Connect with us
Pubblicità

Telescopio Universitario

Ecco come tornare a “sentirsi forti” a scuola

Pubblicato

-

Ripartire a scuola con una pandemia in corso è una sfida organizzativa, logistica ed educativa. Ma è prima di tutto una prova per ogni ragazzo e ragazza che deve tornare con fiducia e serenità sui banchi e nelle aule.

Come viene affrontato questo momento difficile e quali sono gli strumenti utili a rendere il rientro a scuola in tempi di Covid-19 comunque un’esperienza positiva? Parte da questi interrogativi e impegno il progettoSentirsi forti” messo a punto dal Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive (DIPSCO) dell’Università di Trento in collaborazione con il Dipartimento Istruzione e Cultura (Servizio Istruzione, Ufficio per la Valutazione delle Politiche Scolastiche) della Provincia Autonoma di Trento (PAT).

Un progetto che punta a far emergere e aumentare negli studenti della scuola secondaria di primo grado il concetto di sé scolastico, e condividerlo con compagni e insegnanti. Il progetto rientra tra quelli finanziati dalla Fondazione Caritro nel bando dedicato alla “ricerca per la ripartenza” e rivolti a scuole e enti trentini per raccogliere le esperienze vissute nel periodo del lockdown primaverile.

Pubblicità
Pubblicità

Focus del progettoSentirsi forti” sono gli aspetti non-cognitivi negli studenti e nelle studentesse delle ultime classi della scuola secondaria di primo grado. Indicatori come la motivazione scolastica, l’autostima a scuola, la percezione delle proprie capacità in matematica e in italiano, il capitale psicologico (autostima, fiducia, resilienza, autoefficacia), la personalità (soprattutto coscienziosità e apertura mentale), la disponibilità verso gli altri, la qualità della didattica percepita e il clima sociale scolastico.

Il progetto si è articolato in due parti: una empirica e quantitativa, con la somministrazione di un questionario studente e la raccolta di dati sugli apprendimenti scolastici; e una di sviluppo professionale dei docenti per favorire il potenziamento in classe. Sette gli istituti comprensivi trentini coinvolti: Alta Val di Sole, Bassa Anaunia – Tuenno, Bassa Val di Sole, Cles “B. Clesio”, Fondo – Revò, Taio e Trento 7.

Complessivamente il progetto ha coinvolto 21 docenti e 322 tra studenti e studentesse, oltre ai/alle sette dirigenti degli istituti partner che hanno collaborato nel lavoro preparatorio durante l’estate scorsa.

Pubblicità
Pubblicità

Preparare i docenti per aiutare a superare le crisi – L’obiettivo del progetto è quello di supportare i/le docenti, attraverso una serie di seminari in videoconferenza e guide operative, nello sviluppo di pratiche didattiche per potenziare le componenti non-cognitive dei propri studenti e studentesse, nel superamento di periodi di crisi o di difficoltà. In particolare, sono stati previsti tre seminari (uno a dicembre, uno a gennaio e uno a marzo) su temi specifici, condotti da un esperto pedagogista e accompagnati da guide operative che i docenti possono utilizzare nelle loro attività didattiche.

I primi risultati sono incoraggianti, come spiega il coordinatore del progetto, Franco Fraccaroli dell’Università di Trento: «Ad oggi, la raccolta dati nel primo periodo ha permesso di analizzare il quadro delle componenti cognitive e non-cognitive delle varie classi. In particolare, al personale docente coinvolto è stato fornito un report dove, nel rispetto della privacy, si presentava la situazione di una singola classe in rapporto all’andamento complessivo del campione esaminato. Ogni insegnante quindi ha il quadro della propria classe in termini di self-concept scolastico, livello di motivazione degli studenti, qualità delle relazioni sociali, resilienza, ecc

«Questo approccio ha permesso di individuare quali siano le variabili target su cui intervenire, in base al quadro specifico di ogni classe» aggiungono Francesco Pisanu (Ufficio per la Valutazione delle Politiche Scolastiche) ed Enrico Perinelli (ricercatore del Dipartimento di Psicologia e Scienze cognitive dell’Università di Trento). «Si stanno anche raccogliendo dati sui livelli di apprendimento degli studenti, in modo da indagarne i correlati più importanti con le variabili di tipo non cognitivo. I dati verranno raccolti anche al termine del secondo periodo, cioè a maggio. In questa seconda fase sarà possibile effettuare una più approfondita analisi sugli effetti degli interventi adottati. Auspichiamo di rilevare, in particolare, incremento dei livelli di self-concept scolastico tra i ragazzi».

Giunto quasi a metà del suo percorso il progetto ha già raggiunto molti degli obiettivi iniziali. Tutto ciò è stato possibile soprattutto grazie all’interesse e la disponibilità degli attori coinvolti. «Ciò che ci ha maggiormente colpitospiega Fraccaroli è stato l’interesse e la grande disponibilità delle scuole a collaborare alla buona riuscita del progetto, oltre alle reazioni positive e la disponibilità del corpo docente, nonostante il pressing lavorativo imposto dal momento difficile».

