Connect with us
Pubblicità

eventi

Una ricerca per dare valore ai Distretti famiglia e ai Piani giovani

Pubblicato

-

Questa mattina sono stati presentati gli esiti della ricerca qualitativa che ha visto protagonisti gli attori locali che operano nei Distretti famiglia e nei Piani giovani del Trentino.

Ad illustrare i meccanismi e le logiche di funzionamento degli interventi a rete di welfare locale, in occasione del Festival della famiglia, sono intervenuti Maurizio Busacca e Alessandro Caputo dell’Università Ca’ Foscari di Venezia. La ricerca presentata, promossa da Agenzia per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili della Provincia autonoma di Trento e Fondazione Franco Demarchi, tra teoria e pratica ha messo in luce le caratteristiche e il valore delle reti, che denotano oggi una flessibilità e una certa capacità di adattamento ai nuovi contesti.

Debora Nicoletto, referente formazione Piani giovani e Distretti famiglia Provincia autonoma di Trento, e Michele Bezzi, coordinatore di servizio educativo di APPM onlus e Manager territoriale, hanno moderato l’incontro che ha visto intervenire in apertura Piergiorgio Reggio, presidente della Fondazione Franco Demarchi, il quale ha messo in luce come rispetto al cambiamento delle reti sociali, la Fondazione Demarchi contribuisce attraverso una visione critica alla formazione dei manager territoriali, referenti tecnico organizzativi dei Distretti famiglia e Piani giovani, accompagnandoli anche nel riconoscimento delle competenze.

A seguire il dirigente generale del Dipartimento istruzione e cultura Roberto Ceccato ha sottolineato come oggi più che mai abbiamo bisogno di avere una visone positiva e costruttiva e per questo il mondo della scuola sta dedicando grande attenzione alle reti e al contesto sociale, per non lasciare sole le famiglie, gli studenti e i giovani.

Luciano Malfer, dirigente dell’Agenzia per la famiglia, la natalità e le politiche giovanili, è poi intervenuto spiegando come l’Agenzia, in collaborazione con la Fondazione Demarchi, sta lavorando per valorizzare il capitale locale e produrre effetti generativi sul territorio. La ricerca presentata oggi è stata pensata per riuscire a comprendere il lavoro che si sta svolgendo con gli attori del territorio e per valutare, in un’ottica di miglioramento, il processo che si sta implementando con i Distretti famiglia e i Piani giovani.

Maurizio Busacca, ricercatore e docente al Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e Alessandro Caputo, ricercatore sempre all’Università Ca’ Foscari, hanno presentato il lavoro di ricerca che dalla ricostruzione del quadro analitico dell’indagine, basato su due politiche di welfare locale a rete, si è focalizzata sulle dimensioni del lavoro di rete, tra la teoria e le pratiche osservate, ponendo nuovi approcci valutativi delle politiche di welfare locale:

Le trasformazioni che hanno investito il welfare state a partire dagli anni ’70 e che si sono intensificate in seguito alla crisi internazionale del 2007-2008 hanno dato origine a due proposte interpretative: la prima le collega alla svolta neoliberale e al conseguente prevalere delle logiche privatistiche e di mercato su quelle pubbliche e redistributive; la seconda legge in questi cambiamenti una svolta positiva, l’opportunità di trovare maggiori e migliori risposte per far fronte ai nuovi rischi sociali in un contesto di risorse pubbliche decrescenti per vincoli di bilancio esterni. Senza propendere per una o l’altra interpretazione, nella presente ricerca i fenomeni osservati sono analizzati dalla prospettiva degli “innovation studies” (Ramella 2013), riconoscendo come innovative le loro logiche di azione, che innescano meccanismi multi-stakeholder e forme di welfare societario.”

Nel corso dell’analisi, hanno spiegato i ricercatori, sono state osservate specifiche manifestazioni di attivazione a rete dei territori, attraverso lo studio dei Distretti Famiglia e dei Piani Giovani, e offerto un contributo utile a spiegare come i processi collaborativi funzionano e quando hanno esiti favorevoli.

Hanno inoltre riportato come l’obiettivo generale della ricerca è stato quello di analizzare i meccanismi di funzionamento delle reti attive nei Piani Giovani e nei Distretti Famiglia, mente tra gli obiettivi specifici si collocano l’elaborazione di un indice in grado di sintetizzare a fini valutativi le modalità di funzionamento dei Piani e dei Distretti e l’individuazione delle caratteristiche degli attori o gruppi di attori che agiscono sulle reti.

Busacca e Caputo hanno quindi spiegato le cinque dimensioni strategiche individuate per il funzionamento dei Piani e dei Distretti (rete, intermediazione, interazione, tecnologie, integrazione tra le politiche) e i 27 indicatori codificati individuati: “Contemporaneamente sono state elaborate e verificate, con esito positivo, un’ipotesi che collega l’esito positivo dei processi collaborativi alla presenza di particolari con una funzione agenti che agiscono come creatori e gestori di reti; intercettano finestre di opportunità di policy e di business; alimentano processi di open innovation, imprenditorializzano idee, politiche organizzazioni.”

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza