Connect with us
Pubblicità

Politica

Consiglio regionale: dopo le dimissioni Claudio Cia bombarda SVP e PATT

Pubblicato

-


>In apertura della seduta del Consiglio regionale, il presidente Roberto Paccher è intervenuto sulla Giornata del Ricordo, che si celebra oggi, 10 febbraio, rivolgendo il pensiero alle vittime delle Foibe e dell’esodo giuliano-dalmata.

Al primo punto all’ordine del giorno della seduta c’erano, quindi, le dimissioni di Claudio Cia dalla carica di assessore regionale e i provvedimenti conseguenti. Il presidente Roberto Paccher ha ricordato che all’ordine del giorno era anche una mozione di sfiducia, presentata dai consiglieri Atz Tammerle, Knoll, Unterholzner, Nicolini e Marini, nei confronti della Giunta regionale, in seguito all’uscita dal partito “Agire in Trentino” e l’aggregazione al partito “Fratelli d’Italia” dello stesso Cia: si trattava di anticiparne la trattazione. Myriam Atz Tammerle (Süd-Tiroler Freiheit) ha quindi chiesto una sospensione per un confronto tra i capigruppo di minoranza. La richiesta di anticipo del punto n. 23 è stata quindi posta in votazione: l’aula l’ha respinta con 37 voti contrari.

Dopo che il pres. Paccher ha dato lettura della lettera di dimissioni da assessore regionale (“per motivi personali legati a scelta politica”) di Claudio Cia, quest’ultimo è intervenuto innanzitutto ringraziando chi l’aveva accompagnato e assistito come assessore a livello di struttura tecnica, permettendogli di onorare “la struttura più importante della nostra Autonomia: la Regione, per scelte politiche infelici spogliata di tutto, senza che si sappia se le verrà data una nuova identità e a quale prezzo”.

Pubblicità
Pubblicità

Sono prevalsi l’egoismo, l’incomunicabilità tra Trentino e Alto Adige, la riduzione dell’istituzione a sportello bancomat: è sotto gli occhi di tutti di archiviare la Regione al più presto, e in questa direzione si sono fatti progressi anche in questa legislatura, con la regia della SVP che per i suoi scopi non disdegna di mettere in difficoltà i suoi alleati, “questo non si può tacere”.

Ma l’Autonomia non si esprime esautorando la Regione, non si difende con atteggiamenti provocatori e di sfida: non c’è prospettiva di successo, tra Trento e Bolzano, fuori dall’ottica regionale. Una vera Autonomia si mostra con una buona amministrazione che risponde ai diritti dei cittadini, non con un’autonomia considerata un valore da non condiviso o usata come un paravento per rivendicare posizioni sulla base dell’appartenenza politica o per occultare i “faccendieri dell’Autonomia” stessa.

Bizzarro è scoprire dai media  – ha aggiunto ancora Claudio Cia – che secondo SVP, Süd-Tiroler Freiheit e PATT sarei io stesso, a mettere in pericolo l’autonomia della regione e delle minoranze: questi gruppi avevano chiesto le sue dimissioni da assessore, ma egli aveva già rimesso la sua carica nelle mani della maggioranza: “Lascio la poltrona di assessore regionale spontaneamente, per coerenza col mio modo di fare politica”.

Pubblicità
Pubblicità

Lo si sarebbe voluto far passare per fascista o nemico delle minoranze, ha aggiunto Cia, ma tra i suoi antenati non ci sono fascisti o nazisti, nella sua storia umana e politica non si trova alcuno scritto che celebra regimi totalitari, né egli si è mai espresso contro le minoranze o contro le donne. Egli è l’unico politico del territorio ad aver rinunciato a un ruolo così prestigioso coerentemente con le sue idee.

Diversi politici locali avrebbero ultimamente distribuito pagelle di autonomia, ed egli sarebbe escluso in quanto appartiene a Fratelli d’Italia: i primi a intervenire sono stati gli esponenti di STF, da sempre contrari alla regione, seguiti da SVPP e PATT, la cui posizione per la chiusura della Regione è altrettanto nota, anche se intanto la usano come cassa e ufficio di collocamento.

Egli, da trentino, da sempre si riconosce in questa terra e nelle sue istituzioni, ma è anche orgogliosamente italiano; non è un autonomista di facciata, che da un lato sventola bandiere e dall’altro non perde occasione per distruggere la regione.

Chi dà le pagelle di autonomista dov’era, quando lui era presso gli ospedali periferici per contestarne le chiusure o protestava contro gli atti di un’amministrazione deviata contro i cittadini? Erano proprio loro quelli che prendevano queste scelte di smembramento della regione, gli amici di Renzi e del referendum costituzionale che avrebbe portato regole uguali ovunque.

Egli lascia nella convinzione di aver portato a compimento questioni rilevanti, come i 21 milioni erogati dalla regione per forme collaborative tra enti locali, i compensi per i revisori dei conti, la chiusura di spinose questioni sulle fusioni dei Comuni trentini, le norme dedicate agli amministratori comunali in tempo utile per il turno generale delle elezioni, la previdenza integrativa per lavoratori autonomi, casalinghe e disoccupati, l’introduzione dell’indennità di fine mandato per i sindaci a  tempo pieni, gli adeguamenti delle indennità degli amministratori locali alle crescenti responsabilità.

