Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Le insegnanti delle Scuole dell’Infanzia della Val di Sole si uniscono alla protesta in corso: “La scuola non deve essere messa in svendita”

Pubblicato

-

Recentemente su tutto il territorio provinciale si alzano numerosissime voci di protesta riguardanti la polemica inerente la proposta fatta dalla Provincia Autonoma di Trento di tenere aperte le Scuole dell’Infanzia anche a luglio.

Le insegnanti della Scuola dell’Infanzia del territorio della Val di Sole hanno redatto una lettera nella quale esprimono tutto il loro disappunto, e che hanno resa nota tramite la portavoce Patrizia Zuech:

“In seguito alla proposta della Giunta Provinciale di prolungare l’apertura della scuola dell’infanzia nel mese di luglio, tante emozioni sono emerse in noi insegnanti. Sicuramente incredulità, disorientamento ma anche amarezza e rabbia.

Pubblicità
Pubblicità

Da quarant’anni la scuola dell’infanzia trentina lavora per la qualità. Dirigenti, insegnanti, il Servizio Scuole, in altri termini la ‘Provincia intera’ in una sinergia politica e istituzionale ha investito e si è spesa per fare in modo che la nostra scuola dell’infanzia trovasse un posto di rilievo all’interno del panorama nazionale. Loro e noi insieme, ci siamo riusciti: dialogando, rivedendo e anche lottando. Ad aiutarci, dimensioni pubbliche, collettive e individuali quali le risorse economiche, l’investimento professionale e formativo, lo studio, l’impegno, la fatica. Ma in questi giorni, presi dall’enfasi e dalle difficoltà della situazione sembra che i pregiudizi reciproci abbiano avuto il sopravvento e che la possibilità che i professionisti del settore e le varie forze politiche e sociali si incontrino, in una terra dove ciò che conta è il benessere dei bambini, sia utopia.

Le proposte ora sul tavolo (apertura a luglio ma anche il pensiero allo 0/6 se generico e accelerato) ci fanno temere una scuola dell’infanzia in svendita, ridotta a mero servizio, privata della sua dimensione educativa e pedagogica. Intravediamo il rischio di una china meramente assistenziale e di cura. Cura che pur facendo parte del DNA della scuola è estremamente deleteria se assunta come unica e basilare. Ne uscirebbe una scuola dell’infanzia povera, calibrata su parametri di quantità affossando quelli qualitativi.

La questione però non si ferma qui; spostiamo il nostro sguardo sui fruitori di questa scuola, sui bambini che, grazie alla collaborazione educativa e rispettosa dei ruoli tra scuola e famiglia, saranno i cittadini di domani. Fin dall’inizio di quest’anno scolastico i bambini dai 3 ai 6 anni hanno potuto frequentare la scuola dell’infanzia e, pur con qualche limitazione dovuta all’emergenza sanitaria, immergersi nelle proposte educativo-didattiche con impegno e anche, fortunatamente, con il divertimento che caratterizza ogni tipo di apprendimento e, in particolare quello di questa fascia di età.

Pubblicità
Pubblicità

Tutti i bambini si sono presentati a scuola per 10 mesi, dal lunedì al venerdì, hanno svolto le loro attività e i loro giochi (e precisiamo che il gioco è anche concentrazione, è il lavoro dei piccoli), hanno rispettato regole, intessuto legami e relazioni per 7 – 10 ore giornaliere. Forse l’estate può servire loro per fare altro, per dedicarsi ad uno ‘svago diverso’, per vivere esperienze alternative a quelle scolastiche con la famiglia o con altre figure di riferimento, figure di cui il nostro territorio è ricco? Siamo peraltro consapevoli che alcune famiglie si trovano in difficoltà nell’accudire i propri figli nel periodo estivo e che le agenzie extrascolastiche che si dedicano ai bambini hanno un costo. Non si potrebbe allora intervenire con un contributo economico che vada ad aiutare quei genitori che ne hanno bisogno? Sostenere i centri estivi, i vari grest o tutte le agenzie presenti sul territorio, valorizzando gli educatori di tale settore che spesso vivono grazie a questo impegno? Si potrebbero anche semplificare le procedure per l’utilizzo dei buoni di servizio, ai quali tutti i lavoratori possono accedere.

Lo riconosciamo, quello attuale (e non ci riferiamo solo all’aspetto Covid che ha inasprito la situazione) è un periodo di fatica, sia per la scuola (restrizioni della finanza pubblica, carico di situazioni gravi, blocco del turnover, precariato, parametri numerici impegnativi, compresenze ridotte) sia per le famiglie che auspicano per l’estate la ripresa lavorativa (a maggior ragione nel nostro territorio a valenza turistica) e che pertanto si interrogano sul come gestire i figli. Ma non sarà un provvedimento normativo imposto, calato sull’ossatura della scuola dell’infanzia, privo delle connessioni e delle finestre che solo un dialogo tra parti può aprire, a risolvere la situazione. La contrapposizione, anche se nell’immediato porta alla vittoria, alla lunga genera solo perdenti”.

La lettera è firmata ‘Le insegnanti del Circolo di Coordinamento n° 11’

 

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Arriva il primo noleggio auto con rata decrescente e pagabile anche in bitcoin
    Dal lavoro alla vita privata, fino al tempo libero: flessibilità è sicuramente la parola dell’anno, tanto da arrivare ad influenzare anche il mondo del noleggio. Anche questo settore infatti, negli ultimi anni ha declinato la... The post Arriva il primo noleggio auto con rata decrescente e pagabile anche in bitcoin appeared first on Benessere Economico.
  • Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey
    L’anno del Covid è stato anche l’anno dello smart working, un’autentica rivoluzione per molti lavoratori e l’Istituto Mckinsey fa luce sulle trasformazioni a cui il mondo del lavoro dovrà adeguarsi. Il report Mckinsey Alla crisi... The post Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey appeared first on Benessere Economico.
  • Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo
    Le dinamiche di internet hanno ormai cambiato le logiche di progettazione e di prenotazione della vacanza. A questo, si aggiungono gli sconvolgimenti finanziari che sono alla base delle crisi economiche innescando meccanismo viziosi. Il mercato... The post Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo appeared first on Benessere Economico.
  • Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti
    Il mondo cambia in fretta, a volte più velocemente di quanto previsto. In questo senso l’arrivo del Covid ha straordinariamente accelerato tutti i processi: da quelli economici, ai naturali fino a quelli lavorativi. Il lavoro... The post Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti appeared first on Benessere […]
  • Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli
    Negli ultimi anni gli imprenditori agricoli under 35 sono aumentati del 12%. Per facilitare questa transizione verso la terra esistono possibilità come ISMEA che permette di aiutare, anche economicamente i giovani che scelgono questa strada.... The post Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli appeared first on Benessere Economico.
  • Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare
    La svolta crescente dell’online parla anche di risparmio e sostenibilità ecco perché le bollette cartacee sono ormai superate. L’arrivo del digitale ha convertito molti utenti ad entrare nel circuito delle bollette online, pagabili su rete... The post Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare appeared first on Benessere Economico.
  • Un ponte sottomarino galleggiante: l’incredibile scommessa della Norvegia
    Un tunnel che galleggia a mezz’acqua nel mezzo di un fiordo, con macchine che sfrecciano su entrambe le direzioni e poco sotto un abisso blu profondo oltre mille metri. Si tratta della scommessa della Norvegia, un progetto avveniristico essenziale per superare il principale problema di trasporto nel Paese. Lo studio realizzato da un team di […]
  • E’ consigliabile scegliere letture rilassanti, leggere brutte notizie fa male
    Leggere cattive notizie fa male. L’espressione che descrive la tendenza di continuare a guardare e navigare ossessivamente tra le notizie cattive anche se risultano tristi scoraggianti o deprimenti è stata rinominata dall’inglesismo: Doomscrolling. Il termine è composto da due parole: “doom” che riporta a tutto ciò che è catastrofico e, “ scrolling” si riferisce al […]
  • Le foreste rinascono dai fondi del caffè
    Troppe volte siamo stati abituati a gettare cose che, a differenza dall’aspetto, possono essere davvero utili per le persone, la natura e la vita. Così come risveglia milioni di persone in tutto il mondo, esattamente lo stesso può fare con le foreste: Il caffè o meglio il suo scarto può infatti essere davvero utile per […]
  • Vigilius Mountain Resort, dove purificarsi dallo stress della vita quotidiana
    Niente automobili, nessun rumore, niente stress. Solo natura e pace. Non ci sono strade che portano al Monte San Vigilio, si arriva solo dopo una breve salita in funivia. Qui l’aria sa di larice e di libertà. L’hotel a 5 stelle vigilius mountain resort si accoccola nella natura, diviene tutt’uno con essa, così semplice e […]

Categorie

di tendenza