Connect with us
Pubblicità

Spettacolo

Successo per la fiction su Chiara Lubich: è stato il programma più seguito con 5,6 milioni di spettatori

Pubblicato

-

La Rai può dirsi soddisfatta. La fiction su Chiara Lubich ha riscosso successo fra i telespettatori. E’ stata girata a Trento con la collaborazione della Trentino Film Commission e il sostegno della Fondazione Museo Storico del Trentino.

Il film tv Chiara Lubich L’amore vince Tutto, trasmesso domenica 3 gennaio da Rai1, è stato il programma più seguito della prima serata tv, con 5.641.000 spettatori e il 23% di share.

Chiara Lubich, intrepretata magistralmente da Cristiana Capotondi, è la fondatrice del Movimento dei Focolari, (nel centenario della sua nascita) che ad oggi conta circa due milioni di persone sparse in tutto il mondo.

Pubblicità
Pubblicità

L’attrice ha dichiarato di essere stata felice di interpretare Chiara Lubich, una donna contraddistinta, dice, “dalla semplicità, è la semplicità, unita a un pizzico di follia. Il movimento dei Focolari comprende due milioni di persone in più di 180 Paesi del mondo e Chiara riusciva a parlare con tutti, faceva già quegli incontri che noi oggi facciamo online, anche se solo in maniera radiofonica, perché sapeva che c’era bisogno di condividere certi valori, In quest’epoca in cui abbiamo smesso di farci domande e non riusciamo nemmeno ad affrontare certe tematiche, la figura di Chiara Lubich interpretata laicamente è fondamentale».

Durante la fiction emergono i suoi ideali di unità e di fratellanza, che durante la guerra (siamo a Trento nel 1943) appaiono quasi fuori luogo.

Chiara Lubich vuole portate un messaggio di pace e di speranza e viene aiutata da un gruppo di donne, anche loro contro i pregiudizi dell’epoca. E’ difficile che un gruppo di donne possa cambiare le cose, ma il messaggio che la Lubich ha portato avanti è andato oltre le voci e i pettegolezzi della Chiesa.

Pubblicità
Pubblicità

Chiara è una maestra delle elementari, che dopo aver letto il Vangelo, trova all’interno le risposte sulla sua vita. Decide quindi di dedicare la sua vita a Dio, aiutando i poveri e i bisognosi.

Si uniscono a lei una serie di donne, che si supportano l’un l’altra e aiutano tutti coloro che ne abbiano bisogno. Nel frattempo il movimento continua a crescere e attira l’attenzione della Chiesa.

Il film è molto intenso e arriva al cuore dei telespettatori. Ci sono stati però degli svarioni, senza i quali si sarebbe parlato di un capolavoro.

Nella prima scena della fiction, quando Chiara viene chiamata dai prelati del Sant’Uffizio in Vaticano, lei firma delle clausole con il nome di Chiara e non con quello di Silvia. In realtà il nome Chiara le verrà suggerito più avanti da un frate cappuccino, quando decide di dedicare la sua vita a Dio.

Quando prende i voti è il 7 dicembre 1943. Nella fiction si vede la Lubich che esce nel chiostro dei frati e si mette a ballare dalla gioia. Indossa solo una camicetta con le maniche corte, ma in realtà è pieno inverno.

Ci sono poi degli anacronismi rispetto al periodo in cui è vissuta Chiara. All’interno della chiesa dei frati francescani prende in mano una pacco di libri della messa con la copertina di plastica rossa, ma nel ’43 ancora non c’erano tali copertine.

Oppure il 2 settembre del 1943, la sirena dell’allarme aereo costringe la popolazione a cercare un rifugio. La maestra che insegna ai bambini nel convento dei frati, invita loro a prendere il cappotto e a mettersi a riparo dalle bombe. Il cappotto non si abbina però in pieno con il vestiario dell’epoca.

Non sono comunque questi gli episodi che hanno attirato l’interesse del pubblico. I messaggi di amore, pace e fratellanza sono stati recepiti e hanno colpito nel segno.

Ad affiancare la protagonista Cristiana Capotondi, nel cast artistico troviamo Aurora Ruffino nel ruolo di Ines, Miriam Cappa in quello di Giosy, Greta Ferro in quello di Graziella, Valentina Ghelfi nel ruolo di Natalia e Sofia Panizzi in quello di Dori. E ancora Eugenio Franceschini nelle vesti di Gino e Andrea Tidona in quelle del Vescovo De Ferrari.

“Chiara Lubich. L’amore vince tutto” è una coproduzione Rai Fiction – Eliseo Multimedia, prodotta da Luca Barbareschi. Il soggetto è di Giacomo Campiotti, Luisa Cotta Ramosino e Lea Tafuri che firmano anche la sceneggiatura insieme a Francesco Arlanch.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]

Categorie

di tendenza