Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

Una mostra diffusa per l’anno tematico dei musei dell’Euregio

Pubblicato

-

Sette esposizioni in altrettante sedi museali tra Rovereto e Innsbruck dedicate all’evoluzione delle ferrovie e degli impianti a fune nel Tirolo storico.

Per l’Anno tematico dei Musei dell’Euregio il Museo della Guerra è capofila di un progetto che mette in rete musei, istituzioni accademiche ed enti turistici per raccontare com’è cambiato il territorio nell’ultimo secolo e come si pone davanti alla sfida di una mobilità montana sostenibile.

Sarà inaugurata alla fine di maggio, in concomitanza con l’apertura ufficiale dell’Anno dei Musei nei tre territori dell’Euregio, la mostra diffusa dedicata alle trasformazioni che il paesaggio trentino-tirolese ha subito a partire dalla Prima guerra mondiale. Alle mostre saranno collegati ricerche, pubblicazioni, incontri pubblici, eventi e contenuti digitali di approfondimento. L’obiettivo è quello di proporre una riflessione sullo sviluppo della mobilità, documentando la sua evoluzione storica con uno sguardo ai temi della sostenibilità e delle modalità di frequentazione dell’area alpina.

Pubblicità
Pubblicità

Il progetto è stato selezionato all’interno del bando indetto da Euregio per l’Anno dei Musei 2021, che richiedeva di sviluppare una proposta sul tema trasporti-transito-mobilità che prevedesse una collaborazione tra i musei di Trentino, Alto Adige e Sud-Tirolo. La sfida è stata colta con una proposta coordinata dal Museo della Guerra di Rovereto che coinvolge altre sei istituzioni culturali – MAG Museo Alto Garda, Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme, Associazione culturale Forte delle Benne, Osservatorio Balcani, Caucaso e Transeuropa, Touriseum di Merano, Centro Visite Tre Cime di Dobbiaco – , due istituti universitari con l’Istituto di Storia ed Etnologia Europea dell’Università di Innsbruck e il Dipartimento di Economia e Management dell’ateneo di Trento e un ente turistico, il Dolomiti Future Lab di Apt Dolomiti Paganella.

Da sempre i conflitti rappresentano momenti di rottura radicale con un forte impatto sulla società; tuttavia possono diventare anche fucine di innovazione tecnologica e di sviluppo di conoscenze con ricadute positive utili anche in tempo di pace. La Prima guerra mondiale ne è stata un esempio: le necessità logistiche di una guerra combattuta in montagna, anche in alta quota, produssero un’accelerazione tecnologica senza precedenti nel territorio del Tirolo storico con grandi innovazioni tecniche nel settore della mobilità.

Il progettoConnessioni montane. Viaggio dalla guerra al turismo” si propone di indagare proprio quei cambiamenti dal punto di vista della produzione industriale, ma anche dell’impatto sul paesaggio montano e sulla vita delle comunità.
Un unico tema dunque, che verrà declinato in modi diversi nei sette allestimenti previsti, con peculiarità legate ai singoli territori e alcuni tratti comuni a partire dagli oggetti e dai documenti esposti, tutti provenienti dalle collezioni del Museo della Guerra di Rovereto. In mostra ci saranno dunque tabelle di confine, argani di teleferica, apparati telegrafici, esploditori e martelli pneumatici, giubbe di addetti alla logistica e servizi, oggetti di vita quotidiana realizzati da prigionieri di guerra, largamente impiegati per l’infrastrutturazione del territorio, ma anche documenti e immagini storiche provenienti dagli archivi, come mappe geografiche, manifesti e cartoline turistiche, documentazione d’archivio e materiale video.

Pubblicità
Pubblicità

Alcuni allestimenti faranno parte di progetti espositivi più ampi come nel caso del MAG con la mostraIntrepidi collegamenti. Esperimenti di mobilità tra lago e montagna”, del Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme con l’esposizione “Le vie del turismo. Strada, ferrovia e accoglienza in Fiemme dal ‘700 ad oggi” e del Touriseum di Merano, con la mostra “Borse, trolley e valigie – Viaggio nella storia dei bagagli”. A Forte Colle delle Benne sarà invece allestito uno spazio dal titolo “Dietro il fronte. Il lavoro dei prigionieri serbi e russi e la militarizzazione del territorio trentino (1915-1918)”, progetto che si lega ad un lavoro di ricerca dedicato al ruolo dei prigionieri nella costruzione delle infrastrutture militari realizzato con Osservatorio Balcani e Caucaso, Associazione Centro Astalli Trento Onlus e Fondazione Edmund Mach, sostenuto da un bando della Fondazione Caritro.

A Rovereto, che nell’Anno dei Musei dell’Euregio diventa il polo culturale per il Trentino, il Museo della Guerra proporrà un’istallazione dal titolo “In alto. Il sistema di rifornimenti militari tra lo Zugna e il Grappa” che va ad inserirsi nel percorso di visita permanente dedicato alla Prima guerra mondiale, recentemente ampliato e rinnovato.

In attesa dell’apertura ufficiale delle mostre prevista per sabato 29 maggio, i musei che partecipano al progetto proporranno contenuti di approfondimento sui propri siti web e sui canali social. Nel corso del mese di marzo sarà on line anche una piattaforma online curata da Euregio e dedicata all’Anno dei Musei.

Per maggiori informazioni www.museodellaguerra.it

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo
    Le dinamiche di internet hanno ormai cambiato le logiche di progettazione e di prenotazione della vacanza. A questo, si aggiungono gli sconvolgimenti finanziari che sono alla base delle crisi economiche innescando meccanismo viziosi. Il mercato... The post Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo appeared first on Benessere Economico.
  • Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti
    Il mondo cambia in fretta, a volte più velocemente di quanto previsto. In questo senso l’arrivo del Covid ha straordinariamente accelerato tutti i processi: da quelli economici, ai naturali fino a quelli lavorativi. Il lavoro... The post Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti appeared first on Benessere […]
  • Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli
    Negli ultimi anni gli imprenditori agricoli under 35 sono aumentati del 12%. Per facilitare questa transizione verso la terra esistono possibilità come ISMEA che permette di aiutare, anche economicamente i giovani che scelgono questa strada.... The post Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli appeared first on Benessere Economico.
  • Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare
    La svolta crescente dell’online parla anche di risparmio e sostenibilità ecco perché le bollette cartacee sono ormai superate. L’arrivo del digitale ha convertito molti utenti ad entrare nel circuito delle bollette online, pagabili su rete... The post Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare appeared first on Benessere Economico.
  • Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco
    L’Agenzia delle Entrate rinforza l’organico e assume due mila “ agenti segreti” per potenziare la lotta all’evasione. Con i fondi del Recovery Fund arriveranno anche nuove assunzioni mirate proprio a rinforzare il campo della lotta... The post Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco appeared first on Benessere Economico.
  • Rivoluzione demografica, la tendenza si sposta verso la Silver Economy
    Negli ultimi decenni la struttura demografica e sociale dell’Europa e del mondo è cambiata in profondità e questa dinamica continuerà a prestare i suoi effetti anche in futuro. Per questo motivo, le istituzioni comunitarie devono... The post Rivoluzione demografica, la tendenza si sposta verso la Silver Economy appeared first on Benessere Economico.
  • Un ponte sottomarino galleggiante: l’incredibile scommessa della Norvegia
    Un tunnel che galleggia a mezz’acqua nel mezzo di un fiordo, con macchine che sfrecciano su entrambe le direzioni e poco sotto un abisso blu profondo oltre mille metri. Si tratta della scommessa della Norvegia, un progetto avveniristico essenziale per superare il principale problema di trasporto nel Paese. Lo studio realizzato da un team di […]
  • E’ consigliabile scegliere letture rilassanti, leggere brutte notizie fa male
    Leggere cattive notizie fa male. L’espressione che descrive la tendenza di continuare a guardare e navigare ossessivamente tra le notizie cattive anche se risultano tristi scoraggianti o deprimenti è stata rinominata dall’inglesismo: Doomscrolling. Il termine è composto da due parole: “doom” che riporta a tutto ciò che è catastrofico e, “ scrolling” si riferisce al […]
  • Le foreste rinascono dai fondi del caffè
    Troppe volte siamo stati abituati a gettare cose che, a differenza dall’aspetto, possono essere davvero utili per le persone, la natura e la vita. Così come risveglia milioni di persone in tutto il mondo, esattamente lo stesso può fare con le foreste: Il caffè o meglio il suo scarto può infatti essere davvero utile per […]
  • Vigilius Mountain Resort, dove purificarsi dallo stress della vita quotidiana
    Niente automobili, nessun rumore, niente stress. Solo natura e pace. Non ci sono strade che portano al Monte San Vigilio, si arriva solo dopo una breve salita in funivia. Qui l’aria sa di larice e di libertà. L’hotel a 5 stelle vigilius mountain resort si accoccola nella natura, diviene tutt’uno con essa, così semplice e […]

Categorie

di tendenza