Connect with us
Pubblicità

Italia ed estero

Un delitto senza movente, che fine hanno fatto gli assassini di Marta Russo?

Pubblicato

-

Dopo i delitti della banda della Uno Bianca dove abbiamo scritto che fine hanno fatto tutti i condannati oggi scriviamo del caso di Marta Russo, un omicidio noto anche come il delitto della Sapienza, che avvenne all’interno della città universitaria della Sapienza di Roma il 9 maggio 1997.

Il caso di Marta Russo è finito negli anni per diventare uno dei più grandi, controversi ed inquietanti misteri della cronaca nera italiana.

Marta Russo, studentessa ventiduenne di giurisprudenza, fu gravemente ferita da un colpo di pistola mentre camminava in un vialetto attiguo all’università La Sapienza, morendo cinque giorni dopo in ospedale. L’omicidio fu molto controverso e le indagini furono effettuate con molte difficoltà e non convinsero fino in fondo in mancanza di un vero movente. 

Pubblicità
Pubblicità

Fra le prime ipotesi c’erano lo scambio di persona, il “delitto perfetto” o il terrorismo, e infine lo sparo accidentale, tesi questa che fu dibattuta durante il processo.

Indagati fin dalle prime battute furono Giovanni Scattone e Salvatore Ferraro allora 30 enni, assistenti universitari, e Francesco Liparota l’usciere della scuola.

Alla fine dopo 6 anni di processi furono condannati in via definitiva dalla Cassazione Scattone condannato a 5 anni e 4 mesi per omicidio colposo aggravato, perché avrebbe materialmente sparato; Ferraro a 4 anni e 2 mesi per favoreggiamento, tutti scontati ai domiciliari. Mentre uscì di scena l’usciere Francesco Liparota, inizialmente condannato per favoreggiamento.

Pubblicità
Pubblicità

Come detto il movente non fu mai chiaro, ma secondo le ricostruzioni la morte di Marta Russo fu provocata da uno stupido gioco. Il colpo infatti sarebbe partito per errore e una serie di rimbalzi (provati dai rilievi) fecero arrivare il proiettile nella testa della povera ragazza.

La pistola non fu mai ritrovata, né fu ritrovato il bossolo. Nella condanna dei due furono fondamentali le testimonianze, modificate in realtà più volte, di due donne: l’assistente universitaria Maria Chiara Lipari e la segretaria Gabriella Alletto.

Ma tutto partì dal ritrovamento della famosa “particella”, che servì a identificare da dove sarebbe stato sparato il colpo di pistola che raggiunse la studentessa.

Su quell’elemento, e grazie poi alle dichiarazioni iniziali di Lipari, seguite da quelle di Alletto, gli inquirenti ricostruirono ( o costruirono) la presenza nella famosa aula 6 da dove si pensò fosse partito il colpo mortale, e poi le responsabilità. E una terza donna, Giuliana Olzai, diverse settimane dopo il fatto, testimoniò di aver aver visto Scattone e Ferraro insieme, all’Università, che si davano alla fuga.

Ma dopo 23 anni i due imputati che fine hanno fatto? Oggi Giovanni Scattone lavora come insegnante di filosofia a Roma. Nel 2011 come supplente presso il liceo scientifico Cavour poi all’Einaudi di Roma. Ha dovuto rinunciare a diverse opportunità per tutto quello strascico di fatti che inevitabilmente hanno segnato la sua esistenza.

Ha lavorato come traduttore, editor e giornalista. Oggi ha 49 anni, è sposato con Cinzia Giorgio dal 2001 e conduce una vita ‘normale’. Dopo la condanna Ferraro ha militato nelle file del partito radicale. Ha avuto ruoli all’interno dello stesso partito, ma anche presso la Camera dei Deputati come consulente.

Ha scritto libri, spettacoli e fa battaglie per i riconoscimenti dei diritti dei più deboli e di chi ha subito ingiustizie e maltrattamenti con la sua associazione ‘Il detenuto ignoto’. Ha fondato con altri detenuti la band ‘Presi per caso’ per la quale scrive i brani.

