Connect with us
Pubblicità

Trento

Archeologia: quando può essere una prevenzione dalle catastrofi

Pubblicato

-

In una società come quella odierna non possiamo fare a meno di constatare che le calamità naturali non stentano a palesarsi.

E non si parla solamente di pandemie che ci costringono a relazionarci come fossimo dei robot vedendoci solo tramite schermo dalle spalle in su, ma di una serie molto più ampia di catastrofi quali: terremoti, frane, alluvioni, e così via.

In quest’ottica, oltre a geologi e sismologi, può essere utile ed interessante tenere presente anche gli studi archeologici.

Pubblicità
Pubblicità

“Le cesure conseguenti ad eventi catastrofici si producono con modalità rapide e traumatiche che lasciano tracce inequivocabili nelle stratigrafie” affermano gli archeologi Nicola Degasperi e Michele Bassetti nel loro articolo Qual è quella ruina… pubblicato sulla rivista Archeologia delle Alpi. Segni chiari, indelebili, di quelle che sono state rovine passate e ormai dimenticate ma non per questo che non si verificheranno mai più. “Tutti coloro che dimenticano il loro passato sono condannati a riviverlo” conosciamo tutti questa celebre frase di Primo Levi, dopotutto.

Per fare un esempio: nel sito archeologico di Roncone loc. Fontanedo studiato dall’Ufficio beni archeologici della Provincia autonoma di Trento, è stato rinvenuto un edificio con pianta a L investito e sfondato da un grande masso di gneiss con un diametro di circa un metro e sessanta che, franato dal versante soprastante, è riuscito a penetrare all’interno dello stabile. Stiamo parlando di un insediamento avvenuto tra la prima e la seconda età del Ferro.

Facendo un salto nel tempo, per la precisione nel gennaio 2014, in località Ronchi di Termeno (BZ), una frana ha ricostruito la dinamica sopracitata con una tale precisione da risultare ironica: un grande masso ha colpito e danneggiato un maso sede di una moderna azienda agricola. Da notare, oltretutto, che lì vicino erano presenti tracce di una precedente frana, segno che questi avvenimenti si verificano con una certa ciclicità.

Pubblicità
Pubblicità

Bassetti e Degasperi concludono: “Lo studio delle catastrofi naturali riconoscibili a livello archeologico, nel porre l’accento sul rapporto che intercorre tra le comunità umane e il territorio insediato, inevitabilmente finisce con l’interrogare il presente con gli attuali problemi di tutela ambientale, di pianificazione e regolamentazione dei processi insediativi. Da ciò deriva l’utilità del confronto tra gli eventi calamitosi del passato e quelli attuali: i primi sepolti, racchiusi nelle stratigrafie, gli altri tratti dalla cronaca. La loro sconcertante somiglianza discende dalle modalità con cui si sprigionano le catastrofi naturali mentre è quasi del tutto ininfluente ciò che in effetti è cambiato: i materiali e le tecniche di costruzione”.

Molti altri esempi sarebbero possibili, spaziando dalle alluvioni ai terremoti; credo però che il punto fondamentale sia sottolineare le enormi conoscenze dell’essere umano e quanto si potrebbe evitare tenendo conto di questo genere di studi.

Troppo spesso si crede che ormai l’uomo sia arrivato a delle costruzioni invincibili a qualsiasi calamità naturale, ma chiaramente non è così. La natura continuerà a riprendersi i propri spazi, e invece che continuare a combatterla dovremmo imparare a conviverci restando in equilibrio con essa.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Bear with Benefits: gli integratori a forma di orsetti gommosi
    Bears with Benefits sono degli orsetti gommosi ricchi di vitamine e minerali. Si tratta infatti di integratori alimentari con un complesso vitaminico e minerale altamente concentrato. Le formulazioni sono sviluppate in Germania e rispettano i più elevati standard di qualità. Durante la produzione, non vengono utilizzati antiagglomeranti, agenti di carica e allergeni: i prodotti sono […]
  • MasonBees: la casa delle api
    MasonBees Ltd. è nata come parte della Oxford Bee Company, ovvero un’organizzazione che ricerca il ciclo di vita delle Red Mason Bee. CJ Wildbird Foods Ltd. ha acquistato la Oxford Bee Company nel 2006 ed ha proseguito la ricerca, conducendo varie prove sul campo con le Red Mason Bees. Queste prove avevano lo scopo di […]
  • Dolomiti Wellness Hotel Fanes: un piccolo angolo di paradiso in Alta Badia
    Il Dolomiti Wellness Hotel Fanes è in una delle terrazze più assolate e panoramiche di San Cassiano, piccolo e grazioso villaggio di montagna, nelle Dolomiti a poco più di 1.500 metri s.l.m. in Alta Badia: cinque minuti per raggiungere il centro a piedi, isola pedonale ricca di vetrine e negozi, servizi ancillari e noleggio attrezzatura, […]
  • Abiby: la Beauty Box perfetta per chi vuole qualità e innovazione
    Abiby è il servizio in abbonamento che permette ogni mese di scoprire le migliori novità in ambito skincare, make-up e beauty con un’esperienza unica e a sorpresa. La missione di Abiby è quella di usare l’esperienza per far scoprire i migliori brand al mondo, quelli che da soli è difficile trovare. Come? Viaggiando costantemente alla ricerca di prodotti […]
  • Vinilia Wine Resort: immergiti nel cuore del Salento
    Vinilia Wine Resort è un’antica dimora risalente agli inizi del ‘900 quando era destinata ad essere la residenza estiva della nobile famiglia degli Schiavoni. Oggi, dopo un’attenta e raffinata attività di restauro conservativo, a cura della famiglia Parisi Lacaita, si appresta a diventare un punto di riferimento per l’accoglienza e per un’autentica esperienza nella terra […]
  • Natura, storia e paesaggi mozzafiato: questa è l’isola di Skye
    Skye è una delle migliori località da visitare in Scozia. È famosa per i suoi paesaggi mozzafiato e per la storia che ha alle spalle. L’isola di Skye è lunga 50 miglia ed è la più grande delle Ebridi Interne, ovvero un arcipelago situato al largo della costa occidentale della Scozia, a sud-est delle Ebridi Esterne. Insieme, […]
  • Tenuta Monacelli: che meraviglia il Salento!
    Masseria Monacelli, masseria fortificata del ‘600 e Masseria Giampaolo, esclusivo borgo del ‘400, si impongono con le loro torri di avvistamento nel cuore del Salento. Situate in prossimità dell’Abbazia romanico-bizantina S. Maria a Cerrate, oggi tra i beni del Fondo Ambiente Italiano, testimoniano tracce di storia. Entrambe custodiscono un prezioso frantoio ipogeo, le stanze di stoccaggio […]
  • Incanto e lusso al Castello di Guarene, in Piemonte
    Nel Settecento, il Castello fu la realizzazione di un sogno di Carlo Giacinto Roero, signore di Guarene. Il nobiluomo voleva una nuova e splendida dimora e se la costruì, la circondò di giardini e la arredò. Ne aveva la capacità e i mezzi: era un buon architetto, sia pure dilettante, un aristocratico di primo piano […]
  • Nina Trulli Resort: la masseria perfetta tra la Costa dei trulli e la Valle d’Itria
    Nina Trulli Resort è una masseria immersa nella tipica campagna pugliese, dalla Costa dei trulli a Valle d’Itria, e si trova a soli 5 Km dal mare. Nella zona di Monopoli, città dalle radicate tradizioni marinare anche conosciuta come Città delle cento contrade, è possibile fare letteralmente un tuffo nel passato pur senza mai rinunciare […]

Categorie

di tendenza