Connect with us
Pubblicità

Politica

Claudio Cia chiude la polemica: «Nessuna intenzione di rimanere in Giunta»

Pubblicato

-

«Credo sia utile ribadire – scrive Claudio Cia in una nota – che non ho la minima intenzione di restare nell’incarico in giunta, qualunque sia la conclusione della “verifica” che per primo io auspico, così che tutti possano chiarire quali siano le loro intenzioni e le ragioni dell’alleanza; chiedo solo la trasparenza e l’onestà di argomentarlo. Io poi dirò la mia, in piena sintonia con la posizione, sempre chiara e coerente, espressa da Fratelli d’Italia. L’ho detto sin dall’inizio e lo ribadisco ancora oggi. Non mi presto ad alimentare azioni strumentali e pretestuose di partiti che sparano contro chi non è come loro o la pensa in modo diverso».

Il consigliere provinciale e assessore regionale chiude così la polemica aperta dopo il passaggio a Fratelli d’Italia, con il conseguente scioglimento del movimento civico «Agire per il Trentino» di cui era stato fondatore.

La polemica era stato innestata dai rappresentanti della Svp che dopo la scelta di Cia si ritrovano tra gli alleati di giunta regionale un esponente del partito di Giorgia Meloni. «Non si può fare come se niente fosse – ha dichiarato il presidente della Provincia di Bolzano e della Regione, Arno Kompatscher – la posizione di Fratelli d’Italia su minoranze ed autonomia non sono conformi a quelle della maggioranza. Ne ho già parlato con l’Obmann, Achammer, e con il presidente della Provincia di Trento, Fugatti. Serve un chiarimento».

Pubblicità
Pubblicità

Fioccano poi le «solite» accuse di appartenere ad un movimento post fascista che saltano fuori ad intermittenza, cioè quando fanno più comodo.  In tal senso sono intervenuti i consiglieri del partito secessionista Südtiroler Freiheit, gli stessi che hanno sempre chiesto l’eliminazione della Regione: «Non è possibile che in giunta regionale sieda il rappresentante di una partito apertamente neofascista» – hanno dichiarato. 

A questi, come detto, si è accodata la SVP la cui posizione sulla Regione è altrettanto nota: «L’adesione di Cia al partito postfascista di Giorgia Meloni non può essere ignorata».

Claudio Cia ha liquidato la questione con eleganza ed un pizzico di ironia e sarcasmo sottolineando le incongruenze di chi ora lo critica.

Pubblicità
Pubblicità

«Non posso che essere positivamente colpito da questo rinato interesse per l’Ente regionale – dichiara Cia – sinceramente fino al 25 dicembre mi è sembrato di essere andato bene a tutti i gruppi seduti in Consiglio regionale, nessuno ha mai contestato il mio operato, anzi, direi che molti sono rimasti soddisfatti del mio lavoro come Assessore regionale quando ho portato a compimento questioni di loro interesse. Penso ai 14 milioni di euro provenienti dalle casse regionali finora erogati per promuovere le forme collaborative tra gli enti locali della provincia di Bolzano, l’adeguamento dopo ben più di un decennio dei compensi stabiliti per i revisori dei conti dei Comuni con l’introduzione anche di un compenso minimo per garantire la qualità e l’affidabilità dei lavori di revisione, o la chiusura di spinose questioni sulle fusioni dei comuni trentini lasciate irrisolte dalla precedente Giunta.

Penso a tutta la serie di norme dedicate agli amministratori comunali e portate tempestivamente a termine in tempo utile per il turno generale delle elezioni: la previdenza integrativa introdotta per gli amministratori che sono lavoratori autonomi o liberi professionisti (ma anche studenti, casalinghe o disoccupati) sanando la disparità di trattamento con i lavoratori dipendenti, l’introduzione dell’indennità di fine carica per i sindaci impegnati a tempo pieno nel loro ruolo, equivalente al trattamento di fine rapporto destinato ai lavoratori dipendenti, o ancora, in tema di indennità, l’intervento per bloccare gli effetti della legge 7 del 2004 che avrebbe tagliato del 20-25 per cento le indennità dei primi cittadini e il successivo ripristino del 7% che era stato tagliato anni fa, per adattare il sistema alle crescenti responsabilità che si assumono nell’assolvimento delle loro funzioni. E altro ancora.»

Claudio Cia ha ricordato anche che fin quando ha portato avanti queste tematiche è andato tutto e nessuno ha mai avuto nulla da dire, «ecco perché non posso che percepire come improbabili e anacronistiche le “accuse” che mi vengono rivolte, – incalza ancora – ma evidentemente è più facile etichettare le persone che mettersi a confronto con le stesse. E la Regione, per come l’ho sempre vissuta e continuerò a viverla in futuro, è l’Ente del confronto. L’Ente che può favorire il dialogo tra le due Province autonome e che può dare impulso a un’Autonomia che non sia solo strumento di tutela, ma soprattutto strumento di sviluppo per il nostro territorio».

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza