Connect with us
Pubblicità

Ambiente Abitare

Dolomiti UNESCO: per i punti di particolare interesse limiti di capacità di carico e nuove misure di gestione

Pubblicato

-

Studio innovativo della Fondazione con focus su Valle di Braies e Tre Cime di Lavaredo. Prossimamente indagine anche sulla Val di Tovel. Tonina: “Fondamentale basare scelte interregionali su monitoraggi accurati“.

Nel territorio delle Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO sono numerosi i punti di particolare attrazione – detti hotspot – per i visitatori che portano ad un eccessivo carico su queste aree. Il limite della capacità di carico in due di queste aree (Valle di Braies e Tre Cime di Lavaredo) è il tema centrale dello studio innovativo della Fondazione Dolomiti UNESCO e dell’Università Ca’ Foscari di Venezia UNIVE, Dipartimento di economia.

Lo studio è stato coordinato dalla Rete interregionale della FondazioneSviluppo, turismo sostenibile e mobilità”, coordinata per tutte le Dolomiti dalla Provincia di Bolzano. Obiettivo: una gestione più sostenibile dei flussi di visitatori e una migliore esperienza di visita nelle aree del Patrimonio Mondiale Dolomiti UNESCO da parte dei visitatori, il tutto nel rispetto dell’ambiente nonché della sostenibilità economica e sociale. In futuro un’analisi del tutto simile sarà focalizzata sull’area naturalistica della Val di Tovel.

Pubblicità
Pubblicità

Uno studio innovativo – Avvalendosi dei dati riferiti alle aree pilota del 2018 e di big data provenienti da Vodafone Analytics, TripAdvisor, ISTAT e Banca d’Italia, nonché interviste, gli esperti hanno valutato gli impatti dei flussi annuali di visitatori nelle due aree e le rispettive capacità di carico (ambientale, sociale ed economica) e suggerito misure d’intervento.

I principali risultati dello studio nelle due aree pilota e le possibili misure da attuare sono stati illustrati oggi dal professor Jan Van der Borg, responsabile del team di ricerca internazionale insieme al presidente della Fondazione Dolomiti UNESCO e assessore all’ambiente della Provincia autonoma di Trento, Mario Tonina, e all’assessora provinciale Maria Hochgruber Kuenzer nell’ambito di una conferenza stampa virtuale messa in onda da Palazzo Widmann a Bolzano, moderata da Marcella Morandini, direttrice della Fondazione.

Individuare soluzioni condivise – La pressione su aree eccezionali, ma anche fragili e sensibili come la valle di Braies o le Tre Cime di Lavaredo, ha superato il limite di tollerabilità. Troppe persone concentrate in pochi luoghi, in pochi periodi dell’anno. La natura ne risente, l’esperienza di visita perde unicità e significato e viene messa in discussione la qualità della vita ha affermato l’assessora provinciale Maria Hochgruber KuenzerQuesto è un campanello d’allarme a cui dobbiamo prestare particolare attenzione: a noi il compito di gestire insieme la situazione individuando soluzioni condivise. I dati scientifici costituiscono una base efficace a tal fine”, ha detto l’assessora.

Pubblicità
Pubblicità

Lago di Tovel nelle Dolomiti di Brenta, nuova area d’indagine – Con questo studio abbiamo iniziato un importante processo di monitoraggio delle Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO che consente a noi decisori di avere dati precisi accurati come sui quali basare la nostra azione. Sappiamo quanto l’epidemia da Covid-19 abbia fatto aumentare il desiderio di visitare le aree di montagna a scopo ricreativo. Questo è uno dei motivi per cui vogliamo continuare sulla strada che abbiamo intrapresoha detto il presidente della Fondazione Dolomiti UNESCO Mario Tonina, esprimendo l’auspicio che si riesca a radicare sempre più la consapevolezza di quanto sia fondamentale e imprescindibile garantire un’efficace collaborazione interregionale a tutti i livelli, gestendo questo Patrimonio come un unicum, dal Brenta alle Dolomiti Friulane.

Come ha riferito, sulle aree di Braies e le Tre Cime si è in attesa dei dati sulla stagione 2020, che evidenzieranno l’impatto del Coronavirus su un’estate anomala. Prossimamente il metodo d’indagine verrà esteso anche ad un’altra area studio, il lago di Tovel, nelle Dolomiti di Brenta.

Capacità di carico consigliate – Il professor Jan Van der Borg, responsabile del team di ricerca internazionale, ha illustrato in dettaglio gli esiti dello studio da cui emergono alcuni suggerimenti in riferimento alla capacità di carico degli hotspot presi in esame, evidenziando che la quantità spesso confligge con la qualità.

Per quanto riguarda Braies, il numero dei visitatori (giugno-settembre 2018) è di molto superiore alla capacità di carico del sito, con giornate di picco di oltre 17.400 persone al giorno e una densità fino a 188 persone per ettaro. Non è solo una questione di mobilità ma è legata al numero massimo di persone che possono trovarsi contemporaneamente in questo luogo per non compromettere la capacità di tollerare il carico a livello ambientale/sociale/economico. I limiti proposti, elaborati secondo la metodologia dell’Organizzazione mondiale del turismo (UNWTO), devono essere intesi come opportunità per gestire al meglio queste aree nel rispetto delle questioni ambientali, sociali ed economiche. Un campanello d’allarme è il fatto che la valutazione dell’esperienza di visita da parte dei visitatori è in calo, soprattutto nelle giornate di sovraffollamento.

Se l’area di Braies viene considerata come parco naturale il limite consigliato dall’Organizzazione mondiale del turismo è di 1.500-2.500 persone al giorno e di 4.500–6.000 persone al giorno se considerato come area escursionistica. Per quanto concerne il carico sociale, relativo alla percezione delle persone che visitano l’attrazione, la qualità della visita da parte di turisti ed escursionisti rimane a livello medio se si pone un limite di 9.000 persone al giorno.

Per l’area delle Tre Cime di Lavaredo se il sito viene considerato come parco naturale il limite consigliato per il carico naturale è di 2.700–3.000 persone al giorno e di 7.000–7.500 persone al giorno se considerato come area escursionistica e in riferimento al carico sociale, la qualità della visita da parte di turisti ed escursionisti rimane a livello medio se si pone un limite di 4.000 persone al giorno.

Misure per la sostenibilità – Le interviste e la consultazione con gli stakeholder, insieme ai risultati sulle criticità dell’area hanno portato ad alcune indicazioni gestionali. Le azioni immediate concernono la regolamentazione dell’accesso alle aree prese in considerazione. Per il Lago di Braies il processo di regolamentazione è già in corso per mezzo dell’accesso con navette e prenotazione obbligatoria.

Per l’area delle Tre Cime di Lavaredo, invece, viene caldamente consigliato di agire per ridurre drasticamente il traffico a Misurina e favorire l’accesso con mezzi pubblici, eliminando le automobili a Misurina. Inoltre, il suggerimento formulato è quello di personalizzare l’esperienza e la modalità di accesso per diverse tipologie di turisti (residenti, turisti, escursionisti, per provenienza, ecc.).

In particolare, sarebbe opportuno incentivare gli accessi a piedi o in bici, creare momenti di fruizione diversi e penalizzare l’utilizzo dell’auto privata. Inoltre si propongono come azioni di governance come il monitoraggio dei flussi dei visitatori e dei vari livelli di sostenibilità nonché la promozione di una più efficace collaborazione a livello territoriale e la costituzione di una cabina di regia per una migliore governance interregionale e l’attuazione di una visione strategica condivisa.

Pubblicità
Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza