Connect with us
Pubblicità

Trento

Casse Rurali 2020: aumentano i crediti all’economia che soffre, cresce la solidità

Pubblicato

-

Anche per le Casse Rurali Trentine il 2020 è stato caratterizzato dall’emergenza sanitaria e dalla conseguente necessità di far fronte alle esigenze straordinarie di liquidità delle imprese e delle famiglie.

Il lockdown forzato e prolungato di molte attività economiche ha avuto ripercussioni negative in termini di calo dei fatturati, ricorso alla cassa integrazione e difficoltà a far fronte agli impegni finanziari nei confronti del sistema bancario.

Per affrontare la difficile situazione sono state varate numerose iniziative: moratorie dei crediti, garanzie pubbliche e dei Confidi, contributi provinciali a copertura degli interessi sulle nuove erogazioni alle imprese. Tra queste anche il protocollo d’intesa Provincia-Banche e il plafond “Ripresa Trentino”, che hanno visto una massiccia partecipazione del sistema delle Casse Rurali.

Pubblicità
Pubblicità

In questo quadro totalmente inedito, le Rurali hanno superato il 2020 con risultati aggregati positivi, in linea con quelli consolidati del gruppo bancario Cassa Centrale, a conferma della complessiva solidità patrimoniale del sistema e dell’accresciuta efficienza prodotta dai processi di aggregazione e dalle economie di scala generate dalla partecipazione al gruppo nato nel 2019.

“Risultati eccellenti, ha commentato il presidente della Federazione Trentina della Cooperazione Roberto Simoni, che rappresentano solidità, efficienza e redditività in crescita, nonostante accantonamenti superiori a quelli degli anni scorsi. La ripresa economica sarà lenta – ha aggiunto Simoni – e il Trentino avrà molto bisogno del settore del credito. Non solo di interventi di moratoria, ma anche iniezioni di liquidità che consentano alle aziende di tornare ad avere un assetto stabile”.

“Stiamo vivendo una grande rivoluzione e non sappiamo ancora dove ci porterà – ha commentato Adriano Orsi, vicepresidente della Federazione per il settore credito –. La cooperazione è sempre rinata nei periodi di difficoltà. Oltre alla solidità del sistema delle Casse Rurali io sottolineo anche la solidarietà. La cooperazione è un ambito trasversale a tutti i settori dell’economia e continuerà a sostenere le possibilità operative di sviluppo delle imprese e delle comunità”.

Pubblicità
Pubblicità

15 Casse, 50 milioni di utile, occupazione stabile – Nel 2020 è divenuta operativa la fusione tra la Cassa Rurale di Trento e quella di Lavis Valle di Cembra e si è perfezionata quella che ha dato vita alla Rurale Adamello Giudicarie Valsabbia Paganella, terza per dimensioni tra le trentine. A metà del 2021 è prevista la fusione tra Cassa Rurale Alto Garda e Cassa Rurale di Rovereto, che porterà a 14 il numero degli istituti di credito cooperativo presenti in provincia. Stabile il numero dei soci (130.000) e quello dei dipendenti (2.000).

“Nonostante le svalutazioni prudenziali del portafoglio crediti, imposte dallo scenario macroeconomico avverso – ha informato Vincenzo Visetti, referente in Federazione per il settore credito –  le 15 Casse chiudono il 2020 con un utile netto complessivo di oltre 50 milioni di euro, sia pure in calo rispetto all’anno precedente (-28%) a causa di svalutazioni prudenziali incrementate di oltre 100 milioni.

Il risultato lordo di gestione è cresciuto significativamente: 171 milioni contro i 90 del 2019. Frutto sia della crescita del margine di intermediazione (+13%), sia della riduzione dei costi operativi (-11%). Anche il margine di interesse torna al segno positivo (+4,8%), nonostante l’andamento piatto dei tassi di mercato”.

Cresce la raccolta (+1,4 miliardi), segnale dell’incertezza – Le masse intermediate segnano un incremento del 5,9% rispetto al 2019, per un controvalore complessivo di poco inferiore a 30 miliardi di euro. Sul fronte della raccolta, si registra un incremento del 7,6% rispetto al 2019, pari a 1,4 miliardi di depositi in più, per un valore complessivo che sfiora i 20 miliardi.

Anche nel 2020, si conferma la tendenza della clientela a privilegiare la raccolta indiretta (+10%), e in particolare il risparmio gestito (+14,4%) rispetto ai depositi in conto corrente e alle obbligazioni, che comunque crescono significativamente (+6,3%). Il dato evidenzia la generale incertezza sul futuro, che spinge famiglie e imprese a tenere liquidità per far fronte agli imprevisti.

Aumentano i prestiti (+311 milioni), soprattutto alle imprese – Al netto delle svalutazioni di crediti deteriorati, i prestiti sono risaliti del 3,5%, con un incremento percentuale maggiore anche di quello dell’anno precedente: complessivamente, ciò significa 311 milioni di euro in più. L’incremento si registra sia nei confronti delle famiglie sia delle imprese, ma è particolarmente significativo nei confronti di queste ultime (+5,4%).

Ancora in calo le partite deteriorate lorde, che nel 2020 diminuiscono del 15,5%; ora il peso percentuale sul totale dei crediti è pari all’8,4% (10% nel 2019). Le sofferenze lorde rappresentano ormai solo il 2,1% del totale dei crediti (cinque anni fa erano l’11,4%), mentre la quota maggiore (6,2%) è costituita da inadempienze probabili.

La politica della prudenza: accantonamenti e svalutazioni – Oltre 126 milioni di euro sono stati accantonati per rettifiche prudenziali dovute alla congiuntura negativa (importo più che quadruplicato rispetto al 2019), ma anche per una svalutazione anticipata dalle Casse Rurali, concordata con la Capogruppo, per raggiungere i livelli di copertura fissati dalla BCE per gli stock di vecchi crediti deteriorati (NPL), che sono stati così raggiunti anticipatamente.

Questo consentirà alle Rurali di essere più attrezzate a sostenere la ripresa post pandemia. Di conseguenza, migliora ulteriormente anche il tasso di copertura: in particolare, la copertura delle sofferenze supera addirittura il 70%.

Cresce la solidità, migliora l’efficienza – Continua ad aumentare anche il patrimonio complessivo, che ora è di 1.480 milioni, 49 in più rispetto all’anno precedente (1.431 milioni).

Si conferma la solidità patrimoniale complessiva delle Casse Rurali, con un Cet 1 ratio ulteriormente migliorato rispetto al 2019, e pari al 22,35%, dato migliore anche rispetto a quello consolidato a livello di gruppo bancario (21,46%).

I dati economici e reddituali trovano riscontro anche nel miglioramento dei principali indicatori di produttività ed efficienza: la produttività individuale sale da 14,5 a 15,6 milioni e cresce anche il rapporto tra commissioni e costi del personale (dal 68 al 76%). Il costo del personale si riduce del 10,9% (-17 milioni), a conferma che i processi di riorganizzazione, le fusioni e le sinergie di gruppo cominciano a dare consistenti frutti sul piano economico.

Ciò consente anche di confermare l’impegno delle Casse Rurali nel sostenere iniziative sul territorio ad alto valore sociale, con erogazioni complessive per 9,2 milioni di euro.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Chalet Pinocchio, dove sentirsi sempre a casa
    Chalet Pinocchio si trova a Brentonico, nel sud del Trentino, a 16 km dal centro di Rovereto e a 10 km dall’uscita autostradale di Rovereto sud. Situato in una piccola località montana che d’inverno diventa il centro ideale per accedere alla Ski Area Polsa San Valentino, con piste facili ideali anche per chi vuole imparare; d’estate, […]
  • Bear with Benefits: gli integratori a forma di orsetti gommosi
    Bears with Benefits sono degli orsetti gommosi ricchi di vitamine e minerali. Si tratta infatti di integratori alimentari con un complesso vitaminico e minerale altamente concentrato. Le formulazioni sono sviluppate in Germania e rispettano i più elevati standard di qualità. Durante la produzione, non vengono utilizzati antiagglomeranti, agenti di carica e allergeni: i prodotti sono […]
  • MasonBees: la casa delle api
    MasonBees Ltd. è nata come parte della Oxford Bee Company, ovvero un’organizzazione che ricerca il ciclo di vita delle Red Mason Bee. CJ Wildbird Foods Ltd. ha acquistato la Oxford Bee Company nel 2006 ed ha proseguito la ricerca, conducendo varie prove sul campo con le Red Mason Bees. Queste prove avevano lo scopo di […]
  • Dolomiti Wellness Hotel Fanes: un piccolo angolo di paradiso in Alta Badia
    Il Dolomiti Wellness Hotel Fanes è in una delle terrazze più assolate e panoramiche di San Cassiano, piccolo e grazioso villaggio di montagna, nelle Dolomiti a poco più di 1.500 metri s.l.m. in Alta Badia: cinque minuti per raggiungere il centro a piedi, isola pedonale ricca di vetrine e negozi, servizi ancillari e noleggio attrezzatura, […]
  • Abiby: la Beauty Box perfetta per chi vuole qualità e innovazione
    Abiby è il servizio in abbonamento che permette ogni mese di scoprire le migliori novità in ambito skincare, make-up e beauty con un’esperienza unica e a sorpresa. La missione di Abiby è quella di usare l’esperienza per far scoprire i migliori brand al mondo, quelli che da soli è difficile trovare. Come? Viaggiando costantemente alla ricerca di prodotti […]
  • Vinilia Wine Resort: immergiti nel cuore del Salento
    Vinilia Wine Resort è un’antica dimora risalente agli inizi del ‘900 quando era destinata ad essere la residenza estiva della nobile famiglia degli Schiavoni. Oggi, dopo un’attenta e raffinata attività di restauro conservativo, a cura della famiglia Parisi Lacaita, si appresta a diventare un punto di riferimento per l’accoglienza e per un’autentica esperienza nella terra […]
  • Natura, storia e paesaggi mozzafiato: questa è l’isola di Skye
    Skye è una delle migliori località da visitare in Scozia. È famosa per i suoi paesaggi mozzafiato e per la storia che ha alle spalle. L’isola di Skye è lunga 50 miglia ed è la più grande delle Ebridi Interne, ovvero un arcipelago situato al largo della costa occidentale della Scozia, a sud-est delle Ebridi Esterne. Insieme, […]
  • Tenuta Monacelli: che meraviglia il Salento!
    Masseria Monacelli, masseria fortificata del ‘600 e Masseria Giampaolo, esclusivo borgo del ‘400, si impongono con le loro torri di avvistamento nel cuore del Salento. Situate in prossimità dell’Abbazia romanico-bizantina S. Maria a Cerrate, oggi tra i beni del Fondo Ambiente Italiano, testimoniano tracce di storia. Entrambe custodiscono un prezioso frantoio ipogeo, le stanze di stoccaggio […]
  • Incanto e lusso al Castello di Guarene, in Piemonte
    Nel Settecento, il Castello fu la realizzazione di un sogno di Carlo Giacinto Roero, signore di Guarene. Il nobiluomo voleva una nuova e splendida dimora e se la costruì, la circondò di giardini e la arredò. Ne aveva la capacità e i mezzi: era un buon architetto, sia pure dilettante, un aristocratico di primo piano […]

Categorie

di tendenza