Connect with us
Pubblicità

Trento

Beatrice lascia le capre di Agitu. “Non posso a mie spese”. Lo strano pasticcio dei fondi destinati al sogno della pastora

Pubblicato

-

Hanno portato via le caprette di Agitu. Le hanno caricate su diversi mezzi e trasportate in altri luoghi e presso diversi allevatori che si prenderanno cura di loro, da Lavarone a Vallarsa. Ad annunciarlo tramite un post pubblicato sul suo profilo Facebook è Beatrice Zott, la 19enne mochena che fino a ieri ha accudito gli animali e che ora, a malincuore, ha dovuto salutare.

Oggi le capre di Aghi sono state portate via. Numerosi allevatori hanno preso gli animali in affidamento – scrive Beatrice sul social – . Ci si affeziona in così poco tempo… È stato triste vederle su un camion e vederle separare… Mi è stato chiesto di accudire gli animali fin quando non si sarebbe presa una decisione… (…) Ed infine mi hanno chiesto di prenderle in affidamento, ma non posso permettermelo, a mie spese non avrei potuto… Spero di rivederle sulle montagne e sui pascoli della valle dei Mocheni, dove sono nate, dove anche loro hanno oggi lasciato un pezzo di cuore“.

E alle centinaia di malinconici messaggi di solidarietà che gli utenti del social hanno le hanno rivolto, si stanno aggiungendo in queste ore anche quelli di chi si chiede dove siano finite oggi le promesse di sostegno e soprattutto gli oltre 100mila euro della raccolta fondi lanciata a fine dicembre 2020 per “continuare il sogno della pastora etiope“.

Pubblicità
Pubblicità

Un’iniziativa molto fortunata che già l’8 gennaio del nuovo anno aveva raggiunto l’obiettivo. “Agitu Ideo Gudeta aveva un sogno grandissimo” scriveva Zebenay Jabe Daka, organizzatore della raccolta e presidente dell’associazione Amici dell’Etiopia.

Per onorare la memoria di questa imprenditrice fiera e coraggiosa, per coltivare i suoi progetti, coloro che hanno voluto bene ad Agitu promuovono una raccolta fondi (…) Il suo gregge di capre non deve essere smantellato, le terre che lei aveva affittato non devono tornare ad essere abbandonate”, si leggeva sulla celebre piattaforma di raccolta gofundme.com (questo il link all’iniziativa).Inoltre, i fondi verranno utilizzati per aiutare la famiglia a far fronte alle spese del trasferimento della salma in Etiopia“, concludeva il testo della descrizione.

E se è sacrosanto diritto della compianta imprenditrice realizzare un degno ritorno nella propria terra natia dopo la sua morte (nonché dei parenti di poter avere almeno una tomba su cui piangere la propria cara strappata con la violenza alla vita) sono in molti oggi a chiedersi come verranno destinati i soldi restanti, dato che a quanto pare non sono al momento stati devoluti alla continuità del grande sogno della pastora.

Pubblicità
Pubblicità

Se così fosse stato, forse l’impegno di Beatrice Zott sarebbe potuto proseguire, almeno per un po’, senza intoppi. Ma il pasticcio è presto servito. I fondi sembrano essere stati momentaneamente accantonati. Ma in attesa di cosa? Il rammarico della ragazza è evidente. Rispondendo ad alcune critiche circa l’abbandono dell’affidamento, Zott risponde giustamente piccata.

Mi è stato chiesto di accudire gli animali, la cosa da quanto mi era stato detto era finanziata, dopo venti giorni mi hanno richiamata e mi hanno chiesto se a mie spese posso gestire le capre, io non posso permettermelo (…) se sapevo fin dall’inizio che dovevo gestire a mie spese gli animali non avrei accettato, non avrei potuto. Ho fatto del mio meglio finché me lo hanno permesso poi hanno preso un’altra decisione, senza che io lo sapessi“.

Dello spostamento delle caprette, tra il resto, pare non fosse informata nemmeno l’Associazione Amici d’Etiopia. A rallentare i tempi anche l’ipotesi dell’attesa per la decisione della famiglia sull’accettare o meno l’eredità.

La curatrice del patrimonio avrebbe deciso nel frattempo per il trasferimento degli animali in sicurezza, dato il clima rigido di gennaio e la Federazione provinciale allevatori non avrebbe potuto, dal canto suo, finanziare un progetto di cui non possiede la titolarità, nemmeno a livello proprietario.

Resta l’amaro di un progetto incompiuto, almeno per il momento, nella memoria di Agitu.

(e.c.)

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • VIDEO – Scegliere il mondo come ufficio e diventare nomadi digitali: intervista ad Armando Costantino
    Negli ultimi anni, la tentazione sempre più frequente del “mollo tutto” combinata  all’aumento dello smart working ha creato una nuova tendenza all’interno del panorama lavorativo: i nomadi digitali, conosciuti anche come fulltimers. Persone che hanno scelto di spostare la loro casa in camper e il loro ufficio nel mondo, investendo su loro stessi per riprendersi […]
  • Vado a vivere in un faro!
    Quante volte, leggendo Virginia Woolf o Jules Verne, avete fantasticato su come potrebbe essere vivere in un faro con la sola compagnia del vento e del mare? I fari, nell’immaginario collettivo, sono luoghi straordinari al confine fra mito e realtà, unico baluardo di salvezza per i navigatori durante le notti di tempesta. In realtà, senza […]
  • Hotel e Ristorante Villa Madruzzo: dove ricaricare le batterie a pochi chilometri da Trento
    A quattro chilometri dal centro di Trento si trova uno degli hotel più gettonati del momento: Villa Mandruzzo. Complici anche il ristorante e la meravigliosa area benessere, Villa Mandruzzo è presto diventato uno degli hotel più raccomandati tra coloro che vogliono venire a Trento per godersi alcuni giorni di meritato relax o anche solo per […]
  • Viaggio in Grecia, scegli il fascino mistico di Rodi
    La Grecia è uno di quei luoghi da sogno che tutti dovremmo visitare almeno una volta nella vita. Uno di quei paradisi terrestri neanche troppo lontani dall’Italia che con la sua storia, la sua cultura, il paesaggio naturale, incanta tutti, senza distinzione. Dalle città che hanno fatto la storia come la capitale Atene, simbolo dei […]
  • HP Reinvent: arrivano i nuovi PC per lo smart working
    Grandi novità in arrivo da parte di HP, azienda leader nel settore tecnologico. Durante l’attesissimo evento HP Reinvent dedicato ai propri partner, l’azienda ha lanciato nuovi Pc destinati allo smart working. Ma non solo: l’evento è stato utile per svelare tanti nuovi dispositivi e soluzioni per aiutare le aziende ed i professionisti a migliorare la […]
  • Abbigliamento casual uomo, tutte le dritte per non sbagliare
    Tutti pazzi per l’abbigliamento casual che non è solo comodo ma è anche fashion. Non bisogna confondere, infatti, che casual non è il sinonimo di trasandato e di un abbigliamento approssimativo. Non c’è pensiero più sbagliato perché oggi indossare abiti casual vuol dire vestirsi alla moda, in chiave moderna e innovativa, con uno stile senza […]
  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]

Categorie

di tendenza