Connect with us
Pubblicità

Trento

Piste da sci chiuse fino al 15 di febbraio: la Pat chiede al governo 4,5 miliardi di euro di risarcimento

Pubblicato

-

Per un altro mese gli impianti di risalita rimarranno chiusi. E’ quanto deciso dal nuovo Dpcm. Dopo quella data ci saranno comunque parecchie incertezze e non è assolutamente detto che si possa pensare ad una riapertura.

L’Anef trentina si riunirà martedì per prendere atto della decisione e fare delle ipotesi su cosa fare dopo il 15 febbraio. E’ infatti possibile che dopo il 15 febbraio lo sci sia permesso solo ai residenti.

Alcuni impianti da sci, lontani logisticamente dalla valle dell’Adige, faranno fatica a riaprire perché non avranno abbastanza clientela nemmeno dal Trentino. Gli altri impianti posizionati meglio a livello logistico potrebbero provare ad aprire nei weekend.

Pubblicità
Pubblicità

Il mondo della ricettività trentina non vede invece nessuna luce in fondo al tunnel. Gianni Battaiola, presidente dell’Asat, ha affermato che il divieto di spostamento tra regioni, indicato nel nuovo Dpcm, ha distrutto gli albergatori e posto fine alla stagione invernale.

Alcune strutture, spiega Battaiola, non avevano aperto nemmeno d’estate perchè pensavano di non avere flussi di turisti sufficienti, e rischiano probabilmente di saltare anche la stagione invernale.

Marco Fontanari, presidente dei Ristoratori di Confcommercio, ha invece spiegato che il Trentino essendo per lo meno in zona gialla fa sì che i ristoranti possano essere aperti a pranzo. Essere nella zona arancione avrebbe portato delle conseguenze più gravi. Fontanari si distanza dalle proteste contro il nuovo Dpcm di altri esercenti.

Pubblicità
Pubblicità

Sul profilo social dell’assessore Roberto Failoni ieri sera è apparso un post che di fatto conferma la presentazione di un documento completo e importante nato da una proposta trentina che richiede un intervento da parte dello Stato di 4,5 miliardi di euro a ristoro di tutte le diverse attività economiche e lavoratori che ruotano attorno al turismo invernale, sia direttamente che indirettamente.

Gli ingenti danni economici causati dal mancato avvio della stagione invernale – solo per il Trentino parliamo di più di un miliardo di euro perso – richiedono infatti adeguati interventi di ristoro nei confronti degli operatori e dei dipendenti della montagna. Chiaramente l’andamento dei fatturati della stagione invernale si concentra principalmente nel periodo dicembre-marzo e quindi tali operatori non hanno fino ad oggi trovato ristoro nelle misure statali, principalmente a causa del criterio che vede il confronto del fatturato aprile 2020 su aprile 2019.

Per questo motivo, nella proposta delle Regioni e Province Autonome viene previsto un duplice intervento:

Per le Aziende o lavoratori autonomi appartenenti ai codici ateco propri del settore turistico invernale e – la novità – per tutte le Aziende o lavoratori autonomi appartenenti all’indotto si prevede un contributo calcolato – con due quote di erogazione – sul calo di fatturato della stagione invernale da novembre a maggio 2020/2021 rispetto al fatturato dei mesi di novembre-maggio 2018/2019

In particolare, la pat ha proposto le seguenti percentuali di intervento sulla differenza di fatturato tra i due periodi presi in considerazione: 50% per i soggetti con ricavi non superiori a 2,5 milioni di € nel periodo d’imposta 2019; 40% per i soggetti con ricavi tra i 2,5 e i 5 milioni di €; 30% per i soggetti con ricavi superiori ai 5 milioni di €. Il contributo spetta anche in assenza dei requisiti di fatturato ai soggetti che hanno attivato la partita IVA a partire dal 1° novembre 2018.

INTERVENTO A FAVORE DEI LAVORATORI STAGIONALI – Il Decreto ristori stabilisce un ristoro una tantum di 1.000€ + 1.000€ per i lavoratori stagionali del turismo, degli stabilimenti termali e dello spettacolo. Considerando che il decreto ristori copriva novembre – dicembre, chiediamo il riconoscimento una tantum di 2.000 € per i mesi di gennaio – febbraio per i lavoratori del turismo invernale, stagionali o autonomi che non possiedono partita IVA o affini, a cui vanno aggiunti altri 2.000 € per marzo-aprile non dovessero essere riassunti.

In alternativa a queste misure la pat chiede il trasferimento alle Regioni e Province Autonome interessate di un volume di risorse adeguato per attivare in autonomia queste misure di contributo.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Vado a vivere in un faro!
    Quante volte, leggendo Virginia Woolf o Jules Verne, avete fantasticato su come potrebbe essere vivere in un faro con la sola compagnia del vento e del mare? I fari, nell’immaginario collettivo, sono luoghi straordinari al confine fra mito e realtà, unico baluardo di salvezza per i navigatori durante le notti di tempesta. In realtà, senza […]
  • Hotel e Ristorante Villa Madruzzo: dove ricaricare le batterie a pochi chilometri da Trento
    A quattro chilometri dal centro di Trento si trova uno degli hotel più gettonati del momento: Villa Mandruzzo. Complici anche il ristorante e la meravigliosa area benessere, Villa Mandruzzo è presto diventato uno degli hotel più raccomandati tra coloro che vogliono venire a Trento per godersi alcuni giorni di meritato relax o anche solo per […]
  • Viaggio in Grecia, scegli il fascino mistico di Rodi
    La Grecia è uno di quei luoghi da sogno che tutti dovremmo visitare almeno una volta nella vita. Uno di quei paradisi terrestri neanche troppo lontani dall’Italia che con la sua storia, la sua cultura, il paesaggio naturale, incanta tutti, senza distinzione. Dalle città che hanno fatto la storia come la capitale Atene, simbolo dei […]
  • HP Reinvent: arrivano i nuovi PC per lo smart working
    Grandi novità in arrivo da parte di HP, azienda leader nel settore tecnologico. Durante l’attesissimo evento HP Reinvent dedicato ai propri partner, l’azienda ha lanciato nuovi Pc destinati allo smart working. Ma non solo: l’evento è stato utile per svelare tanti nuovi dispositivi e soluzioni per aiutare le aziende ed i professionisti a migliorare la […]
  • Abbigliamento casual uomo, tutte le dritte per non sbagliare
    Tutti pazzi per l’abbigliamento casual che non è solo comodo ma è anche fashion. Non bisogna confondere, infatti, che casual non è il sinonimo di trasandato e di un abbigliamento approssimativo. Non c’è pensiero più sbagliato perché oggi indossare abiti casual vuol dire vestirsi alla moda, in chiave moderna e innovativa, con uno stile senza […]
  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]

Categorie

di tendenza