Connect with us
Pubblicità

Trento

Indagini affidamento minori Trentino: ieri in Commissione accuse pesanti verso i servizi sociali

Pubblicato

-

Sono accuse pesanti quelle rivolte ai servizi sociali pubblici del Trentino, responsabili di indurre con motivazioni insufficienti il giudice a sottrarre i minori alle famiglie di origine, emerse ieri dalle due audizioni convocate dalla Commissione speciale di indagine in materia di affidamento di minori presieduta da Mara Dalzocchio (Lega Salvini Trentino).

Assente il presidente del Tribunale dei minorenni di Trento che sarà ascoltato nella prossima seduta, l’organismo consiliare ha raccolto il punto di vista di della delegata regionale dell’associazione “AdiantumGabriella Maffioletti, e della vicepresidente dell’Associazione “Bambini Strappati”, Maricetta Tirrito.

In apertura Dalzocchio ha ricordato il lungo percorso, ormai quasi al termine, delle consultazioni effettuate fino ad oggi dalla Commissione per conoscere sia il quadro normativo nazionale ed europeo in materia sia le procedure adottate per la tutela dei diritti dei minori nonché i servizi e gli interventi a supporto al loro affidamento e inserimento in un ambito diverso dalla loro famiglia primaria.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo Gabriella Maffioletti il meccanismo degli affidi “andrebbe cambiato in toto”  perchè autoreferenziale e perché si autosorregge con gli abusi. Secondo la delegata di Adiantum anche in Trentino vi sono numerosi casi di allontanamento di minori dalla famiglia di origine il cui vero scopo è quello di alimentare l’attività di soggetti del privato-sociale, in particolare cooperative, che “vivono” di questo.

Oltre all’allontanamento viene inoltre prorogata il più possibile la permanenza dei minori al di fuori delle loro famiglie. Maffioletti ha citato il caso di una madre assistita da Adiantum che pur non essendo incorsa in alcun reato è costretta da 9 anni a vivere senza il proprio figlio minore per i “falsi documentali” prodotti sul suo conto per dimostrare la sua inidoneità a svolgere il ruolo di genitore.

E questo con la complicità dei servizi sociali che secondo la delegata dell’associazione omettono sistematicamente di fornire al Tribunale di minorenni elementi oggettivi sulla famiglia di origine, perché da questi dati emergerebbe altrimenti la capacità dei genitori di gestire il bambino e quindi la necessità di farlo tornare da loro.

Pubblicità
Pubblicità

A suo avviso il giudice competente dovrebbe segnalare ai Comuni le situazioni di indigenza per consentire alle istituzioni di intervenire a sostegno di queste famiglie evitando così gli allontanamenti. Invece – ha proseguito Maffioletti – si ricorre in modo disinvolto all’articolo 403 del Codice civile che permette alla pubblica autorità di collocare al sicuro i minori giudicati in grave difficoltà psico-fisica. Per la delegata queste decisioni andrebbero invece scongiurate ogni qual volta non sussistano validi motivi per la messa in protezione del minore.

Secondo Maffioletti bisognerebbe invece intervenire in via preventiva per dirimere eventuali conflitti tra i genitori naturali e che mettono in pericolo l’integrità psico-fisica del figlio minore. La delegata ha ricordato che vi sono già iniziative avviate per sottoporre gli abusi avvenuti ai danni dei minori alla Corte europei dei diritti di Strasburgo.

Stupisce, per Maffioletti, l’alto numero di affidi fuori famiglia disposti dal Tribunale di minorenni in Trentino per “inadeguatezza genitoriale”, quando si sarebbe potuto evitare ai bambini e ai ragazzi questo dramma. Ma a suo avviso servirebbe soprattutto trasparenza sulla spesa sostenuta dalla Provincia per gli affidi, che risulta molto elevata.

Con le risorse destinate dall’ente pubblico alla gestione degli interventi di accoglienza dei 173 minori attualmente allontanati si poteva invece garantire il sostegno necessario alle famiglie perché potessero rimanere con i loro genitori. Per Maffioletti, insomma, il Trentino non è esente dagli abusi emersi nel resto d’Italia a favore dell’indotto lavorativo dei servizi attivi nel campo dell’assistenza dei minori. E ha concluso con la speranza che la Commissione d’indagine del Consiglio faccia luce su questa realtà grigia ed opaca.

Sulla stessa linea anche Maricetta Tirrito vicepresidente dell’Associazione Bambini Strappati” nata dopo il caso di Bibbiano per raccogliere le sofferenze e le denunce e comprendere che cosa accade nelle altre regioni d’Italia.

Tirrito ha messo l’accento sulla difficoltà dei genitori a cui vengono sottratti i figli di essere ascoltati e compresi dalle istituzioni con cui non riescono a dialogare e che sembrano solo voler dimostrare l’esistenza di problemi che giustificano l’allontanamento dei bambini. Il Trentino – ha osservato – non è immune da casi analoghi a quelli di Bibbiano.

Anche questo è un territorio in cui ci si è dovuti confrontare con le difficoltà che emergono dai servizi sociali che dovrebbero invece accompagnare i genitori nei rapporti con le istituzioni.

Questa difficoltà di rapporto, questa mancanza di confronto e di tutela di queste famiglie è per Tirrito il primo grande ostacolo che ogni genitore incontra con i servizi sociali. In queste condizioni non c’è possibilità di comprensione. Il problema è che il servizio sociale si considera l’unico soggetto che valuta la situazione dei minori allontanati dalla loro famiglia. Escludendo di fatto dal merito della valutazione l’interlocutore giudiziario.

Per questo secondo Tirrito servirebbero linee guida comportamentali da mettere a disposizione delle autorità per controllare il lavoro dei servizi sociali.

Ogni attività è invece lasciata all’intimo convincimento dell’assistente sociale al quale è lasciato il giudizio sulle sorti del minore e di un intero ambito familiare. A volte non vengono nemmeno effettuate le visite ispettive necessarie per verificare la valutazione.

Per questo l’Associazione cerca di comprendere e affiancare le famiglie nella gestione di questi casi. Ma anche di promuovere soluzioni proponendo ad esempio queste linee guida che obblighino al confronto con associazioni come questa e al loro coinvolgimento per poter garantire alle famiglie un supporto psicologico, amministrativo e legale.

Questo per Turriti è un obiettivo da perseguire partendo dal presupposto che tutti vogliono il bene dei bambini. Nessun minore va allontanato per forza. L’allontanamento dovrebbe essere l’ultima ratio di fronte all’impossibilità oggettiva di sanare la situazione familiare in cui il bambino si trova.

Un’altra richiesta dell’Associazione è di una banca dati aggiornata che dica quanti minori sono seguiti e mantenuti dalle casse pubbliche in forma extra-familiare e nelle famiglie affidatarie.

Vi sono genitori a cui capita di riceve dai figli input di gravi problemi nelle case-famiglia in cui si trovano ma nelle quali sono comunque costretti a rimanere. Anche per questo le Associazioni attive in quessto settore dovrebbero poter difendere il diritto dei minori.

Tirriti ha segnalato che sono in corso 13 procedimenti in provincia di Trento per tutelare il diritto di questi minori di essere semplicemente ascoltati e non trattati come se dovesse scontare una condanna, costretti a vivere in una famiglia diversa da quella in cui sono nati.

E questo accade perché la volontà dei minori non viene mai presa in considerazione. Loro non vengono mai ascoltati. A questo problema la pubblica amministrazione non presta la necessaria attenzione.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste
    Il Governo potrebbe estendere l’esenzione Imu, ampliando la categoria di soggetti che non saranno tenuti a versare la prima rata. Imu 2021, chi rientra nell’esenzione Un nuovo emendamento al Decreto Sostegni Bis potrebbe andare incontro... The post Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste appeared first on Benessere Economico.
  • P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti
    I ritardi, tipici della Pubblica Amministrazione potrebbero presto diventare un lontano ricordo. La notizia è stata raccontata dai dati diffusi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze riguardo i tempi medi impiegati durante l’anno 2020 dallo... The post P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti appeared first on […]
  • Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità
    Con le riaperture torna anche il Bonus Sanificazione e DPI anche per il 2021 per una ripartenza in sicurezza. Il Decreto Sostegni bis ripropone l’agevolazione per i titolari di partita Iva, seppur in una percentuale... The post Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità appeared first on Benessere Economico.
  • Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto
    Con l’arrivo delle nuove agevolazioni a fondo perduto per le partite Iva, scattano anche le regole per l’accesso al contributo. Le agevolazioni Le nuove attività ed imprese economiche hanno diritto ad un contributo a fondo... The post Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa
    Come noto, nell’Unione Europea alcuni Paesi attuano politiche fiscali aggressive a scapito di altri. Di conseguenza, questa mossa consente loro di attirare molti investitori con una tassazione favorevole. In questo sistema si inserisce l’Osservatorio fiscale... The post Nasce l’Osservatorio Fiscale Europeo, passo verso una tassazione più equa appeared first on Benessere Economico.
  • Accordo storico al G7: tassazione minima al 15% per le multinazionali, quali conseguenze
    Dopo anni di pressione dell’Unione Europea, Whasington cede e apre la possibilità di una tassa digitale globale per le multinazionali del web. Di cosa si tratta e come funziona L’accordo parla di un’imposta minima del... The post Accordo storico al G7: tassazione minima al 15% per le multinazionali, quali conseguenze appeared first on Benessere Economico.
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]
  • Tempo di vacanze: conoscete già l’Hotel Alpen Tesitin a Tesido?
    A Monguelfo si trova un eccezionale luogo di benessere e relax, dove ci si dedica ai piaceri della bella vita. Gli spazi inondati di luce e la piacevole sensazione di essere a proprio agio sono frutto dell’arte dell’accoglienza che si respira dal primo momento durante le vacanze in Val Pusteria all’Hotel Alpen Tesitin. La posizione […]

Categorie

di tendenza