Connect with us
Pubblicità

Correva l anno....

32 anni fa la tragedia delle isole Azzorre dove morirono 6 trentini

Pubblicato

-

Alle 13.10 di mercoledì 8 febbraio 1989 l’aereo partito dall’aeroporto di Orio al Serio si schiantò quattro ore dopo, contro la collina di Pico Alto. Alle Azzorre era previsto uno scalo tecnico sulla rotta per Santo Domingo.

A bordo del boing 707 ci sono 144 persone, tra loro anche 6 trentini: Guido Lazzeri di Padergnone, contitolare con il fratello Cesare del ristorante da Valentino in località due Laghi.

Le sorelle Ottilia e Bruna Baratto di Civezzano insieme alla cugina Adriana Baratto di Pergine Valsugana note commercianti che avevano atteso per anni di poter fare questo viaggio. Luciano Pilati e Bruno Emerenziani di Cles, entrambi 26 enni collaboratori della rispettive aziende famigliari.

Per loro non c’è nessun scampo. Non ci sono superstiti. L’impatto non lascia scampo a nessuno, muoiono tutti, passeggeri ed equipaggio e ci vorranno un po’ di giorni per recuperare i resti, sparsi per un raggio di 6 chilometri.

I familiari si affidarono a un vestito o a un pezzo tra gli effetti personali per riconoscere il proprio congiunto. A dieci dei 144 morti (137 passeggeri e 7 membri dell’equipaggio), non fu possibile nemmeno dare un nome.

È stata una tragedia che ha segnato profondamente la città di Trento e tutta la provincia.

Sull’aereo viaggiavano cittadini di undici regioni d’Italia: Lombardia (che, con oltre cinquanta vittime era stata la regione più colpita), Veneto, Piemonte, Emilia Romagna, Lazio, Trentino, Sicilia, Marche, Molise, Campania e Puglia.

Grazie al ritrovamento della Scatola nera, le indagini portarono ad una conclusione molto più banale quanto ancora più tragica. Ci fu un’incomprensione tra i membri dell’equipaggio e la torre di controllo determinata dalla sovrapposizione nelle comunicazioni che intercorsero nei minuti precedenti al disastro.

La sovrapposizione di comunicazioni impedì all’equipaggio di sentire la parte conclusiva della trasmissione del controllore di volo che chiedeva conferma della quota e a quest’ultimo di capire l’intenzione dell’equipaggio di scendere a 2000 piedi.

Questa tragica incomprensione determinò un’incorretta altitudine del velivolo aggravata da un’inesatta comunicazione della pressione atmosferica. La commissione di inchiesta ha determinato che l’incidente era dovuto al mancato rispetto da parte dell’equipaggio delle condizioni di sicurezza che hanno portato alla discesa volontaria del velivolo a 2000 piedi quando la minima altitudine per il settore era di 3000 piedi.

Va inoltre rilevato che è stata rilevata una discrepanza tra la pressione atmosferica comunicata dal controllore (1027 millibar) e quella reale (1018).

Questa differenza avrebbe provocato il fatto che l’altimetro di bordo dell’aereo indicava un’altezza superiore di 80 metri a quella reale, aggravando l’errore del primo ufficiale.

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Dolomiti Wellness Hotel Fanes: un piccolo angolo di paradiso in Alta Badia
    Il Dolomiti Wellness Hotel Fanes è in una delle terrazze più assolate e panoramiche di San Cassiano, piccolo e grazioso villaggio di montagna, nelle Dolomiti a poco più di 1.500 metri s.l.m. in Alta Badia: cinque minuti per raggiungere il centro a piedi, isola pedonale ricca di vetrine e negozi, servizi ancillari e noleggio attrezzatura, […]
  • Abiby: la Beauty Box perfetta per chi vuole qualità e innovazione
    Abiby è il servizio in abbonamento che permette ogni mese di scoprire le migliori novità in ambito skincare, make-up e beauty con un’esperienza unica e a sorpresa. La missione di Abiby è quella di usare l’esperienza per far scoprire i migliori brand al mondo, quelli che da soli è difficile trovare. Come? Viaggiando costantemente alla ricerca di prodotti […]
  • Vinilia Wine Resort: immergiti nel cuore del Salento
    Vinilia Wine Resort è un’antica dimora risalente agli inizi del ‘900 quando era destinata ad essere la residenza estiva della nobile famiglia degli Schiavoni. Oggi, dopo un’attenta e raffinata attività di restauro conservativo, a cura della famiglia Parisi Lacaita, si appresta a diventare un punto di riferimento per l’accoglienza e per un’autentica esperienza nella terra […]
  • Natura, storia e paesaggi mozzafiato: questa è l’isola di Skye
    Skye è una delle migliori località da visitare in Scozia. È famosa per i suoi paesaggi mozzafiato e per la storia che ha alle spalle. L’isola di Skye è lunga 50 miglia ed è la più grande delle Ebridi Interne, ovvero un arcipelago situato al largo della costa occidentale della Scozia, a sud-est delle Ebridi Esterne. Insieme, […]
  • Tenuta Monacelli: che meraviglia il Salento!
    Masseria Monacelli, masseria fortificata del ‘600 e Masseria Giampaolo, esclusivo borgo del ‘400, si impongono con le loro torri di avvistamento nel cuore del Salento. Situate in prossimità dell’Abbazia romanico-bizantina S. Maria a Cerrate, oggi tra i beni del Fondo Ambiente Italiano, testimoniano tracce di storia. Entrambe custodiscono un prezioso frantoio ipogeo, le stanze di stoccaggio […]
  • Incanto e lusso al Castello di Guarene, in Piemonte
    Nel Settecento, il Castello fu la realizzazione di un sogno di Carlo Giacinto Roero, signore di Guarene. Il nobiluomo voleva una nuova e splendida dimora e se la costruì, la circondò di giardini e la arredò. Ne aveva la capacità e i mezzi: era un buon architetto, sia pure dilettante, un aristocratico di primo piano […]
  • Nina Trulli Resort: la masseria perfetta tra la Costa dei trulli e la Valle d’Itria
    Nina Trulli Resort è una masseria immersa nella tipica campagna pugliese, dalla Costa dei trulli a Valle d’Itria, e si trova a soli 5 Km dal mare. Nella zona di Monopoli, città dalle radicate tradizioni marinare anche conosciuta come Città delle cento contrade, è possibile fare letteralmente un tuffo nel passato pur senza mai rinunciare […]
  • Il paese più felice del mondo? La Finlandia!
    La classifica del World Happiness Report parla chiaro: per il terzo anno di fila il posto più felice del mondo sarebbe la Finlandia. Il World Happiness Report è una classifica redatta dalla United Nations Sustainable Development Solutions Network in base ai dati del Gallup World Poll. Mentre il primo posto vede i colori della bandiera […]
  • Il posto perfetto per staccare dal mondo? Le Isole Lofoten!
    Se pensi che i fiordi norvegesi siano belli, potrebbe interessarti fare una bella vacanza alle Isole Lofoten. Un luogo da sogno, un arcipelago simile a un’appendice di montagne frastagliate incredibilmente belle che si protendono nel Mare di Norvegia a ovest di Narvik. Le varie isole sono unite dalla E10, un’impresa di ingegneria altrettanto impressionante come […]

Categorie

di tendenza