Connect with us
Pubblicità

Trento

Ieri il sit – in dell’Oipa sotto il palazzo della provincia di Trento

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Continua il braccio di ferro tra associazioni animaliste e provincia autonoma di Trento. Ieri davanti alla provincia c’è stato un sit – organizzato dall’Oipa con la presenza però di pochi militanti.

L’Oipa vuol vederci chiaro nelle cifre spese nell’operazione orsi al Casteller e per farlo ha depositato un esposto-denuncia alla Corte dei Conti col quale si chiede di indagare la Provincia.

L’atto è stato depositato il 27 dicembre tramite Pec ed è stato reso ufficiale ieri mattina in occasione del sit in di protesta che l’associazione animalista supportata dall’ex consigliere comunale Marco Ianes, ha organizzato sotto il palazzo della provincia.

Ornella Dorigatti megafono alla mano, ha elencato le cifre finora spese rifacendosi alle dichiarazione dell’assessora Zanotelli che ha riferito di 15 mila euro spesi per il mantenimento degli orsi, di 160 mila per la recinzione e di 80 mila di spese veterinarie ripartite tra tre professionisti.

In aggiunta sempre secondo quanto affermato da Ornella Dorigatti, ce ne sono altro 630 mila per adeguare il Casteller come ha dichiarato il dirigente dei Servizi Faune e Foreste dottor Giovannini nella Determinazione 554 del 2 dicembre 2020.

Quali sono le cifre realmente spese chiede Ornella Dorigatti, ma a anche a quanto potrebbe ammontare il danno d’immagine per il Trentino conseguente alla gestione degli orsi? Da questi presupposti nasce l’esposto denuncia.

Pubblicità
Pubblicità

Un’altra considerazione messa sul tavolo dall’Oipa: il totale spesa è del tutto ingiustificato se rapportato ai danni che l’orso ha procurato nel 2019 che ammontano a 152 mila e 689 euro ( fonte Rapporto Grandi carnivori) ed a questo punto, suggerisce la Dorigatti, la soluzione migliore non sarebbe quella di liberare gli orsi in alta quota, risolvendo in un colpo solo anche tutte le pendenze legali?

L’Oipa chiede anche il motivo del mancato investimento della Provincia per la realizzazione dei corridoi faunistici che permetterebbero a tutti gli animali selvatici di spostarsi senza attraversare i centri abitati e perché non si preveda il posizionamento diffuso di cassonetti antiorso.

Va ricordato però che  nel maggio del 2020 Il Tribunale regionale di Giustizia amministrativa aveva respinto, con la sentenza numero 62 del 12 maggio 2020, il ricorso presentato da alcune associazioni animaliste contro le ordinanze del Presidente della Provincia che aveva disposto la cattura e l’eventuale abbattimento dell’orso M49.

In particolare il Tribunale amministrativo aveva riconosciuto che l’amministrazione ha valutato correttamente i presupposti di pericolo e l’urgenza di intervenire a tutela dell’incolumità delle persone e a questo fine il Presidente della Provincia si era legittimamente avvalso del potere di ordinanza attribuitogli dallo Statuto d’autonomia.

La decisione del Tar allora aveva contrastato con quella del Ministero dell’Ambiente che non aveva rilasciato l’autorizzazione alla cattura.

Cattura che l’Amministrazione provinciale aveva chiesto a fronte di un quadro chiaro supportato da precisi elementi tecnici e da un altrettanto chiaro parere di ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale).

Il Tar inoltre aveva ribadito il fondamentale principio che la protezione di ogni esemplare di orso trova un preciso limite nella tutela della sicurezza pubblica e nel pericolo per l’uomo.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento26 minuti fa

Presentato il nuovo assetto della psichiatria trentina

Trento60 minuti fa

Safer Internet Day 2023: l’impegno per rafforzare l’alleanza scuola, famiglia, esperti e comunità

Trento1 ora fa

Materne aperte a luglio, polemica sui dati. Maestri (PD): «Sono apparentemente gonfiati»

Politica13 ore fa

Fedriga presenta la sua lista personale: Salvini e la Lega spariscono dai simboli

Val di Non – Sole – Paganella13 ore fa

Nuovi orari per il Crm di Fai della Paganella

Val di Non – Sole – Paganella13 ore fa

“Per chi splende questo lume”: a Fondo la storia di Virginia Gattegno

Vita & Famiglia13 ore fa

Sanremo. Pro Vita & Famiglia: «Amadeus e Rai lascino in pace i bambini»

Piana Rotaliana13 ore fa

Mezzolombardo, da giovedì via ai lavori agli uffici postali (che potrebbero durare meno del previsto)

Alto Garda e Ledro15 ore fa

Rolex finisce negli oggetti smarriti del comune, la polizia Locale però scopre che è un falso

Trento15 ore fa

Vigili del fuoco volontari, la nuova sede a Ravina nei pressi dell’uscita A22

Trento16 ore fa

Corte dei Conti, nominato l’ex Commissario del Governo, Gianfranco Bernabei

Italia ed estero16 ore fa

Piccolo miracolo in Siria, neonata trovata viva tra le macerie

Val di Non – Sole – Paganella16 ore fa

Alla Csen Arena di Cavareno arrivano i campi da padel

Le ultime dal Web16 ore fa

Il web si scatena: chi è e perché nelle ultime ore viene nominato Frank Hoogerbeets?

Val di Non – Sole – Paganella16 ore fa

“Predaia Arte & Natura”: aperte le iscrizioni alla quinta edizione del simposio di scultura

Trento2 settimane fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Trento3 giorni fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Offerte lavoro2 settimane fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Trento21 ore fa

Occupazione abusiva Cognola: dopo il danno arriva anche la beffa

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento3 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento4 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena7 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento3 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza