Connect with us
Pubblicità

Trento

Beatrice lascia le capre di Agitu. “Non posso a mie spese”. Lo strano pasticcio dei fondi destinati al sogno della pastora

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Hanno portato via le caprette di Agitu. Le hanno caricate su diversi mezzi e trasportate in altri luoghi e presso diversi allevatori che si prenderanno cura di loro, da Lavarone a Vallarsa. Ad annunciarlo tramite un post pubblicato sul suo profilo Facebook è Beatrice Zott, la 19enne mochena che fino a ieri ha accudito gli animali e che ora, a malincuore, ha dovuto salutare.

Oggi le capre di Aghi sono state portate via. Numerosi allevatori hanno preso gli animali in affidamento – scrive Beatrice sul social – . Ci si affeziona in così poco tempo… È stato triste vederle su un camion e vederle separare… Mi è stato chiesto di accudire gli animali fin quando non si sarebbe presa una decisione… (…) Ed infine mi hanno chiesto di prenderle in affidamento, ma non posso permettermelo, a mie spese non avrei potuto… Spero di rivederle sulle montagne e sui pascoli della valle dei Mocheni, dove sono nate, dove anche loro hanno oggi lasciato un pezzo di cuore“.

E alle centinaia di malinconici messaggi di solidarietà che gli utenti del social hanno le hanno rivolto, si stanno aggiungendo in queste ore anche quelli di chi si chiede dove siano finite oggi le promesse di sostegno e soprattutto gli oltre 100mila euro della raccolta fondi lanciata a fine dicembre 2020 per “continuare il sogno della pastora etiope“.

Pubblicità
Pubblicità

Un’iniziativa molto fortunata che già l’8 gennaio del nuovo anno aveva raggiunto l’obiettivo. “Agitu Ideo Gudeta aveva un sogno grandissimo” scriveva Zebenay Jabe Daka, organizzatore della raccolta e presidente dell’associazione Amici dell’Etiopia.

Per onorare la memoria di questa imprenditrice fiera e coraggiosa, per coltivare i suoi progetti, coloro che hanno voluto bene ad Agitu promuovono una raccolta fondi (…) Il suo gregge di capre non deve essere smantellato, le terre che lei aveva affittato non devono tornare ad essere abbandonate”, si leggeva sulla celebre piattaforma di raccolta gofundme.com (questo il link all’iniziativa).Inoltre, i fondi verranno utilizzati per aiutare la famiglia a far fronte alle spese del trasferimento della salma in Etiopia“, concludeva il testo della descrizione.

E se è sacrosanto diritto della compianta imprenditrice realizzare un degno ritorno nella propria terra natia dopo la sua morte (nonché dei parenti di poter avere almeno una tomba su cui piangere la propria cara strappata con la violenza alla vita) sono in molti oggi a chiedersi come verranno destinati i soldi restanti, dato che a quanto pare non sono al momento stati devoluti alla continuità del grande sogno della pastora.

Pubblicità
Pubblicità

Se così fosse stato, forse l’impegno di Beatrice Zott sarebbe potuto proseguire, almeno per un po’, senza intoppi. Ma il pasticcio è presto servito. I fondi sembrano essere stati momentaneamente accantonati. Ma in attesa di cosa? Il rammarico della ragazza è evidente. Rispondendo ad alcune critiche circa l’abbandono dell’affidamento, Zott risponde giustamente piccata.

Mi è stato chiesto di accudire gli animali, la cosa da quanto mi era stato detto era finanziata, dopo venti giorni mi hanno richiamata e mi hanno chiesto se a mie spese posso gestire le capre, io non posso permettermelo (…) se sapevo fin dall’inizio che dovevo gestire a mie spese gli animali non avrei accettato, non avrei potuto. Ho fatto del mio meglio finché me lo hanno permesso poi hanno preso un’altra decisione, senza che io lo sapessi“.

Dello spostamento delle caprette, tra il resto, pare non fosse informata nemmeno l’Associazione Amici d’Etiopia. A rallentare i tempi anche l’ipotesi dell’attesa per la decisione della famiglia sull’accettare o meno l’eredità.

La curatrice del patrimonio avrebbe deciso nel frattempo per il trasferimento degli animali in sicurezza, dato il clima rigido di gennaio e la Federazione provinciale allevatori non avrebbe potuto, dal canto suo, finanziare un progetto di cui non possiede la titolarità, nemmeno a livello proprietario.

Resta l’amaro di un progetto incompiuto, almeno per il momento, nella memoria di Agitu.

(e.c.)

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
Alto Garda e Ledro2 ore fa

«Sport di cittadinanza», seconda serata a Riva del Garda

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

A Flavon una “Cena al buio” in favore dell’UIC (Unione Italiana Ciechi) di Trento

Trento3 ore fa

Trasporto pubblico locale: sciopero venerdì 2 dicembre, prevista un’adesione non superiore al 10%

Le ultime dal Web4 ore fa

Provocazione di Elon Musk su Apple e Android: “potrei creare il mio smartphone”

Benessere e Salute4 ore fa

Come smettere di fumare grazie alla sigaretta elettronica

Trento5 ore fa

In arrivo i nuovi mezzi di Dolomiti Ambiente

Trento6 ore fa

Domani in aula l’esame finale del ddl sulle concessioni delle grandi centrali idroelettriche

Alto Garda e Ledro6 ore fa

Pnrr: confermato il finanziamento del Polo 0-6 anni al rione Due Giugno di Riva del Garda

Piana Rotaliana6 ore fa

“La forza del rispetto”: fotografie, danza e musica a San Michele all’Adige

Vita & Famiglia7 ore fa

Aborto, intolleranza e violenza femminista – La rubrica settimanale “Restiamo Liberi” di Pro Vita & Famiglia

Val di Non – Sole – Paganella7 ore fa

Martedì 29 novembre a Cles la proiezione del film “Fiore di gelsomino” realizzato a scopo benefico per la Cooperativa Sociale Dal Barba

Alto Garda e Ledro8 ore fa

Riva del Garda: mercoledì la fiera patronale di Sant’Andrea

Bolzano8 ore fa

I Vigili del Fuoco salvano un gatto bloccato su un albero – IL VIDEO

Trento8 ore fa

I Mercatini di Natale sono sempre sinonimo di compagnia e divertimento!

Rovereto e Vallagarina8 ore fa

Ala: «Natale nei palazzi barocchi»

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Maxi rissa davanti alla coop di viale Trento a Rovereto

Valsugana e Primiero2 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento2 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Trento5 giorni fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Trento3 settimane fa

Occupa abusivamente 3 parcheggi da anni e nessuno fa nulla

Val di Non – Sole – Paganella1 settimana fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento1 settimana fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Trento3 settimane fa

Le sconcertanti e imbarazzanti parole di Antonio Ferro sulle Oss trentine

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Le ultime dal Web2 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

34 fallimenti in Trentino negli ultimi 12 mesi

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Trento2 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Trento2 settimane fa

Gardolo: autobus va contro un’auto, manda a quel paese il guidatore e scappa

Trento2 settimane fa

Trento in lutto, è morto Rinaldo Detassis fondatore di Elettrocasa

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza