Connect with us
Pubblicità

Trento

Bar e ristoranti trentini furibondi: «Fateci riaprire o sarà mobilitazione»

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

«Inaccettabile pensare di tenere ancora chiusi bar e ristoranti». – È durissima la reazione dei presidenti di Ristoratori e Pubblici Esercizi trentini Marco Fontanari e Fabia Roman all’ipotesi di prolungamento delle restrizioni dopo il 6 gennaio.

Il settore della ristorazione e dei pubblici esercizi è ormai ridotto allo stremo dai continui e ripetuti provvedimenti di chiusura o di apertura ridotta decisi dal governo per fronteggiare la seconda ondata del contagio da Covid-19.

Migliaia di aziende in ginocchio, che hanno accettato di compiere sacrifici immani a fronte della promessa di “salvare il Natale”, poi puntualmente disattesa nei fatti con il “decreto Natale” che ha cancellato tutto il fatturato del mese di dicembre, Natale e Capodanno compresi, dando un’ulteriore mazzata ad un comparto fondamentale per l’economia trentina come per quella nazionale.

«I dati scientifici ci dicono che le chiusure dei pubblici esercizi decise dal Governo non hanno portato nessun risultato positivo in termini di diminuzione dei contagi o di ostacolo alla circolazione del virus – commenta Marco Fontanari, presidente dell’Associazione Ristoratori del Trentino nonché vice presidente di Confcommercio Trentino -. L’unica drammatica conseguenza è stata quella di mandare sull’orlo della chiusura oppure, in molti casi, del fallimento migliaia di aziende che avevano creduto nelle promesse di chi ci governa ma che ora, con la prospettiva della conferma delle attuali restrizioni, tutte o quasi a carico solo della nostra categoria, non sono più disposte a restare in silenzio. Dalla nostra base associativa arrivano richieste di proteste eclatanti, di mobilitazione generale, ormai la misura è colma.

Diciamo basta a provvedimenti assunti la sera o il giorno prima della scadenza del precedente decreto, in spregio alla necessità delle imprese di programmare i rifornimenti ed i turni di lavoro del personale. Basta alla chiusura serale dei pubblici esercizi, molti dei quali proprio da quella fascia giornaliera traggono il proprio sostentamento finanziario. Assurdo anche solo pensare di farci riaprire il 7 e l’8gennaio e poi farci richiudere il 9 ed il 10. Lavorando a singhiozzo nessuna azienda può restare in piedi e la clientela non arriva perché disorientata e frastornata».

Un messaggio forte ed inequivocabile diretto a chi ha il compito ed il dovere di garantire a tutta la popolazione uguali doveri ma anche uguali diritti, tra i quali  c’è anche,  garantito dalla nostra Costituzione, il diritto al lavoro: «Diciamo basta a provvedimenti vessatori, a restrizioni che si sono rivelate inefficaci, certificando proprio nel periodo di queste festività la loro inefficacia per limitare il contagio – dichiarano ancora Marco Fontanari e la presidente dell’Associazione Pubblici Esercizi del Trentino Fabia Roman -. Ora il Governo lasci riaprire bar e ristoranti, che hanno dimostrato di poter garantire le condizioni di sicurezza sanitaria mettendo in campo gli investimenti ed i protocolli necessari, che svolgono un insostituibile servizio in favore dei milioni di lavoratori che quotidianamente lavorano fuori sede.

Pubblicità
Pubblicità

Dopo gli oltre due mesi di chiusura nella primavera scorsa, le aperture a singhiozzo dell’autunno che hanno penalizzato il fatturato delle nostre aziende e la mazzata della chiusura serale di dicembre, non accetteremo ulteriori restrizioni perché è ormai chiaro a tutti che non è sono i nostri locali il luogo dove maggiormente si propaga il contagio».

Sul banco degli imputati un governo che non riesce a programmare in modo chiaro e tempestivo nulla e che non indirizza verso le imprese i tanto sospirati ristori ritenuti inadeguati. «Da chi ci governa, a Trento come a Roma, ci attendiamo una programmazione chiara e tempestiva, degli interventi congrui e ragionevoli da mettere in campo per  garantire la  ripartenza delle attività economiche. Inoltre, ribadiamo che servono ristori immediati ed adeguati per compensare i mancati fatturati di questi ultimi mesi; serve anche che tutti siano chiamati alla responsabilità.

Tutti i cittadini, non soltanto gli imprenditori della ristorazione ma anche di tutto il terziario, il settore più colpito dalle restrizioni messe in campo, devono contribuire per uscire quanto prima dall’emergenza, il cui peso finora è gravato soltanto sulle spalle delle imprese colpite dalle chiusure e sui loro dipendenti costretti alla cassa integrazione o alla mancata assunzione, che ha provocato la perdita della capacità di spesa delle famiglie dei nostri dipendenti, anche loro penalizzati rispetto ad altre categorie, al contrario, finora mai coinvolte. Equità sociale, pari dignità e solidarietà per uscire da questa emergenza, – concludono Fontanari e Roman –  sociale ed economica oltre che sanitaria. La pazienza è finita, subito fatti concreti altrimenti sarà mobilitazione generale».

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento23 minuti fa

Centrale 112, ecco come prenotare la visita per conoscere gli operatori che gestiscono le chiamate di emergenza

Trento32 minuti fa

Prevenzione alluvioni, interventi per 2 milioni di euro

Trento34 minuti fa

Al via “Road to Trento 2023”: gli appuntamenti internazionali del Festival dell’Economia

Italia ed estero47 minuti fa

Devastante terremoto nella notte fra Turchia e Siria, allerta Tsunami sulle coste italiane

Meteo58 minuti fa

In arrivo in Trentino la settimana più fredda dell’inverno

Trento13 ore fa

Claudio Buriani «quasi» d’accordo con Claudio Cia: «Strutture ospedaliere obsolete, privato meglio che il pubblico»

Italia ed estero13 ore fa

Agenzia cyber: «Massiccio attacco hacker in tutto il mondo, decine di sistemi compromessi»

Bolzano15 ore fa

Valanghe: fine settimana tragico, sale a 8 il bilancio delle vittime

Bolzano15 ore fa

Marlengo: 200 Vigili del Fuoco lottano per domare l’incendio – IL VIDEO

Bolzano15 ore fa

Drammatico scontro tra due sciatori in Val D’Ultimo, muore un 37enne

Trento16 ore fa

Tim down anche in Trentino, disservizi su mobili e fissi

Trento20 ore fa

Forte vento, ieri 30 interventi dei Vigili del fuoco sul territorio

Trento21 ore fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Trento22 ore fa

A Palazzo Geremia il sindaco incontra il console generale americano Robert Needham

Val di Non – Sole – Paganella22 ore fa

Successo, grande partecipazione e importanti testimonianze a Castelfondo per l’evento «Respect»

Trento1 settimana fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero4 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Offerte lavoro2 settimane fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

Trento21 ore fa

È finita la storia d’amore tra Ignazio Moser e Cecilia Rodriguez

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento2 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento4 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena5 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento3 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza