Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Nervosismo Covid: cuoco e titolare arrivano alle mani e spunta anche un coltello

Pubblicato

-

L’episodio è avvenuto in un rifugio delle valli del Noce nella mattinata del 24 febbraio 2021 ed è oggetto di due diverse denunce sporte una al comando dei carabinieri di Malè, l’altra presso gli uffici della legione dei carabinieri Labico del Lazio.

Il caso è piuttosto intricato e da quanto riportato nelle denunce nasce per delle incomprensioni fra il titolare di un rifugio e un possibile dipendente che però non è mai stato regolarizzato conseguentemente alla chiusura di tutte le strutture turistiche per via dell’aggravarsi dell’emergenza sanitaria.

Dalle piccole incomprensioni i protagonisti sono passati però alle minacce fino ad arrivare al contatto fisico. Poi nelle mani di uno dei contendenti è anche spuntato un coltello da cucina. Se la cosa fosse confermata la situazione potrebbe aggravarsi, e non poco.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo la ricostruzione, che in questa parte converte in modo reciproco, la discussione comincia in cucina quando il lavoratore viene avvertito dal titolare che il rifugio per via delle nuove misure sanitarie verrà chiuso e che quindi tutto il personale andrà a casa.

Il cuoco non la prende bene ed imputa al titolare di non averlo regolarizzato. La lite prende una brutta piega quando  – secondo la ricostruzione del cuoco – viene aggredito e colpito al viso con una spranga di ferro. Il referto medico del pronto soccorso parla di 7 giorni di prognosi per «ferita alla palpebra oculare e poli contusioni».

L’aggressione sarebbe avvenuta mentre l’uomo stava telefonando alla Guardia di Finanza per denunciare la mancata assunzione. Poi sul posto si sono portati i Carabinieri che però hanno trovato solo il titolare del rifugio.

Pubblicità
Pubblicità

È stato in quel preciso momento che il titolare del rifugio ha riassunto quanto successo ai militari attraverso una ricostruzione che però è esattamente opposta a quanto dichiarato dal cuoco. In quel frangente è stata presentata la denuncia contro l’aggressore.

Fra i due sarebbero già esistiti dei pregressi a livello di collaborazione andati sempre a buon fine senza problemi. A causare le tensioni sarebbe stata l’emergenza sanitaria e i nuovi Dpcm improvvisi del governo Conte che da un giorno all’altro stravolgevano  pianificazioni e programmazioni delle aziende turistiche costrette ad attendere l’ultimo minuto per sapere se in grado di accogliere o meno la clientela.

L’imprenditore aveva promesso al suo ex collaboratore un posto, ma purtroppo, vista la chiusura delle strutture turistiche e l’emergenza sanitaria incalzante non è più stato possibile mantenere la parola.

Purtroppo l’ultimo esito negativo sulle riaperture delle strutture turistiche aveva costretto il titolare del rifugio a comunicare che «lavoro non ne avevamo molto e lui aveva lavorato solo due domeniche, il giusto per coprire il vitto e l’alloggio. Con un contratto di prestazione occasionale versai anche 100 euro al cuoco dicendo che ormai non avrei riaperto più».

Come detto il cuoco non aveva preso molto bene l’annuncio, per questo aveva impugnato un coltello da cucina minacciando fisicamente il titolare del rifugio e sottolineando che avrebbe telefonato alla guardia di Finanza.

In quel momento – se la versione del titolare venisse confermata – sarebbe scattato anche il tentativo estorsivo perché secondo la testimonianza dell’imprenditore il cuoco avrebbe chiesto 500 euro per togliere il disturbo.

Nei frangenti successivi il cuoco sarebbe salito nella sua camera con il coltello e dopo aver telefonato alle fiamme gialle avrebbe avuto una nuova colluttazione con l’imprenditore che in sede di testimonianza spiega ancora: «Si è voltato verso di me brandendo il coltello con una lama di 25 centimetri menando fendenti nella mia direzione. Venendo verso di me gli è caduto il cellulare per terra mentre gridava “voglio i miei 500 euro”»

Nel proseguo della colluttazione i due sono finiti sopra il letto e l’imprenditore sarebbe riuscito a disarmare l’uomo. Nel frattempo sarebbero arrivati sul luogo i Carabinieri chiamati da qualcuno presente nella struttura. Prima del loro arrivo il cuoco, dopo aver fatto i bagagli, è stato accompagnato da una collaboratrice alla stazione dove è salito sul primo treno per tornare a casa. Arrivato nella sua città di residenza dopo alcuni giorni anche lui ha sporto regolare denuncia.

Visto le denunce incrociate toccherà alle forze dell’ordine e alla procura fare luce ora su questo inquietante episodio e risalire alle eventuali responsabilità dei due protagonisti. Certo è che il finale poteva essere diverso e ben più tragico.

 

 

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Bear with Benefits: gli integratori a forma di orsetti gommosi
    Bears with Benefits sono degli orsetti gommosi ricchi di vitamine e minerali. Si tratta infatti di integratori alimentari con un complesso vitaminico e minerale altamente concentrato. Le formulazioni sono sviluppate in Germania e rispettano i più elevati standard di qualità. Durante la produzione, non vengono utilizzati antiagglomeranti, agenti di carica e allergeni: i prodotti sono […]
  • MasonBees: la casa delle api
    MasonBees Ltd. è nata come parte della Oxford Bee Company, ovvero un’organizzazione che ricerca il ciclo di vita delle Red Mason Bee. CJ Wildbird Foods Ltd. ha acquistato la Oxford Bee Company nel 2006 ed ha proseguito la ricerca, conducendo varie prove sul campo con le Red Mason Bees. Queste prove avevano lo scopo di […]
  • Dolomiti Wellness Hotel Fanes: un piccolo angolo di paradiso in Alta Badia
    Il Dolomiti Wellness Hotel Fanes è in una delle terrazze più assolate e panoramiche di San Cassiano, piccolo e grazioso villaggio di montagna, nelle Dolomiti a poco più di 1.500 metri s.l.m. in Alta Badia: cinque minuti per raggiungere il centro a piedi, isola pedonale ricca di vetrine e negozi, servizi ancillari e noleggio attrezzatura, […]
  • Abiby: la Beauty Box perfetta per chi vuole qualità e innovazione
    Abiby è il servizio in abbonamento che permette ogni mese di scoprire le migliori novità in ambito skincare, make-up e beauty con un’esperienza unica e a sorpresa. La missione di Abiby è quella di usare l’esperienza per far scoprire i migliori brand al mondo, quelli che da soli è difficile trovare. Come? Viaggiando costantemente alla ricerca di prodotti […]
  • Vinilia Wine Resort: immergiti nel cuore del Salento
    Vinilia Wine Resort è un’antica dimora risalente agli inizi del ‘900 quando era destinata ad essere la residenza estiva della nobile famiglia degli Schiavoni. Oggi, dopo un’attenta e raffinata attività di restauro conservativo, a cura della famiglia Parisi Lacaita, si appresta a diventare un punto di riferimento per l’accoglienza e per un’autentica esperienza nella terra […]
  • Natura, storia e paesaggi mozzafiato: questa è l’isola di Skye
    Skye è una delle migliori località da visitare in Scozia. È famosa per i suoi paesaggi mozzafiato e per la storia che ha alle spalle. L’isola di Skye è lunga 50 miglia ed è la più grande delle Ebridi Interne, ovvero un arcipelago situato al largo della costa occidentale della Scozia, a sud-est delle Ebridi Esterne. Insieme, […]
  • Tenuta Monacelli: che meraviglia il Salento!
    Masseria Monacelli, masseria fortificata del ‘600 e Masseria Giampaolo, esclusivo borgo del ‘400, si impongono con le loro torri di avvistamento nel cuore del Salento. Situate in prossimità dell’Abbazia romanico-bizantina S. Maria a Cerrate, oggi tra i beni del Fondo Ambiente Italiano, testimoniano tracce di storia. Entrambe custodiscono un prezioso frantoio ipogeo, le stanze di stoccaggio […]
  • Incanto e lusso al Castello di Guarene, in Piemonte
    Nel Settecento, il Castello fu la realizzazione di un sogno di Carlo Giacinto Roero, signore di Guarene. Il nobiluomo voleva una nuova e splendida dimora e se la costruì, la circondò di giardini e la arredò. Ne aveva la capacità e i mezzi: era un buon architetto, sia pure dilettante, un aristocratico di primo piano […]
  • Nina Trulli Resort: la masseria perfetta tra la Costa dei trulli e la Valle d’Itria
    Nina Trulli Resort è una masseria immersa nella tipica campagna pugliese, dalla Costa dei trulli a Valle d’Itria, e si trova a soli 5 Km dal mare. Nella zona di Monopoli, città dalle radicate tradizioni marinare anche conosciuta come Città delle cento contrade, è possibile fare letteralmente un tuffo nel passato pur senza mai rinunciare […]

Categorie

di tendenza