Connect with us
Pubblicità

Trento

Matteo Renzi ritira le ministre di Italia Viva. Si apre la crisi di governo

Pubblicato

-

«Nessun mano tesa dal centro destra a qualsiasi governo della sinistra. Deve nascere una nuova maggioranza che abbia un progetto politico» – Aveva spiegato nel pomeriggio Matteo Salvini, a cui ha fatto eco anche Forza Italia che ha respinto al mittente la richiesta di sostengo ad un governo ter fatta ieri dal parlamentare del PD Bettini nel tentativo estremo di non far saltare il governo. Giorgia Meloni invece ha tagliato corto: «Noi siamo per andare alle elezioni anticipate» 

Dopo le dichiarazioni delle opposizioni, in grado di formare fin da subito una maggioranza in parlamento, il premier Conte è diventato più solo. Il premier era salito a metà pomeriggio dal capo dello Stato per approfondire la situazione politica che ha portato alla crisi.

All’uscita assalito dai giornalisti non ha voluto parlare di Renzi ma ha snocciolato alcuni punti del recovery Plan approvato ieri sera dal consiglio dei ministri con l’astensione delle due ministre di Italia Viva. Caduto tristemente anche l’aiuto da parte dei cosi detti responsabili Conte ha atteso il suo destino sentendo le parole pronunciate da Renzi durante la conferenza stampa iniziata alle 18.15 in ritardo di 45 minuti.

Pubblicità
Pubblicità

Renzi ha attaccato subito confermando le dimissioni delle due ministre di Italia Viva. «Davanti a questa crisi bisogna risolvere i problemi e non nasconderli. Noi siamo vicini a tutti quelli che combattono questo virus ma siamo anche consapevoli i che dobbiamo dare risposte al paese. La crisi politica è aperta da mesi e non da ieri, altre forze politiche hanno chiesto un salto di qualità, uno scatto in avanti ma si continua a rinviare». Renzi ha confermato piena fiducia in Sergio Mattarella e ha affrontato i tre punti cardini che hanno costretto a dire basta a questo governo.

Il primo punto è di metodo. «Abbiamo fatto nascere questo governo per evitare che Salvini vada al potere, ed ora ci siamo accorti che Conte fa ancora peggio di lui. I continui Dpcm, lo show del ritorno dei pescatori rapiti, il mancato passaggio sempre dal parlamento per i decreti, tutti gli errori commessi il volere le deleghe dei servizi segreti hanno creato imbarazzo» 

Il secondo punto è il fatto che «non può essere pandemia a tenere insieme un governo. Bisogna aprire i cantieri, costruire un progetto economico, aiutare le imprese. La vita del paese va avanti nonostante l’emergenza sanitaria. La Democrazia non è reality show.»

Pubblicità
Pubblicità

Il terzo è legato al Recovery Plan: «Abbiamo fatto una battaglia su questo, e alla fine ci hanno dato regione. Ma ci sono molti punti ancora da cambiare. Meno bonus e più investimenti. È irresponsabile non prendere il MES che serve per migliorare la nostra sanità. Noi sosteremmo lo scostamento di bilancio, le misure sul covid, il decreto ristori  ma non siamo pronti a rimanere attaccati alla poltrona sapendo che le cose non sono fatte nel modo giusto. Se c’è una crisi politica la sia affronta in sede istituzionali e non sui social»

Renzi ha confermato che non esiste nessuna possibilità di un ribaltone, «Noi non governeremo mai con la Destra. Noi vogliamo vedere il progetto per l’Italia da qui al 2023, perché questo governo fino ad ora ha solo parlato, ma di fatti ancora zero» 

Matteo Renzi in conclusione ha lanciato la palla a Conte lasciando capire che non ci sarà un terzo governo Conte «Deve decidere lui cosa fare, noi siamo pronti a tutto, a sostenere un nuovo governo e quant’altro. Noi vogliamo il MES. Noi siamo liberi, possiamo rimanere in maggioranza ma anche andare all’opposizione, ma non ci facciamo prendere in giro. Non credo al voto, perché ci sono le condizioni per trovare una nuova maggioranza» 

Matteo Renzi ha concluso attaccando ancora il Premier Conte: «In nome della pandemia lui ha dimenticato la libertà degli italiani e la democrazia, e questo noi non possiamo permetterlo. Le sue scelte stanno portando il paese alla fame e alla povertà, è ora di finirla con l’assistenzialismo e la sussidiarietà.» Alla fine ha aperto ad un nuovo governo ma senza Conte, «Non abbiamo preclusioni sui nomi, ma vogliamo far ripartire il paese»

L’idea è che l’unico modo per salvare questo governo sia l‘approvazione del MES e il riportare il parlamento al centro dell’attenzione democratica. Ora Conte dovrà decidere se salire al colle e dimettersi oppure tentare la fortuna in parlamento sperando in alcuni responsabili. Ma il tempo è poco, molto poco, e gli italiani hanno bisogno di riposte chiare e veloci.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]

Categorie

di tendenza