Connect with us
Pubblicità

Musica

Addio a Chick Corea, il leggendario jazzista vincitore di 23 grammy

Pubblicato

-

Se n’è andato a causa di una malattia rara. Armando “Chick” Corea nasce nel 1941 nel Massachussetts dove comincia gli studi musicali a sei anni incoraggiato dal padre, trombettista emigrato da Napoli, che gli offre l’occasione di suonare per la prima volta davanti al pubblico.

Ma il suo primo vero contatto con la musica afroamericana avviene a Boston, dove entra a far parte di un quintetto specializzato in ritmi latini. Proprio in quell’ambiente conosce uno straordinario suonatore di “conga”, che gli fa amare quel genere di musica.

A Boston Chick Corea studia alcuni anni con un maestro italiano che lo introduce nel repertorio pianistico classico, per poi proseguire da solo. Riesce persino a superare l’esame di ammissione alla classe superiore di piano alla Juilliard School, senza poi frequentarla.

Pubblicità
Pubblicità

Con Willie Bobo, percussionista e cantante, personaggio all’epoca molto popolare Chick Corea partecipa alla sua prima seduta d’incisione per la Prestige. Tuttavia è a fianco del trombettista Blue Mitchell che verso la metà degli anni ‘60 comincia a farsi notare dal pubblico, realizzando poi diversi album.

Alla fine del ‘66 arriva la prima vera occasione per il giovane Chick, quando gli viene chiesto di sostituire Gary Burton nel quartetto di Stan Getz, insieme producono “Sweet Rain” dove improvvisa assoli carichi di poesia. Nel ‘68 il pianista compone diversi brani con una ricchezza di inventiva aperta alle più importanti esperienze pianistiche del jazz moderno, tra cui uno dei suoi capolavori “Now He Sings, Now He Sobs”.

Entra a far parte del gruppo di Miles Davis, che lascerà una traccia nella sua musica futura. Per la prima volta Corea usa il Fender Rhodes, uno strumento elettrico che porterà anche degenerazioni jazz-rockistiche dello stesso Davis e discepoli.

Pubblicità
Pubblicità

E’ questo genere di musica che farà conoscere al pubblico italiano in due memorabili concerti nel ‘69 a Milano e nel ‘71 a Bergamo. Nel frattempo le cose cambiano, lascia il gruppo di Davis e la svolta stilistica con il nuovo gruppo “Circle” è decisiva con il ritorno allo strumento acustico, tuttavia lo si ascolta ancora accanto al divino trombettista in “At the fillmore” e “Live-Evil”.

Il pianista è in una ennesima fase di transizione e vuole superare formule troppo rigide. In Europa trova nuova linfa e uno strumento dal suono smagliante, a Oslo costituisce la sua prima “solo-performance” con “Piano Improvisations” che suscita molto interesse. Due modalità espressive per il jazzista, quello latino e l’aspetto sperimentale.

Nel ‘71 Corea torna alla collaborazione con Stan Getz e fornisce due composizioni tra le migliori “La Fiesta” e “Times Lie”, i tempi sono maturi per dar vita a “Return to Forever” (il ritorno alle cose di sempre), uno dei maggiori gruppi del movimento jazz-fusion, insieme alla cantante brasiliana Flora Purim.

La sua musica torna ad insaporirsi di aromi latini, in una dimensione danzante e cantabile con le composizioni “Spain”, “500 Miles High”.

Nel ‘78 Chick e il suo vecchio amico Herbie Hancock decidono di associarsi per realizzare una serie di concerti negli Stati Uniti, si siedono davanti a due Steinway gran coda senza altri strumenti attorno e il successo della tournée è trionfale con tecnica, immaginazione e teatralità, a volte non apprezzata. Altra accoppiata di successo sarà Corea – Burton che a Milano nel ‘80 regala al pubblico un concerto di ottimo livello.

Insieme a Herbie Hancock e Keith Jarrett, Chick Corea è considerato uno dei migliori jazzisti a livello mondiale con la pubblicazione di 80 album e vincendo il prestigioso premio Grammy in 23 occasioni.
E’ il caso di dire che il musicista e l’uomo appaiono definiti, proprio nella variabilità della loro immagine. L’intervista che aveva rilasciato in quegli anni è lo specchio del suo temperamento: “La maggior parte degli artisti pensa che per creare delle cose belle, profonde e originali, sia necessario provare angoscia e sofferenza. Per me questo è un modo deplorevole di pensare… Non ci sono individui che non portino in sé il desiderio fondamentale di creare la bellezza. Questo desiderio è esso stesso una forma d’arte… il mio ideale è quello di creare un equilibrio tra il modo d’essere proprio dell’artista e quello di un uomo che vuole avere i piedi sulla terra per condurre una vita stabile, normale”.

Tutto fa pensare che ci sia riuscito, salutando prima tutti i suoi fan e amici musicisti con i quali ha condiviso la sua passione per suonare e imparare.

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Vinilia Wine Resort: immergiti nel cuore del Salento
    Vinilia Wine Resort è un’antica dimora risalente agli inizi del ‘900 quando era destinata ad essere la residenza estiva della nobile famiglia degli Schiavoni. Oggi, dopo un’attenta e raffinata attività di restauro conservativo, a cura della famiglia Parisi Lacaita, si appresta a diventare un punto di riferimento per l’accoglienza e per un’autentica esperienza nella terra […]
  • Natura, storia e paesaggi mozzafiato: questa è l’isola di Skye
    Skye è una delle migliori località da visitare in Scozia. È famosa per i suoi paesaggi mozzafiato e per la storia che ha alle spalle. L’isola di Skye è lunga 50 miglia ed è la più grande delle Ebridi Interne, ovvero un arcipelago situato al largo della costa occidentale della Scozia, a sud-est delle Ebridi Esterne. Insieme, […]
  • Tenuta Monacelli: che meraviglia il Salento!
    Masseria Monacelli, masseria fortificata del ‘600 e Masseria Giampaolo, esclusivo borgo del ‘400, si impongono con le loro torri di avvistamento nel cuore del Salento. Situate in prossimità dell’Abbazia romanico-bizantina S. Maria a Cerrate, oggi tra i beni del Fondo Ambiente Italiano, testimoniano tracce di storia. Entrambe custodiscono un prezioso frantoio ipogeo, le stanze di stoccaggio […]
  • Incanto e lusso al Castello di Guarene, in Piemonte
    Nel Settecento, il Castello fu la realizzazione di un sogno di Carlo Giacinto Roero, signore di Guarene. Il nobiluomo voleva una nuova e splendida dimora e se la costruì, la circondò di giardini e la arredò. Ne aveva la capacità e i mezzi: era un buon architetto, sia pure dilettante, un aristocratico di primo piano […]
  • Nina Trulli Resort: la masseria perfetta tra la Costa dei trulli e la Valle d’Itria
    Nina Trulli Resort è una masseria immersa nella tipica campagna pugliese, dalla Costa dei trulli a Valle d’Itria, e si trova a soli 5 Km dal mare. Nella zona di Monopoli, città dalle radicate tradizioni marinare anche conosciuta come Città delle cento contrade, è possibile fare letteralmente un tuffo nel passato pur senza mai rinunciare […]
  • Il paese più felice del mondo? La Finlandia!
    La classifica del World Happiness Report parla chiaro: per il terzo anno di fila il posto più felice del mondo sarebbe la Finlandia. Il World Happiness Report è una classifica redatta dalla United Nations Sustainable Development Solutions Network in base ai dati del Gallup World Poll. Mentre il primo posto vede i colori della bandiera […]
  • Il posto perfetto per staccare dal mondo? Le Isole Lofoten!
    Se pensi che i fiordi norvegesi siano belli, potrebbe interessarti fare una bella vacanza alle Isole Lofoten. Un luogo da sogno, un arcipelago simile a un’appendice di montagne frastagliate incredibilmente belle che si protendono nel Mare di Norvegia a ovest di Narvik. Le varie isole sono unite dalla E10, un’impresa di ingegneria altrettanto impressionante come […]
  • X-Bionic Sphere: in Slovacchia un vero paradiso per gli amanti del lusso e dello sport
    Non tutti sanno che a Samorin, in Slovacchia, esiste un vero e proprio paradiso per atleti e per appassionati di lusso e sport. X-Bionic® Sphere è un complesso di hotel e strutture sportive dove il lusso ed il comfort vanno a braccetto con tutte le esigenze di atleti, famiglie e visitatori. L’Hotel offre un servizio di […]
  • Boscareto Resort and Spa: ritrovate la giusta quiete tra vini, buon cibo e paesaggi mozzafiato
    Immerso tra le colline, il Boscareto Resort & Spa rivela la sua bellezza nell’incantevole panorama su cui si affaccia, nei colori dei vigneti e nel meraviglioso territorio delle Langhe, dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Alba è punto di partenza e di arrivo per chi viaggia nella zona, con i suoi caffè, le chiese, la storia romana […]

Categorie

di tendenza