centimetri.

Al termine del giro visitiamo il mulino del ‘500, nella sala un interessante video narra la storia dell’arte antica e preziosa del sale marino, una bottega attigua mostra i prodotti tipici del territorio accanto a ceramiche, coralli di sale e libri.

Per provare un’esperienza rigenerante, si può partecipare all’uscita in barca di tre ore, un percorso benessere nell’isola Lunga con immersione in una vasca di acqua salina o fango tiepido.
Le Saline Ettore e Infersa rappresentano la tradizione di un territorio dove il sale è da sempre una risorsa pregiata, immersa in un paesaggio variopinto denso di storia, arte e natura.

All’uscita dell’imbarcadero incontriamo Beppe Genna in arte “Beppe u Poeta”, un vulcanico artigiano che non conosce ozio e noia.

Nella vita ha fatto cento mestieri riuscendo sempre a distinguersi e a campare dignitosamente; l’abilità manuale nelle lavorazioni della pietra di tufo, una buona dose di fantasia e poesia gli permettono di creare piccoli manufatti da vendere ai turisti, insieme alla dedica in rima.

Durante il viaggio di ritorno verso Marsala, l’autista del bus si improvvisa cicerone raccontando che un tempo dentro ogni portone esisteva una cantina vinicola.

La storia del vino liquoroso “marsala” conosciuto in tutto il mondo trae le sue origini verso la fine del XVIII secolo ad opera degli inglesi che avevano apprezzato a tal punto il gusto del vino prodotto in quella località, da imbarcarne diversi barili.

Per mantenere tutte le caratteristiche durante il lungo viaggio in mare, decisero di aggiungere acquavite al vino, creando così il marsala.

Nel 1833 viene fondata la casa di produzione vinicola “Cantine Florio” ancora oggi testimone di un’antica tradizione, dove si svolgono visite guidate con degustazioni nelle magnifiche cantine scavate nel tufo.

La cultura del vino marsala ha un profondo legame storico con questa terra, qui i Greci hanno introdotto la pianta del vino ad alberello che dopo oltre 2000 anni rappresenta il cuore della produzione del marsala, oltre a prestigiosi vini bianchi, rossi e distillati.

Nei giorni successivi visitiamo altre località: il borgo di Erice con 60 chiese, un itinerario attraverso vicoli e stradine alla scoperta di angoli pieni di fascino e mistero, la meravigliosa spiaggia di San Vito Lo Capo ed infine Mazara del Vallo.

Nel Museo archeologico è custodito il Satiro Danzante dagli occhi di alabastro e capelli al vento, la famosa statua bronzea prodotto originale dell’arte greca di epoca classica, che risale al IV secolo a.C.

Probabilmente il Satiro Danzante faceva parte di un gruppo complesso di statue destinate a collezionisti, si trovava su una nave in viaggio dal Nord-Africa verso Roma, affondata da una tempesta.

Alcuni studiosi d’arte affermano che il Satiro è stato forgiato da “Prassitele” e rappresenta uno stato di estasi in un vorticoso passo di danza.

E’ affascinante la storia del casuale ritrovamento in mare nel 1997 di una gamba del Satiro e l’anno successivo della statua, ad opera dei marinai del motopesca “Capitan Ciccio” della flotta di Mazara del Vallo. Archeologi e pescatori raccontano l’intera vicenda in un video di 25 minuti.

Una vacanza che ricordiamo per le intense emozioni che sa offrire questa terra del sud Italia, capace di ammaliare il visitatore. “Niente è più utile del sole e del sale” sentenziava Plinio il Vecchio.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Buono viaggio Taxi e Ncc: fino al 50% di sconto sul totale della corsa
    Per alcune categorie di persone, viaggiare in taxi potrebbe essere più conveniente. All’interno del Decreto Rilancio e successivamente nel Dl infrastrutture è stata inserita una particolare agevolazione che prevede viaggi in auto con conducente e... The post Buono viaggio Taxi e Ncc: fino al 50% di sconto sul totale della corsa appeared first on Benessere […]
  • Bonus Partite Iva, fino al 13 dicembre la presentazione delle domande
    Bonus Partite Iva Il bonus, messo a disposizione del Governo è un sussidio erogato a favore dei soggetti esercenti di titolari di partita Iva, soggetti esercenti di attività di impresa che hanno subito perdite a... The post Bonus Partite Iva, fino al 13 dicembre la presentazione delle domande appeared first on Benessere Economico.
  • Cambia la lotteria degli scontrini, ipotesi estrazione istantanea dal 2022
    Il programma lotteria degli scontrini che ha accompagnato molti italiani per tutto il 2021, potrebbe subire dei cambiamenti a partire dal 2022. A differenza del cashback, la lotteria degli scontrini infatti, è stata confermata anche... The post Cambia la lotteria degli scontrini, ipotesi estrazione istantanea dal 2022 appeared first on Benessere Economico.
  • P. Iva, quando arrivano i contributi fondo perduto fino a 150 mila euro
    Dopo l’ok ufficiale da parte dell’Unione Europea, i contributi a fondo perduto per le P.Iva disposti dal Decreto Sostegni Bis vengono sbloccati e arriveranno entro l’anno. I dettagli della misura Il sostegno finanziato con 4,5... The post P. Iva, quando arrivano i contributi fondo perduto fino a 150 mila euro appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus Natale, a dicembre voucher e bonus per pensionati e categorie meno abbienti
    Con l’avvicinarsi delle festività si incomincia a parlare di Bonus Natale, una misura di sostegno al reddito introdotta dalla legge finanziaria del 2001 e rifinanziata nell’ultimo decreto legge. Si tratta quindi di un voucher, erogato... The post Bonus Natale, a dicembre voucher e bonus per pensionati e categorie meno abbienti appeared first on Benessere Economico.
  • Il ritmo dell’inflazione preoccupa, aumentano anche i prezzi del carrello della spesa
    Anche nel mese di ottobre il tasso di inflazione ha continuato a salire. In particolare, per il quarto mese consecutivo l’ISTAT ha registrato una crescita più alta di quanto previsto in precedenza. L’aumento del prezzo... The post Il ritmo dell’inflazione preoccupa, aumentano anche i prezzi del carrello della spesa appeared first on Benessere Economico.

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

di tendenza