Connect with us
Pubblicità

Società

In difficoltà 7 avvocati su 10: il 35% degli italiani chiede la riforma della giustizia per uscire dalla crisi economica

Pubblicato

-

Il rapporto Censis sull’avvocatura sottolinea la difficoltà di un settore da sempre privilegiato. Secondo la relazione sono infatti in difficoltà 7 professionisti su 10.

Sono 7,2 milioni gli italiani (il 14,4%) che si sono rivolti a un avvocato nell’anno del Covid (online nel 48% dei casi).

Ma l’impatto della pandemia sulla professione è stato pesantissimo: soprattutto per i redditi delle donne (che nel 2020 hanno superato per la prima volta il numero di avvocati uomini), dei giovani e dei residenti al Sud.

Pubblicità
Pubblicità

Le richieste hanno riguardato soprattutto le controversie legate alla casa, al condominio e in generale alla proprietà (il 28,3% dei casi), seguono il lavoro, la previdenza e l’assistenza (20%), al terzo posto sinistri, infortuni e risarcimenti (11,7%), poi le questioni penali (6,2%) e i problemi fiscali e tributari (6,2%), il recupero dei crediti (6,2%), la responsabilità medica e sanitaria (6,2%).

Si può stimare una domanda potenziale, costituita da chi ha dovuto rinunciare ai servizi professionali di un avvocato, pari al 5,6% di italiani: 2,8 milioni di persone.

A motivare la rinuncia ci sono innanzitutto le difficoltà incontrate a causa delle restrizioni per il contenimento della pandemia (per il 24,6% di chi ha rinunciato), poi i costi legati all’avvio della procedura (21,1%). È quanto emerge dal «V Rapporto Censis sull’avvocatura italiana» realizzato per la Cassa Forense e presentato qualche giorno fa.

Pubblicità
Pubblicità

L’avvocato online –  Chi si è rivolto a un avvocato nel corso del 2020 lo ha fatto online nel 48,3% dei casi, il 33,1% attraverso una modalità ibrida, con incontri presso lo studio del professionista e interazioni a distanza.

La riforma della giustizia prima di tutto – Lo scontento nei confronti del sistema giustizia dipende innanzitutto dai tempi lunghi per arrivare a un giudizio definitivo (per il 15,8% di chi rinuncia) e dalla sfiducia nei confronti della magistratura e nel funzionamento della giustizia (14%).

Nella percezione del 27% degli italiani, le difficoltà dei professionisti dipendono dall’eccesso di norme e dalla bassa qualità di quelle vigenti. Il 35% considera prioritaria la riforma della giustizia per fare uscire il Paese dalla crisi economica.

E il 22,3% vede come una opportunità la crescente rilevanza giuridica in materie nuove come la privacy, il commercio online, la tutela dell’ambiente, i nuovi diritti di individui e famiglie (famiglie non tradizionali, procreazione assistita, discriminazioni, ecc.).

Il lento recupero dei redditi degli avvocati bloccato dal Covid – Il reddito professionale medio dichiarato dagli iscritti alla Cassa Forense è di 40.180 euro nel 2019. Si confermano le differenze che penalizzano le donne (dichiarano un reddito medio che si ferma al 62,5% di quello medio complessivo), i professionisti più giovani (bisogna varcare la soglia dei 50 anni per raggiungere il livello di reddito medio complessivo) e quelli residenti nelle regioni meridionali (dove lo scarto rispetto al dato medio nazionale è di oltre 16.000 euro, ovvero di 40 punti percentuali, ed è di oltre 33.000 euro rispetto al Nord del Paese).

Nel lungo periodo si osserva un continuo ridimensionamento del reddito medio degli avvocati fino al 2014, poi c’è stata una ripresa, più sostenuta negli ultimi due anni: nel 2019 l’incremento è stato di poco inferiore al 2% rispetto all’anno precedente. Ma poi la risalita è stata interrotta dall’emergenza sanitaria.

L’impatto dirompente della pandemia sulla professione – Secondo l’indagine del Censis, realizzata su un campione di più di 14.000 avvocati, oggi la situazione lavorativa risulta critica per più di 7 professionisti su 10: per il 32,9% sono aumentate le difficoltà e l’incertezza, il 39,5% cerca di sopravvivere nonostante il contesto non lasci ben sperare.

La condizione di maggiore criticità riguarda le professioniste donne (il 37,5%) e gli avvocati residenti al Sud (43,2%). Tra l’altro, il 2020 può essere ricordato anche come l’anno del sorpasso delle donne iscritte alla Cassa Forense sugli avvocati uomini. Rispetto all’andamento del fatturato, si osserva l’interruzione del percorso di recupero intrapreso negli anni 2018 e 2019, quando la quota di avvocati che avevano visto crescere il valore delle proprie prestazioni sfiorava il 30%. Oggi la percentuale è scesa al 23,1%.

Aumenta di conseguenza la quota di chi valuta molto critica la propria condizione lavorativa (quasi 10 punti in più nel 2020 rispetto al 2019) e si riducono le aspettative positive: solo il 29,9% degli avvocati confida in un miglioramento negli anni a venire.

Il bonus Covid e le misure di sostegno –  L’accesso al Reddito di ultima istanza (bonus Covid di marzo e aprile per i professionisti) ha riguardato una platea di avvocati pari al 61,5% del campione dell’indagine. Il 7,9% ha fatto richiesta del bonus baby sitter (la percentuale sale all’11,9% nel caso delle donne avvocato) e il 3,5% ha usufruito della sospensione del pagamento delle rate di mutui e finanziamenti.

