Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Cassa Rurale Val di Non, numeri in forte crescita nel 2020: utile netto di 5,2 milioni di euro

Pubblicato

-

Il presidente della Cassa Rurale Val di Non Silvio Mucchi, a sinistra, e il direttore Massimo Pinamonti, a destra

Un’annata di forte crescita. Nonostante il Covid, nonostante le difficoltà che, inevitabilmente, ci si è trovati ad affrontare.

Per la Cassa Rurale Val di Non il 2020 è stato un anno importante, i cui numeri hanno confermato incrementi significativi sotto ogni punto di vista, ma anche una presenza capillare sul territorio in grado di garantire un supporto concreto a soci e clienti.

Il bilancio, dunque, è estremamente positivo e testimonia una crescita continua da parte dell’istituto di credito noneso, una realtà formata da ben 10.500 soci.

Pubblicità
Pubblicità

In vista dell’annuale assemblea generale che, per il secondo anno consecutivo, non potrà avere luogo in presenza ma si svolgerà attraverso un rappresentante designato (il notaio Domenico de Pascale), nella mattinata di oggi, martedì 13 aprile, il presidente della Cassa Rurale Silvio Mucchi e il direttore Massimo Pinamonti hanno presentato nel corso di una conferenza stampa i principali risultati raggiunti durante il 2020, i dati di bilancio e le prospettive per il futuro.

«Anche nel 2021 la pandemia ci impedisce di organizzare in presenza l’assemblea, un momento fondamentale di confronto con i soci, che prevede quest’anno anche il rinnovo totale delle cariche sociali – ha esordito il presidente Mucchi sottolineando il lavoro portato avanti con attenzione da tutta la struttura nella distribuzione degli avvisi e della relativa documentazione ai soci –. Abbiamo voluto trasmettere dati certi, sicuri dell’attualità e anche di prospettiva. Il 2020 ci ha visti entrare in questo enorme problema mondiale che, in una fase iniziale, ci ha messi in difficoltà. La forza locale ci ha però consentito di pensare subito a come reagire, a come intervenire».

Sono stati diversi, infatti, i progetti portati avanti dalla Cassa Rurale Val di Non in collaborazione con l’omonima Fondazione, con le altre Casse Rurali e con i soci, che hanno consentito di implementare le dotazioni di ospedali e case di riposo, ma anche di mettere a disposizione risorse economiche fondamentali per affrontare questa situazione di difficoltà.

Pubblicità
Pubblicità

«Il messaggio che vorrei lanciare è che la Cassa Rurale nei momenti cruciali c’è» ha aggiunto Mucchi, che ha anche sottolineato la crescita del Cda e come la formazione sia diventato un aspetto cruciale in un periodo in cui le dinamiche e le politiche bancarie cambiano alla velocità della luce.

Uno sguardo, poi, ai rapporti con le istituzioni federali come Cassa Centrale Banca. Rapporti che Mucchi ha definito buoni, ma anche critici. «Crediamo infatti che la nostra sia una banca territoriale i cui risultati possano garantirci una voce importante per essere protagonisti di ciò che accade» sono state le sue parole.

Il presidente ha poi ricordato le iniziative realizzate sul territorio da un istituto di credito che non si è chiuso all’interno del proprio palazzo: dai rapporti con l’Apt per una nuova prospettiva turistica ai convegni organizzati con la Fondazione e i Giovani Soci, dai sostegni in ambito culturale e sportivo, a cui si è aggiunto quello nel settore della musica, all’attenzione alle famiglie, fino ad arrivare al progetto dell’archivio storico che sorgerà a Denno.

La speranza è comunque quella di poter tornare presto a un’assemblea in presenza. «Sentiamo la mancanza di un confronto diretto con la base sociale. Confronto che per noi è fondamentale, ci aiuta a crescere – ha concluso il presidente –. Speriamo si possa ritornare a quella normalità che vede la nostra Cassa Rurale esprimersi con tutta la sua forza e la sua presenza all’interno della valle».

La parola è passata quindi al direttore generale Massimo Pinamonti, che è entrato nel dettaglio dei numeri riguardanti il bilancio 2020.

«Quella che si è conclusa il 31 dicembre scorso è stata sicuramente un’annata difficile, ma che ha fatto registrare una forte crescita sotto tutte le voci – ha dichiarato Pinamonti –. In alcuni ambiti devo dire che l’incremento è davvero straordinario, alla luce anche del momento che stiamo vivendo».

La raccolta complessiva si attesta infatti a 1,577 miliardi di euro  (+6,88%), con un incremento del risparmio gestito superiore al 20%.

Gli impieghi, pari a 745 milioni di euro, hanno fatto registrare un +3,20%. Di questi, 30 milioni sono serviti per il sostegno di aziende in difficoltà a causa del Covid, mentre sono stati concessi 135 milioni di moratorie mutui (quindi sospensione delle rate), sia ad aziende che a privati.

«Per quanto riguarda la qualità del credito c’è stata una riduzione dei crediti deteriorati del 22% – ha proseguito il direttore – con un aumento sensibile delle coperture (oltre 10 milioni di euro) tale da completare il Calendar Provisioning, il piano di accantonamento prudenziale voluto dalla Banca Centrale Europea, fino al 2022 e permettere di svalutare il totale del credito anomalo del 72%».

«Il margine di intermediazione è incrementato del 19,22%, i costi operativi sono diminuiti del 6,70% e abbiamo chiuso l’esercizio con un utile netto di 5 milioni e 200 mila euro – ha aggiunto Pinamonti –. Parliamo di dati ottimi, che hanno visto anche un aumento del patrimonio, arrivato a 160 milioni, con un indice CET1, che rivela la solidità della banca con minimo stabilito al 8%, del 27,05%».

Numeri importanti, dunque, che certificano la solidità della Cassa Rurale Val di Non. Una banca che il direttore definisce con tre aggettivi: «La nostra Cassa Rurale è strutturata, organizzata e patrimonializzata – ha detto in conclusione Pinamonti –. Una banca con i conti in ordine, pronta a raccogliere ogni sfida per il futuro. Vorrei per questo ringraziare i dipendenti, che anche in un anno difficile come il 2020 hanno lavorato bene, con oculatezza e grande professionalità».

L’assemblea generale si terrà in prima convocazione il 30 aprile e in seconda convocazione il 3 maggio. I soci avranno tempo fino al 28 aprile per consegnare allo sportello aperto appositamente alla sede centrale di Cles oppure alla filiale più vicina la delega al rappresentante designato, il notaio de Pascale, e le schede con le proprie preferenze per le votazioni.

Ancora una volta, quindi, la presenza delle varie filiali nella zona fa la differenza. «Filiali che non abbiamo nessuna intenzione di ridurre – ha assicurato il presidente Mucchi –. In questo caso, tra l’altro, garantiscono ai soci, anche ai più anziani, la possibilità di votare nel proprio paese. Un modo per agevolare la partecipazione e per garantire, ancora una volta, una presenza capillare sul territorio».

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità

Necrologi

  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Gig Economy, un fenomeno da controllare e regolamentare: i pro e contro
    Da qualche anno il mondo del lavoro è stato travolto dalla Gig Economy dividendo l’opinione pubblica e l’economia. Cos’è la Gig Economy Nonostante l’arrivo della Gig Economy sia un fenomeno relativamente recente, negli ultimi 10... The post Gig Economy, un fenomeno da controllare e regolamentare: i pro e contro appeared first on Benessere Economico.
  • Arriva GOL, un programma per il reinserimento lavorativo delle categorie svantaggiate e fragili: come funziona
    Dal Governo nasce il programma GOL, Garanzia di Occupabilità dei Lavoratori che punta a rilanciare l’occupazione in Italia, con un investimento di 4.9 miliardi di euro da investire tra il 2021 e il 2025. I... The post Arriva GOL, un programma per il reinserimento lavorativo delle categorie svantaggiate e fragili: come funziona appeared first on […]
  • Pubblica Amministrazione, possibilità di delegare l’identità digitale per accedere ai servizi online
    Da qualche settimana, è stata introdotta la possibilità di delegare una persona di fiducia all’esercizio dei servizi online pubblici. Identità digitale o SPID a cosa serve Il Sistema Pubblico di Identità Digitale, ovvero Spid permettere... The post Pubblica Amministrazione, possibilità di delegare l’identità digitale per accedere ai servizi online appeared first on Benessere Economico.
  • Smart Working, verso sgravi contributivi per le aziende ed agevolazioni fiscali per i lavoratori
    Dal Governo si lavora a nuove regole per lo smart working post emergenza covid-19, tra queste la riduzione delle tasse in busta paga e sgravi per le imprese. Da luglio, Camera e Senato hanno presentato... The post Smart Working, verso sgravi contributivi per le aziende ed agevolazioni fiscali per i lavoratori appeared first on Benessere […]
  • Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse
    Una delle novità anticipata dall’ex Ministro dell’università, Manfredi e concretizzata dall’attuale Cristina messa prevede ad allargare la no tax area per gli studenti universitari, comprendo i costi fino alla fascia reddituale di 22 mila euro.... The post Università, si allarga la no tax area: fino a 22 mila euro non si pagano le tasse appeared […]
  • Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli
    Dall’Unione Europa arriva il via libera agli aiuti di Stato per le imprese italiane colpite economicamente dalla pandemia Covid-19. I gravi effetti economici causati dall’arrivo del Coronavirus stanno avendo ancora pesanti ripercussioni per le attività... The post Imprese, nuovi aiuti di Stato approvati dall’Unione europea: i dettagli appeared first on Benessere Economico.
  • La nuova vita dei treni notturni, viaggiare sostenibile e comodo
    Dopo anni i treni notturni tornano di moda. Ultimamente infatti, in Europa hanno rincominciato ad essere più frequentanti e richiesti i treni notturni che permettono di spostarsi tra le principali città durante la notte, dormendo in un vagone dedicato. L’aumento della domanda rispetto a questo servizio è stata tale da spingere molte imprese ferroviarie a […]
  • Panchine giganti in Italia: la ricerca di un’incredibile esperienza
    Colorate, grandi e affacciate su panorami mozzafiato. Si parla delle Big Bench, ovvero delle panchine giganti, un fenomeno ideato dal designer americano Chris Bangle che nel giro di pochi anni si è diffuso in tutto il Bel Paese. Queste installazioni fuori scala, posizionati in piccoli luoghi di sconosciuta bellezza, cambiano la prospettiva del paesaggio, rendendo […]
  • Allargare le braccia e toccare due continenti: le splendide possibilità dell’Islanda
    Per molti, l’America è quel continente lontano ore ed ore di volo, ma sulla Terra esiste un luogo dove Europa ed America sono talmente vicine da essere toccate contemporaneamente, semplicemente allargando le braccia. Questo luogo pazzesco si trova in Islanda ed è considerato uno dei luoghi più spettacolari del mondo. La Silfra Fissure, patrimonio naturale […]
  • L’Italia e i boschi incantati: alla scoperta di fate, gnomi e folletti
    Ogni stagione con i suoi profumi e i suoi colori, invita qualsiasi escursionista ad esplorare la natura che, tra vegetazione ed alberi si mostra in tutto il suo splendore. In particolare, l’Italia è nota per essere una miniera di patrimoni artistici e culturali inestimabili capaci di scatenare la curiosità di grandi e piccini, con la […]

Categorie

di tendenza