Connect with us
Pubblicità

Trento

Morto l’autonomista Giulio Pompermaier. Aveva 98 anni.

Pubblicato

-

Giulio Pompermaier, classe 1923, si è spento alla veneranda età di 98 anni. E’ rimasto lucido fino all’ultimo, era sempre aggiornato su cosa facesse il Partito autonomista, e fino a qualche tempo fa era solito girare in città con la sua bicicletta.

Fine anno di lutto di lutto per gli autonomisti trentini, dopo la scomparsa di Rina Bonvecchio Sommadossi (qui articolo) a distanza di poche ore viene a mancare anche Giulio Pompermaier, entrambi portati via dal coronavirus.

Giulio Pompermaier era il presidente onorario del PATT, membro di spicco dell’MST (Movimento Separatista Trentino) poi confluito nell’ASAR e quindi nel PPTT. Era l’ultimo superstite del gruppo formato da Emilio Sommadossi, Luis Penner e Carlo Devigili.

Pubblicità
Pubblicità

Si potrebbe definire il decano, quello che negli incontri con il Movimento Giovanile del PATT li apriva e li chiudeva, quello che quando parlava veniva ascoltato con rispetto. Uno studioso della storia del Trentino e dell’Autonomia. Un uomo dalla vita incredibile che aveva spesso raccontato ai giovani autonomisti: la rocambolesca avventura dal Trentino a Innsbruck e da lì fino a un lager nel cuore della Germania nazista, per liberare un amico fatto prigioniero.

Sembrava la trama di un film, specie quando raccontava di come con un terzo amico riuscì a entrare nel lager, liberare il prigioniero sostituendosi a lui e poi ritrovando la libertà tornare tutti e tre a casa.

Mancherà a tutti gli autonomisti vedere Giulio sfrecciare sulla sua bicicletta, nonostante l’età, per raggiungere la biblioteca di Trento e leggere giornali e riviste così da tenersi aggiornato sugli avvenimenti trentini e del mondo: perché il suo sguardo poteva concentrarsi sulle vicende locali ma non era mai localista.

Pubblicità
Pubblicità

Pompermaier era nato a Calliano e si era laureato a Innsbruck. Perfettamente bilingue, ha vissuto tutta la vita combattendo per l’autonomia del Trentino.

Nel 1945, insieme ad Arthur Andreatta, Hans Ravelli e Gisella Tuma firmò un memorandum in cui chiedeva sostegno al generale francese Charles de Gaulle per l’attuazione del plebiscito popolare.

Lui, leader del Movimento separatista italiano, richiedeva il distacco del Trentino Alto Adige dall’Italia e affermava che l’annessione è stata compiuta senza l’effettuazione di un plebiscito, e cioè senza la consultazione del popolo.

Il 5 settembre 1946 venne firmato l’accordo Degasperi-Gruber fra il governo italiano e quello austriaco. L’Italia si impegnava a riconoscere e a tutelare la minoranza tedesca del Trentino Alto Adige, facendo sì che la lingua tedesca possa essere parlata e insegnata e che possano essere mantenuti i suoi toponimi .

Il Movimento separatista si sciolse e i suoi sostenitori appoggiarono l’Asar, l’associazione regionale che voleva la piena autonomia del Trentino Alto Adige.

L’Asar ebbe delle crisi interne e nel luglio del 1948 Pompermaier e altri autonomisti fondarono il Partito Popolare Trentino Tirolose (PPTT). L’autonomia del Trentino si rispecchiava così in un partito politico e non più in un’associazione.

Negli anni ’80 ci furono delle spaccature all’interno del partito, che portarono alla formazione di due correnti: l’Unione Autonomista Trentino Tirolese (UATT), di cui faceva parte anche Pompermaier, e l’Autonomia Integrale.

Nel maggio 1987 le due corrente si unirono e diedero vita al Partito Autonomista Trentino Tirolese (PATT) il cui segretario fu Carlo Andreotti.

Proprio Carlo Andreotti, ex presidente della Provincia e della Regione, lo ricorda come una persona molto colta e di grandi principi. Vent’anni fa pubblicò a sue spese un libretto che raccontava le vicende storico-politiche del Trentino fra gli anni 1914-1950.

In una nota gli autonomisti ricordano Giulio Pompermaier e Rina Bonvecchio Sommadossi come un esempio. «Qualcuno afferma che il Partito Autonomista ha sette vite come i gatti ed è vero. Perché è un Partito nato su convinzioni profonde, su motivazioni sempre più attuali, su valori veri e consolidati nella nostra storia. Ma anche un Partito che ha radici profonde, che non tradisce le proprie origini, che trae alimento ed esempio da persone che, come Giulio Pompermaier e tanti altri, hanno pagato un prezzo molto alto pur di tenere alti gli ideali della nostra autonomia.» si legge nella nota dei vertici del PATT

E ancora: «In questi tristi momenti, tutti gli Autonomisti sono vicini con affetto e riconoscenza ai figli Paola, Maria, Cristina, Alberto e Andrea e ricordano con dolore anche la scomparsa, avvenuta lo stesso giorno, di Rina Bonvecchio, compagna di un altro autonomista storico come Emilio Sommadossi e attivista convinta e sempre disponibile, ma anche sostenitrice e dirigente dell’Unione delle Famiglie Trentine all’Estero. Siamo sicuri che il dolore del distacco, oggi pesante per tutti, col tempo lascerà spazio al ricordo piacevole delle tante iniziative e delle emozioni vissute con Giulio e di Rina, così come con Carlo, scomparso qualche settimana fa. Emozioni che fanno parte del patrimonio più prezioso della lunga storia del Partito Autonomista Trentino Tirolese.»

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • VIDEO – Scegliere il mondo come ufficio e diventare nomadi digitali: intervista ad Armando Costantino
    Negli ultimi anni, la tentazione sempre più frequente del “mollo tutto” combinata  all’aumento dello smart working ha creato una nuova tendenza all’interno del panorama lavorativo: i nomadi digitali, conosciuti anche come fulltimers. Persone che hanno scelto di spostare la loro casa in camper e il loro ufficio nel mondo, investendo su loro stessi per riprendersi […]
  • Vado a vivere in un faro!
    Quante volte, leggendo Virginia Woolf o Jules Verne, avete fantasticato su come potrebbe essere vivere in un faro con la sola compagnia del vento e del mare? I fari, nell’immaginario collettivo, sono luoghi straordinari al confine fra mito e realtà, unico baluardo di salvezza per i navigatori durante le notti di tempesta. In realtà, senza […]
  • Hotel e Ristorante Villa Madruzzo: dove ricaricare le batterie a pochi chilometri da Trento
    A quattro chilometri dal centro di Trento si trova uno degli hotel più gettonati del momento: Villa Mandruzzo. Complici anche il ristorante e la meravigliosa area benessere, Villa Mandruzzo è presto diventato uno degli hotel più raccomandati tra coloro che vogliono venire a Trento per godersi alcuni giorni di meritato relax o anche solo per […]
  • Viaggio in Grecia, scegli il fascino mistico di Rodi
    La Grecia è uno di quei luoghi da sogno che tutti dovremmo visitare almeno una volta nella vita. Uno di quei paradisi terrestri neanche troppo lontani dall’Italia che con la sua storia, la sua cultura, il paesaggio naturale, incanta tutti, senza distinzione. Dalle città che hanno fatto la storia come la capitale Atene, simbolo dei […]
  • HP Reinvent: arrivano i nuovi PC per lo smart working
    Grandi novità in arrivo da parte di HP, azienda leader nel settore tecnologico. Durante l’attesissimo evento HP Reinvent dedicato ai propri partner, l’azienda ha lanciato nuovi Pc destinati allo smart working. Ma non solo: l’evento è stato utile per svelare tanti nuovi dispositivi e soluzioni per aiutare le aziende ed i professionisti a migliorare la […]
  • Abbigliamento casual uomo, tutte le dritte per non sbagliare
    Tutti pazzi per l’abbigliamento casual che non è solo comodo ma è anche fashion. Non bisogna confondere, infatti, che casual non è il sinonimo di trasandato e di un abbigliamento approssimativo. Non c’è pensiero più sbagliato perché oggi indossare abiti casual vuol dire vestirsi alla moda, in chiave moderna e innovativa, con uno stile senza […]
  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]

Categorie

di tendenza