Anche per lui, comunque, la vita non è stata facile dopo i fatti di quel maggio del ’97. Dovrà pagare tutte le spese del giudizio e della detenzione carceraria, circa 300 mila euro: fanno parte della pena. Lavora come avvocato.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Castello Bonaria: nell’Alta Maremma un Luxury SPA Resort di eccellenza
    Meta ideale per chi sogna una vacanza in cui i tempi vengono scanditi dal silenzio e dall’armonia della natura, il Castello Bonaria offre agli ospiti anche un Centro Benessere, una piscina e un Ristorante con terrazza sulle colline toscane: tutto quello che serve per un Luxury SPA Resort di eccellenza. Adagiato tra vigneti e uliveti, il […]
  • AVA&MAY: home decor e candele dai profumi esotici
    A chi non piacciono le candele? A chi non piace entrare in casa e sentire subito il profumo fresco di pulito e di casa? Quanto si parla di candele, profumi e prodotti per la casa, si va subito a pensare ad Ava&May, un brand relativamente giovane ma di altissima qualità e dai prodotti con profumi […]
  • VIDEO – Scegliere il mondo come ufficio e diventare nomadi digitali: intervista ad Armando Costantino
    Negli ultimi anni, la tentazione sempre più frequente del “mollo tutto” combinata  all’aumento dello smart working ha creato una nuova tendenza all’interno del panorama lavorativo: i nomadi digitali, conosciuti anche come fulltimers. Persone che hanno scelto di spostare la loro casa in camper e il loro ufficio nel mondo, investendo su loro stessi per riprendersi […]
  • Vado a vivere in un faro!
    Quante volte, leggendo Virginia Woolf o Jules Verne, avete fantasticato su come potrebbe essere vivere in un faro con la sola compagnia del vento e del mare? I fari, nell’immaginario collettivo, sono luoghi straordinari al confine fra mito e realtà, unico baluardo di salvezza per i navigatori durante le notti di tempesta. In realtà, senza […]
  • Hotel e Ristorante Villa Madruzzo: dove ricaricare le batterie a pochi chilometri da Trento
    A quattro chilometri dal centro di Trento si trova uno degli hotel più gettonati del momento: Villa Mandruzzo. Complici anche il ristorante e la meravigliosa area benessere, Villa Mandruzzo è presto diventato uno degli hotel più raccomandati tra coloro che vogliono venire a Trento per godersi alcuni giorni di meritato relax o anche solo per […]
  • Viaggio in Grecia, scegli il fascino mistico di Rodi
    La Grecia è uno di quei luoghi da sogno che tutti dovremmo visitare almeno una volta nella vita. Uno di quei paradisi terrestri neanche troppo lontani dall’Italia che con la sua storia, la sua cultura, il paesaggio naturale, incanta tutti, senza distinzione. Dalle città che hanno fatto la storia come la capitale Atene, simbolo dei […]
  • HP Reinvent: arrivano i nuovi PC per lo smart working
    Grandi novità in arrivo da parte di HP, azienda leader nel settore tecnologico. Durante l’attesissimo evento HP Reinvent dedicato ai propri partner, l’azienda ha lanciato nuovi Pc destinati allo smart working. Ma non solo: l’evento è stato utile per svelare tanti nuovi dispositivi e soluzioni per aiutare le aziende ed i professionisti a migliorare la […]
  • Abbigliamento casual uomo, tutte le dritte per non sbagliare
    Tutti pazzi per l’abbigliamento casual che non è solo comodo ma è anche fashion. Non bisogna confondere, infatti, che casual non è il sinonimo di trasandato e di un abbigliamento approssimativo. Non c’è pensiero più sbagliato perché oggi indossare abiti casual vuol dire vestirsi alla moda, in chiave moderna e innovativa, con uno stile senza […]
  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]

Categorie

di tendenza