Lavoro a distanza e chiusura dei tribunali – L’opzione del lavoro a distanza in maniera esclusiva ha riguardato il 29,6% degli avvocati, il 43,2% ha cercato di trovare un equilibrio tra la presenza in studio e il lavoro da remoto, il 15,9% ha continuato a recarsi presso lo studio. Tra gli aspetti che hanno condizionato negativamente l’attività professionale durante la pandemia ci sono: la chiusura dei tribunali e la sospensione dell’attività giudiziaria (per il 34,6%), la riduzione delle entrate economiche (30,7%), le difficoltà legate all’organizzazione familiare e alla conciliazione con il lavoro (8,2%), il rapporto con gli assistiti (6,6%), le criticità riscontrate nei contatti con le amministrazioni pubbliche (5,2%).

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Dichiarazione redditi precompilata: quando scattano i controlli e come evitarli
    Dal 10 maggio l’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile, nella sezione dedicata del sito internet, la dichiarazione dei redditi precompilata. Solo dal 19 maggio sarà invece possibile modificare, integrare ed inviare la Dichiarazione. In alcuni... The post Dichiarazione redditi precompilata: quando scattano i controlli e come evitarli appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce Open-Es: la piattaforma per lo sviluppo sostenibile aperta a tutte le imprese
    Il tema del cambiamento climatico, obiettivo mondiale per i prossimi anni ha ribaltato l’intera economia compresa di piccoli investitori costretti ad organizzarsi verso il nuovo cambiamento. Questo è il motivo che ha spinto Boston Consulting... The post Nasce Open-Es: la piattaforma per lo sviluppo sostenibile aperta a tutte le imprese appeared first on Benessere Economico.
  • Professionisti e autonomi: esonero contributi e bonus ISCRO in arrivo
    A breve sarà operativo l’esonero dei contributi professionisti per l’anno 2021. Il Decreto attuativo firmato dal Ministro del Lavoro, Orlando dovrà dare operatività alla misura che consentirà di non versare per l’anno in corso contributi... The post Professionisti e autonomi: esonero contributi e bonus ISCRO in arrivo appeared first on Benessere Economico.
  • Mise, al via le candidature IPCEI: contributi fino al 100% per progetti digitali innovativi
    Il Ministero dello Sviluppo economico ha aperto le porte ad un bando più che mai attuale, rivolto a tutte le aziende che manifestano il proprio interesse a partecipare alla costruzione di un “IPCEI” nella catena... The post Mise, al via le candidature IPCEI: contributi fino al 100% per progetti digitali innovativi appeared first on Benessere […]
  • Al via la stagione del turismo spaziale, un’economia in crescita
    L’obiettivo di un’economia spaziale fondata anche sul turismo si sta avvicinando così velocemente, tanto da far annunciare la prima data per l’apertura dei viaggi turistici spaziali. Primo volo turistico La compagnia missilistica Blue Origin appartenente... The post Al via la stagione del turismo spaziale, un’economia in crescita appeared first on Benessere Economico.
  • Lavoratori dello spettacolo, in arrivo un Ddl con sostegni e tutele
    In arrivo un disegno di legge temporaneo per rimediare alla discontinuità del lavoro nel mondo dello spettacolo. Una sorta di bonus contributivo per pareggiare, dal punto di vista pensionistico i lavoratori dello spettacolo per gli... The post Lavoratori dello spettacolo, in arrivo un Ddl con sostegni e tutele appeared first on Benessere Economico.
  • Hotel Sonnenhof: un’oasi di wellness in una location strategica
    Hotel Sonnenhof si trova sulla strada del sole della Val Pusteria e spicca per un design alpino-moderno, un’oasi del wellness semplicemente stupenda e un panorama che non ha eguali. Il nome di questo hotel di Brunico è tutto un programma: soleggiata, infatti, non è solo la posizione del Hotel Sonnenhof – wellness hotel in Alto […]
  • Al Hotel Winkler al Plan de Corones il concetto di vacanza trova un altro livello
    L’Hotel Winkler al Plan de Corones non è un hotel qualsiasi, si tratta infatti di un hotel benessere in Alto Adige con 5 stelle, ma anche uno sport hotel nelle leggendarie Dolomiti, un family resort che propone tanto spazio per grandi e piccoli, un design hotel nel cuore della natura. La particolarità di questo hotel […]
  • Purmontes: uno chalet di lusso in Alto Adige
    Naturale. Autentica. Contemporanea. Senza tempo. Pregiata. Questi sono gli aggettivi che definiscono il nuovo modo d’intendere un’esperienza di villeggiatura esclusiva, nello chalet Purmontes, uno chalet di lusso in Alto Adige. Purmontes spicca per un concetto unico che fonde l’uomo e la natura in un Tutto armonioso. La modernità è sapientemente combinata al passato, le tradizioni […]
  • Hotel Lanerhof, in Val Pusteria per rilassarsi con ogni comfort
    “Sempre sorprendente, sempre diverso, sempre unico e assolutamente indimenticabile. Questa è la vera vacanza all’Hotel Lanerhof, alle porte delle Dolomiti!” Situato nel pittoresco paesino di Mantana, un luogo delizioso dove è possibile ritirarsi in totale distensione per godersi al meglio la magia della varietà. In questo hotel in Val Pusteria è possibile fare esperienze esclusive […]

Categorie

di tendenza