Connect with us
Pubblicità

Trento

Le pandemie nella storia: analogie e insegnamenti del passato

Pubblicato

-

27 dicembre 2020, Vaccine Day, il giorno che tutti aspettavano, il giorno che passerà alla storia, il giorno in cui inizierà il percorso di debellamento del Covid19.

È vero, sicuramente il 27 dicembre 2020 resterà nella storia per essere il giorno in cui è iniziata una vaccinazione di massa mai vista, sicuramente utile e per noi necessaria, anche se la storia ci dice che dalle epidemie se n’è sempre usciti, anche senza vaccini.

In passato si sono verificate situazioni ben peggiori di quelle che stiamo vivendo oggi a causa del SarsCov2; ci sono state epidemie che hanno raso al suolo intere civiltà, basti pensare alle popolazioni indigene dell’America del sud precolombiana, praticamente sterminate dal vaiolo e dal morbillo portati dai conquistatori.

Pubblicità
Pubblicità

In Europa, in epoca romana e medievale si è assistito a rovinose epidemie che hanno indotto la società a prendere delle contromisure e a fare tesoro di quanto imparato durante le infezioni precedenti.

Pensiamo alla peste antonina (165-180 d.C.) chiamata peste, ma probabilmente si trattava ancora una volta di vaiolo; un’epidemia devastante che colpì l’Impero Romano al suo apice, quando si sentiva invincibile, quando l’economia era in una fase particolarmente florida.

Un impero tanto forte e potente, colpito al cuore senza possibilità di reagire in maniera efficace, si rese conto di quanto importante fosse la risorsa umana che cominciava a scarseggiare.

Pubblicità
Pubblicità

E in maniera analoga ad oggi, i proprietari terrieri che pagavano le tasse in proporzione alla loro ricchezza, alle terre che possedevano e agli schiavi e coloni che facevano lavorare, iniziavano a lamentarsi perché non riuscivano più a pagare le tasse come gli anni precedenti.

Anche i vertici militari lamentavano la mancanza di reclute, per questo l’Impero Romano reagì cambiando atteggiamento nei confronti dei barbari che da sempre chiedevano di poter entrare, ma che fino a quel momento non avevano avuto il permesso di farlo.

Iniziò un nuovo modo di concepire l’extracomunitario – come lo chiameremmo noi – che aveva braccia per lavorare e che poteva servire l’esercito; esso smise di essere ridotto in schiavitù, gli venne data la cittadinanza, provocando un cambiamento culturale importante per la società romana.

Se quest’ultima reagì all’epidemia implorando gli dei e facendo di necessità virtù rispetto alla sua concezione dell’”altro”, il Medioevo imparò invece ad arginare la diffusione della malattia.

L’arrivo della peste – quella vera – nel 1348, dopo un periodo di crescita sotto Carlo Magno, fu come un fulmine a ciel sereno.

I libri avevano tramandato il rischio dell’epidemia ma, un po’ come accaduto con il Coronavirus, nessuno aveva creduto veramente al suo ritorno e quindi non si era pronti a fronteggiarla.

Nel XIV secolo – come oggi – l’Italia ebbe un ruolo determinante nella storia dell’epidemia; in particolare Firenze che, cosciente dell’avanzata della malattia prese delle contromisure istituendo uffici di igiene, chiudendo la città o imponendo la quarantena a chi arrivava da fuori.

In due anni la peste invase l’Europa e poi passò; la società riprese la sua quotidianità, spesso con i vantaggi dovuti alla mancanza di competizione sul mercato, visto che molte botteghe erano state chiuse causa la morte dei proprietari.

I governi fecero tesoro dell’esperienza, si resero conto che la minaccia poteva tornare e che l’unica cura era la prevenzione. Quando infatti nel 1700 la peste ritornò, si seppe come comportarsi giacché Firenze aveva fatto scuola nei secoli precedenti: i medici erano tenuti a segnalare qualsiasi caso sospetto così da intervenire tempestivamente e l’eventuale quarantena e chiusura della città dovevano essere immediate.

Eppure non sempre le misure di prevenzione vennero prese con il dovuto rigore; i francesi del XVIII secolo si trovarono di fronte all’attualissimo dilemma: economia o salute? Si scelse l’economia e scoppiò la peste.

Nel 1720 l’infezione portata a Marsiglia dalle navi che trasportavano tessuti e cotone provenienti dall’Oriente quasi dimezzò la popolazione. Il rischio di far sbarcare le merci era noto, ma come ignorare il valore di prodotti tanto preziosi?

Quante le somiglianze tra passato e presente: analoghi problemi, dubbi, situazioni da affrontare. Ma oggi abbiamo un’arma in più: la scienza, da affiancare ad una buona dose di osservazione e attenzione al passato.