Sul suo lavoro, nessuno ha avuto nulla da ridire, pertanto paiono pretestuose le accuse che gli vengono rivolte; la Regione è l’ente del confronto e dialogo tra le due Province e tra queste e lo Stato, luogo di impulso per lo sviluppo del territorio. Cia ha concluso ringraziando il pres. Kompatscher, il vicepres. Fugatti e gli assessori regionali, con cui ha lavorato in armonia e rispetto, nonché i colleghi di maggioranza e minoranza, il Consorzio dei Comuni di Trento e Bolzano per la proficua collaborazione.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Bear with Benefits: gli integratori a forma di orsetti gommosi
    Bears with Benefits sono degli orsetti gommosi ricchi di vitamine e minerali. Si tratta infatti di integratori alimentari con un complesso vitaminico e minerale altamente concentrato. Le formulazioni sono sviluppate in Germania e rispettano i più elevati standard di qualità. Durante la produzione, non vengono utilizzati antiagglomeranti, agenti di carica e allergeni: i prodotti sono […]
  • MasonBees: la casa delle api
    MasonBees Ltd. è nata come parte della Oxford Bee Company, ovvero un’organizzazione che ricerca il ciclo di vita delle Red Mason Bee. CJ Wildbird Foods Ltd. ha acquistato la Oxford Bee Company nel 2006 ed ha proseguito la ricerca, conducendo varie prove sul campo con le Red Mason Bees. Queste prove avevano lo scopo di […]
  • Dolomiti Wellness Hotel Fanes: un piccolo angolo di paradiso in Alta Badia
    Il Dolomiti Wellness Hotel Fanes è in una delle terrazze più assolate e panoramiche di San Cassiano, piccolo e grazioso villaggio di montagna, nelle Dolomiti a poco più di 1.500 metri s.l.m. in Alta Badia: cinque minuti per raggiungere il centro a piedi, isola pedonale ricca di vetrine e negozi, servizi ancillari e noleggio attrezzatura, […]
  • Abiby: la Beauty Box perfetta per chi vuole qualità e innovazione
    Abiby è il servizio in abbonamento che permette ogni mese di scoprire le migliori novità in ambito skincare, make-up e beauty con un’esperienza unica e a sorpresa. La missione di Abiby è quella di usare l’esperienza per far scoprire i migliori brand al mondo, quelli che da soli è difficile trovare. Come? Viaggiando costantemente alla ricerca di prodotti […]
  • Vinilia Wine Resort: immergiti nel cuore del Salento
    Vinilia Wine Resort è un’antica dimora risalente agli inizi del ‘900 quando era destinata ad essere la residenza estiva della nobile famiglia degli Schiavoni. Oggi, dopo un’attenta e raffinata attività di restauro conservativo, a cura della famiglia Parisi Lacaita, si appresta a diventare un punto di riferimento per l’accoglienza e per un’autentica esperienza nella terra […]
  • Natura, storia e paesaggi mozzafiato: questa è l’isola di Skye
    Skye è una delle migliori località da visitare in Scozia. È famosa per i suoi paesaggi mozzafiato e per la storia che ha alle spalle. L’isola di Skye è lunga 50 miglia ed è la più grande delle Ebridi Interne, ovvero un arcipelago situato al largo della costa occidentale della Scozia, a sud-est delle Ebridi Esterne. Insieme, […]
  • Tenuta Monacelli: che meraviglia il Salento!
    Masseria Monacelli, masseria fortificata del ‘600 e Masseria Giampaolo, esclusivo borgo del ‘400, si impongono con le loro torri di avvistamento nel cuore del Salento. Situate in prossimità dell’Abbazia romanico-bizantina S. Maria a Cerrate, oggi tra i beni del Fondo Ambiente Italiano, testimoniano tracce di storia. Entrambe custodiscono un prezioso frantoio ipogeo, le stanze di stoccaggio […]
  • Incanto e lusso al Castello di Guarene, in Piemonte
    Nel Settecento, il Castello fu la realizzazione di un sogno di Carlo Giacinto Roero, signore di Guarene. Il nobiluomo voleva una nuova e splendida dimora e se la costruì, la circondò di giardini e la arredò. Ne aveva la capacità e i mezzi: era un buon architetto, sia pure dilettante, un aristocratico di primo piano […]
  • Nina Trulli Resort: la masseria perfetta tra la Costa dei trulli e la Valle d’Itria
    Nina Trulli Resort è una masseria immersa nella tipica campagna pugliese, dalla Costa dei trulli a Valle d’Itria, e si trova a soli 5 Km dal mare. Nella zona di Monopoli, città dalle radicate tradizioni marinare anche conosciuta come Città delle cento contrade, è possibile fare letteralmente un tuffo nel passato pur senza mai rinunciare […]

Categorie

di tendenza