Connect with us
Pubblicità

Trento

Arresto nigeriani: guadagni di 2.500 euro al giorno per ogni pusher e un fondo per pagare gli avvocati in caso di arresto

Pubblicato

-

45 mila intercettazioni e decine di appostamenti, 16 nigeriani arrestati e numerose perquisizioni, sono il bilancio della complessa attività di indagine che ha permesso di smantellare l’organizzazione che da Verona ‘esportava’ la droga verso il Trentino.

Eroina e cocaina in un primo momento stoccate a Vicenza, venivano poi portate direttamente nella zona di piazza Dante tramite piccoli spacciatori impegnati quotidianamente a fare la spola con la città scaligera.

A capo della filiera due nigeriani, madre e figlio residenti a Verona. La donna, Agho Isoken Tina, detta ‘mamma T‘ gestiva un negozio di articoli etnici in zona via XX settembre.

Pubblicità
Pubblicità

Il sistema criminoso si basava su una gerarchia fortemente improntata alla violenza e all’assoggettamento da parte dei vertici verso la base. L’attività portava nelle tasche dei narcotrafficanti tra i 2000 e i 2500 euro al giorno per singolo spacciatore. I soldi venivano poi depositati in una ‘cassa comune’ che serviva poi per pagare le spese degli avvocati in caso di arresti.

Nell’ordinanza di custodia cautelare è emerso che le organizzazioni dedite allo spaccio di droga erano fortemente organizzate al loro interno, sia dal punto di vista dei ruoli assunti da ogni persona, sia attraverso tecniche di elusione della polizia. Per questa la banda di criminali era in grado di raggiungere un numero elevato di consumatori.

Le organizzazioni avevano una struttura gerarchica. Ogni persona aveva dei ruoli specifici: si passa dall’autorità delle persone al vertice, a coloro che organizzano il luogo dell’appuntamento, i clienti a cui vendere le sostanze, il prezzo e tutte le accortezze per eludere la polizia e via di seguito. Un organizzazione capillare in tutte le sue branchie impostate per fare business alle spalle dei tossicodipendenti per lo più giovanissimi.

Pubblicità
Pubblicità

Esisteva persino il ruolo dell’esattore. Era l’incarico che, da quanto ha scritto il giudice Borrelli, ricopriva David Johnson. L’esattore aveva il compito di farsi dare i soldi dai clienti che non avevano pagato la sostanza stupefacente. I clienti stessi ricevevano minacce di ritorsioni fisiche qualora non avessero pagato la merce acquistata.

Emmanuel Ezedinachi ricopriva invece un altro ruolo. Lui era il responsabile dell’afflusso di eroina sulla piazza di Trento e Rovereto. Ogni giorno, attraverso il pagamento di un’autista, partiva da Verona e arrivava a Trento. Alla fine della giornata ritornava nel luogo di residenza con le tasche gonfie di soldi. L’uso del taxi era un espediente che senza dubbio portava i rischi di essere individuato e fermato al minimo.

Le piattaforme social vengono utilizzate dalle organizzazioni per gestire il traffico e i contatti, e soprattutto per stabilire gli appuntamenti.

Pur non essendo oggetto di contestazione nei provvedimenti presentati ieri presso la Questura emergono anche degli episodi inquietanti che riguardano lo sfruttamento della prostituzione.

Un nigeriano della banda infatti ha «promosso l’ingresso illegale sul territorio nazionale di una donna nigeriana con lo specifico intento di avviarla alla prostituzione». La donna appena giunta a Milano come da accordi presi in Libia ha dovuto chiamare il numero dl capo della banda Mama T.

Poi la giovane africana accompagnata da un ragazzo nigeriano a Verona, è stata obbligata subito a prostituirsi. A Mama T avrebbe poi consegnato 15.000 ero frutto del meretricio che poi sono stati investiti nell’acquisto della droga poi venduta in piazza Dante

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]

Categorie

di tendenza