Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Confessione Benno, Moccia: «Ha ammesso di averli uccisi in casa e gettati nell’Adige. È disperato»

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

A poco più di due mesi dalla scomparsa dei genitori Laura Perselli e Peter Neumair, il figlio della coppia, Benno Neumair ha confessato il delitto. Dopo la comunicazione ufficiale da parte della Porcura di Bolzano, arrivata alla stampa nel pomeriggio di oggi (8 marzo), l’ulteriore conferma giunge tramite una nota dall’avvocato di Benno, Flavio Moccia.

Benno Neumair ha ammesso di essere il responsabile della morte dei genitori. I due decessi sono avvenuti nella casa di via Castel Roncolo e i corpi, già privi di vita, abbandonati nelle acque dell’Adige. Questa decisione di aprirsi alla verità e di mettersi a disposizione della Procura della Repubblica, accettata fin dall’undici di febbraio scorso, e quindi ancor prima di conoscere l’esito della decisione del tribunale del Riesame, è maturata spontaneamente quale immediato esito alla notizia del rinvenimento del corpo senza vita della madre, che ha avuto l’effetto di produrre una dissoluzione, di schianto, di tutte le difese di negazione e di rimozione attuate nelle settimane successive ai fatti dall’indagato, che impedivano ogni sua possibilità di esame cosciente di una raltà altrimenti per chiunque indicibile e inaffrontabile“.

In poche parole, secondo il suo legale, Benno alla notizia del ritrovamento del corpo della mamma, sarebbe crollato e avrebbe deciso di confessare.

Pubblicità
Pubblicità

Nei giorni successivi a una prima ammissione – continua la nota – d’intesa con la Procura della Repubblica e nel rispetto di quella segretezza che le circostanze, il diritto e l’etica professionale imponevano e continuano ad imporre, si è proceduto nell’approfondimento dei fatti in termini di dettaglio e di riscontri obiettivi“. Ovvero, per potere accertare la veridicità della confessione, sono stati necessari ulteriori approfondimenti dagi esiti della perizia forense a quella sulle tracce ematiche rinvenute nel corso delle indagini.

La Procura ha già inoltrato la richiesta di incidente probatorio per verificare la capacità di intendere e di volere dell’indagato al momento del fatto. Nel caso questo dovesse avvenire, il 30enne bolzanino sarebbe dichiarato non imputabile.

Sempre secondo quanto riportato da Moccia il suo assistito “si aggrappa a un sentimento di pentimento disperato che non chiede né ha aspettative di ricevere pietà dalle vittime: gli stessi infelici genitori più tutti gli altri affetti, più intimi e cari“. In sintesi Benno sarebbe pentito e non avrebbe a questo punto l’ardire di chiedere il perdono a coloro a cui ha causato del male, a partire dalla sorella Madè fino alla famiglia tutta e agli stessi genitori ormai deceduti.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento4 settimane fa

Coronavirus: 99 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. Calano i ricoveri

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Sbanda, va in contromano e rischia di scontrarsi con altre auto prima di entrare in statale – IL VIDEO

eventi3 settimane fa

Dal 17 al 26 giugno tornano a Trento le Feste Vigiliane

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 267 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Alto Garda e Ledro3 settimane fa

Stop alla viabilità a Riva del Garda: si girano le scene di un film americano

Telescopio Universitario3 settimane fa

UniTrento: da vent’anni il mondo fa tappa qui

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 166 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Politica3 settimane fa

Referendum, vittoria dei sì ma niente quorum. Amministrative: nei grandi comuni avanti il centro destra

Trento3 settimane fa

Attimi di paura alla stazione delle corriere di Trento!

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 49 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino con nessun positivo al molecolare

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Trovato morto in piscina Stefano Lorenzini di Levico Terme

Italia ed estero3 settimane fa

Crolla un ponte sospeso durante l’naugurazione: 25 feriti – IL VIDEO

Le Vignette di Fabuffa4 settimane fa

Il 51% degli adolescenti italiani non capisce un testo scritto. Una scuola che fa acqua da tutte le parti

Politica2 settimane fa

L’abbraccio mortale col PD affonda definitivamente il M5stelle

Società4 settimane fa

L’impresa di Melissa Mariotti tra lavoro in Germania e progetti turistici in Valbrenta

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza