Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Il reddito di cittadinanza dei cinque stelle? È ormai fuori controllo, lo intascano migranti spariti, mafiosi, ricconi e delinquenti della peggiore specie

Pubblicato

-

Con il reddito di cittadinanza voluto dal movimento cinque stelle va sempre peggio. Ora si scopre che molti migranti che da mesi non vivono più in Italia sono ancora “aiutati” dallo Stato con il reddito di cittadinanza che in due anni dalla nascita non ha prodotto i risultati sperati e si è dimostrato un gigantesco flop pagato naturalmente dai contribuenti italiani. E ci mancherebbe.

A denunciare i “furbetti” che hanno continuato a intascare i soldi nonostante siano lontani dal nostro Paese è il sindaco di Sesto San Giovanni, Roberto Di Stefano, dopo alcune verifiche che lui stesso ha svolto in prima persona. Il primo cittadino ha ricordato che il “reddito di cittadinanza era nato per aiutare chi aveva bisogno di lavorare” ed invece si è rivelato “uno strumento utilizzato da molti furbetti che vogliono incassare soldi senza fare nulla”.

Di Stefano ha sottolineato che se è vero che non tutti si comportano così, ci sono molti che “se ne approfittano, sottraendo risorse a chi davvero ne ha bisogno, con la complicità anche del governo”.

Pubblicità
Pubblicità

I numeri resi pubblici dal sindaco sono chiari e riportati anche su ilGiornale parlano chiaro: “Tra i primi 48 percettori del reddito di cittadinanza chiamati dal Comune per i colloqui psicoattitudinali, 30 hanno aderito ai progetti di utilità collettiva messi a punto dall’amministrazione, ha fatto sapere il primo cittadino che nelle scorse settimane aveva studiato una serie di progetti per impiegare i percettori del reddito di cittadinanza.

Il resto, quindi altre 18 soggetti, “non hanno risposto o non si sono resi disponibili. Praticamente il 38% delle persone contattate”, ha continuato Di Stefano che ha poi spiegato come abbia lui stesso verificato personalmente i fascicoli di ognuno di questi soggetti: “Si tratta principalmente di stranieri che non sono più sul nostro territorio nazionale e sono spariti, ma intanto hanno preso il sussidio per mesi. Altri ancora ci rispondono che non possono venire perché impegnati e vorrebbero l’appuntamento fuori dall’orario di lavoro”.

Ma purtroppo non è tutto. La guardia di finanza solo alcuni giorni fa ha scoperto nel Ragusano 47 persone che beneficiavano illecitamente del reddito di cittadinanza: 46 sono stati denunciati alla procura e segnalati all’Inps, uno è stato segnalato solo all’istituto previdenziale.

Pubblicità
Pubblicità

I militari hanno spulciato le posizioni di 154 famigliari delle persone che avevano presentato la domanda per accedere al beneficio e hanno scoperto l’indebita percezione di somme per un ammontare di oltre 461mila euro.

Dodici indagati sarebbero abituali giocatori sulle piattaforme di gioco online, arrivando a scommettere addirittura centinaia di migliaia di euro, utilizzando fonti di reddito evidentemente occultate al Fisco, come emerge dalle indagini della Gdf.

Un ragusano, percettore di reddito di cittadinanza tra aprile 2019 e novembre 2020 per circa 22 mila euro, è risultato aver realizzato nello stesso periodo vincite al gioco per circa 400mila euro. A Pozzallo, i finanzieri hanno individuato un nucleo familiare, in cui tutti i componenti risultavano giocatori abituali su piattaforme digitali, arrivando ad accumulare sui propri conti di gioco più di 140mila euro, situazione poi omessa nelle comunicazioni all’Inps.

Undici persone avevano “dimenticato” di comunicare all’Inps il possesso di beni immobili di valore nettamente superiore al limite massimo previsto dalla normativa vigente per accedere al beneficio del Rdc, mentre altre 4 sono state denunciate in quanto avevano omesso di autocertificare l’acquisto di autoveicoli e motoveicoli di cilindrata superiore ai limiti consentiti.

Nei primi giorni dell’anno i Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Messina hanno dato esecuzione al decreto di sequestro preventivo delle somme indebitamente percepite da diversi soggetti non aventi diritto al beneficio del reddito di cittadinanza, in quanto condannati a titolo definitivo nell’ultimo decennio per reati di mafia, ovvero familiari di soggetti condannati per medesimi reati.

A seguito della verifica di tali presupposti, soggettivi ed oggettivi, quindi, l’attività svolta ha portato alla denuncia di 25 soggetti, sventando così una frode di circa 330.000  euro perpetrata da soggetti condannati per reati di mafia e/o loro familiari che avevano fraudolentemente omesso di dichiarare il proprio status nell’istanza per ottenere il beneficio del reddito di cittadinanza.

Tra le principali attività illecite, per le quali i soggetti coinvolti nell’indagine risultano essere condannati, spiccano le estorsioni, l’usura, il traffico di sostanze stupefacenti, il voto di scambio, il maltrattamento e l’organizzazione di competizioni non autorizzate di animali.

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Bonus Tv, fino a 100 euro senza limiti di Isee: come funziona
    Dal Ministero dello Sviluppo economico e dal Ministero dell’Economia e delle Finanze debutterà un nuovo decreto che prevede 100 euro, senza limiti di Isee per la rottamazione della vecchia “tv” Il cambio del digitale terrestre... The post Bonus Tv, fino a 100 euro senza limiti di Isee: come funziona appeared first on Benessere Economico.
  • Smart Money, contributi a fondo perduto per Startup innovative
    Con una dotazione totale di 9,5 milioni di euro, a partire dal 24 giugno potranno essere presentate le domande di agevolazione per Startup innovative dal Programma Smart Money. Smart Money, Cos’è Smart Money è una... The post Smart Money, contributi a fondo perduto per Startup innovative appeared first on Benessere Economico.
  • Codacons, proposta di risarcimento per somministrazione Astrazeneca agli under 60
    Il caos generato intorno al siero anti-covid, Astrazeneca che ha gettato nel panico, nell’incertezza e nella cattiva informazione migliaia di italiani ha spinto Codacons a lanciare un’azione collettiva per il risarcimento. Il caso Astrazeneca Uno... The post Codacons, proposta di risarcimento per somministrazione Astrazeneca agli under 60 appeared first on Benessere Economico.
  • Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob
    Il fenomeno criptovalute è così attuale e crescente, tanto da spingere il numero uno della Consob, Paolo Savona a lanciare un’allarme sulla situazione. La similitudine tra criptovalute e mutui subprime Savona infatti, ha dedicato un... The post Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta
    Il vecchio Bonus Renzi da 80 euro si evolve e diventa un Bonus Irpef da 100 euro. Con l’ultima legge di Bilancio infatti, vengono riviste le regole e il nome del vecchio bonus. A chi... The post Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta appeared first on Benessere Economico.
  • Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste
    Il Governo potrebbe estendere l’esenzione Imu, ampliando la categoria di soggetti che non saranno tenuti a versare la prima rata. Imu 2021, chi rientra nell’esenzione Un nuovo emendamento al Decreto Sostegni Bis potrebbe andare incontro... The post Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce il primo superstore senza casse: Amazon conquista con l’innovazione
    All’interno dell’immensa panoramica della distribuzione organizzata, mette piede con estrema originalità il colosso Amazon che, potenziando ulteriormente la sua offerta apre il primo negozio senza cassa. Dall’idea senza dubbio originale e molto innovativa nasce un Fresh store in cui i clienti possono fare comodamente la spesa e uscire direttamente dalla corsia dedicata: “ senza pagare”. […]
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]

Categorie

di tendenza