Connect with us
Pubblicità

Trento

Bar e ristoranti trentini furibondi: «Fateci riaprire o sarà mobilitazione»

Pubblicato

-

«Inaccettabile pensare di tenere ancora chiusi bar e ristoranti». – È durissima la reazione dei presidenti di Ristoratori e Pubblici Esercizi trentini Marco Fontanari e Fabia Roman all’ipotesi di prolungamento delle restrizioni dopo il 6 gennaio.

Il settore della ristorazione e dei pubblici esercizi è ormai ridotto allo stremo dai continui e ripetuti provvedimenti di chiusura o di apertura ridotta decisi dal governo per fronteggiare la seconda ondata del contagio da Covid-19.

Migliaia di aziende in ginocchio, che hanno accettato di compiere sacrifici immani a fronte della promessa di “salvare il Natale”, poi puntualmente disattesa nei fatti con il “decreto Natale” che ha cancellato tutto il fatturato del mese di dicembre, Natale e Capodanno compresi, dando un’ulteriore mazzata ad un comparto fondamentale per l’economia trentina come per quella nazionale.

Pubblicità
Pubblicità

«I dati scientifici ci dicono che le chiusure dei pubblici esercizi decise dal Governo non hanno portato nessun risultato positivo in termini di diminuzione dei contagi o di ostacolo alla circolazione del virus – commenta Marco Fontanari, presidente dell’Associazione Ristoratori del Trentino nonché vice presidente di Confcommercio Trentino -. L’unica drammatica conseguenza è stata quella di mandare sull’orlo della chiusura oppure, in molti casi, del fallimento migliaia di aziende che avevano creduto nelle promesse di chi ci governa ma che ora, con la prospettiva della conferma delle attuali restrizioni, tutte o quasi a carico solo della nostra categoria, non sono più disposte a restare in silenzio. Dalla nostra base associativa arrivano richieste di proteste eclatanti, di mobilitazione generale, ormai la misura è colma.

Diciamo basta a provvedimenti assunti la sera o il giorno prima della scadenza del precedente decreto, in spregio alla necessità delle imprese di programmare i rifornimenti ed i turni di lavoro del personale. Basta alla chiusura serale dei pubblici esercizi, molti dei quali proprio da quella fascia giornaliera traggono il proprio sostentamento finanziario. Assurdo anche solo pensare di farci riaprire il 7 e l’8gennaio e poi farci richiudere il 9 ed il 10. Lavorando a singhiozzo nessuna azienda può restare in piedi e la clientela non arriva perché disorientata e frastornata».

Un messaggio forte ed inequivocabile diretto a chi ha il compito ed il dovere di garantire a tutta la popolazione uguali doveri ma anche uguali diritti, tra i quali  c’è anche,  garantito dalla nostra Costituzione, il diritto al lavoro: «Diciamo basta a provvedimenti vessatori, a restrizioni che si sono rivelate inefficaci, certificando proprio nel periodo di queste festività la loro inefficacia per limitare il contagio – dichiarano ancora Marco Fontanari e la presidente dell’Associazione Pubblici Esercizi del Trentino Fabia Roman -. Ora il Governo lasci riaprire bar e ristoranti, che hanno dimostrato di poter garantire le condizioni di sicurezza sanitaria mettendo in campo gli investimenti ed i protocolli necessari, che svolgono un insostituibile servizio in favore dei milioni di lavoratori che quotidianamente lavorano fuori sede.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo gli oltre due mesi di chiusura nella primavera scorsa, le aperture a singhiozzo dell’autunno che hanno penalizzato il fatturato delle nostre aziende e la mazzata della chiusura serale di dicembre, non accetteremo ulteriori restrizioni perché è ormai chiaro a tutti che non è sono i nostri locali il luogo dove maggiormente si propaga il contagio».

Sul banco degli imputati un governo che non riesce a programmare in modo chiaro e tempestivo nulla e che non indirizza verso le imprese i tanto sospirati ristori ritenuti inadeguati. «Da chi ci governa, a Trento come a Roma, ci attendiamo una programmazione chiara e tempestiva, degli interventi congrui e ragionevoli da mettere in campo per  garantire la  ripartenza delle attività economiche. Inoltre, ribadiamo che servono ristori immediati ed adeguati per compensare i mancati fatturati di questi ultimi mesi; serve anche che tutti siano chiamati alla responsabilità.

Tutti i cittadini, non soltanto gli imprenditori della ristorazione ma anche di tutto il terziario, il settore più colpito dalle restrizioni messe in campo, devono contribuire per uscire quanto prima dall’emergenza, il cui peso finora è gravato soltanto sulle spalle delle imprese colpite dalle chiusure e sui loro dipendenti costretti alla cassa integrazione o alla mancata assunzione, che ha provocato la perdita della capacità di spesa delle famiglie dei nostri dipendenti, anche loro penalizzati rispetto ad altre categorie, al contrario, finora mai coinvolte. Equità sociale, pari dignità e solidarietà per uscire da questa emergenza, – concludono Fontanari e Roman –  sociale ed economica oltre che sanitaria. La pazienza è finita, subito fatti concreti altrimenti sarà mobilitazione generale».

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • VIDEO – Scegliere il mondo come ufficio e diventare nomadi digitali: intervista ad Armando Costantino
    Negli ultimi anni, la tentazione sempre più frequente del “mollo tutto” combinata  all’aumento dello smart working ha creato una nuova tendenza all’interno del panorama lavorativo: i nomadi digitali, conosciuti anche come fulltimers. Persone che hanno scelto di spostare la loro casa in camper e il loro ufficio nel mondo, investendo su loro stessi per riprendersi […]
  • Vado a vivere in un faro!
    Quante volte, leggendo Virginia Woolf o Jules Verne, avete fantasticato su come potrebbe essere vivere in un faro con la sola compagnia del vento e del mare? I fari, nell’immaginario collettivo, sono luoghi straordinari al confine fra mito e realtà, unico baluardo di salvezza per i navigatori durante le notti di tempesta. In realtà, senza […]
  • Hotel e Ristorante Villa Madruzzo: dove ricaricare le batterie a pochi chilometri da Trento
    A quattro chilometri dal centro di Trento si trova uno degli hotel più gettonati del momento: Villa Mandruzzo. Complici anche il ristorante e la meravigliosa area benessere, Villa Mandruzzo è presto diventato uno degli hotel più raccomandati tra coloro che vogliono venire a Trento per godersi alcuni giorni di meritato relax o anche solo per […]
  • Viaggio in Grecia, scegli il fascino mistico di Rodi
    La Grecia è uno di quei luoghi da sogno che tutti dovremmo visitare almeno una volta nella vita. Uno di quei paradisi terrestri neanche troppo lontani dall’Italia che con la sua storia, la sua cultura, il paesaggio naturale, incanta tutti, senza distinzione. Dalle città che hanno fatto la storia come la capitale Atene, simbolo dei […]
  • HP Reinvent: arrivano i nuovi PC per lo smart working
    Grandi novità in arrivo da parte di HP, azienda leader nel settore tecnologico. Durante l’attesissimo evento HP Reinvent dedicato ai propri partner, l’azienda ha lanciato nuovi Pc destinati allo smart working. Ma non solo: l’evento è stato utile per svelare tanti nuovi dispositivi e soluzioni per aiutare le aziende ed i professionisti a migliorare la […]
  • Abbigliamento casual uomo, tutte le dritte per non sbagliare
    Tutti pazzi per l’abbigliamento casual che non è solo comodo ma è anche fashion. Non bisogna confondere, infatti, che casual non è il sinonimo di trasandato e di un abbigliamento approssimativo. Non c’è pensiero più sbagliato perché oggi indossare abiti casual vuol dire vestirsi alla moda, in chiave moderna e innovativa, con uno stile senza […]
  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]

Categorie

di tendenza