Connect with us
Pubblicità

Valsugana e Primiero

Don Guido Avi festeggia 103 anni. E’ il sacerdote più longevo del Trentino

Pubblicato

-

Il sacerdote Don Guido Avi ha raggiunto la veneranda età di 103 anni. E’ il sacerdote più anziano del Trentino e il sacerdote con più anni di sacerdozio in diocesi (80 anni). E’ in ottima salute e anche la lucidità non ha risentito del peso degli anni. In proposito ha guidato la macchina fino a 100 anni e quando una pattuglia della polizia locale gli ha ritirato la patente si è mostrato sorpreso e contrariato. Don Guido Avi conosciuto anche come «Don Torta», è stato soprannominato dagli organizzatori della festa di Cristo Re «Il parroco inviato dal Signore»

Sabato pomeriggio una decina di persone ha deciso di festeggiare con lui il compleanno da record. Il sacerdote ha accolto il piccolo gruppo di persone nel cortile della sua casa a Vigalzano, frazione del comune di Pergine.

Il sacerdote sarebbe dovuto rimanere all’interno della cappella e gli auguri di compleanno avrebbero dovuto prevedere solo un cenno di saluto. Don Guido non ha però resistito, e ha prevalso la voglia di stare fra le gente della comunità. E’ giunto in cortile accolto da un grande applauso.

Pubblicità
Pubblicità

La fragilità dovuta all’età avanzata e soprattutto la pandemia sono fattori ad altro rischio e hanno fatto sì che nell’ultimo periodo il sacerdote riducesse  al minimo i contatti con l’esterno. In questo caso però Don Guido ha deciso di fare un’eccezione e ha alzato le braccia al cielo ringraziando i presenti per la bella sorpresa e affermando di essere il sacerdote più felice del mondo.

Il coro Castel Rocca di Madrano, riunitosi dopo mesi di stop, ha cantato due canzoni per don Guido, che le ha ascoltate in piedi e si è disinteressato delle temperature glaciali di ieri pomeriggio. Don Guido ha poi salutato i presenti, dicendo loro di aspettarli anche l’anno prossimo.

Nei primi anni di sacerdozio don Guido è stato viceparroco a Noriglio, frazione di Rovereto (1942-1943) e poi in Santa Maria, sempre a Rovereto (1943-1947). E’ stato per più di vent’anni parroco a Cristo Re (1947-1968) , dove ha contribuito fortemente alla costruzione di una chiesa nel rione.

Pubblicità
Pubblicità

Per raccontare la sua storia, che è legata a doppio filo a quello del rione di Cristo Re, sono stati scritti anche due libri, ma per mettere su carta tutte le peripezie e tutto quanto fatto per quel rione da Don Guido Avi credo non basterebbe un’intera enciclopedia.

A Don Guido il quartiere di Cristo Re deve molto, la sua nascita dopo i cupi momenti del dopo guerra, il suo sviluppo, e una grande integrazione che ha permesso di non lasciare indietro nessuno, singoli e soprattutto famiglie. Saranno in molti a ricordarsi di lui, quelli che gli sono stati vicino negli anni e coloro che attraverso i genitori e in nonni sono venuti a conoscenza di tutto ciò che ha fatto, per il bene di Trento e dei suoi cittadini.

Da parroco di Cristo Re don Guido Avi, ribattezzato «Don Torta», ha vissuto l’alluvione del 1966 che devastò Trento e il Trentino. Proprio quei giorni fece ritorno a Trento con la salma del nipote morto in Germania e si trovò di fronte quell’inferno che però lui stesso poi definii «Un fiore sbocciato dal quel fiume: il fiore dell’amicizia e della solidarietà» 

A lui il quartiere di Cristo Re deve la costruzione dell’asilo di via Pedrotti  e la realizzazione  del campo sportivo di calcio (ex B14) dove intere generazioni a partire dalla fine degli anni 50 hanno si sono divertiti a correre dietro un pallone quando non c’era davvero altro. Subito dopo l’alluvione aveva fondato anche il giornalino «Amicizia» dove venivano pubblicate tutte le foto delle devastazioni del rione. Grazie a quelle foto arrivarono aiuti da tutta l’Italia.

La sua vocazione inizia a 12 anni, quando in un pomeriggio rientrando a casa a Vigalzano di Pergine, confessa alla mamma di volersi far prete. Il seminario costava molto e in casa di soldi ce n’erano pochi. Ma qualcuno, forse da lassù, ha fatto si che ad assistere alla richiesta del piccolo Guido ci fosse anche la signorina Enrica, nobile decaduta e credente che disse subito: «Il desiderio di un bambino non va mai calpestato, parlerò a Maria che studia a Milano».

Mario che studiava all’università accolse la richiesta di Enrica e in poco tempo attraverso i suoi amici riuscì a trovare 270 lire, il costo per l’iscrizione al seminario. E fu così che Guido Avi poco tempo dopo entrò in seminario per uscirne a 24 anni sacerdote.

Torna a Rovereto e prima di diventare parroco di Cristo Re a Trento contribuisce alla ricostruzione dell’oratorio di santa Maria.

Don Guido Avi, celebrò la sua prima messa in Cristo Re il 6 gennaio 1948, nella vecchia cappella di san Benedetto costruita in corso Buonarroti.

A lui si deve la costruzione della nuova chiesa ubicata i via Fratelli Fontana (che lo scrittore Igidio Giordani definii “il miracolo dei poveri”) e il consolidarsi di una comunità uscita dalla seconda guerra mondiale frastornata, povera e affamata. La sua arguzia, l’intraprendenza e la tenacia l’hanno portato a non essere mai stato dimenticato da chi, il rione l’ha costruito, vissuto e amato.

Era solito organizzare delle aste di torte per raccogliere fondi per la chiesa: da qui è diventato famoso per il suo soprannome «don Torta». E’ stato poi parroco ad Albiano (1968-1975) e a Baselga del Bondone (1976-1990).

Ha poi collaborato con alcune chiese del perginese fino a qualche anno fa. Ha guidato fino all’età di cento anni. Negli ultimi anni ha ridotto notevolmente la sua attività pubblica, soprattutto dopo un infortunio di un paio di anni fa, dal quale si è però ripreso senza problemi.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Bear with Benefits: gli integratori a forma di orsetti gommosi
    Bears with Benefits sono degli orsetti gommosi ricchi di vitamine e minerali. Si tratta infatti di integratori alimentari con un complesso vitaminico e minerale altamente concentrato. Le formulazioni sono sviluppate in Germania e rispettano i più elevati standard di qualità. Durante la produzione, non vengono utilizzati antiagglomeranti, agenti di carica e allergeni: i prodotti sono […]
  • MasonBees: la casa delle api
    MasonBees Ltd. è nata come parte della Oxford Bee Company, ovvero un’organizzazione che ricerca il ciclo di vita delle Red Mason Bee. CJ Wildbird Foods Ltd. ha acquistato la Oxford Bee Company nel 2006 ed ha proseguito la ricerca, conducendo varie prove sul campo con le Red Mason Bees. Queste prove avevano lo scopo di […]
  • Dolomiti Wellness Hotel Fanes: un piccolo angolo di paradiso in Alta Badia
    Il Dolomiti Wellness Hotel Fanes è in una delle terrazze più assolate e panoramiche di San Cassiano, piccolo e grazioso villaggio di montagna, nelle Dolomiti a poco più di 1.500 metri s.l.m. in Alta Badia: cinque minuti per raggiungere il centro a piedi, isola pedonale ricca di vetrine e negozi, servizi ancillari e noleggio attrezzatura, […]
  • Abiby: la Beauty Box perfetta per chi vuole qualità e innovazione
    Abiby è il servizio in abbonamento che permette ogni mese di scoprire le migliori novità in ambito skincare, make-up e beauty con un’esperienza unica e a sorpresa. La missione di Abiby è quella di usare l’esperienza per far scoprire i migliori brand al mondo, quelli che da soli è difficile trovare. Come? Viaggiando costantemente alla ricerca di prodotti […]
  • Vinilia Wine Resort: immergiti nel cuore del Salento
    Vinilia Wine Resort è un’antica dimora risalente agli inizi del ‘900 quando era destinata ad essere la residenza estiva della nobile famiglia degli Schiavoni. Oggi, dopo un’attenta e raffinata attività di restauro conservativo, a cura della famiglia Parisi Lacaita, si appresta a diventare un punto di riferimento per l’accoglienza e per un’autentica esperienza nella terra […]
  • Natura, storia e paesaggi mozzafiato: questa è l’isola di Skye
    Skye è una delle migliori località da visitare in Scozia. È famosa per i suoi paesaggi mozzafiato e per la storia che ha alle spalle. L’isola di Skye è lunga 50 miglia ed è la più grande delle Ebridi Interne, ovvero un arcipelago situato al largo della costa occidentale della Scozia, a sud-est delle Ebridi Esterne. Insieme, […]
  • Tenuta Monacelli: che meraviglia il Salento!
    Masseria Monacelli, masseria fortificata del ‘600 e Masseria Giampaolo, esclusivo borgo del ‘400, si impongono con le loro torri di avvistamento nel cuore del Salento. Situate in prossimità dell’Abbazia romanico-bizantina S. Maria a Cerrate, oggi tra i beni del Fondo Ambiente Italiano, testimoniano tracce di storia. Entrambe custodiscono un prezioso frantoio ipogeo, le stanze di stoccaggio […]
  • Incanto e lusso al Castello di Guarene, in Piemonte
    Nel Settecento, il Castello fu la realizzazione di un sogno di Carlo Giacinto Roero, signore di Guarene. Il nobiluomo voleva una nuova e splendida dimora e se la costruì, la circondò di giardini e la arredò. Ne aveva la capacità e i mezzi: era un buon architetto, sia pure dilettante, un aristocratico di primo piano […]
  • Nina Trulli Resort: la masseria perfetta tra la Costa dei trulli e la Valle d’Itria
    Nina Trulli Resort è una masseria immersa nella tipica campagna pugliese, dalla Costa dei trulli a Valle d’Itria, e si trova a soli 5 Km dal mare. Nella zona di Monopoli, città dalle radicate tradizioni marinare anche conosciuta come Città delle cento contrade, è possibile fare letteralmente un tuffo nel passato pur senza mai rinunciare […]

Categorie

di tendenza