Connect with us
Pubblicità

Trento

Educa: cosa ci ha insegnato la pandemia?

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

A prima vista, gli insegnamenti che si possono trarre dall’epidemia di Covid sembrano riguardare soprattutto la Storia con la ‘s’ maiuscola: il futuro del pianeta, la sostenibilità ambientale del nostro sistema o il destino dell’Unione Europea.

Ma la pandemia ha impartito anche “lezioni” utili nella vita quotidiana che i filosofi Costa e Gaspari, ospiti oggi al festival EDUCA, attraverso alcune parole chiave: bacio, respiro, fragilità, incertezza.

Due filosofi hanno accompagnato oggi il pubblico di EDUCA, nel webinar, introdotto dalla coordinatrice scientifica del festival Paola Venuti, in una riflessione sugli apprendimenti che si possono trarre dalla pandemia per il presente e per il futuro. “La pandemia – ha esordito Paolo Costa, filosofo e saggista della Fondazione Bruno Kessler di Trento –  è stato un urto negativo con la realtà che ha sollevato un polverone, abbiamo la sensazione di vivere una condizione senza precedenti, ma nella storia non è così, ci sono state altre esperienze di crisi, semplicemente noi non ne abbiamo avuto esperienza personale. Dall’inizio della pandemia si sentiva la domanda “ne usciremo migliori?“, oggi molte persone rispondono di no, per molti è già un traguardo uscirne.

Pubblicità
Pubblicità

Se fosse così, se non esistesse nessuna lezione utile da condividere sarebbe una grande sconfitta per chi pensa che la vita sia sempre un’occasione per imparare. E allora proviamo a farlo attraverso alcune parole chiave.

La filosofa Ilaria Gaspari, docente alle scuole Holden e Omero e autrice del romanzo divenuto bestseller, ha iniziato dalla parola amicizia, nel senso greco di filia, nell’accezione di Epicuro che la definisce come legame tra tutti gli uomini, a prescindere dal grado di intimità e che richiede a ciascuno di prendersi cura dell’altro. “Questa accezione ci sprona a chiederci, in questa fase di distanziamento sociale, cosa rende vivo un rapporto d’amicizia e cosa noi possiamo fare per essere parte del consorzio umano. Pensiamo ad esempio all’uso della mascherina per proteggere gli altri o ai mezzi tecnologici che ci offrono nuove modalità di comunicazione.”

Paolo Costa ha esordito invece con la parola fragilità: “una parola che nelle prime settimane di lockdown si leggeva ovunque, come se fosse una scoperta quella di essere fragili.  Eppure la nostra società non si fermata, non è rimasta inerme, ma ha invece messo in campo strumenti e risorse per fronteggiare l’emergenza sanitaria. Credo che la percezione della fragilità sia legata, quindi, più alla sensazione di aver perso il controllo e che sia diventato difficile oggi stabilire la moralità di nostri comportamenti. Siamo di fronte ad un’opportunità di creatività morale che sottovalutiamo: possiamo inventare nuovi modi di prenderci cura degli altri sollecitando la nostra immaginazione morale.”

Pubblicità
Pubblicità

La terza parola è baci, quei baci che prima della pandemia erano diffusi anche come forma di saluto.

Per Gasperi “il contatto fisico anche con gli estranei è una forma di incontro che si è completamente persa, e oggi stiamo introiettando diffidenza nei confronti negli altri. Invece dovremmo chiederci quali altre forme di vicinanza possiamo trovare, basti pensare a come oggi gli occhi siano diventati centrali nel dialogo e nell’incontro”. Un’altra parola per Costa è incertezza che porta alla ricerca di risposte nel potere e nell’autorità.

Una forma tipicamente moderna di potere è la conoscenza: e nella pandemia le persone si sono rivolte agli scienziati chiedendo di avere risposte, e senza possibilità di errore; ma l’incertezza deriva dal aver perso la familiarità del mondo, così come lo conoscevamo; servirà tempo perché torni. La scienza ci aiuterà ma non nel modo in cui ci aspettiamo”.

Ultima parola è respiro: “questo virus – ha detto Gaspari – ci colpisce a livello molto simbolico e in profondità e, come quando manca il respiro fisicamente, ci si concentra sull’atto del respirare, così ora ci concentriamo sul presente, faticando ad immaginare il futuro”.