«Uno degli aspetti interessanti del progettoaggiunge Pisanu sono state le attività volte agli studenti per aiutarli a coltivare aspettative positive riguardo al proprio studio. Dall’altra parte, anche il supporto agli insegnanti nel fornire ai loro studenti e studentesse strategie cognitive e metacognitive per rendere più efficace il proprio studio è uno dei punti cardine del progetto».

Maggiori informazioni sul progettoSentirsi forti” sono disponibili sul sito: https://www.cogsci.unitn.it/1049/sentirsi-forti-superare-le-difficolta-nella-ripartenza-della-scuola o sul sito https://www.vivoscuola.it/Schede-informative/Sentirsi-forti

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Chalet Pinocchio, dove sentirsi sempre a casa
    Chalet Pinocchio si trova a Brentonico, nel sud del Trentino, a 16 km dal centro di Rovereto e a 10 km dall’uscita autostradale di Rovereto sud. Situato in una piccola località montana che d’inverno diventa il centro ideale per accedere alla Ski Area Polsa San Valentino, con piste facili ideali anche per chi vuole imparare; d’estate, […]
  • Bear with Benefits: gli integratori a forma di orsetti gommosi
    Bears with Benefits sono degli orsetti gommosi ricchi di vitamine e minerali. Si tratta infatti di integratori alimentari con un complesso vitaminico e minerale altamente concentrato. Le formulazioni sono sviluppate in Germania e rispettano i più elevati standard di qualità. Durante la produzione, non vengono utilizzati antiagglomeranti, agenti di carica e allergeni: i prodotti sono […]
  • MasonBees: la casa delle api
    MasonBees Ltd. è nata come parte della Oxford Bee Company, ovvero un’organizzazione che ricerca il ciclo di vita delle Red Mason Bee. CJ Wildbird Foods Ltd. ha acquistato la Oxford Bee Company nel 2006 ed ha proseguito la ricerca, conducendo varie prove sul campo con le Red Mason Bees. Queste prove avevano lo scopo di […]
  • Dolomiti Wellness Hotel Fanes: un piccolo angolo di paradiso in Alta Badia
    Il Dolomiti Wellness Hotel Fanes è in una delle terrazze più assolate e panoramiche di San Cassiano, piccolo e grazioso villaggio di montagna, nelle Dolomiti a poco più di 1.500 metri s.l.m. in Alta Badia: cinque minuti per raggiungere il centro a piedi, isola pedonale ricca di vetrine e negozi, servizi ancillari e noleggio attrezzatura, […]
  • Abiby: la Beauty Box perfetta per chi vuole qualità e innovazione
    Abiby è il servizio in abbonamento che permette ogni mese di scoprire le migliori novità in ambito skincare, make-up e beauty con un’esperienza unica e a sorpresa. La missione di Abiby è quella di usare l’esperienza per far scoprire i migliori brand al mondo, quelli che da soli è difficile trovare. Come? Viaggiando costantemente alla ricerca di prodotti […]
  • Vinilia Wine Resort: immergiti nel cuore del Salento
    Vinilia Wine Resort è un’antica dimora risalente agli inizi del ‘900 quando era destinata ad essere la residenza estiva della nobile famiglia degli Schiavoni. Oggi, dopo un’attenta e raffinata attività di restauro conservativo, a cura della famiglia Parisi Lacaita, si appresta a diventare un punto di riferimento per l’accoglienza e per un’autentica esperienza nella terra […]
  • Natura, storia e paesaggi mozzafiato: questa è l’isola di Skye
    Skye è una delle migliori località da visitare in Scozia. È famosa per i suoi paesaggi mozzafiato e per la storia che ha alle spalle. L’isola di Skye è lunga 50 miglia ed è la più grande delle Ebridi Interne, ovvero un arcipelago situato al largo della costa occidentale della Scozia, a sud-est delle Ebridi Esterne. Insieme, […]
  • Tenuta Monacelli: che meraviglia il Salento!
    Masseria Monacelli, masseria fortificata del ‘600 e Masseria Giampaolo, esclusivo borgo del ‘400, si impongono con le loro torri di avvistamento nel cuore del Salento. Situate in prossimità dell’Abbazia romanico-bizantina S. Maria a Cerrate, oggi tra i beni del Fondo Ambiente Italiano, testimoniano tracce di storia. Entrambe custodiscono un prezioso frantoio ipogeo, le stanze di stoccaggio […]
  • Incanto e lusso al Castello di Guarene, in Piemonte
    Nel Settecento, il Castello fu la realizzazione di un sogno di Carlo Giacinto Roero, signore di Guarene. Il nobiluomo voleva una nuova e splendida dimora e se la costruì, la circondò di giardini e la arredò. Ne aveva la capacità e i mezzi: era un buon architetto, sia pure dilettante, un aristocratico di primo piano […]

Categorie

di tendenza