Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Banchi a rotelle: buttati nel cesso 461 milioni di euro degli italiani

Pubblicato

-

Era il 5 di dicembre 2020 quando la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, con un post su facebook rese nota la quasi conclusione della consegna dei 2,4 milioni di  banchi a rotelle alle scuole italiane.

«Oggi le scuole hanno 2,4 milioni di banchi nuovi. Le consegne sono state praticamente completate. Ringrazio il Commissario Domenico Arcuri per aver supportato il Ministero dell’Istruzione in quella che lui stesso ha giustamente definito “un’operazione senza precedenti, che ha portato negli istituti una quantità di arredi pari a dodici volte la produzione italiana di un anno”. E ringrazio anche l’Esercito che ci ha supportato nella consegna durante l’emergenza. In questi mesi è stata fatta tanta ironia su questi banchi”, affermava la ministra  Azzolina che parlava anche  «meme, tante battute (alcune anche divertenti, a dire il vero), e attacchi feroci.»

«C’è chi ha usato il termine “banchi a rotelle” per prendere in giro me – continuava la Ministra –  senza rendersi conto di offendere uno strumento che centinaia di istituzioni scolastiche già utilizzavano proficuamente in classe e in laboratorio. Tanti parlavano e continuano a parlare di scuola senza conoscerla, avendola solo frequentata qualche anno fa», aggiungendo che «Sui banchi tradizionali monoposto qualcuno ha detto che non servivano, che abbiamo buttato soldi. Senza sapere, magari, che i nostri studenti sedevano su sedie malmesse e spesso utilizzavano banchi di qualche decennio fa.  Dicevano che non ce l’avremmo fatta. Che i banchi non sarebbero mai arrivati. Le chiacchiere passano. I fatti restano. Questo è un investimento che resta.»

Pubblicità
Pubblicità

L’investimento resta – aveva ragione la ministra Azzolina –  ma sul groppone degli italiani che i banchi li hanno pagati e ora se li ritrovano nelle cantine e nelle soffitte degli istituti scolastici.

Dopo aver speso 461 milioni di euro (qualcuno dice che sono “solo” 200) i banchi che avrebbero dovuto risolvere i problemi della scuola italiana sono spariti dalle scuole di quasi tutte le regioni e rimessi in magazzino. Una delle ragioni principale dell’accantonamento dei banchi anti-Covid sarebbe dovuta al fatto che favoriscono l’insorgere di mal di schiena nei ragazzi.

L’ideona della Ministra Azzolini sostenuta dal commissario Arcuri il “mago” dei vaccini doveva servire per garantire il distanziamento nelle classi ma proprio i ragazzi e i genitori hanno chiesto a molti presidi di tornare ai vecchi banchi.

Pubblicità
Pubblicità

A bocciarli sono stati i ragazzi, i genitori e gli stessi docenti che spiegano essere scomodi e favoriscano l’avvicinamento invece che il distanziamento per via appunto della loro mobilità.

Il piano d’appoggio inoltre è di 28 centimetri per 50 ed è troppo piccolo per farci stare un quaderno e un libro. Inoltre grazie alle ruote i ragazzi tendono a spostarsi. Sono modelli che non possono essere usati per la didattica tradizionale.

Il prototipo di banchi singoli era stato approvato dal Comitato Tecnico Scientifico (quello che decide le zone di appartenenza delle regioni) e dal Ministero dell’Istruzione.

La prima delle difficoltà più grandi riscontrate dopo l’annuncio era stata la penuria di aziende italiane che hanno risposto al bando a causa dei tanti pezzi richiesti e della poca disponibilità di tempo per realizzarli.

Ma accanto alla fabbricazione di questi banchi che ha richiesto costi elevati, ulteriori perplessità sono nate a causa della dubbia efficacia sul loro utilizzo. Per molti infatti le rotelle non solo non rappresentano uno strumento utile a garantire il distanziamento, ma in caso di terremoti e incendi, non possono nemmeno essere utilizzati dagli studenti come un eventuale riparo.

Infine, i costi molto elevati per la loro fabbricazione secondo molti potevano essere investiti per gestire altre maggiori priorità della scuola come il reclutamento di più docenti per contenere le classi pollaio o per sanare le carenze dell’edilizia scolastica, spesso priva di servizi fondamentali.

«In generale, ma in questi tempi in particolare: come si fa a buttare letteralmente dalla finestra ben 119 milioni di euro?» – Questa domanda la pone invece Alessia Ambrosi la consigliera provinciale della Lega e presidente della quinta commissione della provincia autonoma di Trento. «Semplice, comprando i ridicoli e inutili banchi a rotelle per gli studenti voluti da Arcuri e dalla ministra grillina Azzolina» – Risponde Ambrosi che continua: «Una vera follia… E adesso addirittura, ultima notizia, il Veneto li ha addirittura vietati, perché fanno male alla schiena dei ragazzi. Se penso che ristoratori, baristi, partite Iva sono in ginocchio e invece si buttano via soldi così… Che vergogna, davvero io non ho parole!»

Ma la domanda ora viene spontanea: qualcuno degli oltre 1.000 consulenti profumatamente pagati dagli italiani non poteva pensarci prima? Ai posteri ed ai lettori come sempre l’ardua sentenza.

 

 

 

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Dolomiti Wellness Hotel Fanes: un piccolo angolo di paradiso in Alta Badia
    Il Dolomiti Wellness Hotel Fanes è in una delle terrazze più assolate e panoramiche di San Cassiano, piccolo e grazioso villaggio di montagna, nelle Dolomiti a poco più di 1.500 metri s.l.m. in Alta Badia: cinque minuti per raggiungere il centro a piedi, isola pedonale ricca di vetrine e negozi, servizi ancillari e noleggio attrezzatura, […]
  • Abiby: la Beauty Box perfetta per chi vuole qualità e innovazione
    Abiby è il servizio in abbonamento che permette ogni mese di scoprire le migliori novità in ambito skincare, make-up e beauty con un’esperienza unica e a sorpresa. La missione di Abiby è quella di usare l’esperienza per far scoprire i migliori brand al mondo, quelli che da soli è difficile trovare. Come? Viaggiando costantemente alla ricerca di prodotti […]
  • Vinilia Wine Resort: immergiti nel cuore del Salento
    Vinilia Wine Resort è un’antica dimora risalente agli inizi del ‘900 quando era destinata ad essere la residenza estiva della nobile famiglia degli Schiavoni. Oggi, dopo un’attenta e raffinata attività di restauro conservativo, a cura della famiglia Parisi Lacaita, si appresta a diventare un punto di riferimento per l’accoglienza e per un’autentica esperienza nella terra […]
  • Natura, storia e paesaggi mozzafiato: questa è l’isola di Skye
    Skye è una delle migliori località da visitare in Scozia. È famosa per i suoi paesaggi mozzafiato e per la storia che ha alle spalle. L’isola di Skye è lunga 50 miglia ed è la più grande delle Ebridi Interne, ovvero un arcipelago situato al largo della costa occidentale della Scozia, a sud-est delle Ebridi Esterne. Insieme, […]
  • Tenuta Monacelli: che meraviglia il Salento!
    Masseria Monacelli, masseria fortificata del ‘600 e Masseria Giampaolo, esclusivo borgo del ‘400, si impongono con le loro torri di avvistamento nel cuore del Salento. Situate in prossimità dell’Abbazia romanico-bizantina S. Maria a Cerrate, oggi tra i beni del Fondo Ambiente Italiano, testimoniano tracce di storia. Entrambe custodiscono un prezioso frantoio ipogeo, le stanze di stoccaggio […]
  • Incanto e lusso al Castello di Guarene, in Piemonte
    Nel Settecento, il Castello fu la realizzazione di un sogno di Carlo Giacinto Roero, signore di Guarene. Il nobiluomo voleva una nuova e splendida dimora e se la costruì, la circondò di giardini e la arredò. Ne aveva la capacità e i mezzi: era un buon architetto, sia pure dilettante, un aristocratico di primo piano […]
  • Nina Trulli Resort: la masseria perfetta tra la Costa dei trulli e la Valle d’Itria
    Nina Trulli Resort è una masseria immersa nella tipica campagna pugliese, dalla Costa dei trulli a Valle d’Itria, e si trova a soli 5 Km dal mare. Nella zona di Monopoli, città dalle radicate tradizioni marinare anche conosciuta come Città delle cento contrade, è possibile fare letteralmente un tuffo nel passato pur senza mai rinunciare […]
  • Il paese più felice del mondo? La Finlandia!
    La classifica del World Happiness Report parla chiaro: per il terzo anno di fila il posto più felice del mondo sarebbe la Finlandia. Il World Happiness Report è una classifica redatta dalla United Nations Sustainable Development Solutions Network in base ai dati del Gallup World Poll. Mentre il primo posto vede i colori della bandiera […]
  • Il posto perfetto per staccare dal mondo? Le Isole Lofoten!
    Se pensi che i fiordi norvegesi siano belli, potrebbe interessarti fare una bella vacanza alle Isole Lofoten. Un luogo da sogno, un arcipelago simile a un’appendice di montagne frastagliate incredibilmente belle che si protendono nel Mare di Norvegia a ovest di Narvik. Le varie isole sono unite dalla E10, un’impresa di ingegneria altrettanto impressionante come […]

Categorie

di tendenza