Connect with us
Pubblicità

Ambiente Abitare

Cinque stupende località del Trentino Alto-Adige dove fare Trekking

Pubblicato

-

Tempo di ritornare a vivere, tempo di uscire e di ritornare a camminare. Quando la vita pubblica è limitata non c’è di meglio che immergersi nella natura e in lunghe passeggiate, un po’ per uscire dalle quattro mura domestiche e dell’ufficio, un po’ per staccare dagli impegni quotidiani.

Camminare aiuta a scaricarsi e stimola la produzione di endorfine, in poche parole: più si cammina più si è felici e si mantiene una perfetta forma fisica e mentale.

Di località stupende per fare trekking in Trentino Alto Adige ce ne sono una grande varietà. Ma il nostro giornale ha volute approfondire ancora di più  l’argomento scegliendone 5 in particolare che non sono nemmeno tanto lontane e possono essere percorse da tutti.

Pubblicità
Pubblicità

Armatevi quindi delle scarpe e dell’abbigliamento giusto, scegliendo ma un capo North Face disponibile su Addnature.it e partite, la natura vi aspetta con i suoi percorsi mozzafiato.

Partiamo dal giro trekking del Sassolungo Sassopiatto, vicino al massiccio del Sella Ronda, tra Val di Fassa e Val Gardena. Innanzitutto scegliete la direzione che preferite, oraria o antioraria, per poi godervi lo splendido panorama sulle Dolomiti.

Un sentiero non troppo complicato che con un minimo di allenamento è molto facile da condurre. Tra resort, rifugi e punti ristoro, non avrete di che preoccuparvi durante tutto il tragitto.

Pubblicità
Pubblicità

Vicino a Dobbiaco si trovano, invece, le Tre cime di Lavaredo, considerate una delle passeggiate trekking più belle delle Dolomiti. Anche qui grazie ad un dislivello esiguo e ai sentieri piuttosto semplici le escursioni sono adatte a diverse tipologie di avventori, ma ricordate di partire allenati. Un bellissimo giro ad anello che vi porterà a vedere le pareti Nord, punto iconico delle tre cime per poi continuare verso Rifugio Locatelli. 9,5 chilometri da fare in 3 ore che vi regaleranno emozioni uniche.

Ma spostiamoci verso Pejo, per un trekking tra rocce rosse, ghiaioni e ruscelli. Si tratta del percorso Val de la Mite, con partenza a 2.300 metri fino ad arrivare ai 3.000 metri. 3 chilometri di percorso attraverso un dislivello di 660 metri.

Qui inizia a farsi impegnativa, ma non vi preoccupate, la vista dei ghiacciai ripagherà tutti i vostri sforzi.

Chi non conosce Madonna di Campiglio? Qui, affacciati sulle Dolomiti del Brenta, troviamo uno splendido itinerario trekking attraverso cinque splendidi laghi di montagna. Il sentiero dei 5 laghi, molto frequentato e conosciuto dagli amanti del trekking, mette spesso alla prova i diversi avventori.

Richiede una buona preparazione fisica data anche la lunghezza (16 chilometri) con un dislivello di 470 metri in salita e 1.130 in discesa attraversando il lago Ritorto, il Lago Lambin, il Lago Serodoli, il lago Gelato e il lago Alto con arrivo a Madonna di Campiglio. Un totale di 6 ore che permettono di godere appieno di tutte le bellezze della montagna.

Vicino alla Val di Fiemme, invece, si trova il Corno Nero con la sua vetta a 2.439 metri. Un percorso di 8 chilometri per la durata di 3,5 ore considerato piuttosto impegnativo a causa del dislivello di 700 metri, ma che offre la vera esperienza della montagna.

E se tornati dal trekking il riposo è il primo pensiero, tornare a casa potrebbe non essere la migliore idea. Perché non cercare alloggi e rifugi in Trentino su Holidu.it così da godersi due giorni di pace e tranquillità.

 

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

di tendenza