Connect with us
Pubblicità

Arte e Cultura

EDUCA: il festival si apre con le poesie degli studenti

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Come stanno vivendo i ragazzi questo presente così complesso? Quali paure ha generato il Covid? Quali desideri ha generato?

A raccontarlo i giovanissimi studenti della scuola F. Halbherr di Rovereto che oggi hanno aperto il festival EDUCA nello slam poetry organizzato dal Festival con Zoopalco e il sostegno delle Casse rurali Trentine.
L’assessore all’istruzione Mirko Bisesti: “grazie ragazzi, dai vostri versi traiamo forza nell’impegno a garantire insieme ai vostri insegnanti e alle vostre famiglie che la scuola continui ad essere, anche in questo periodo difficile, un luogo di formazione e pieno di vita“.

Coronavirus: sembra un codice spaziale/ che nessuno immaginava potesse fare così male. / Prima era solo un semplice avvertimento, / adesso è un obbligo stare a casa e privarsi di ogni divertimento.” “Mi sono sentito in prigione/non potevo uscire in quella condizione/come se fossi in castigo/e non ne capivo il motivo. Ma quella quarantena mi ha cambiato, /ho capito come ci si sente ad essere in pericolo. Ho capito, pur essendo incolpevole, che è essenziale rispettare le regole. “Anche se con le mascherine, /toneremo a soffiare le candeline”.

Sono alcuni dei versi delle poesie composte dagli studenti della scuola secondaria di primo grado F. Halberr che in queste settimane hanno partecipato al percorso formativo sulla poesia organizzato da EDUCA con il sostegno delle Casse Rurali trentine. I ragazzi hanno presentato stamattina le loro opere nella gara di versi condotta dall’attore Nicola Sordo, in cui raccontano come hanno vissuto il lockdown, la loro paura per il coronavirus, ma anche l’impegno e il desiderio per una nuova normalità: “vorrei che cosa poi/ Vorrei tenere in braccio il mondo/ e dedicarlo a noi.”. Nelle loro opere c’è la natura e l’ambiente, la famiglia, e l’amicizia.

A valutare le poesie in base a quattro categorie – creatività, musicalità, tema, scrittura – la giuria composta dal Comitato promotore del festival e dai rappresentanti dello Slam poetry trentino. La gara si è conclusa con un premio per tutti: gli studenti hanno ricevuto, infatti, in dono da EDUCA una trentina di libri, che costituiranno per ora la biblioteca di classe, ma appena possibile andranno ad arricchire quella della scuola disponibile a tutto l’istituto.

Mirko Bisesti, assessore all’istruzione della Provincia autonoma di Trento, ha mandato agli studenti un messaggio in cui li ha ringraziati: “so che è un momento difficile per voi e per i vostri coetanei. Ma vi assicuro che insieme alle vostre famiglie e ai vostri insegnanti stiamo facendo il possibile per garantire che la scuola continui ad essere un luogo di formazione e socializzazione, un contesto pieno di vita sia pur nei limiti imposti dalla tutela della salute. E voi ci date forza con il vostro impegno e lo sguardo rivolto al futuro.”

Pubblicità
Pubblicità

Da sempre il festival – afferma Cristina Azzolini, presidente del Consiglio comunale di Rovereto e membro del Comitato promotore di EDUCA – dà voce ai ragazzi; sono, infatti, più di 1200 i ragazzi che ogni anno partecipano alla prima mattinata del festival riservata alle scuole, ai quali si aggiungono quelli dei giorni successivi. Quest’anno Il Covid ha limitato molto la nostra possibilità di azione, ma abbiamo voluto mantenere fermo il principio del festival che non si può parlare di educazione senza coinvolgere bambini e ragazzi che ne sono i protagonisti. Gli studenti che hanno partecipato allo slam poetry rappresentano simbolicamente questa volontà di ascolto della voce di più giovani. E ancora una volta ci hanno dimostrato quanto gli adulti possono imparare da loro”.

Questa esperienza – ha sottolineato Chiara Ghetta, dirigente dell’Istituto comprensivo Rovereto Sud –  arricchisce non solo il vissuto scolastico dei nostri studenti, ma anche quello personale. Come diceva Don Milani “la parola fa eguali”, permette a tutti nostri ragazzi diversi per lingua, cultura, colore della pelle di sentirsi parte di un tutto;  la poesia in particolare  ha un potere maieutico, salvifico , permettendo ai nostri ragazzi di interrogarsi  e tirar fuori il meglio di sé”.

La docente Maria Rosa Franchi che ha accompagnato i ragazzi in questo percorso insieme ai formatori di Zoopalco, ha aggiunto: “EDUCA ha offerto ai miei studenti la possibilità di scoprire la lingua come uno strumento di introspezione, la poesia come un modo di esplorare dentro sé stessi e di cercare il significato profondo delle cose. Il loro entusiasmo e il loro impegno nel cimentarsi con i versi poetici ha permesso a noi adulti di entrare nel loro mondo, di accostarci ai loro pensieri, alle loro emozioni e alle loro fragilità.”

I promotori del festival
Il festival è promosso dalla Provincia autonoma di Trento, l’Università degli studi di Trento e il Comune di Rovereto, organizzato da Consolida con il supporto scientifico di Fondazione Bruno Kessler, Fondazione Demarchi e Iprase e il sostegno di Federazione trentina della Cooperazione e delle Casse Rurali Trentine. La rassegna Educa Immagine organizzata dal consorzio Consolida con i partner del festival, vanta la direzione artistica di Trentino Film Commission e il sostengo del piano Cinema per la scuola del MIUR e MiBACT e il contributo di Cassa Rurale di Rovereto.

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
rel="nofollow"Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Giudicarie e Rendena7 ore fa

Morto Luigi Cantonati il 53 enne travolto dal legname 10 giorni fa

Trento10 ore fa

Oggi la visita del sindaco a Villazzano

Spettacolo10 ore fa

Cinemart prosegue con “Jane by Charlotte”

Piana Rotaliana11 ore fa

“AgriLazzera 2023”: macchinari e attrezzature per l’agricoltura e il giardinaggio in mostra a Lavis

Trento11 ore fa

Dolomiti Pride 2023, la sfilata sarà a Trento il 3 di giugno

Val di Non – Sole – Paganella11 ore fa

Molveno: viabilità limitata in centro storico per tutta la settimana prossima

Bolzano11 ore fa

Tragico scontro tra un camion e una macchina, morta una persona

Val di Non – Sole – Paganella11 ore fa

Si è svolta la sessione forestale annuale del Comune di Cles: in montagna si torna alla normalità, ma c’è preoccupazione per l’espansione del bostrico

Trento11 ore fa

Itea, redditi più bassi e utenze domestiche? Fdi: «Pronti a sostenere qualsiasi iniziativa di aiuto da parte dell’Amministrazione Comunale»

Rovereto e Vallagarina11 ore fa

Ancora una vettura in fiamme, è successo a Besenello

Trento12 ore fa

Coronavirus, il report settimanale dei contagi in Trentino

Trento12 ore fa

Foglio di via per 3 anni per un nigeriano pregiudicato

Trento13 ore fa

Blitz in via Ghiaie della Polizia di Stato: denunciati 4 nordafricani per spaccio, due dei quali espulsi

Val di Non – Sole – Paganella14 ore fa

Iscrizioni in forte crescita al Liceo Russell: +28% rispetto all’anno scorso

Alto Garda e Ledro15 ore fa

Perde il controllo dell’auto e si ribalta in un vigneto, ferito un 21 enne

Trento1 settimana fa

Continuano le truffe del reddito di cittadinanza. Ecco quanti lo ricevono in Trentino

Val di Non – Sole – Paganella4 settimane fa

Torna in Val di Non la grande “Festa di San Romedio”

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Nuovo lutto per la famiglia Cantaloni, dopo la figlia Chiara muore anche il papà Giorgio

Trento3 settimane fa

Condominio da incubo, pluripregiudicato tiene in ostaggio i residenti da anni. Il giudice: «Non si può sfrattare perchè è ai domiciliari»

Offerte lavoro1 settimana fa

Cercasi commessa/o per nuova apertura negozio centro storico di Trento

Vista su Rovereto3 settimane fa

Spazi vuoti e serrande abbassate: la desolazione di Rovereto

economia e finanza4 settimane fa

Il colosso Amazon licenzia 18 mila dipendenti

Rovereto e Vallagarina3 settimane fa

Tragico incidente in Vallagarina, auto contro un Tir: 37 enne muore sul colpo

Trento2 settimane fa

Dalla Security ai set cinematografici: la storia del trentino Stefano Mosca

Trento3 settimane fa

Morto Marco Dorigoni, storico Dj di Studio uno. Aveva 57 anni

Trento4 settimane fa

60 enne denunciato per bracconaggio e per distillazione illegale di grappa

Trento2 settimane fa

Condominio da incubo via Perini: il soggetto entrerà in comunità alla fine del mese

Giudicarie e Rendena3 giorni fa

Non ce l’ha fatta Luigi Poli: il gestore del Palaghiaccio di Pinzolo è morto ieri

Trento2 settimane fa

«Soliti noti», abusivismo a Villazzano: una storia tutta trentina

Val di Non – Sole – Paganella3 settimane fa

Sviluppo turistico di Coredo, un gruppo di esercenti (e non) chiama a raccolta i cittadini: «Ora tocca a noi darci da fare»

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza