Connect with us
Pubblicità

Trento

Il futuro delle Cooperative nel 2021, Simoni: «Essere disponibili al cambiamento, perché niente sarà come prima»

Pubblicato

-

Nel giorno più corto dell’anno, da domani si comincia a vedere un po’ di luce in più. La battuta è di Italo Monfredini, vicepresidente vicario della Federazione, intervenuto ieri con il presidente Roberto Simoni e gli altri vicepresidenti ad un incontro sul futuro post Covid per le imprese cooperative.

Incontro online sulla piattaforma zoom al quale hanno partecipato circa duecento tra presidenti e direttori delle cooperative trentine. In apertura è intervenuto anche il presidente della provincia autonoma Maurizio Fugatti.

“Il Covid ha cambiato tutti i parametri di relazione – ha detto Simoni – che incide anche sull’organizzazione aziendale. È necessario essere disponibili al cambiamento, perché niente sarà come prima. È in atto una grande trasformazione globale verso imprese più sostenibili, una economia più equa, meno discriminazioni, attenta alle persone e al rispetto dell’ambiente

Pubblicità
Pubblicità

Ma nessuno si salva da solo, come spesso ci ricorda il presidente Mattarella. Necessario quindi attivare le connessioni della nostra rete, perché le cooperative contengono tutti gli anticorpi contro il virus e le sue conseguenze, ma devono agire come sistema. L’organizzazione del sistema cooperativo consente di avvicinare il centro al periferia, anzi di annullare il concetto di periferia e di centro grazie alla tecnologia e alla presenza di una rete capillare distribuita su tutto il territorio. La Federazione ha attivato numerosi progetti di sistema, che hanno l’obiettivo di creare valore dalla forza dell’unità e della coesione al nostro interno. Siamo seduti su un tesoro che dobbiamo saper valorizzare”.

Nel suo intervento, il presidente della Provincia autonoma Maurizio Fugatti  ha espresso una forte preoccupazione per le ripercussioni che la seconda ondata del Coronavirus potrà avere sulla realtà economica.  “La cooperazione trentina – ha affermato – che ha sempre avuto tra i suoi motivi fondanti il fare insieme, la reciprocità, non può guardare al 2021 se non con la volontà di costruire il futuro e cercare di unire il sistema sociale trentino in questo momento di grande instabilità. Il sistema trentino da una parte deve essere in grado di stare con i piedi per terra e, dall’altra, deve riuscire a innovarsi e trovare forme alternative di sostenibilità finanziaria ed economica e quindi di fronte a questo scenario dobbiamo trovare risorse straordinarie ed esterne al classico bilancio provinciale”.

“Devo ringraziare il presidente Roberto Simoni – ha concluso Fugatti – per il lavoro puntuale e preciso su alcuni progetti che la Cooperazione Trentina ha proposto all’attenzione della Giunta provinciale anche legate alle risorse del Recovery Fund”.

Pubblicità
Pubblicità

Le sfide settore per settore – “Abbiamo bisogno più di lavoro e non di ammortizzatori sociali – ha osservato il vicepresidente del settore cooperative di produzione lavoro e servizi Germano Preghenella – Il lavoro deve essere al centro delle politiche attive, con le imprese cooperative al centro di progetti di un vero rilancio. Per attrarre le nuove generazioni che si affacciano al mondo del lavoro – ha aggiunto – le nostre cooperative devono avere la capacità di adattarsi e di investire nelle nuove tecnologie”.

“Un ruolo importante nel periodo dell’emergenza sanitaria è stato rivestito dal sistema del consumo cooperativo. Ciò che è accaduto e sta accadendo ha certamente fatto riflettere tutti, il nostro esserci sul territorio trentino in ogni dove, ha dimostrato il suo grande valore – ha evidenziato Paola Dal Sasso, vicepresidente del settore consumo – La testardaggine delle Famiglie Cooperative di sostenere, alle volte con bilanci pesanti, anche le più piccole realtà, ha fortemente dimostrato il valore di quell’esserci. Non si è trattato solamente di vendere generi alimentari, ma dare la possibilità alle persone di socializzare, spezzando così il peso della solitudine nel rimanere isolati a casa”.

“In linea generale, i sistemi più strutturati hanno retto meglio, e questo conferma come “l’organizzazione” sia una priorità in generale ed in particolare per il Trentino – ha detto Michele Odorizzi vicepresidente del settore agricolo. La risposta all’emergenza Covid è stata immediata, sia sulla rimodulazione dei programmi e segmenti di vendita sia sulla velocità di implementazione delle misure di controllo del rischio di contagio messe in atto dalle autorità pubbliche.

Il Covid penso abbia avuto “il merito” di far comprendere l’importanza della produzione agroalimentare al consumatore, che ha imparato a conoscere, valutare e scegliere con dei criteri molto diversi rispetto a prima”. 

“Veniamo da dieci mesi di battaglia – ha detto il vicepresidente vicario Italo Monfredini – dove abbiamo potuto vedere i nostri limiti, e anche quelli dell’assistenza sanitaria. Stiamo allevando una generazione di giovani che rischiano di aver perso due anni di scuola. Avremo a disposizione risorse pubbliche, ma anche quelle dentro le nostre cooperative, che abbiamo accumulato di generazione in generazione. Ci dobbiamo misurare con la nostra capacità di progettare il futuro. Nel sociale ci misureremo nel saper stare dentro questo cambiamento”.

“Il 2020 ha segnato una buona chiusura dei bilanci delle Casse Rurali pur considerato che c’è molta prudenza nella copertura delle partite incagliate. Tuttavia, le Casse Rurali sono alle prese con diverse problematiche, dai tassi troppo bassi all’eccessiva regolamentazione, con la tecnologia che sta cambiando il rapporto tra banca e cliente. Occorre valorizzare la dimensione cooperativa – ha detto il vicepresidente del settore credito Adriano Orsi e definire il ruolo della rappresentanza delle Casse verso la politica, anche alla luce della riforma che un anno e mezzo fa ha portato alla nascita di una capogruppo nazionale”.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • VIDEO – Scegliere il mondo come ufficio e diventare nomadi digitali: intervista ad Armando Costantino
    Negli ultimi anni, la tentazione sempre più frequente del “mollo tutto” combinata  all’aumento dello smart working ha creato una nuova tendenza all’interno del panorama lavorativo: i nomadi digitali, conosciuti anche come fulltimers. Persone che hanno scelto di spostare la loro casa in camper e il loro ufficio nel mondo, investendo su loro stessi per riprendersi […]
  • Vado a vivere in un faro!
    Quante volte, leggendo Virginia Woolf o Jules Verne, avete fantasticato su come potrebbe essere vivere in un faro con la sola compagnia del vento e del mare? I fari, nell’immaginario collettivo, sono luoghi straordinari al confine fra mito e realtà, unico baluardo di salvezza per i navigatori durante le notti di tempesta. In realtà, senza […]
  • Hotel e Ristorante Villa Madruzzo: dove ricaricare le batterie a pochi chilometri da Trento
    A quattro chilometri dal centro di Trento si trova uno degli hotel più gettonati del momento: Villa Mandruzzo. Complici anche il ristorante e la meravigliosa area benessere, Villa Mandruzzo è presto diventato uno degli hotel più raccomandati tra coloro che vogliono venire a Trento per godersi alcuni giorni di meritato relax o anche solo per […]
  • Viaggio in Grecia, scegli il fascino mistico di Rodi
    La Grecia è uno di quei luoghi da sogno che tutti dovremmo visitare almeno una volta nella vita. Uno di quei paradisi terrestri neanche troppo lontani dall’Italia che con la sua storia, la sua cultura, il paesaggio naturale, incanta tutti, senza distinzione. Dalle città che hanno fatto la storia come la capitale Atene, simbolo dei […]
  • HP Reinvent: arrivano i nuovi PC per lo smart working
    Grandi novità in arrivo da parte di HP, azienda leader nel settore tecnologico. Durante l’attesissimo evento HP Reinvent dedicato ai propri partner, l’azienda ha lanciato nuovi Pc destinati allo smart working. Ma non solo: l’evento è stato utile per svelare tanti nuovi dispositivi e soluzioni per aiutare le aziende ed i professionisti a migliorare la […]
  • Abbigliamento casual uomo, tutte le dritte per non sbagliare
    Tutti pazzi per l’abbigliamento casual che non è solo comodo ma è anche fashion. Non bisogna confondere, infatti, che casual non è il sinonimo di trasandato e di un abbigliamento approssimativo. Non c’è pensiero più sbagliato perché oggi indossare abiti casual vuol dire vestirsi alla moda, in chiave moderna e innovativa, con uno stile senza […]
  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]

Categorie

di tendenza