Connect with us
Pubblicità

Trento

Scontro sul Muse, polemica finita. La Giunta segue Zecchi e pensa a Marzatico come nuovo direttore

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

La storia è nota. Il presidente Stefano Zecchi rifiuta di firmare la variazione del bilancio di previsione per gli esercizi finanziari 2020-2022 del Muse, andando contro i membri del Cda e contro il direttore Michele Lanzinger. Troppe le criticità da rilevare per fornire un parere favorevole all’approvazione del documento. L’opposizione sembra l’unica via per un vero cambiamento. Cala l’asso di un secco NO, e la polemica è servita. 

Nel mirino di Zecchi, tra le altre questioni, quelle che lui definisce ‘una significativa mancanza di trasparenza amministrativa e una gestione del personale discutibile’. 

Impossibile – dice – valutare attraverso la spesa corrente la reale situazione del personale che lavora al Muse. Le mail da parte dei dipendenti rilevano una situazione critica dal punto di vista della precarietà e dell’organizzazione del lavoro (non si tratterebbe qui solo di lavoratori precari ma anche di dipendenti con contratto a tempo indeterminato ndr). Una problematica, quella della difficile situazione relativa al personale, che emerge peraltro anche da un documento redatto da Cgil, Cisl e Fenalt e inviato al Consiglio d’amministrazione”.

Pubblicità
Pubblicità

Si parla in questa sede di un problema vecchio quasi 30 anni, che per Zecchi sarebbe correlato in primis alla pluridecennale direzione di Lanzinger, e di un passato che avrebbe reso il Muse “una cittadella impenetrabile: un’eredità decisamente troppo ingombrante per tollerarne le responsabilità dirette senza fare nulla e soprattutto senza poterne discutere in sede pubblica. 

E quando la protesta si allarga al Consiglio di Amministrazione, il cannone si sposta nella direzione dell’ex presidente della Provincia, Alberto Pacher e della giornalista RAI, Laura Strada. 

Una posizione grave per due motivi, secondo Zecchi, quella di Strada e Paccher: l’una per essere stata definita “sprovveduta sui problemi dell’amministrazione“, l’altro perché “provenendo da un’area politica di sinistra, avrebbe dovuto sviluppare una maggiore sensibilità rispetto a determinati temi”.

Pubblicità
Pubblicità

“E’ amaro constatare come gli altri due componenti del cda abbiano votato a favore, ignorando un obbligo fondamentale, che è quello di una valutazione approfondita delle istanze sindacali da me sollevate. La questione, come è chiaro, non poteva essere rimandata”, sottolinea.

Quanto a Michele Lanzinger “è lì da troppi anni e ha identificato l’amministrazione del museo con la sua stessa vita. Le disposizioni del personale sono in carico alla direzione anche se questo dipende dalla Provincia”.

Di battibecco in battibecco, le dinamiche di questa guerra interna alla mega struttura museale non sono sfuggite all’occhio vigile della Giunta provinciale. Nella serata di oggi (3 dicembre) sembra infatti che l’assessore Mirko Bisesti e il governatore Fugatti abbiano avuto un incontro informale proprio con i membri del Cda per cercare di mettere la parola fine allo scontro.

Con una decisione in via di maturazione, almeno così recitano le indiscrezioni provenienti da piazza Dante, la volontà dei vertici provinciali sarebbe quella di seguire l’indicazione del presidente Zecchi: un cambio di direzione, a partire dal 1° di gennaio, tra Lanzinger (destinato, sembra, alla sovrintendenza) e l’ex direttore del Castello del Buonconsiglio Franco Marzatico. Del resto, l’invito a fare fronte comune per questa importante svolta sarebbe stato indirizzato anche alla consigliera Strada, giunta alla carica grazie alla nomina di questa maggioranza.

Dalla Provincia ci sarebbe dunque fiducia massima nell’operato dell’attuale presidente, nella sua forte volontà di ‘aprire il museo’ ad una nuova idea di gestione e di mettere ordine in una situazione ormai impossibile da sanare se non con una ventata di rinnovamento. Tra le priorità, c’è infatti proprio quel piano di riorganizzazione al quale da tempo Zecchi sta lavorando con il dipartimento provinciale del personale.

Marzatico, in questa ottica, sembra davvero rappresentare ‘l’uomo nuovo’. Qualcuno dice che sarà lui, senza dubbio, il prossimo direttore del Muse.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Alto Garda e Ledro9 ore fa

Auto finisce fuori stada rimandendo un bilico sul ciglio della rampa

Val di Non – Sole – Paganella9 ore fa

Brindisi, sorrisi e musica per i coscritti 70enni di Predaia

Trento11 ore fa

Aggressione Martina Loss, la solidarietà e la condanna del mondo politico

Trento12 ore fa

Le previsioni di Meteotrentino indicano probabilità media di temporali intensi con grandine

Trento12 ore fa

Consorzio B.I.M. dell’Adige: questa mattina la presentazione del progetto «L’acqua e i giovani»

Trento12 ore fa

Coronavirus: 218 contagi e un decesso nelle ultime 24 ore in Trentino

Piana Rotaliana12 ore fa

Lavis incontra Prijedor, città della Bosnia-Erzegovina

Trento12 ore fa

Farmacie comunali: nel 2021 un utile netto di 1,28 milioni di euro

Giudicarie e Rendena13 ore fa

E’ morto Annibale Bianchi, originario di Lardaro: aveva partecipato al raduno degli Schutzen in Passiria

Trento13 ore fa

Assicurazione, il rimborso dei costi esteso alle associazioni di promozione sociale

Italia ed estero13 ore fa

Università Bocconi di Milano: come si accede a questo prestigioso ateneo?

Trento13 ore fa

Sabato 28 il convegno distrettuale del Vigili del fuoco volontari di Gardolo

Trento13 ore fa

La seduta con il consiglio provinciale giovanile, Fugatti: “I giovani sono il futuro del Trentino e dell’Europa”

Trento13 ore fa

“Ci pensiamo noi”: presentati in Consiglio provinciale i progetti degli studenti di tre istituti

Val di Non – Sole – Paganella14 ore fa

Operaio ustionato in volto da un ritorno di fiamma: incidente sul lavoro a Romeno

Trento3 settimane fa

Mauro Ottobre perde anche in appello con La Voce del Trentino. Dovrà pagare altri 22 mila euro

Politica4 settimane fa

Nella prossima seduta consiliare in discussione 6 ddl, compreso quello sulla terza preferenza

Trento2 settimane fa

Coronavirus: un decesso e 326 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Trento2 settimane fa

Coronavirus: contagi e ricoveri in calo nelle ultime 24 ore

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Orso a spasso tra i meleti di Mechel – IL VIDEO

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 426 contagi nelle ultime 24 ore. In salita i ricoveri

Trento4 settimane fa

Coronavirus: contagi contenuti e nessun decesso nelle ultime 24 ore

Trento2 settimane fa

Coronavirus: 66 contagi nelle ultime 24 ore in Trentino

Telescopio Universitario4 settimane fa

Ricerca, l’Europa premia ancora l’Università di Trento

Trento4 settimane fa

Concerto Vasco Rossi: ecco la viabilità alternativa per minimizzare i disagi

Politica3 settimane fa

Anche una delegazione Trentina alla conferenza di Fratelli d’Italia, Meloni: «E’ arrivato il nostro tempo»

Trento4 settimane fa

Vasco diffonde la prime foto del grande palco del Concerto di Trento. Saranno 11 i musicisti impegnati nel live

Trento4 settimane fa

Coronavirus: 156 contagi e nuovo balzo in avanti dei ricoveri nelle ultime 24 ore

Rovereto e Vallagarina4 settimane fa

In fiamme un camioncino nel parcheggio del Rovercenter – IL VIDEO

Politica3 settimane fa

Consiglio straordinario il 16 maggio per la comunicazione sull’A22

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza