Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Pejo Funivie: bilancio positivo (nonostante il Covid) e Cda rinnovato

Pubblicato

-

Nella foto a sinistra la Funifor PEJO 3000, in quella a destra il presidente Marco Dell'Eva e il vice Angelo Dalpez

Dieci anni fa, per l’inverno 2010-11 entrava in funzione la nuova Funifor PEJO 3000, una funivia da 100 posti che in pochi minuti conduce dalla località Tarlenta (a quota 2.000) sino ai 3.000 metri di altitudine nel cuore del gruppo dell’Ortles-Cevedale.

Un moderno e capiente impianto che sale sino in Valle della Mite, consentendo poi di tuffarsi in una meravigliosa ed emozionante discesa di 8 chilometri fino a Peio Fonti.

La nuova Funivia ha permesso di ripristinare, con un tracciato sciistico ancora più lungo e di maggior dislivello, la mitica pista Val della Mite nel fantastico scenario del Parco Nazionale dello Stelvio.

Pubblicità
Pubblicità

Ma l’innovativo impianto ha avuto il merito, oltre l’inaspettato successo di questi anni, di rilanciare l’intera stazione invernale con la realizzazione di altri impianti e moderni servizi per una clientela sempre più attenta ed esigente.

I dati di questo ultimo decennio e del bilancio 2020 sono stati illustrati dal presidente di Pejo Funivie Spa Marco Dell’Eva nel corso dell’ultima assemblea, chiamata per l’approvazione del bilancio e per il rinnovo del Cda.

Numeri importanti, in crescita, tanto che prima del blocco dovuto alla pandemia a inizio marzo si registrava un +29% rispetto all’anno precedente.

Pubblicità
Pubblicità

«Facendo i conti – ha detto Dell’Eva – abbiamo avuto una perdita intorno agli 800 mila euro. La Pejo Funivie, con un fatturato di 3.531.000 euro, e un utile di 390.409 euro, ha comunque chiuso, in questo anno particolarmente difficile dovuto al Covid, con 40 mila euro in più».

PIÙ DI 7 MILIONI E MEZZO DI INVESTIMENTI NEGLI ULTIMI 10 ANNI – Superano i 7 milioni e mezzo di euro gli investimenti attuati da Pejo Funivie negli ultimi 10 anni.

Nel corso dell’assemblea il presidente Dell’Eva è entrato nel dettaglio degli interventi principali. Nel 2011 è stato predisposto il bacino di innevamento per un costo di 1 milione e 850 mila euro, nel 2014 la pista Val Scura e l’innevamento (€ 160 mila), nello stesso anno anche il nuovo campo scuola (€ 250 mila), poi l’innevamento della Val della Mite fino a Pejo 3000 completato nel 2017 (€ 750 mila).

Nel 2016 è stato predisposto il nuovo impianto, la seggiovia quadriposto al Saroden (€ 2 milioni e 350 mila) e quindi la pista Saroden e Beverina (€ 360 mila).

Sono poi stati predisposti a completamento delle due piste le reti e i cunei per un costo di 120 mila euro, mentre nel 2019 è stato ideato e realizzato, sempre a cura della società, il kinderland estivo per 315 mila euro.

Tra il 2019 e il 2020 sono stati realizzati altri lavori, come l’allargamento della pista Doss dei Gembri (€ 850 mila) e l’innevamento della stessa (€ 320 mila). A completamento degli investimenti, è stato anche acquistato un mezzo battipista per 330 mila euro.

CDA RINNAVATO: CONFERMATI PRESIDENTE E VICE – All’assemblea tenutasi nella sala del Parco dello Stelvio, presenti alcuni azionisti mentre gli altri erano in “remoto” dopo l’approvazione del bilancio è passata al rinnovo del Cda in scadenza dopo tre anni.

Da ricordare che Pejo Funivie spa è una società partecipata con Trentino Sviluppo Spa (52%), il Comune di Peio ( 19%), Funivie Folgarida-Marilleva (14%), la Cassa Rurale Val di Sole (7%) e gli operatori turistici all’8 %.

Questo il Consiglio di amministrazione di Pejo Funivie per il prossimo triennio: Marco Dell’Eva presidente (confermato), Angelo Dalpez vicepresidente (confermato), Cristian Gasperi consigliere (confermato), Aurelio Veneri consigliere (nuovo), Roberto Giuffrida consigliere (nuovo).

La nomina del collegio sindacale, invece, ha visto eletti Paolo Carolli presidente, Alan Bertolini e Giorgio Barbacovi membri effettivi, Giulia Camillo e Sabrina Monti membri supplenti.

A chiusura dell’assemblea, il presidente Dell’Eva, oltre ai ringraziamenti ai consiglieri e ai sindaci uscenti, ha posto grande attenzione sul momento difficile che tutto il mondo, non solo quello della neve, sta attraversando e come il nuovo Dpcm, ha di fatto messo lo stop all’apertura degli impianti.

«Una grande perdita anche per le casse della società – ha concluso Dell’Eva – calcolando che il periodo natalizio influisce del 30% sul fatturato complessivo oltre a tutto l’indotto per la località: albergatori, ristoratori, maestri di sci, noleggiatori».

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza