Connect with us
Pubblicità

Trento

Debora Saltori attirata nella trappola mortale: «Ho l’assegno per te ma devi venire a prenderlo»

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

«Ho l’assegno in mano per te, ma devi venire a prenderlo tu». Con questo messaggio Lorenzo Cattoni avrebbe attirato in un trappola mortale la povera Debora Saltori assassinata a Cortesano con due fendenti, dritti alla carotide, scagliati con un’accetta. Per la donna, morta sul colpo, non c’è stato nulla da fare.

È morta così Debora Saltori, 42 anni, originaria di Vigo Meano, piccolo sobborgo rurale a pochi chilometri dal nostro capoluogo.

A ucciderla il marito Lorenzo Cattoni, di tre anni più giovane, che si trovava agli arresti domiciliari dal 2 dicembre per maltrattamenti ai danni proprio della moglie e che avrebbe poi cercato di togliersi la vita con un coltello: ora è in rianimazione all’ospedale in condizioni gravi, ma pare che se la caverà.

Il corpo della donna è stato scoperto alle 15.30 da un contadino che mentre stata attraversando una campagna per raggiungere il proprio appezzamento, ha visto il corpo sanguinante di Lorenzo Cattoni, fuori dal capanno nella sua proprietà.

Poi gli inquirenti arrivati nel capanno dove l’uomo custodiva gli attrezzi hanno scoperto il macabro dramma nella sua interezza. Per terra, privo di vita, c’era anche il corpo di Debora, 42 anni, mamma di quattro figli di 17, 16, 14 anni e il più piccino di 4 anni e mezzo, avuto proprio con Cattoni.

Ora però gli uomini della Squadra mobile, guidati da Tommaso Niglio e la Procura di Trento, con il procuratore capo Sandro Raimondi e il sostituto Carmine Russo, contestano all’uomo, oltre all’omicidio, anche la premeditazione.

Pubblicità
Pubblicità

Secondo le prime ricostruzioni, dai messaggi che i due si sarebbero scambiati nelle ore precedenti, sarebbe stato Cattoni ad attirare nella trappola la moglie, con la quale era in corso una causa di separazione. La prima udienza si sarebbe svolta fra pochi giorni. La donna attendeva l’agognata separazione ufficiale per andarsene lontano da Meano e dimenticare questa violenta e drammatica storia. Voleva insomma voltare definitamente pagina.

Cattoni avrebbe scritto di raggiungerla nel suo campo perché le avrebbe voluto dare un assegno per il mantenimento del bimbo. Una volta lì, i due hanno discusso probabilmente per l’ennesima volta; quindi i colpi letali. A quel punto l’uomo si sarebbe procurato delle lesioni profonde con un coltello, perdendo i sensi e accasciandosi al suolo.

Il copione, se l’ipotesi venisse confermata, si rivela sempre lo stesso che le cronache italiane fanno emergere purtroppo ogni giorno. Delle violenze che si ripetono nel tempo, dei tentativi di ricomporre la situazione, ed infine spesso gli epiloghi tragici dove a rimetterci sono quasi sempre loro, le donne.

Cattoni, agli arresti domiciliari per episodi di violenza su Debora, ma anche sulla precedente compagna, poteva muoversi fino a 15 chilometri da casa.

Quell’appezzamento era infatti uno dei pochi luoghi in cui il 39 enne poteva recarsi in quanto luogo di lavoro, perché pendeva sul suo capo un’accusa di maltrattamenti ai danni della moglie per la quale era costretto dallo scorso 2 dicembre ai domiciliari (a casa dei genitori di lui).

Secondo gli inquirenti, Deborah avrebbe subito per anni le violenze di Lorenzo: pugni, percosse, calci. Negli atti si parla di ossa nasali rotte, di decine di giorni di prognosi messi a referto, di distorsioni cervicali.

