Connect with us
Pubblicità

Trento

Nessuna diffamazione: Mauro Ottobre perde la causa con La Voce del Trentino. Dovrà pagare 24 mila euro di spese legali

Pubblicato

-

Ora a certificarlo è anche il Tribunale di Trento: Mauro Ottobre è il “re degli assenteisti”. (com’era stato definito da tutti i giornali).

Gli articoli scritti dalla nostra redazione non erano diffamatori. La Voce del Trentino ha agito sempre con correttezza dicendo la verità e riportando fatti reali, trasparenti, concreti e sostenuti da prove e fonti ineccepibili e credibili.

È questo il giudizio del Tribunale di Trento che ha dato ragione al nostro editore Roberto Conci, difeso dall’avvocato Andrea Bolner, che era stato denunciato per diffamazione da Mauro Ottobre. Il contendere erano stati una serie di articoli realizzati e diffusi dal nostro giornale alcune settimane prima delle elezioni amministrative del 2018.

Pubblicità
Pubblicità

Per l’ex onorevole piove anche sul bagnato: infatti il giudice Morandini lo ha anche condannato al pagamento delle spese legali del nostro editore quantificate in 10 mila euro, quelle dell’allora direttore Norelli (7.000 euro) più il 15% delle spese generali ed accessorie. Per lui arriverà una mazzata di circa 25 mila euro da pagare a cui vanno aggiunte le spese dei suoi avvocati.

Una caporetto annunciata. «Il mio studio legale (NdR – Studio Bolner&Domenichelli) – dichiara Roberto Conci (nella foto a destra) mi aveva detto di stare tranquillo, e così è stato perché il giudice ha tenuto conto giustamente delle prerogative costituzionali dell’articolo 21 che dice che la stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure. Nel nostro caso avevamo poi riportato la verità dei fatti sostenuta da fonti e documentazioni vere».

I contenuti degli articoli sottolineavano le moltissime assenze dell’onorevole Ottobre durante la legislatura 2013/2018 dove era stato eletto grazie ad accordo fra PATT e PD Trentino. Ottobre durante i 5 anni di mandato aveva raggiunto la cifra record di assenze in parlamento pari al 60,98%Su 24.836 sedute è stato assente alle votazioni per la precisione ben 15.146 volte. (qui articolo approfondito)

Pubblicità
Pubblicità

Il nostro giornale riportava i dati delle sue numerose assenze rilevate sul sito openpolis (sito del governo, leggi qui), fonte quindi ineccepibile. Ottobre nella sua replica aveva anche definito fake news i numeri riportati dal nostro giornale. Ma invece non era così, perché tutto quello che La Voce del Trentino aveva scritto era vero, purtroppo.

Ottobre si era sentito diffamato dalle informazioni riportate negli articoli e aveva chiesto 120 mila euro di risarcimento. Attraverso un’incredibile e creativo sillogismo l’ex onorevole del PD aveva dato la colpa ai contenuti degli articoli per la sua sonora sconfitta alle elezioni dove si era presentato capolista di Autonomia Dinamica, partito messo in piedi all’ultimo momento dopo il fallimento del partito dei Sindaci.

Il giudice Massimo Morandini ha rigettato la richiesta di Ottobre spiegando che «è accertata e declarata l’insussistenza delle ragioni di fatto e di diritto fondanti la richiesta avversaria, rigettarsi le domande ex adverso svolte, con condanna della controparte ai sensi dell’art. 96 c.p.c. ad un importo non inferiore ad euro 10 mila od altra somma che verrà ritenuta equa o di giustizia.»

Fra i motivi della decisione il dottor Morandini nella sentenza (iscritta al n. r.g. 2872/2019) cita anche il fatto che i dati riportati negli articoli del nostro giornale sono esatti e che corrispondono a verità. Nelle motivazione inoltre si legge che «sono state esercitate le prerogative costituzionali previste dall’art. 21 della Carta Fondamentale; che gli articoli in questione non avevano contenuto diffamatorio ed erano rispettosi dell’etica e della deontologia; che il linguaggio adoperato, “pur essendo colorito ed incisivo”, aveva rispettato i canoni “richiesti dalla professionalità della nostra redazione”; che Ottobre non sarebbe mai stato eletto “essendo il suo partito deficitario dal punto divista dei consensi, specie dopo la scelta di correre da solo senza nessun alleato”.

Le assenze di Ottobre all’epoca del suo mandato parlamentare avevano trovato ampio risalto su tutte le testate giornalistiche del Trentino. «Di qui è del tutto evidente l’interesse della collettività ad essere informata dell’attività di un parlamentare, tanto più allorquando, nel legittimo esercizio del diritto di cronaca e di critica, se ne stigmatizzi certi comportamenti che obiettivamente sono degni di censura. Da ultimo ricorre anche il presupposto della correttezza espositiva dei fatti (cosiddetta continenza) in quanto negli articoli oggetto di contestazione non si ravvisa l’impiego di termini o espressioni dal contenuto gratuitamente diffamatorio».

