Connect with us
Pubblicità

Trento

Il futuro delle Cooperative nel 2021, Simoni: «Essere disponibili al cambiamento, perché niente sarà come prima»

Pubblicato

-

Nel giorno più corto dell’anno, da domani si comincia a vedere un po’ di luce in più. La battuta è di Italo Monfredini, vicepresidente vicario della Federazione, intervenuto ieri con il presidente Roberto Simoni e gli altri vicepresidenti ad un incontro sul futuro post Covid per le imprese cooperative.

Incontro online sulla piattaforma zoom al quale hanno partecipato circa duecento tra presidenti e direttori delle cooperative trentine. In apertura è intervenuto anche il presidente della provincia autonoma Maurizio Fugatti.

“Il Covid ha cambiato tutti i parametri di relazione – ha detto Simoni – che incide anche sull’organizzazione aziendale. È necessario essere disponibili al cambiamento, perché niente sarà come prima. È in atto una grande trasformazione globale verso imprese più sostenibili, una economia più equa, meno discriminazioni, attenta alle persone e al rispetto dell’ambiente

Pubblicità
Pubblicità

Ma nessuno si salva da solo, come spesso ci ricorda il presidente Mattarella. Necessario quindi attivare le connessioni della nostra rete, perché le cooperative contengono tutti gli anticorpi contro il virus e le sue conseguenze, ma devono agire come sistema. L’organizzazione del sistema cooperativo consente di avvicinare il centro al periferia, anzi di annullare il concetto di periferia e di centro grazie alla tecnologia e alla presenza di una rete capillare distribuita su tutto il territorio. La Federazione ha attivato numerosi progetti di sistema, che hanno l’obiettivo di creare valore dalla forza dell’unità e della coesione al nostro interno. Siamo seduti su un tesoro che dobbiamo saper valorizzare”.

Nel suo intervento, il presidente della Provincia autonoma Maurizio Fugatti  ha espresso una forte preoccupazione per le ripercussioni che la seconda ondata del Coronavirus potrà avere sulla realtà economica.  “La cooperazione trentina – ha affermato – che ha sempre avuto tra i suoi motivi fondanti il fare insieme, la reciprocità, non può guardare al 2021 se non con la volontà di costruire il futuro e cercare di unire il sistema sociale trentino in questo momento di grande instabilità. Il sistema trentino da una parte deve essere in grado di stare con i piedi per terra e, dall’altra, deve riuscire a innovarsi e trovare forme alternative di sostenibilità finanziaria ed economica e quindi di fronte a questo scenario dobbiamo trovare risorse straordinarie ed esterne al classico bilancio provinciale”.

“Devo ringraziare il presidente Roberto Simoni – ha concluso Fugatti – per il lavoro puntuale e preciso su alcuni progetti che la Cooperazione Trentina ha proposto all’attenzione della Giunta provinciale anche legate alle risorse del Recovery Fund”.

Pubblicità
Pubblicità

Le sfide settore per settore – “Abbiamo bisogno più di lavoro e non di ammortizzatori sociali – ha osservato il vicepresidente del settore cooperative di produzione lavoro e servizi Germano Preghenella – Il lavoro deve essere al centro delle politiche attive, con le imprese cooperative al centro di progetti di un vero rilancio. Per attrarre le nuove generazioni che si affacciano al mondo del lavoro – ha aggiunto – le nostre cooperative devono avere la capacità di adattarsi e di investire nelle nuove tecnologie”.

“Un ruolo importante nel periodo dell’emergenza sanitaria è stato rivestito dal sistema del consumo cooperativo. Ciò che è accaduto e sta accadendo ha certamente fatto riflettere tutti, il nostro esserci sul territorio trentino in ogni dove, ha dimostrato il suo grande valore – ha evidenziato Paola Dal Sasso, vicepresidente del settore consumo – La testardaggine delle Famiglie Cooperative di sostenere, alle volte con bilanci pesanti, anche le più piccole realtà, ha fortemente dimostrato il valore di quell’esserci. Non si è trattato solamente di vendere generi alimentari, ma dare la possibilità alle persone di socializzare, spezzando così il peso della solitudine nel rimanere isolati a casa”.

“In linea generale, i sistemi più strutturati hanno retto meglio, e questo conferma come “l’organizzazione” sia una priorità in generale ed in particolare per il Trentino – ha detto Michele Odorizzi vicepresidente del settore agricolo. La risposta all’emergenza Covid è stata immediata, sia sulla rimodulazione dei programmi e segmenti di vendita sia sulla velocità di implementazione delle misure di controllo del rischio di contagio messe in atto dalle autorità pubbliche.

Il Covid penso abbia avuto “il merito” di far comprendere l’importanza della produzione agroalimentare al consumatore, che ha imparato a conoscere, valutare e scegliere con dei criteri molto diversi rispetto a prima”. 

