Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Niente maggioranza per il governo Conte al Senato. È l’inizio della fine

Pubblicato

-

In Senato la maggioranza non raggiunge i sospirati 161 voti e quindi le cose si complicano. E di molto anche. Per Giuseppe Conte una caporetto annunciata in una giornata carica di tensione. Ora la parola passa al capo dello Stato Sergio Mattarella in un momento molto delicato per il paese che si ritrova una maggioranza fragilissima ed instabile. 

Incassata la maggioranza assoluta alla Camera, con 321 voti ieri (il plenum dell’assemblea è di 630), il premier Giuseppe Conte ieri ha affrontato la prova del Senato, dove i numeri a sostegno del governo erano molto più risicati.

Italia viva, dopo l’abbandono del governo, ha annunciato la propria astensione nel voto finale e questo ha consentito all’esecutivo di ottenere la fiducia con una maggioranza relativa: non era richiesto un quorum minimo ed è sufficiente superare l’opposizione anche di un solo voto.

Pubblicità
Pubblicità

Le voci si sono altalenate per tutto il giorno e la fiducia è oscillata tra i 152 e i 159 senatori: quelli di M5S , Pd e Leu a cui si sarebbero dovuti aggiungere tra i 12 e i 15 voti provenienti dal gruppo Misto o di transfughi da altri gruppi e 7 dal gruppo delle Autonomie.

Ma poi il pallottoliere ipotetico e virtuale si è trasformato in realtà e alle 21.30 è arrivato il risultato tanto atteso. Conte ottiene la fiducia con 156 voti, ma la maggioranza assoluta è molto lontana. Un governo che si regge su 3 senatori a vita che non saranno mai in aula durante i lavori parlamentari e su altri 2 transfughi di Forza Italia espulsi subito dal partito.

A sostegno del premier si sono schierati i deputati di Pd e M5S con il supporto di LeU, il gruppo Autonomie e il Maie; tra i sostenitori come detto  anche tre senatori a vita: Liliana Segre, Elena Cattaneo e Mario Monti.

Pubblicità
Pubblicità

Ci sono però state delle sorprese nei votanti a favore del governo; due sono infatti stati i deputati “dissidenti” di Forza Italia che si sono schierati dalla parte della maggioranza. Tajani ha fatto subito sapere che i due azzurri sono stati espulsi dal partito.

16 gli astenuti, tutti i senatori di Italia Viva tranne uno, Riccardo Nencini, il socialista odiato dai grillini (fino a poco tempo fa) che ha sostenuto l’esecutivo. Un maggioranza traballante e tenuta in piedi a fatica dai cosi detti «responsabili». L’inizio insomma della fine del governo. 

Dure le accuse di Renzi che si è così espresso nei confronti del Presidente :”Ora si accinge alla terza maggioranza diversa ma ci risparmi di dire che l’agenda di Biden è la sua agenda dopo aver detto che l’agenda di Trump era la sua agenda.” Poi il leader di Italia Viva continua :”Se va alla scuola di Siri e si dice populista, ora non si può dire antipopulista. Non può cambiare le idee per mantenere la poltrona.

Lei ha avuto paura di salire al Colle perché ha scelto un arrocco che spero sia utile per lei ma credo sia dannoso per le istituzioni”, ha aggiunto l’ex presidente del Consiglio.  “La crisi istituzionale non è aperta ma l’Italia vive una crisi sanitaria ed economica”, spiega Renzi sottolineando come l’Italia sia il Paese con il “più alto numero di morti di Covid in rapporto alla popolazione”. “Sono mesi che chiediamo una svolta, non è vero che siamo stati irresponsabili, siamo stati fin troppo pazienti. Questo è un “kairos”, un momento opportuna, ora o mai più si può fare una discussione”, ha proseguito.

I contrari sono stati 140: tutto il centro destra e misti meno i due (ex) azzurri Maria Rosaria Rossi e Andrea Causin. Mentre 16 si sono astenuti.  In Senato quindi il governo non ha la maggioranza.

Il commento di Matteo Salvini è stato :”Ci rivolgeremo a Mattarella. C è un governo che non ha la maggioranza al Senato e sta in piedi con chi cambia casacca.” E ancora: “Ha cambiato la terza maggioranza in tre anni, ha governato con Matteo Salvini – ha aggiunto ancora Renzi -. Oggi so che è il punto di riferimento del progressismo e ne sono contento, ma ha firmato i decreti Salvini e quota 100. Ora si accinge alla terza maggioranza diversa ma ci risparmi di dire che l’agenda Biden è la sua agenda dopo aver detto che l’agenda di Trump era la sua sua agenda. Se va all’assemblea generale dell’Onu e rivendica il sovranismo, non può dirsi antisovranista, se va alla scuola di Siri e si dice populista, ora non può dirsi antipopulista. Non può cambiare le idee per mantenere la poltrona”. 

Il premier Conte che ieri mattina poteva ritenersi soddisfatto per la vittoria ottenuta alla Camera con 321 voti a favore, non può dirsi lo stesso del risultato al senato.

La maggioranza infatti, non essendo assoluta, vacilla e non garantisce stabilità al secondo governo di Conte senza Renzi. Il premier sembra dunque essersi liberato del fiorentino per ora ma la tenuta del suo governo è fragile. Un governo debolissimo e fragile imbrigliato dai «voltagabbaba» e ricattabile in qualsiasi momento.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il turismo enogastronomico cresce anche in pandemia : le tendenze e i cambiamenti del prossimo futuro
    Le esperienze enogastronomiche sono ormai parte integrante dell’esperienza turistica offerta dal nostro Paese, tanto che il covid non è riuscito a fermare la sua potenza economica e il suo appeal commerciale. Rapporto sul Turismo Enogastronomico... The post Il turismo enogastronomico cresce anche in pandemia : le tendenze e i cambiamenti del prossimo futuro appeared first […]
  • Recuperare e riconvertire gli edifici dismessi: un’opportunità per il turismo
    Sicuramente, uno dei settori più colpiti dalla pandemia è stato quello del turismo. Per questo motivo sono stati stanziati 130 milioni di euro da investire nel settore, valorizzando i servizi di ospitalità collegati alla trasformazione... The post Recuperare e riconvertire gli edifici dismessi: un’opportunità per il turismo appeared first on Benessere Economico.
  • Dichiarazione redditi precompilata: quando scattano i controlli e come evitarli
    Dal 10 maggio l’Agenzia delle Entrate ha reso disponibile, nella sezione dedicata del sito internet, la dichiarazione dei redditi precompilata. Solo dal 19 maggio sarà invece possibile modificare, integrare ed inviare la Dichiarazione. In alcuni... The post Dichiarazione redditi precompilata: quando scattano i controlli e come evitarli appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce Open-Es: la piattaforma per lo sviluppo sostenibile aperta a tutte le imprese
    Il tema del cambiamento climatico, obiettivo mondiale per i prossimi anni ha ribaltato l’intera economia compresa di piccoli investitori costretti ad organizzarsi verso il nuovo cambiamento. Questo è il motivo che ha spinto Boston Consulting... The post Nasce Open-Es: la piattaforma per lo sviluppo sostenibile aperta a tutte le imprese appeared first on Benessere Economico.
  • Professionisti e autonomi: esonero contributi e bonus ISCRO in arrivo
    A breve sarà operativo l’esonero dei contributi professionisti per l’anno 2021. Il Decreto attuativo firmato dal Ministro del Lavoro, Orlando dovrà dare operatività alla misura che consentirà di non versare per l’anno in corso contributi... The post Professionisti e autonomi: esonero contributi e bonus ISCRO in arrivo appeared first on Benessere Economico.
  • Mise, al via le candidature IPCEI: contributi fino al 100% per progetti digitali innovativi
    Il Ministero dello Sviluppo economico ha aperto le porte ad un bando più che mai attuale, rivolto a tutte le aziende che manifestano il proprio interesse a partecipare alla costruzione di un “IPCEI” nella catena... The post Mise, al via le candidature IPCEI: contributi fino al 100% per progetti digitali innovativi appeared first on Benessere […]
  • Hotel Sonnenhof: un’oasi di wellness in una location strategica
    Hotel Sonnenhof si trova sulla strada del sole della Val Pusteria e spicca per un design alpino-moderno, un’oasi del wellness semplicemente stupenda e un panorama che non ha eguali. Il nome di questo hotel di Brunico è tutto un programma: soleggiata, infatti, non è solo la posizione del Hotel Sonnenhof – wellness hotel in Alto […]
  • Al Hotel Winkler al Plan de Corones il concetto di vacanza trova un altro livello
    L’Hotel Winkler al Plan de Corones non è un hotel qualsiasi, si tratta infatti di un hotel benessere in Alto Adige con 5 stelle, ma anche uno sport hotel nelle leggendarie Dolomiti, un family resort che propone tanto spazio per grandi e piccoli, un design hotel nel cuore della natura. La particolarità di questo hotel […]
  • Purmontes: uno chalet di lusso in Alto Adige
    Naturale. Autentica. Contemporanea. Senza tempo. Pregiata. Questi sono gli aggettivi che definiscono il nuovo modo d’intendere un’esperienza di villeggiatura esclusiva, nello chalet Purmontes, uno chalet di lusso in Alto Adige. Purmontes spicca per un concetto unico che fonde l’uomo e la natura in un Tutto armonioso. La modernità è sapientemente combinata al passato, le tradizioni […]
  • Hotel Lanerhof, in Val Pusteria per rilassarsi con ogni comfort
    “Sempre sorprendente, sempre diverso, sempre unico e assolutamente indimenticabile. Questa è la vera vacanza all’Hotel Lanerhof, alle porte delle Dolomiti!” Situato nel pittoresco paesino di Mantana, un luogo delizioso dove è possibile ritirarsi in totale distensione per godersi al meglio la magia della varietà. In questo hotel in Val Pusteria è possibile fare esperienze esclusive […]

Categorie

di tendenza