Connect with us
Pubblicità

Rovereto e Vallagarina

Follia a Rovereto: gli urtano l’auto e scappano. Inseguiti, lo aggrediscono. 40enne finisce al pronto soccorso

Pubblicato

-

Follia verso le 10 del mattino ieri a Rovereto dove il conducente di un’autovettura è finito al pronto soccorso con il dito medio fratturato e una prognosi di 20 giorni che ha fatto scattare in automatico d’ufficio la denuncia verso due persone.

L’uomo era parcheggiato fuori dal Nero Caffè, in via Abetone fermo dentro l’auto, dove stava partecipando ad una conferenza online vista l’impossibilità di partecipazione diretta per le misure anti covid.

Durante la conferenza la sua macchina è improvvisamente sobbalzata in avanti: «Ho guardato nello specchietto e ho visto che l’auto che era parcheggiata di fianco, nel fare retro, era finita addosso alla mia»racconta il 40 enne automobilista roveretano. 

Pubblicità
Pubblicità

Sceso dall’auto il 40 enne ha notato un’ammaccatura sulla carrozzeria e si è indirizzato verso il conducente dell’auto che aveva causato i danni per chiedere lumi a riguardo.

«In quel frangente però – racconta – vedo l’anziano autista insieme ad una persona più giovane seduta vicino proseguire nel piazzale. Mi son detto, magari ora si ferma. Invece mi sfreccia davanti e scappa».

Il danneggiato non si è dato per vinto e ha deciso di inseguire l’anziano a bordo dell’autovettura.

Pubblicità
Pubblicità

Il 40 enne roveretano durante l’inseguimento più volte si è affiancato ai due intimandoli di fermarsi. «La cosa incredibile è che dal finestrino mi sono sentito gridare che ero stato io ad andare addosso alla loro macchina. Ma come potevo se ero fermo? Ho subito capito quindi che non erano ignari di essermi venuti addosso e che anzi, lo sapevano benissimo ed erano in cattiva fede».

L’inseguimento continua a colpi di clacson e fanali e a questo punto visto che le cose stavano degenerando viene chiesto il supporto del numero unico 112 dove alla Polizia di Stato viene comunicato il numero di targa e ciò che stava succedendo

I due proseguono la fuga fino in via Benacense dove all’altezza dell’autolavaggio girano a destra verso i condomini Itea.

Si fermano davanti al cancello automatico dell’interrato attendendo l’apertura. Ed è qui che l’inseguitore è sicuro di bloccarli. Sceso dalla propria auto si mette davanti ai due, il conducente di 88 anni e suo figlio, avvertendoli che la Polizia di Stato sta arrivando.

L’anziano, vedendo aprirsi il cancello automatico, accelera sgommando a più non posso passando con la ruota sopra al piede del 40 enne e colpendolo al ginocchio.

A questo punto la cosa degenera totalmente: in suo aiuto il 40enne chiama due operai che hanno assistito alla scena impietriti mentre i due investitori scendono dall’auto tentando di aggredire il povero automobilista.

Lo prendono a calci e lo invitano ad andare via e mentre il padre di 88 anni si dilegua, il figlio continua ad inveire e minacciare. Poco dopo arrivano in soccorso i poliziotti, che dopo avere raccolto le testimonianze di chi ha assistito alla scena, salgono nell’appartamento e convincono i signori a fare la constatazione amichevole, che visto l’arrivo della polizia, stilano senza indugi prendendosi la totale colpa del sinistro.

Il bilancio finale per il 40enne è piuttosto pesante: frattura del dito medio, contusioni multiple da schiacciamento sul piede, grosso ematoma sul ginocchio. La prognosi è di ben 20 giorni, quindi, come anticipato, per prassi la denuncia scatta in automatico e viene inoltrata in tribunale.

«Mi reputo fortunato di non esser stato investito. Poteva andare molto peggio – afferma ancora il 40 enne – faccio i complimenti per la grinta all’88enne che ha tentato di investirmi, ma presumo che anche suo figlio non sia stata una persona tanto perbene visto che invece di fermarlo lo ha aizzato contro di me. Il figli,o su 50 anni, invece di fermare il padre lo ha difeso a spada tratta».

Per i due ora l’attesa delle indagini e l’eventuale rinvio a giudizio dove dovranno spiegare l’incredibile atteggiamento verso il malcapitato roveretano. I reati sono molti, ma sarà la procura a decidere i capi d’imputazione per padre e figlio di nazionalità italiana.

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey
    L’anno del Covid è stato anche l’anno dello smart working, un’autentica rivoluzione per molti lavoratori e l’Istituto Mckinsey fa luce sulle trasformazioni a cui il mondo del lavoro dovrà adeguarsi. Il report Mckinsey Alla crisi... The post Come cambia il lavoro post-covid, le tendenze secondo il report McKinsey appeared first on Benessere Economico.
  • Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo
    Le dinamiche di internet hanno ormai cambiato le logiche di progettazione e di prenotazione della vacanza. A questo, si aggiungono gli sconvolgimenti finanziari che sono alla base delle crisi economiche innescando meccanismo viziosi. Il mercato... The post Il Revenue management per il turismo, una soluzione di successo appeared first on Benessere Economico.
  • Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti
    Il mondo cambia in fretta, a volte più velocemente di quanto previsto. In questo senso l’arrivo del Covid ha straordinariamente accelerato tutti i processi: da quelli economici, ai naturali fino a quelli lavorativi. Il lavoro... The post Verso la YOLO Economy, rischiare per cambiare lavoro: i motivi e i settori emergenti appeared first on Benessere […]
  • Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli
    Negli ultimi anni gli imprenditori agricoli under 35 sono aumentati del 12%. Per facilitare questa transizione verso la terra esistono possibilità come ISMEA che permette di aiutare, anche economicamente i giovani che scelgono questa strada.... The post Il ritorno alla terra: ISMEA, un bando per agevolare i giovani imprenditori agricoli appeared first on Benessere Economico.
  • Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare
    La svolta crescente dell’online parla anche di risparmio e sostenibilità ecco perché le bollette cartacee sono ormai superate. L’arrivo del digitale ha convertito molti utenti ad entrare nel circuito delle bollette online, pagabili su rete... The post Addio alle buste delle bollette: un trucco per risparmiare appeared first on Benessere Economico.
  • Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco
    L’Agenzia delle Entrate rinforza l’organico e assume due mila “ agenti segreti” per potenziare la lotta all’evasione. Con i fondi del Recovery Fund arriveranno anche nuove assunzioni mirate proprio a rinforzare il campo della lotta... The post Lotta all’evasione: arrivano gli “agenti 007” del fisco appeared first on Benessere Economico.
  • Un ponte sottomarino galleggiante: l’incredibile scommessa della Norvegia
    Un tunnel che galleggia a mezz’acqua nel mezzo di un fiordo, con macchine che sfrecciano su entrambe le direzioni e poco sotto un abisso blu profondo oltre mille metri. Si tratta della scommessa della Norvegia, un progetto avveniristico essenziale per superare il principale problema di trasporto nel Paese. Lo studio realizzato da un team di […]
  • E’ consigliabile scegliere letture rilassanti, leggere brutte notizie fa male
    Leggere cattive notizie fa male. L’espressione che descrive la tendenza di continuare a guardare e navigare ossessivamente tra le notizie cattive anche se risultano tristi scoraggianti o deprimenti è stata rinominata dall’inglesismo: Doomscrolling. Il termine è composto da due parole: “doom” che riporta a tutto ciò che è catastrofico e, “ scrolling” si riferisce al […]
  • Le foreste rinascono dai fondi del caffè
    Troppe volte siamo stati abituati a gettare cose che, a differenza dall’aspetto, possono essere davvero utili per le persone, la natura e la vita. Così come risveglia milioni di persone in tutto il mondo, esattamente lo stesso può fare con le foreste: Il caffè o meglio il suo scarto può infatti essere davvero utile per […]
  • Vigilius Mountain Resort, dove purificarsi dallo stress della vita quotidiana
    Niente automobili, nessun rumore, niente stress. Solo natura e pace. Non ci sono strade che portano al Monte San Vigilio, si arriva solo dopo una breve salita in funivia. Qui l’aria sa di larice e di libertà. L’hotel a 5 stelle vigilius mountain resort si accoccola nella natura, diviene tutt’uno con essa, così semplice e […]

Categorie

di tendenza