I promotori – Il festival è promosso dalla Provincia autonoma di Trentol’Università degli studi di Trento e il Comune di Rovereto, organizzato da Consolida con il supporto scientifico di Fondazione Bruno KesslerFondazione Demarchi e Iprase e il sostegno di Federazione trentina della Cooperazione e delle Casse Rurali Trentine. La rassegna Educa Immagine organizzata dal consorzio Consolida con i partner del festival, vanta la direzione artistica di Trentino Film Commission e il sostengo del piano Cinema per la scuola del MIUR e MiBACT e il contributo di Cassa Rurale di Rovereto.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Fiemme, Fassa e Cembra7 minuti fa

Marmolada: slavine e valanghe ci sono da sempre, ma serve prudenza

Io la penso così…11 minuti fa

Attenzione alle persone «tossiche» e ai vampiri energetici

Politica24 minuti fa

Manovra di Bilancio: le minoranze depositano circa 5.500 emendamenti

Trento1 ora fa

Sergio Mattarella apre all’autonomia, Fugatti: “Ora risolvere i conflitti sull’interpretazione delle norme”

Trento1 ora fa

Slot machine: il consiglio di Stato sospende l’ordine di rimozione

Trento1 ora fa

Circonvallazione ferroviaria Trento: pian piano la verità viene a galla

Ambiente Abitare1 ora fa

COP27, la Conferenza ONU sui cambiamenti climatici: Tonina a confronto con la delegazione dei giovani trentini

Valsugana e Primiero2 ore fa

Frontale tra due vetture, una abbatte un palo telefonico: feriti i due conducenti

Val di Non – Sole – Paganella2 ore fa

La Fondazione Ivo de Carneri raccoglie fondi per due nuovi progetti con regali solidali

Riflessioni fra Cronaca e Storia2 ore fa

Un appello al papa, per una tregua di Natale, come fece De Gasperi

Trento3 ore fa

Firmato il protocollo di intesa con il comparto Sanità – area della categorie

Trento13 ore fa

100 anni di Itea: concluso il concorso “Scuole in copertina”

Trento13 ore fa

A22, finanza di progetto: via libera del Ministero per 7,5 miliardi di euro di investimenti

Trento14 ore fa

Gruppo italiano interparlamentare, Ambrosi: «Mia elezione a vicepresidente grande onore e responsabilità»

Ambiente Abitare15 ore fa

Gli studenti, grazie a un fumetto, insegnano agli adulti come difendersi dalle alluvioni

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Monica Cadau perde il ricorso al TAR e dovrà risarcire il comune di Borgo e il Ministero

Trento3 settimane fa

A Trento è arrivata “Pokè Monade”, la Poke trentina!

Io la penso così…5 giorni fa

Coredo: «I maiali che mangiavano fango: il veterinario si dimetta»

Trento2 settimane fa

Avvistato un branco di lupi tra Centa San Nicolò e Caldonazzo

Val di Non – Sole – Paganella2 settimane fa

Morte neonato a Cles: era già successo 42 anni fa

Trento2 settimane fa

I pendolari della sanità trentina: «È l’unico modo per curarsi e rimanere in vita»

Trento7 giorni fa

Gallerie Martignano: da dicembre saranno attivi gli autovelox

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Massimiliano Lucietti è morto mentre era a terra per sparare

Trento4 settimane fa

Le sconcertanti e imbarazzanti parole di Antonio Ferro sulle Oss trentine

Le ultime dal Web3 settimane fa

Tesla Model Y impazzita uccide due persone – IL VIDEO

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Non più lezioni, ma esperienze in montagna. A Molveno apre la nuova «Non scuola di sci»

Trento4 settimane fa

Non poteva essere l’avvocato della Provincia di Trento. La corte dei Conti chiede 113 mila euro di risarcimento a Giacomo Bernardi

Val di Non – Sole – Paganella3 giorni fa

Paura nella notte a Cles: a fuoco un’abitazione in zona Spinazzeda

Trento3 settimane fa

Gardolo: autobus va contro un’auto, manda a quel paese il guidatore e scappa

Trento3 settimane fa

Trento in lutto, è morto Rinaldo Detassis fondatore di Elettrocasa

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza