Connect with us
Pubblicità

Trento

Ieri ancora disagi in città, Silvia Zanetti: «È stato o no predisposto un piano per questa annunciata emergenza?»

Pubblicato

-

La situazione fa ancora fatica a tornare alla normalità. Il giorno dopo la grande nevicata i mezzi e gli uomini dell’amministrazione comunale hanno lavorato incessantemente per liberare strade e marciapiedi.

Nel primo pomeriggio di ieri  sono stati utilizzati i mezzi pesanti per togliere lo strato di neve ghiacciata che rappresenta un problema soprattutto nella zona sud della città.

Ieri mattina è stato anche completamente liberato dalla neve il piazzale limitrofo alla BLM Group arena dove vengono effettuati i tamponi drive-through.

Pubblicità
Pubblicità

Una volta che strade e marciapiedi saranno resi agibili, il compito successivo sarà quello di portare via e smaltire l’enorme quantità di neve caduta ieri in sole dodici ore.

In prossimità dell’Obi tre tir aspettavano che venisse liberato dalla neve il piazzale di via Marconi per poter scaricare le merci. Le pale meccaniche munite di lama hanno infatti cominciato a sgomberare la neve solo in prossimità degli orari di apertura.

Un autotreno invece, facendo manovra verso il cavalcavia di Martini di Nassiriya, è stato costretto a chiamare i vigili del fuoco per farsi trainare. Il traffico nella zona nord della città è stato bloccato per parecchi minuti.

Pubblicità
Pubblicità

Gli spazzaneve, per liberare le strade, hanno sepolto nella neve le auto parcheggiate. Disagi di questo tipo si sono avuti in via Degasperi, viale Verona e via Verdi. I cittadini hanno fatto fatica a liberare le auto e in alcuni casi sono stati aiutati dai passanti e dalla polizia stradale.

I bar di piazza Duomo non hanno aperto nemmeno per l’asporto. Sono stati impegnati a liberare i plateatici sommersi nella neve. I negozi del centro sono invece rimasti aperti ma la gente all’interno era veramente poca. Ieri sono scesi in campo anche gli scout e i pompieri per spalare. Ma alcune domande vanno poste alla giunta: come mai sono stati allertati solo 40 spalatori? Dov’erano i 136 mezzi spartineve che dovevano liberare le strade?

Si registrano anche oltre una trentina di entrate al pronto soccorso del santa Chiara per cadute sul ghiaccio nel capoluogo. Le polemiche politiche contro la giunta – ritenuta incompetente e poco organizzata  pur sapendo bene l’entità della nevicata in arrivo – continuano e si aggiungono alle proteste dei cittadini.

Anche la consigliera Silvia Zanetti di «Si può Fare!» è intervenuta su quanto successo ricordando che già dalle prime ore di lunedì sono cominciate le prime avvisaglie di «quegli enormi disagi che i cittadini di Trento iniziano a non tollerare oltre».

Zanetti smentisce anche il sindaco Ianeselli: «Sembra incredibile che a Trento, città alpina per eccellenza, il Comune si sia trovato di fatto impreparato a gestire questo tipo di emergenza naturale, peraltro prevista con largo anticipo. Ci chiediamo allora: quanti mezzi ha impiegato il Comune, quanti addetti e se, come pare sono stati insufficienti, perché non raddoppiarli?»

E ancora si chiede: «Perché i marciapiedi non sono stati liberati e le persone sono costrette a camminare sulla carreggiata? In altre zone la neve è stata battuta anziché rimossa, con il pericolo di formazione di lastre di ghiaccio. In altri sobborghi ci sono cumuli di neve nel bel mezzo dei marciapiedi. I cittadini sono increduli, le segnalazioni non cessano: fermate degli autobus piene di neve, marciapiedi non sgomberati, passaggi di spazzaneve sulla carreggiata che lasciano dietro di loro esattamente lo stesso strato di neve preesistente. Neppure il rifiuto organico viene regolarmente ritirato dai condomini per l’impossibilità dell’accesso dei mezzi. La domanda che sorge spontanea è evidente: è stato o no predisposto un piano per questa annunciata emergenza? Se anche ci fosse un piano dettagliato, forse qualcosa non ha funzionato? Dopotutto, a prescindere dai dati che ci verranno forniti, la realtà nei vari quartieri di Trento, soprattutto periferici, è stata ed è ben diversa.»

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Vinilia Wine Resort: immergiti nel cuore del Salento
    Vinilia Wine Resort è un’antica dimora risalente agli inizi del ‘900 quando era destinata ad essere la residenza estiva della nobile famiglia degli Schiavoni. Oggi, dopo un’attenta e raffinata attività di restauro conservativo, a cura della famiglia Parisi Lacaita, si appresta a diventare un punto di riferimento per l’accoglienza e per un’autentica esperienza nella terra […]
  • Natura, storia e paesaggi mozzafiato: questa è l’isola di Skye
    Skye è una delle migliori località da visitare in Scozia. È famosa per i suoi paesaggi mozzafiato e per la storia che ha alle spalle. L’isola di Skye è lunga 50 miglia ed è la più grande delle Ebridi Interne, ovvero un arcipelago situato al largo della costa occidentale della Scozia, a sud-est delle Ebridi Esterne. Insieme, […]
  • Tenuta Monacelli: che meraviglia il Salento!
    Masseria Monacelli, masseria fortificata del ‘600 e Masseria Giampaolo, esclusivo borgo del ‘400, si impongono con le loro torri di avvistamento nel cuore del Salento. Situate in prossimità dell’Abbazia romanico-bizantina S. Maria a Cerrate, oggi tra i beni del Fondo Ambiente Italiano, testimoniano tracce di storia. Entrambe custodiscono un prezioso frantoio ipogeo, le stanze di stoccaggio […]
  • Incanto e lusso al Castello di Guarene, in Piemonte
    Nel Settecento, il Castello fu la realizzazione di un sogno di Carlo Giacinto Roero, signore di Guarene. Il nobiluomo voleva una nuova e splendida dimora e se la costruì, la circondò di giardini e la arredò. Ne aveva la capacità e i mezzi: era un buon architetto, sia pure dilettante, un aristocratico di primo piano […]
  • Nina Trulli Resort: la masseria perfetta tra la Costa dei trulli e la Valle d’Itria
    Nina Trulli Resort è una masseria immersa nella tipica campagna pugliese, dalla Costa dei trulli a Valle d’Itria, e si trova a soli 5 Km dal mare. Nella zona di Monopoli, città dalle radicate tradizioni marinare anche conosciuta come Città delle cento contrade, è possibile fare letteralmente un tuffo nel passato pur senza mai rinunciare […]
  • Il paese più felice del mondo? La Finlandia!
    La classifica del World Happiness Report parla chiaro: per il terzo anno di fila il posto più felice del mondo sarebbe la Finlandia. Il World Happiness Report è una classifica redatta dalla United Nations Sustainable Development Solutions Network in base ai dati del Gallup World Poll. Mentre il primo posto vede i colori della bandiera […]
  • Il posto perfetto per staccare dal mondo? Le Isole Lofoten!
    Se pensi che i fiordi norvegesi siano belli, potrebbe interessarti fare una bella vacanza alle Isole Lofoten. Un luogo da sogno, un arcipelago simile a un’appendice di montagne frastagliate incredibilmente belle che si protendono nel Mare di Norvegia a ovest di Narvik. Le varie isole sono unite dalla E10, un’impresa di ingegneria altrettanto impressionante come […]
  • X-Bionic Sphere: in Slovacchia un vero paradiso per gli amanti del lusso e dello sport
    Non tutti sanno che a Samorin, in Slovacchia, esiste un vero e proprio paradiso per atleti e per appassionati di lusso e sport. X-Bionic® Sphere è un complesso di hotel e strutture sportive dove il lusso ed il comfort vanno a braccetto con tutte le esigenze di atleti, famiglie e visitatori. L’Hotel offre un servizio di […]
  • Boscareto Resort and Spa: ritrovate la giusta quiete tra vini, buon cibo e paesaggi mozzafiato
    Immerso tra le colline, il Boscareto Resort & Spa rivela la sua bellezza nell’incantevole panorama su cui si affaccia, nei colori dei vigneti e nel meraviglioso territorio delle Langhe, dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Unesco. Alba è punto di partenza e di arrivo per chi viaggia nella zona, con i suoi caffè, le chiese, la storia romana […]

Categorie

di tendenza