Mauro Ottobre nella sua difesa aveva detto che le assenze erano dovute anche ai suoi numerosi viaggi a Miami per cercare di liberare Chico Forti. Anche i questo caso però il giudice gli ha dato torto scrivendo: «fermo restando che non vi è prova che le autorità si sono rese disponibili nel dicembre 2020 al trasferimento del Forti, condannato all’ergastolo per omicidio volontario in forza di sentenza emessa nel 2000 e da tempo diventa irrevocabile, al trasferimento in un carcere italiano, grazie all’interessamento dell’attore, considerato che il suo mandato parlamentare è venuto a cessare nel 2018, è solo con la mail dell’avv. Lawrence E. Blike dd, 08.02.2019 (v. doc. 16), prodotta in allegato all’atto di citazione dd. 17.07.2019, “che l’On. Ottobre era stato indicato come manager della società per mero errore, laddove giammai aveva avuto alcuna autorità per operare in veste di manager, né aveva intrapreso alcuna azione tale titolo”

In definitiva – secondo il giudice Morandini –  esclusa la natura diffamatoria degli articoli di stampa per cui è causa, non è dato comprendere «come l’attore li ritenga lesivi dell’onore e della reputazione, quando anni prima analoghi articoli erano stati pubblicati su testate giornalistiche ben più note della ‘Voce del Trentino’, e mai contestati.

Da ultimo il giudice rileva che non vi è «alcuna prova del nesso di causalità tra la pubblicazione degli articoli in questione e la mancata elezione a consigliere provinciale dell’Ottobre, dovuta quest’ultima assai verosimilmente nella creazione ex novo di una nuova lista politica (“Autonomia Dinamica”) poche settimane prima del voto.»

Ma la cosa non potrebbe finire qui. «Nei prossimi giorni insieme al mio studio legale valuteremo le strade da intraprendere per tutelare gli interessi e l’immagine del mio giornale che Ottobre in alcune dichiarazioni ha denigrato pesantemente»spiega l’editore Conci che aggiunge: «È significativo come Ottobre voglia imbavagliare la stampa che dice la verità sul suo conto ed è a dir poco imbarazzante il suo comportamento intimidatorio ed arrogante nei confronti di chi ha scritto solo la verità. Ma non voglio infierire su un personaggio che ha ben altro da pensare in questo momento visto che è indagato per reati ben più gravi. Rimane la tristezza di quelli che lo hanno votato a suo tempo e che si sono accorti chi era davvero l’onorevole, pagato coi soldi di tutti noi cittadini a fronte di qualche viaggio a Locri e per l’accoglienza di una scuola elementare di Trento. Questo in 5 anni di mandato, insomma il festival del nulla».

 

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo
    Le dinamiche di internet hanno ormai cambiato le logiche di progettazione e di prenotazione della vacanza. A questo, si aggiungono gli sconvolgimenti finanziari che sono alla base delle crisi economiche innescando meccanismo viziosi. Il mercato... The post Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo appeared first on Benessere Economico.
  • Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti
    Il mondo cambia in fretta, a volte più velocemente di quanto previsto. In questo senso l’arrivo del Covid ha straordinariamente accelerato tutti i processi: da quelli economici, ai naturali fino a quelli lavorativi. Il lavoro... The post Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti appeared first on Benessere […]
  • Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli
    Negli ultimi anni gli imprenditori agricoli under 35 sono aumentati del 12%. Per facilitare questa transizione verso la terra esistono possibilità come ISMEA che permette di aiutare, anche economicamente i giovani che scelgono questa strada.... The post Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli appeared first on Benessere Economico.
  • Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare
    La svolta crescente dell’online parla anche di risparmio e sostenibilità ecco perché le bollette cartacee sono ormai superate. L’arrivo del digitale ha convertito molti utenti ad entrare nel circuito delle bollette online, pagabili su rete... The post Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare appeared first on Benessere Economico.
  • Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco
    L’Agenzia delle Entrate rinforza l’organico e assume due mila “ agenti segreti” per potenziare la lotta all’evasione. Con i fondi del Recovery Fund arriveranno anche nuove assunzioni mirate proprio a rinforzare il campo della lotta... The post Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco appeared first on Benessere Economico.
  • Rivoluzione demografica, la tendenza si sposta verso la Silver Economy
    Negli ultimi decenni la struttura demografica e sociale dell’Europa e del mondo è cambiata in profondità e questa dinamica continuerà a prestare i suoi effetti anche in futuro. Per questo motivo, le istituzioni comunitarie devono... The post Rivoluzione demografica, la tendenza si sposta verso la Silver Economy appeared first on Benessere Economico.
  • Un ponte sottomarino galleggiante: l’incredibile scommessa della Norvegia
    Un tunnel che galleggia a mezz’acqua nel mezzo di un fiordo, con macchine che sfrecciano su entrambe le direzioni e poco sotto un abisso blu profondo oltre mille metri. Si tratta della scommessa della Norvegia, un progetto avveniristico essenziale per superare il principale problema di trasporto nel Paese. Lo studio realizzato da un team di […]
  • E’ consigliabile scegliere letture rilassanti, leggere brutte notizie fa male
    Leggere cattive notizie fa male. L’espressione che descrive la tendenza di continuare a guardare e navigare ossessivamente tra le notizie cattive anche se risultano tristi scoraggianti o deprimenti è stata rinominata dall’inglesismo: Doomscrolling. Il termine è composto da due parole: “doom” che riporta a tutto ciò che è catastrofico e, “ scrolling” si riferisce al […]
  • Le foreste rinascono dai fondi del caffè
    Troppe volte siamo stati abituati a gettare cose che, a differenza dall’aspetto, possono essere davvero utili per le persone, la natura e la vita. Così come risveglia milioni di persone in tutto il mondo, esattamente lo stesso può fare con le foreste: Il caffè o meglio il suo scarto può infatti essere davvero utile per […]
  • Vigilius Mountain Resort, dove purificarsi dallo stress della vita quotidiana
    Niente automobili, nessun rumore, niente stress. Solo natura e pace. Non ci sono strade che portano al Monte San Vigilio, si arriva solo dopo una breve salita in funivia. Qui l’aria sa di larice e di libertà. L’hotel a 5 stelle vigilius mountain resort si accoccola nella natura, diviene tutt’uno con essa, così semplice e […]

Categorie

di tendenza