Connect with us
Pubblicità

Trento

Entro l’anno inizieranno i lavori per la costruzione delle barriere antirumore in via Lavisotto

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Si dibatte ormai da anni con tanto di causa civile il problema delle barriere antirumore lungo Via Lavisotto. Il costo del tratto di ferrovia da coprire è di 11,8 milioni, i lavori su circa un chilometro in via Lavisotto dovrebbero partire entro fine anno.

Quello che è certo è che è stato formalizzato l’ultimo atto dell’iter burocratico col deposito del progetto definitivo alla Segreteria del Comune che potrà essere visionato dai proprietari dei terreni interessati.

Il progetto è ormai nella fase esecutiva che precede il via alla gara d’appalto per la messa in opera di barriere antirumore che inizieranno dal sovrappasso di Via Fratelli Fontana fino allo Scalo Filzi per un totale di circa un chilometro.

Pubblicità
Pubblicità

Per i primi 400 metri che sono quelli più sensibili, avremo un’altezza costante di 7 metri e 38 centimetri dalla rotaia. Lungo via Lavisotto per non compromettere la stabilità del sedime ferroviario, si andrà a costruire un muro di sostegno eliminando temporaneamente parcheggi e marciapiede.

Nella parte finale dove il Rio Lavisotto scorre parallelo ai binari sarà necessario riprofilare l’argine, per questo tratto si attende la delibera della Provincia per la bonifica del Rio Lavisotto per capire si potrà procedere o meno con due cantieri contemporanei.

Verso nord la barriera antirumore avrà un’altezza inferiore rispetto al tratto iniziale che sarà di 4 metri e 93 centimetri ed è questo il tratto che presenta le minori criticità a parte un passaggio sopra al Rio.

Pubblicità
Pubblicità

Il tempo stimato per la realizzazione dei lavori è di 2 anni e 2 mesi dall’apertura del cantiere, come detto il costo complessivo dell’opera è d 11,8 milioni di euro di cui 8,1 di lavori a base d’asta.

Tempi decisamente lunghi per una vertenza iniziata nell’ormai lontano 2004 quando fu sottoscritto l’accordo tra la provincia e la Regione Ferroviaria Italiana col tratto iniziale di Via Fratelli Fontana giudicato come prioritario con l’obbligo di inizio lavori entro il 2019.

Tutto è stato rallentato da due fattori: il primo il nuovo Piano Regolatore ed il secondo l’ipotesi di interramento della ferrovia del Brennero nel tratto di attraversamento della città. Un rallentamento contestato dai residenti che intanto vedevano partire il cantiere, siano nel 2019 con la conclusione prevista entro l’anno, per il tratto da Via Canestrini fino a Via Fratelli Fontana a servizio delle case di Corso Buonarroti.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Ambiente Abitare2 ore fa

Clima: Coldiretti, ghiacciai addio in anno più caldo di sempre +1,6 C°

Trento2 ore fa

Firmato un protocollo d’intesa per sostenere le aziende che lavorano sui mercati esteri

Bolzano2 ore fa

Alpe di Siusi: valanga travolge scialpinisti, per fortuna finisce tutto bene

Bolzano3 ore fa

Auto si schianta contro un albero: feriti trasportati al pronto soccorso

Piana Rotaliana3 ore fa

Istituto Agrario, iscrizioni fino al 10 dicembre e “premio” Eduscopio per la preparazione universitaria

Trento6 ore fa

Consiglio di Stato: altra sospensione della legge provinciale sul gioco d’azzardo

Valsugana e Primiero7 ore fa

Primiero: truffe agli anziani, la Chiesa scende in campo con i Carabinieri

Trento7 ore fa

Asse Brennero: incontro tra le Camere di Commercio e dell’Economia

Ambiente Abitare7 ore fa

Bene la qualità dell’aria nel mese di novembre in tutto il Trentino

Trento7 ore fa

Ieri a palazzo Chigi ncontro tra la Commissione Protezione civile e il ministro Musumeci

economia e finanza8 ore fa

Istat: confermata la crescita di Pil e lavoro, ma rimangono dubbi per il 2023

Arte e Cultura9 ore fa

Alla Batibōi Gallery di Cles l’esposizione “PRINT ME LOUD” – 5 artiste – 5 tecniche diverse

Cani Gatti & C10 ore fa

Associazioni animaliste, divieto catena: “La legge sarà un valido strumento per migliorare la vita di molti cani.”

Vita & Famiglia10 ore fa

La denuncia di Pro Vita & Famiglia: «Ecco come l’UE vuole imporre l’utero in affitto»

Fiemme, Fassa e Cembra14 ore fa

Drammatico incidente a Tesero, muore Giancarlo Vinante

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento3 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Io la penso così…6 giorni fa

Coredo: «I maiali che mangiavano fango: il veterinario si dimetta»

Trento2 settimane fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento2 settimane fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Trento1 settimana fa

Gallerie Martignano: da dicembre saranno attivi gli autovelox

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Le ultime dal Web3 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Io la penso così…3 giorni fa

Sono fan dei Maneskin…ma quando si esagera non va bene

Trento4 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Val di Non – Sole – Paganella4 giorni fa

Paura nella notte a Cles: a fuoco un’abitazione in zona Spinazzeda

Trento3 settimane fa

Gardolo: autobus va contro un’auto, manda a quel paese il guidatore e scappa

Trento3 settimane fa

Trento in lutto, è morto Rinaldo Detassis fondatore di Elettrocasa

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza