Connect with us
Pubblicità

Trento

Via libera all’assegno di autodeterminazione per le donne che subiscono violenza

Pubblicato

-

Nel pomeriggio di ieri il Consiglio provinciale ha approvato all’unanimità con 31 voti il disegno di legge 48 proposto da Lucia Coppola (Misto-Europa Verde) insieme all’ex esponente di Futura Paolo Ghezzi, sostenuto ora da Paolo Zanella (Futura), che modifica la legge provinciale 6 del 2010 sulla prevenzione della violenza di genere e la tutela delle donne che ne sono vittima, introducendo un assegno di autodeterminazione a loro sostegno.

L’obiettivo è garantire concretamente un supporto economico e abitativo per aiutare la donna che ha subito violenza a trovare una sistemazione autonoma, allontanandosi dunque dal contesto in cui si producono i comportamenti aggressivi nei suoi riguardi.

Il Trentino diventa una delle prime regioni d’Italia a mettere a punto uno strumento più incisivo per consentire alle donne che vivono questo dramma di rendersi libere e indipendenti anche dopo essere uscite dalla rete di supporto temporanea prevista oggi dalla legislazione.

Pubblicità
Pubblicità

Un disegno di legge nato anche dai dati emersi riguardanti il Trentino che dicono che le denunce e gli ammonimenti ogni anno raggiungono un totale di quasi 1.000 reati ipotizzati che sono in continua crescita. Dati parziali, infatti le donne che non denunciano per una mancata rete di protezione e supporto anche dopo la fase dell’emergenza, sono molte. 

Prima del sì al disegno di legge sono stati discussi alcuni ordini del giorno collegati tutti approvati.

Il primo ordine del giorno approvato all’unanimità proposto da Zanella impegna la Giunta a pubblicizzare attraverso apposito materiale informativo da distribuire nei Centri antiviolenza, presso i servizi sociali, la Commissione pari opportunità e gli altri soggetti che sul territorio si occupano di violenza di genere, le tre possibilità (locazione temporanea a canone sostenibile di tre anni più proroga ai soggetti in possesso di Icef, locazione a canone concordato per un anno e mezzo a nuclei familiari particolarmente bisognosi sprovvisti dei requisiti di accesso all’edilizia abitativa pubblica, contributo integrativo al canone di mercato concesso a prescindere dalle graduatorie e dalla domanda di accesso a contributo) di accesso urgente e agevolato a soluzioni abitative per le donne che hanno subito violenza, che non riescano diversamente a lasciare l’abitazione condivisa con la persona maltrattante.

Pubblicità
Pubblicità

Approvato all’unanimità anche  l’odg di Marini, rielaborato nel dispositivo d’intesa con l’assessora Segnana, che impegna la Giunta a valutare la possibilità di realizzare campagne di comunicazione e di sensibilizzazione in merito al problema del femminicidio e alla cultura non discriminatoria basata sul rispetto tra uomini e donne, e di promuovere con confronto con la Cpo, l’ordine degli psicologi e le istituzioni scolastiche per valutare la possibilità di progettazione di moduli di educazione emotiva in ambito scolastico.

Approvati anche due ordini del giorno di Sara Ferrari uno dei quali impegna la Giunta a convocare quanto prima il Comitato per la tutela delle donne vittime di violenza previsto da una legge provinciale del 2010 mai convocato dal 2018 in poi. Ferrari ha apprezzato, ricordando che il Comitato coinvolge tutti i soggetti impegnati nell’attività di prevenzione della violenza.

Il consiglio è passato anche all’esame dei tre articoli del provvedimento, approvati dopo il ritiro di alcuni emendamenti di Zanella e altre modifiche dell’assessora. Zanella ha spiegato di aver concordato con l’assessora l’emendamento principale, firmato da Segnana ma che recepisce la sua più importante richiesta, che subordina l’accesso dell’assegno di autodeterminazione non alla denuncia ma alla presa in carico della donna vittima di violenza da parte dei servizi sociali territoriali, tenendo conto anche dei percorsi intrapresi presso i servizi antiviolenza accreditati.

L’assessora Segnana ha sottolineato l’aiuto che questo ddl assicura alle donne vittime di violenza perché si possano autogestire avendo anche la sicurezza economica necessaria per compiere questo passo. Segnana ha ringraziato la Giunta per il sostegno economico concesso a questo ddl visto che le risorse disponibili in questo periodo sono limitate. Le donne che subiscono violenza e maltrattamenti hanno spesso figli ed è giusto quindi mettere in sicurezza il loro nucleo familiare.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Bear with Benefits: gli integratori a forma di orsetti gommosi
    Bears with Benefits sono degli orsetti gommosi ricchi di vitamine e minerali. Si tratta infatti di integratori alimentari con un complesso vitaminico e minerale altamente concentrato. Le formulazioni sono sviluppate in Germania e rispettano i più elevati standard di qualità. Durante la produzione, non vengono utilizzati antiagglomeranti, agenti di carica e allergeni: i prodotti sono […]
  • MasonBees: la casa delle api
    MasonBees Ltd. è nata come parte della Oxford Bee Company, ovvero un’organizzazione che ricerca il ciclo di vita delle Red Mason Bee. CJ Wildbird Foods Ltd. ha acquistato la Oxford Bee Company nel 2006 ed ha proseguito la ricerca, conducendo varie prove sul campo con le Red Mason Bees. Queste prove avevano lo scopo di […]
  • Dolomiti Wellness Hotel Fanes: un piccolo angolo di paradiso in Alta Badia
    Il Dolomiti Wellness Hotel Fanes è in una delle terrazze più assolate e panoramiche di San Cassiano, piccolo e grazioso villaggio di montagna, nelle Dolomiti a poco più di 1.500 metri s.l.m. in Alta Badia: cinque minuti per raggiungere il centro a piedi, isola pedonale ricca di vetrine e negozi, servizi ancillari e noleggio attrezzatura, […]
  • Abiby: la Beauty Box perfetta per chi vuole qualità e innovazione
    Abiby è il servizio in abbonamento che permette ogni mese di scoprire le migliori novità in ambito skincare, make-up e beauty con un’esperienza unica e a sorpresa. La missione di Abiby è quella di usare l’esperienza per far scoprire i migliori brand al mondo, quelli che da soli è difficile trovare. Come? Viaggiando costantemente alla ricerca di prodotti […]
  • Vinilia Wine Resort: immergiti nel cuore del Salento
    Vinilia Wine Resort è un’antica dimora risalente agli inizi del ‘900 quando era destinata ad essere la residenza estiva della nobile famiglia degli Schiavoni. Oggi, dopo un’attenta e raffinata attività di restauro conservativo, a cura della famiglia Parisi Lacaita, si appresta a diventare un punto di riferimento per l’accoglienza e per un’autentica esperienza nella terra […]
  • Natura, storia e paesaggi mozzafiato: questa è l’isola di Skye
    Skye è una delle migliori località da visitare in Scozia. È famosa per i suoi paesaggi mozzafiato e per la storia che ha alle spalle. L’isola di Skye è lunga 50 miglia ed è la più grande delle Ebridi Interne, ovvero un arcipelago situato al largo della costa occidentale della Scozia, a sud-est delle Ebridi Esterne. Insieme, […]
  • Tenuta Monacelli: che meraviglia il Salento!
    Masseria Monacelli, masseria fortificata del ‘600 e Masseria Giampaolo, esclusivo borgo del ‘400, si impongono con le loro torri di avvistamento nel cuore del Salento. Situate in prossimità dell’Abbazia romanico-bizantina S. Maria a Cerrate, oggi tra i beni del Fondo Ambiente Italiano, testimoniano tracce di storia. Entrambe custodiscono un prezioso frantoio ipogeo, le stanze di stoccaggio […]
  • Incanto e lusso al Castello di Guarene, in Piemonte
    Nel Settecento, il Castello fu la realizzazione di un sogno di Carlo Giacinto Roero, signore di Guarene. Il nobiluomo voleva una nuova e splendida dimora e se la costruì, la circondò di giardini e la arredò. Ne aveva la capacità e i mezzi: era un buon architetto, sia pure dilettante, un aristocratico di primo piano […]
  • Nina Trulli Resort: la masseria perfetta tra la Costa dei trulli e la Valle d’Itria
    Nina Trulli Resort è una masseria immersa nella tipica campagna pugliese, dalla Costa dei trulli a Valle d’Itria, e si trova a soli 5 Km dal mare. Nella zona di Monopoli, città dalle radicate tradizioni marinare anche conosciuta come Città delle cento contrade, è possibile fare letteralmente un tuffo nel passato pur senza mai rinunciare […]

Categorie

di tendenza