“Veniamo da dieci mesi di battaglia – ha detto il vicepresidente vicario Italo Monfredini – dove abbiamo potuto vedere i nostri limiti, e anche quelli dell’assistenza sanitaria. Stiamo allevando una generazione di giovani che rischiano di aver perso due anni di scuola. Avremo a disposizione risorse pubbliche, ma anche quelle dentro le nostre cooperative, che abbiamo accumulato di generazione in generazione. Ci dobbiamo misurare con la nostra capacità di progettare il futuro. Nel sociale ci misureremo nel saper stare dentro questo cambiamento”.

“Il 2020 ha segnato una buona chiusura dei bilanci delle Casse Rurali pur considerato che c’è molta prudenza nella copertura delle partite incagliate. Tuttavia, le Casse Rurali sono alle prese con diverse problematiche, dai tassi troppo bassi all’eccessiva regolamentazione, con la tecnologia che sta cambiando il rapporto tra banca e cliente. Occorre valorizzare la dimensione cooperativa – ha detto il vicepresidente del settore credito Adriano Orsi e definire il ruolo della rappresentanza delle Casse verso la politica, anche alla luce della riforma che un anno e mezzo fa ha portato alla nascita di una capogruppo nazionale”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Lavoratori dello spettacolo, in arrivo un Ddl con sostegni e tutele
    In arrivo un disegno di legge temporaneo per rimediare alla discontinuità del lavoro nel mondo dello spettacolo. Una sorta di bonus contributivo per pareggiare, dal punto di vista pensionistico i lavoratori dello spettacolo per gli... The post Lavoratori dello spettacolo, in arrivo un Ddl con sostegni e tutele appeared first on Benessere Economico.
  • Arriva il primo noleggio auto con rata decrescente e pagabile anche in bitcoin
    Dal lavoro alla vita privata, fino al tempo libero: flessibilità è sicuramente la parola dell’anno, tanto da arrivare ad influenzare anche il mondo del noleggio. Anche questo settore infatti, negli ultimi anni ha declinato la... The post Arriva il primo noleggio auto con rata decrescente e pagabile anche in bitcoin appeared first on Benessere Economico.
  • Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey
    L’anno del Covid è stato anche l’anno dello smart working, un’autentica rivoluzione per molti lavoratori e l’Istituto Mckinsey fa luce sulle trasformazioni a cui il mondo del lavoro dovrà adeguarsi. Il report Mckinsey Alla crisi... The post Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey appeared first on Benessere Economico.
  • Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo
    Le dinamiche di internet hanno ormai cambiato le logiche di progettazione e di prenotazione della vacanza. A questo, si aggiungono gli sconvolgimenti finanziari che sono alla base delle crisi economiche innescando meccanismo viziosi. Il mercato... The post Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo appeared first on Benessere Economico.
  • Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti
    Il mondo cambia in fretta, a volte più velocemente di quanto previsto. In questo senso l’arrivo del Covid ha straordinariamente accelerato tutti i processi: da quelli economici, ai naturali fino a quelli lavorativi. Il lavoro... The post Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti appeared first on Benessere […]
  • Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli
    Negli ultimi anni gli imprenditori agricoli under 35 sono aumentati del 12%. Per facilitare questa transizione verso la terra esistono possibilità come ISMEA che permette di aiutare, anche economicamente i giovani che scelgono questa strada.... The post Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli appeared first on Benessere Economico.
  • Un ponte sottomarino galleggiante: l’incredibile scommessa della Norvegia
    Un tunnel che galleggia a mezz’acqua nel mezzo di un fiordo, con macchine che sfrecciano su entrambe le direzioni e poco sotto un abisso blu profondo oltre mille metri. Si tratta della scommessa della Norvegia, un progetto avveniristico essenziale per superare il principale problema di trasporto nel Paese. Lo studio realizzato da un team di […]
  • E’ consigliabile scegliere letture rilassanti, leggere brutte notizie fa male
    Leggere cattive notizie fa male. L’espressione che descrive la tendenza di continuare a guardare e navigare ossessivamente tra le notizie cattive anche se risultano tristi scoraggianti o deprimenti è stata rinominata dall’inglesismo: Doomscrolling. Il termine è composto da due parole: “doom” che riporta a tutto ciò che è catastrofico e, “ scrolling” si riferisce al […]
  • Le foreste rinascono dai fondi del caffè
    Troppe volte siamo stati abituati a gettare cose che, a differenza dall’aspetto, possono essere davvero utili per le persone, la natura e la vita. Così come risveglia milioni di persone in tutto il mondo, esattamente lo stesso può fare con le foreste: Il caffè o meglio il suo scarto può infatti essere davvero utile per […]
  • Vigilius Mountain Resort, dove purificarsi dallo stress della vita quotidiana
    Niente automobili, nessun rumore, niente stress. Solo natura e pace. Non ci sono strade che portano al Monte San Vigilio, si arriva solo dopo una breve salita in funivia. Qui l’aria sa di larice e di libertà. L’hotel a 5 stelle vigilius mountain resort si accoccola nella natura, diviene tutt’uno con essa, così semplice e […]

Categorie

di tendenza