Connect with us
Pubblicità

Trento

Scontro Fugatti – governo sulle piste di sci: per il Trentino un danno economico da 1 miliardo di euro

Pubblicato

-

Come segnalato nell’ultima conferenza stampa del PAT per l’apertura degli impianti sciistici si attende la decisione del governo Conte, dopo il protocollo approvato e proposto dalla Conferenza delle Regioni in materia di impianti a fune.

La proposta è di aprire gli impianti sciistici nelle regioni a colore giallo con la limitazione delle presenza massime giornaliere, la creazione di percorsi che garantiscano la distanza di sicurezza, soluzioni organizzative per evitare gli assembramenti e la portata di tutte le cabinovie al 50% con l’obbligo di mantenere le norme di comportamento contro il contagio, ovvero l’uso della mascherina e la distanza di almeno un metro nell’utilizzo degli impianti sciistici

Il Governo Conte però – secondo le indiscrezioni – vorrebbe tenere chiuse le piste da sci almeno fino all’Epifania. Nel nuovo Dpcm, che uscirà il 4 dicembre, si vorrebbero evitare le consuete vacanze sulla neve per non ricadere nelle problematiche già affrontate dopo la stagione estiva.

Pubblicità
Pubblicità

Su questo è in atto un forte scontro fra lo Stato e la regione autonoma di Trento che basa il 30 per cento per proprio Pil sul turismo.

Secondo la stima fatto ieri durante la conferenza dall’assessore al turismo Roberto Failoni il danno economico ammonterebbe a 1 miliardo di euro, una cifra quindi stratosferica che metterebbe in ginocchio il comparto e distruggerebbe centinaia di posti di lavori con conseguenze drammatiche sull’economia trentina.

Per questo quindi la Provincia di Trento e le altre regioni alpine hanno chiesto al governo di ripensarci in quanto i danni economici sarebbero enormi.

Pubblicità
Pubblicità

Fugatti ha affermato che se la situazione sanitaria dovesse tornare a essere gestibile e se ci fosse un protocollo a cui attenersi non si può decidere per la chiusura totale. Il presidente si augura che ci possa essere un confronto con il Governo proprio per spiegare la gravità della situazione.

La pensano allo stesso anche gli assessori e i governatori delle altre regioni alpine, che chiedono al Governo di pensare bene alle scelte da fare in quanto metterebbe in ginocchio un intero sistema che porta un grande indotto economico, lavorativo e sociale.

A riguardo anche la senatrice della Lega Elena Testor è intervenuta direttamente in parlamento presentando una interrogazione sulla questione ai ministri De Micheli, Gualtieri e Franceschini perché, «ognuno per la parte che compete loro,  – si legge nel documento – riformulino la posizione assunta dal governo di chiudere gli impianti sciistici, aprendo con il comparto un percorso di confronto e di approfondimento, che abbia come obiettivo finale la apertura degli impianti sciistici, chiaramente in un quadro di stretta osservanza delle disposizioni di sicurezza imposte dalla condizione pandemica. Il governo consideri che il settore deve già affrontare una drastica riduzione della domanda internazionale; tengano presente che sono oltre 15000 gli addetti sugli impianti e più di 40000 quelli dell’indotto, che meritano risposte e prospettive, non solo chiusure e limitazioni. Scelgano dunque una strada di inclusione; la Lega è pronta ad offrire la sua posizione di buonsenso perché il Paese merita di ripartire dalle sue eccellenze».

Oltre al presidente Fugatti, gli esponenti delle altre regioni che stanno spingendo affinchè il governo cambi idea sono: Daniel Alfreider (vicepresidente Provincia Autonoma di Bolzano), Luigi Giovanni Bertschy (vcepresidente Regione Valle d’Aosta), Sergio Bini (assessore al Turismo Regione Friuli), Martina Cambiaghi (assessora allo Sport Regione Lombardia), Federico Caner (assessore al Turismo Regione Veneto), Failoni e Fabrizio Ricca (Assessore allo Sport Regione Piemonte) e Giovanni Toti (vicepresidente della Conferenza delle Regioni).

Pubblicità
Pubblicità

  • PubblicitàPubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob
    Il fenomeno criptovalute è così attuale e crescente, tanto da spingere il numero uno della Consob, Paolo Savona a lanciare un’allarme sulla situazione. La similitudine tra criptovalute e mutui subprime Savona infatti, ha dedicato un... The post Criptovalute paragonate ai mutui subprime del 2008: l’allarme della Consob appeared first on Benessere Economico.
  • Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta
    Il vecchio Bonus Renzi da 80 euro si evolve e diventa un Bonus Irpef da 100 euro. Con l’ultima legge di Bilancio infatti, vengono riviste le regole e il nome del vecchio bonus. A chi... The post Bonus Irpef 2021, 100 euro in più in busta paga: a chi spetta appeared first on Benessere Economico.
  • Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste
    Il Governo potrebbe estendere l’esenzione Imu, ampliando la categoria di soggetti che non saranno tenuti a versare la prima rata. Imu 2021, chi rientra nell’esenzione Un nuovo emendamento al Decreto Sostegni Bis potrebbe andare incontro... The post Imu 2021: esenzioni ed agevolazioni previste appeared first on Benessere Economico.
  • P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti
    I ritardi, tipici della Pubblica Amministrazione potrebbero presto diventare un lontano ricordo. La notizia è stata raccontata dai dati diffusi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze riguardo i tempi medi impiegati durante l’anno 2020 dallo... The post P. A, lo Stato dice addio ai ritardi e paga in anticipo i suoi debiti appeared first on […]
  • Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità
    Con le riaperture torna anche il Bonus Sanificazione e DPI anche per il 2021 per una ripartenza in sicurezza. Il Decreto Sostegni bis ripropone l’agevolazione per i titolari di partita Iva, seppur in una percentuale... The post Ritorna il Bonus Sanificazione: tutti i dettagli e le novità appeared first on Benessere Economico.
  • Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto
    Con l’arrivo delle nuove agevolazioni a fondo perduto per le partite Iva, scattano anche le regole per l’accesso al contributo. Le agevolazioni Le nuove attività ed imprese economiche hanno diritto ad un contributo a fondo... The post Nuove P.Iva: le regole per i contributi a fondo perduto appeared first on Benessere Economico.
  • Nasce il primo superstore senza casse: Amazon conquista con l’innovazione
    All’interno dell’immensa panoramica della distribuzione organizzata, mette piede con estrema originalità il colosso Amazon che, potenziando ulteriormente la sua offerta apre il primo negozio senza cassa. Dall’idea senza dubbio originale e molto innovativa nasce un Fresh store in cui i clienti possono fare comodamente la spesa e uscire direttamente dalla corsia dedicata: “ senza pagare”. […]
  • Valentino dice addio alle pellicce e corre alla ricerca di nuovi materiali
    Mentre a Parigi sfila l’alta moda,  la maison di Valentino si esibisce virtualmente a Roma a Galleria Colonna. Il contrasto tra sontuosità del luogo ed il minimalismo della collezione è netto e per la prima volta uomo e donna sfilano insieme, una moda che non ha bisogno di definizione. Una sfilata che racconta la celebrazione […]
  • Il futuro del mercato immobiliare passa dalla casa in legno: un’abitazione con molti vantaggi
    Il futuro del mercato immobiliare potrebbe spostarsi dal mattone ad un materiale tanto semplice quanto resistente e sostenibile, come il legno. In particolare, il legno è il materiale per eccellenza alleato della sostenibilità ambientale perché aiuta a raggiungere al meglio l’autosufficienza energetica, permettendo di ridurre gli sprechi. Infatti, grazie alla sua elevata capacità di isolare […]
  • Hotel Chalet Mirabell: lo spirito di Merano!
    Nell’esclusivo Hotel a 5 stelle Chalet Mirabell ad Avelengo vicino Merano è possibile trascorrere le giornate più belle dell’anno tra lusso e naturalezza alpina, ampi spazi aperti e natura incontaminata. “Qualche anno fa la nostra passione ci ha portati a trasformare il nostro residence alpino da 16 camere nell’hotel 5 stelle Mirabell in Alto Adige. Abbiamo […]

Categorie

di tendenza