Connect with us
Pubblicità

Trento

Bar serali e notturni scrivono a Fugatti e Failoni: «Siamo alla disperazione, aiutateci»

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

La lettera è arrivata sulla scrivania del presidente della Provincia, Maurizio Fugatti e dell’assessore provinciale al commercio, Roberto Failoni. L’appello è quello dei titolari di bar serali e notturni che chiedono di non essere dimenticati.

Walter Bonaventura, vicepresidente di Fiepet Confesercenti si fa portavoce di una categoria allo stremo. “Siamo quelli che alle 17 o alle 18 tutti i giorni comprese le domeniche, Natale, Pasqua e Ferragosto… aprono le attività per accogliervi, ospitarvi e accompagnarvi nell’ultima parte della vostra giornata – si legge nella lettera – , siamo quelli dove venite con i vostri amici e i vostri amori,  siamo quelli dove vi trovate prima o dopo una cena, siamo quelli che danno informazioni ai turisti quando gli uffici sono chiusi, siamo quelli che presidiano le strade delle città la sera e la notte, impedendo che diventino ritrovo di malintenzionati. Siamo quelli che, per farla breve, lavorano duro e fino a notte fonda per permettervi di passare qualche ora di relax, qualche ora in compagnia e in allegria”.

Una categoria nella categoria che si trova, nella difficoltà, ancor più in difficoltà. “Siamo consapevoli che tutto il comparto pubblici esercizi è in grande difficoltà, compresi i nostri colleghi diurni, ma noi lo siamo ancora di più: per noi la chiusura alle 18 è una disgrazia, è una condanna a morte – spiega  Bonaventura  – A differenza dei nostri colleghi diurni, che a causa delle restrizioni vedono una parziale contrazione dell’orario di apertura e quindi del loro fatturato, noi soffriamo una chiusura totale di fatto e una contrazione del 100% del nostro fatturato e il decreto ristori, procedendo esclusivamente secondo codici ATECO, non tiene conto di questa nostra specificità parificandoci a tutto il comparto. Lo ripetiamo, noi non abbiamo perdite parziali causate dalla restrizione dell’orario: noi stiamo perdendo la totalità del nostro fatturato”.

La lettera e l’appello non vogliono essere una gara “a chi sta peggio”. “Non stiamo ovviamente chiedendo che i nostri colleghi diurni prendano meno di quanto previsto dal decreto, ma chiediamo a gran voce degli aiuti supplementari per le nostre attività serali e notturne. Noi titolari, assieme ai nostri lavoratori, siamo in grandissima difficoltà, e dopo i grandi sacrifici e gli investimenti fatti nei mesi scorsi per adeguarci alle normative molte nostre attività sono a rischio fallimento”. 

A Fugatti e Failoni, i titolari di bar serali e notturni chiedono quindi di prendere in considerazione la situazione, “per trovare delle soluzioni immediate ed efficaci come ad esempio integrazioni ai contributi statali a fondo perduto, ulteriori aiuti sugli affitti, garanzia di accesso alla cassa integrazione, blocco delle utenze e degli adempimenti fiscali e previdenziali, che ci aiutino a superare questo difficilissimo periodo. Non ultimo, chiediamo di essere portavoce di questo nostro grido di aiuto presso il governo nazionale”.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    rel="nofollow"Pubblicità
Giudicarie e Rendena7 ore fa

Morto Luigi Cantonati il 53 enne travolto dal legname 10 giorni fa

Trento10 ore fa

Oggi la visita del sindaco a Villazzano

Spettacolo11 ore fa

Cinemart prosegue con “Jane by Charlotte”

Piana Rotaliana11 ore fa

“AgriLazzera 2023”: macchinari e attrezzature per l’agricoltura e il giardinaggio in mostra a Lavis

Trento11 ore fa

Dolomiti Pride 2023, la sfilata sarà a Trento il 3 di giugno

Val di Non – Sole – Paganella12 ore fa

Molveno: viabilità limitata in centro storico per tutta la settimana prossima

Bolzano12 ore fa

Tragico scontro tra un camion e una macchina, morta una persona

Val di Non – Sole – Paganella12 ore fa

Si è svolta la sessione forestale annuale del Comune di Cles: in montagna si torna alla normalità, ma c’è preoccupazione per l’espansione del bostrico

Trento12 ore fa

Itea, redditi più bassi e utenze domestiche? Fdi: «Pronti a sostenere qualsiasi iniziativa di aiuto da parte dell’Amministrazione Comunale»

Rovereto e Vallagarina12 ore fa

Ancora una vettura in fiamme, è successo a Besenello

Trento12 ore fa

Coronavirus, il report settimanale dei contagi in Trentino

Trento12 ore fa

Foglio di via per 3 anni per un nigeriano pregiudicato

Trento13 ore fa

Blitz in via Ghiaie della Polizia di Stato: denunciati 4 nordafricani per spaccio, due dei quali espulsi

Val di Non – Sole – Paganella14 ore fa

Iscrizioni in forte crescita al Liceo Russell: +28% rispetto all’anno scorso

Alto Garda e Ledro16 ore fa

Perde il controllo dell’auto e si ribalta in un vigneto, ferito un 21 enne

Trento1 settimana fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Offerte lavoro1 settimana fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

economia e finanza4 settimane fa

Il colosso Amazon licenzia 18 mila dipendenti

Rovereto e Vallagarina3 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento2 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento3 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena3 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento2 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza