Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

MardRe, il rapper di Taio che vive per la musica. «Per me è energia, ispirazione, lavoro. È la mia missione»

Pubblicato

-

MardRe, all'anagrafe Fabio Girardi, è stato tra i protagonisti del progetto "Turn up the volume"

«Avevo 16 anni quando ho iniziato a scrivere e da allora tutto è stato più chiaro e dannatamente più divertente: J Clan, G Brothers, Taio Best Sound, MardRe, il mio percorso musicale ne è la prova assoluta. Volevo fare musica, volevo fare il rap e quella energia non mi ha mai lasciato».

Fabio Girardi, alias MardRe, di Taio, oggi di anni ne ha 31 e tanta voglia di sfondare. Sin dall’inizio ha sempre avuto le idee chiare: fare musica, per sé e per gli altri. Per ispirare e farsi ispirare.

Sono così tanti anni che la musica fa parte di ogni sua giornata che ormai sente il bisogno di averla sempre accanto. Il suo è un talento indiscusso. Un talento che si è fatto conoscere anche grazie al progetto internazionale che ha portato all’incisione dell’album “Turn up the volume”, lanciato su tutte le piattaforme online lo scorso mese di dicembre.

Pubblicità
Pubblicità

Abbiamo incontrato Fabio Girardi e ci siamo fatti raccontare la sua storia musicale. Ma anche i suoi obiettivi, le sue aspirazioni, i suoi sogni.

Allora MardRe, com’è nata la tua passione per la musica?

Qualcuno dedica la sua vita al lavoro o a una passione, altri invece a una missione, nata da una visione ben chiara. Altri ancora alle persone, perché sanno che possono donare loro forza e speranza. Io faccio tutte queste cose insieme.

Pubblicità
Pubblicità

Faccio musica perché è il mio lavoro, la mia passione, perché ho ben chiara la mia missione. Faccio musica per me e per le persone che scelgono di farsi aiutare e ispirare da me.

È una semplice questione di consapevolezza, conosco bene le mie capacità e i miei strumenti e sono sempre pronto a metterli a disposizione. Da 15 anni costruisco ogni mio progetto e decisione solo se la musica può accompagnarmi.

Oggi, guardandomi indietro, ringrazio quella decisione presa, ringrazio e benedico la strada che mi ha portato fino a qui. Una strada ripida, piena di insidie e ostacoli che mi ha formato, che mi ha insegnato a essere forte e che mi ha insegnato la costanza nel mio lavoro.

Ogni esperienza che vivo, sia personale che professionale, mi dona tantissimo: stimoli, capacità nuove e persone meravigliose con cui condividere il mio percorso. E quello che ricevo, dono. Non faccio altro che chiudere il cerchio.

Parlaci un po’ del progetto “Turn up”.

Una mia cara amica, che supporta e sostiene la mia musica, aveva condiviso un articolo interessante. Si trattava di una open call for artist, un bando musicale internazionale che selezionava rappers, producers, musicisti e scrittori al fine di realizzare un disco intitolato “TURN UP THE VOLUME”, alza il volume.

Il tutto sostenuto e supportato da associazioni come Trento Massive, Trento Poetry Slam, Smarmellata, Akoma Collective e ufficio pari opportunità della PAT.

Il bando era proposto da  Abe pe show Music house (Pergine Valsugana), uno studio di produzione musicale indipendente capitanata da Nana Motobi (rapper e producer) e Stefania Bortolotti (project manager del progetto).

Per la selezione andava spedita e compilata una lettera di presentazione con tutti i dati e le informazioni necessarie, più un proprio brano musicale o composizione, e io, che avevo appena pubblicato “Nam Myoho Renge Kyo”, primo singolo sotto etichetta, inviai proprio quello.

Ecco che dopo qualche giorno squillò il telefono. Avevo superato questa selezione, una selezione internazionale, ed ero stato scelto per partecipare a questo entusiasmante progetto. Così, dopo aver preso parte a un primo meeting iniziale per conoscere la squadra, ci inviarono le date di inizio.

Due settimane di ritiro in una splendida villetta in montagna, a Lagolo, proprio a due passi dal lago, poco dopo il primo lockdown di primavera 2020: 16 artisti, nazionali e internazionali, tutti insieme per una lunga sessione di registrazione esplosiva, un’esperienza di creatività e condivisione al di fuori degli schemi con un’equipe di produzione e artisti provenienti da Portogallo, Capo Verde, Gambia, Ghana, Italia, Sierra Leone, Francia, Germania e Togo. Una convivenza stimolante e produttiva, in un clima di amicizia e collaborazione unico e professionale.

MardRe insieme a Bamba e Nana Motobi

C’è un momento particolare di quest’esperienza che è rimasto impresso nella tua mente?

Potrei raccontare veramente moltissimi episodi, uno più bello dell’altro: dalla contemplazione del suono della notte all’aria aperta, alle rime in freestyle e alle melodie di handpan, armoniche a bocca, canti e chitarre, dai momenti di condivisione emotiva, anche privata e intima, alla conoscenza di usanze, cibi e tradizioni di culture diverse.

Personalmente già ricordare tutte queste esperienze mi riempie il cuore di gioia e gratitudine, ma voglio ricordare un momento invece più tecnico, che ha visto me e altri 5 amici del progetto impegnati nella registrazione nello studio B, una sessione di registrazione davvero lunga ed estenuante, che ci ha tenuti rinchiusi per tutta la notte in studio, dal tardo pomeriggio fino a notte fonda, circa 10 ore filate di lavoro.

La cosa divertente è proprio che lo studio in questione era all’interno di una piccola roulotte appartata fuori dalla villetta. Quello era lo studio B.

Una piccola roulotte come studio di registrazione?

Sì, una piccola roulotte di forse 5 metri di lunghezza per 3 metri di larghezza, dove c’erano un grande letto, un microfono, una postazione per il producer e i vari mobili che rendevano ancora più difficile il passaggio, in più almeno 5 persone presenti che ridevano, registravano, si confrontavano e lavoravano insieme ad ottima musica.

Quello è il mio ricordo personale più significativo, carico di forza e armonia, dove persone che fino a qualche giorno prima erano totali sconosciuti, si sono trovati insieme a condividere la cosa più bella del mondo: il tempo e la passione.

Per tutta quella permanenza artistica siamo stati in compagnia di sonorità hip hop, afrobeat, dancehall, elettronica, dei magnifici suoni dei vari strumenti acustici etnici e dei dolci suoni della natura che ci ospitava. Tutti questi hanno dato significato e unione al nostro disco “TURN UP THE VOLUME”: 20 brani composti e registrati in 14 giorni di creatività pura, con 16 artisti coinvolti provenienti da 9 Paesi, tra un lockdown e l’altro. Una grandissima esperienza che ho aggiunto alla mia splendida “to do list”. 

Quali sono i tuoi progetti futuri in ambito musicale?

Del futuro mi preoccupo relativamente poco, so bene che il mio futuro lo sto costruendo adesso, con ogni mia decisione e ogni mia azione. La musica è sempre il mio grande amore e continuo a innaffiare questa passione con esperienze, studi e approfondimenti.

Sto lavorando a diverse collaborazioni, perché è una cosa che mi piace fare e mi fa crescere, e nel contempo sto dando il via a un progetto fortissimo con amici-colleghi. Per adesso non voglio rivelare niente di più.

So bene dove voglio andare e sarà solo questione di tempo prima che raggiunga i miei primi obiettivi. Chi mi segue sui vari social è sempre al passo col mio percorso e sempre aggiornato sulle mie prossime mosse. Vi invito a fare lo stesso, per capire al meglio di cosa sto parlando.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta
    Il vecchio Bonus Renzi da 80 euro si evolve e diventa un Bonus Irpef da 100 euro. Con l’ultima legge di Bilancio infatti, vengono riviste le regole e il nome del vecchio bonus. A chi... The post Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta appeared first on Benessere Economico.
  • Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste
    Il Governo potrebbe estendere l’esenzione Imu, ampliando la categoria di soggetti che non saranno tenuti a versare la prima rata. Imu 2021, chi rientra nell’esenzione Un nuovo emendamento al Decreto Sostegni Bis potrebbe andare incontro... The post Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste appeared first on Benessere Economico.
  • P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti
    I ritardi, tipici della Pubblica Amministrazione potrebbero presto diventare un lontano ricordo. La notizia è stata raccontata dai dati diffusi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze riguardo i tempi medi impiegati durante l’anno 2020 dallo... The post P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti appeared first on […]
  • Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità
    Con le riaperture torna anche il Bonus Sanificazione e DPI anche per il 2021 per una ripartenza in sicurezza. Il Decreto Sostegni bis ripropone l’agevolazione per i titolari di partita Iva, seppur in una percentuale... The post Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità appeared first on Benessere Economico.
  • Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto
    Con l’arrivo delle nuove agevolazioni a fondo perduto per le partite Iva, scattano anche le regole per l’accesso al contributo. Le agevolazioni Le nuove attività ed imprese economiche hanno diritto ad un contributo a fondo... The post Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa
    Come noto, nell’Unione Europea alcuni Paesi attuano politiche fiscali aggressive a scapito di altri. Di conseguenza, questa mossa consente loro di attirare molti investitori con una tassazione favorevole. In questo sistema si inserisce l’Osservatorio fiscale... The post Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce il primo superstore senza casse: Amazon conquista con l’innovazione
    All’interno dell’immensa panoramica della distribuzione organizzata, mette piede con estrema originalità il colosso Amazon che, potenziando ulteriormente la sua offerta apre il primo negozio senza cassa. Dall’idea senza dubbio originale e molto innovativa nasce un Fresh store in cui i clienti possono fare comodamente la spesa e uscire direttamente dalla corsia dedicata: “ senza pagare”. […]
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]

Categorie

di tendenza