  • Pubblicità
    Pubblicità
Italia ed estero6 minuti fa

Deliri no-vax, identificato e denunciato il fake «Ugo Fuoco» che ha diffamato David Sassoli dopo la sua morte

Trento19 minuti fa

Circonvallazione, gli scavi che preoccupano gli ambientalisti: “Chiederemo il sequestro dei terreni inquinati a Trento Nord”

Trento53 minuti fa

Circonvallazione per Trento, si chiude il dibattito. Esclusa l’ipotesi ‘destra Adige’. Previsti correttivi al progetto

Trento2 ore fa

Monitorati in Trentino 1.000 pazienti colpiti da Long Covid

Trento3 ore fa

Stefania Segnana ammette carenza di medici di medicina generale: in pensione in due anni 99 medici

Piana Rotaliana3 ore fa

Tre anni fa ci lasciava Rodolfo Borga: il ricordo commosso delle Civiche Mezzolombardo e Rotaliana

Piana Rotaliana4 ore fa

La stagione degli agrumi nel Giardino dei Ciucioi a Lavis

Valsugana e Primiero4 ore fa

La scultura come segno di manualità e le professioni artigianali nel Comune di Grigno

Alto Garda e Ledro5 ore fa

Arco: eletto il Comitato di partecipazione dell’Oltresarca

Trento14 ore fa

Svolta nelle indagini sulle Minacce no-vax a Fugatti: il proiettile è dotazione alle forze armate e alle forze di polizia

Val di Non – Sole – Paganella14 ore fa

“Dal banco all’aula virtuale”: il Covid non ferma il Liceo Russell di Cles

Trento14 ore fa

Scuola: alle superiori scatta la Dad con il quarto positivo in classe

Val di Non – Sole – Paganella15 ore fa

Coronavirus: nelle Valli del Noce 319 contagi nelle ultime 24 ore

Trento15 ore fa

Coronavirus: 6 morti e 3.354 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella16 ore fa

Si pattina sotto le stelle al Lago Smeraldo

Trento3 settimane fa

Nel 2021 su «La Voce del Trentino» lette oltre 30 milioni di pagine da 8 milioni di lettori

Trento2 settimane fa

Coronavirus: una vittima e 972 nuovi contagi nelle ultime 24 ore

Trento2 settimane fa

Coronavirus: nuovo record di contagi nelle ultime 24 ore. Sempre stabili i ricoveri

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 2.372 contagi e due morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: due morti e 2.290 contagi nelle ultime 24 ore. Calano sensibilmente i ricoveri

Trento2 settimane fa

Coronavirus: due vittime e 807 nuovi contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 408 nuovi casi e nessun decesso nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Coronavirus: record di contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Morta una donna di 55 anni

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 1.307 nuovi contagi in Trentino nelle ultime 24 ore. Superato il milione di vaccinazioni

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 1 decesso e 938 contagi nelle ultime 24 ore. Calano i ricoveri in terapia intensiva

Trento3 settimane fa

Coronavirus: 894 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino. C’è anche una vittima. Stabili i ricoveri

Trento3 settimane fa

Coronavirus: altri 3 morti nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento3 settimane fa

Fugatti: «Lupi grave problema di sicurezza, attendiamo l’approvazione del piano di gestione guida costruito per il Trentino»

Trento3 settimane fa

Coronavirus: nessun decesso e 139 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 3 vittime e 502 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Unico&Bello

La miniera di diamanti aperta al pubblico: l’incredibile esperienza di scavare e tentare la fortuna

Un’esperienza indimenticabile, ricca e fruttuosa: sono le caratteristiche principali della “Creater of Diamonds”, l’unica miniera di diamanti al mondo aperta al pubblico. Si tratta di un grande parco…

Orient Express la Dolce Vita: in Italia un nuovo modo di vivere il Paese

A breve in Italia arriverà un nuovo modo di vivere e conoscere il Paese, in carrozze di lusso ispirate al design degli anni ‘60/’70. L’Italia si presenta al…

Vaia Cube e Vaia Focus: nuova vita agli alberi abbattuti da Vaia

Sono numerose le aziende ed i privati che hanno deciso, negli ultimi anni, di donare nuova vita e dignità ai 42 milioni di alberi abbattuti dalla tempesta Vaia…

2050: come ci arriviamo? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per tutti

Dal 22 dicembre 2021 al MUSE – Museo delle Scienze di Trento, la mostra “2050: COME CI ARRIVIAMO? Mobilità sostenibile, più pulita, più veloce, più sicura e per…

Necrologi

Categorie

di tendenza