Durante una lite, riportavano le carte — «nonostante la donna fosse incinta» lui non avrebbe esitato «a gettarla fuori di casa» e a gettarle «gli effetti personali dal balcone». Un giorno sarebbe arrivato addirittura ad «afferrarla per il collo colpendola con delle testate» e un’altra volta le avrebbe inferto un pugno alla schiena e uno violento all’occhio.

Una conoscente aveva tristemente previsto: «Un giorno lui è uscito dal bar urlando che l’ammazzava e così è stato». Ma gli episodi non sarebbero finiti li. Nelle ultime ore infatti emergono dal suo inquietante passato altri episodi di violenze e minacce anche nei confronti di altre persone, in un caso di parla anche di un possibile tentativo di sequestro. 

Lorenzo Cattoni dopo uno dei tanti episodi di violenza era stato «ospite» per 20 giorni del carcere di Spini di Gardolo dove aveva avuto dei colloqui con psicologi e professionisti. Uno di loro spiega che «Anche all’interno del carcere Lorenzo Cattoni era una personalità molto inquietante e corrosa dall’odio e il rancore verso tutti. Il suo carattere era molto arrogante, prepotente e violento»

Ce ne sarebbe stato abbastanza per tenerlo rinchiuso qualche tempo per aiutarlo a riflettere ma invece….

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Val di Non – Sole – Paganella2 minuti fa

Melinda vince il premio «Vivere a spreco zero 2022» nella categoria ortofrutta

Sport1 ora fa

Morto il ciclista Davide Rebellin: è stato travolto da un camion

Piana Rotaliana2 ore fa

Living LAB alla FEM «Vite e clima: quali scenari futuri?»

Trento3 ore fa

Trento terza nella classifica italiana delle città più digitalizzate ICity Rank ‘22

Bolzano3 ore fa

Rubano i vestiti ad un anziano in ospedale: l’azienda sanitaria chiede lo scontrino per risarcire

economia e finanza3 ore fa

L’indice di fiducia dei consumatori trentini rimane negativo. Cala anche il potere d’acquisto dei consumatori

Ambiente Abitare3 ore fa

Lupi, Enpa: «un’altra conferma che l’allarme-lupo è strumentale»

Trento3 ore fa

APT: Pinè e Cembra cambiano casa e si uniscono con Trento

Val di Non – Sole – Paganella4 ore fa

Caso Iob: David Dallago rimane in carcere

Trento4 ore fa

Manifesti contro il gender all’Università di Trento, Coordinamento DAria: «Propaganda gender business sulla pelle delle persone»

Piana Rotaliana4 ore fa

“Bambini si canta”: a Lavis il concerto in memoria di Italo Varner

Fiemme, Fassa e Cembra5 ore fa

Val di Fiemme e Fassa: blitz dei Carabinieri nelle scuole con il cane antidroga. Controlli tutti negativi

Val di Non – Sole – Paganella5 ore fa

“Taio Ieri” si rinnova: tre nuovi membri entrano nel direttivo

Trento6 ore fa

Il turismo trentino cerca personale: ecco come candidarsi

Trento6 ore fa

Sabato la festività di S. Barbara: in piazza Duomo i Vigili del fuoco volontari

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento2 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Trento1 settimana fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Trento3 settimane fa

Occupa abusivamente 3 parcheggi da anni e nessuno fa nulla

Trento1 settimana fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Val di Non – Sole – Paganella1 settimana fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Trento3 settimane fa

Le sconcertanti e imbarazzanti parole di Antonio Ferro sulle Oss trentine

Le ultime dal Web2 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Trento3 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Trento2 settimane fa

Gardolo: autobus va contro un’auto, manda a quel paese il guidatore e scappa

Trento2 settimane fa

Trento in lutto, è morto Rinaldo Detassis fondatore di Elettrocasa

Trento3 settimane fa

Paura in Trentino per una scossa di Terremoto

Rovereto e Vallagarina5 giorni fa

Via libera per la costruzione della mega stalla a Terragnolo. La polemica però continua

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza