-->
Connect with us
Pubblicità

Val di Non – Sole – Paganella

Mense scolastiche in Val di Non, la polemica non si placa. I genitori degli alunni dell’I.C. Taio rispondono a tono alla sindacalista Dellai

Pubblicato

-

Pubblicità

Pubblicità

Tutto come prima nelle mense scolastiche della Val di Non. Questo, per lo meno, è quanto emerge dal racconto di un gruppo di genitori di bambini e ragazzi che frequentano la scuola primaria e quella secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo di Taio.

La polemica, dunque, prosegue a colpi di articoli di giornale, sopralluoghi, interrogazioni, interventi dei sindacati. Proprio le parole della sindacalista della Filcams CGIL Francesca Dellai hanno colpito particolarmente i genitori degli alunni dell’Istituto Comprensivo di Taio, che hanno voluto rispondere con una lettera giunta alla nostra redazione.

«Ci vediamo costretti a intervenire nuovamente non solo per evidenziare che a tutt’oggi non abbiamo notato miglioramenti significativi nel servizio mensa, ma anche perché siamo stati chiamati in causa dalle dichiarazioni di Francesca Dellai, sindacalista della Filcams CGIL, contenute in un articolo apparso sui quotidiani locali – scrivono i genitori –. La signora Dellai ha pensato bene di attaccare frontalmente, in maniera del tutto ingiustificata e inappropriata, quei genitori che hanno “osato” esprimere la propria protesta nei confronti di un servizio mensa scolastica giudicato di cattiva, per non dire pessima, qualità».

Pubblicità
Pubblicità

Le parole di Dellai, che a quanto pare si proponeva di difendere i diritti dei dipendenti della ditta appaltatrice del servizio, hanno provocato indignazione nei genitori che si sono sentiti “cornuti e mazziati”. «Nessuno di noi ha mai attaccato il personale della ditta, com’è ovvio – ci tengono a sottolineare i genitori –. Nella pubblica amministrazione sono le ditte che hanno in appalto i servizi che devono rispondere dei medesimi servizi, non certo i loro dipendenti. Nell’unico passaggio dei nostri articoli in cui si faceva cenno ai dipendenti della ditta, si chiedeva eventualmente di potenziare il personale, se questo poteva aiutare a migliorare il servizio, non altro».

I genitori precisano infatti che, nell’esclusivo interesse dei loro bambini, loro hanno semplicemente denunciato la scarsa qualità del servizio, ovvero del prodotto finale, prescindendo totalmente dall’indicare dove stia la falla nel sistema, che spetterebbe eventualmente ad altri individuare e correggere.

«La signora Dellai, anziché individuare il giusto bersaglio delle sue proteste in merito al trattamento contrattuale dei dipendenti della ditta bolzanina, che immaginiamo essere legittime, non ha trovato di meglio da fare che colpevolizzare i genitori della Val di Non, che evidentemente, essendo dei noti buontemponi e non, a loro volta, dei lavoratori come tutti gli altri, si divertono a lamentarsi, inventando futili motivi, con l’intento di peggiorare le condizioni lavorative del personale della ditta titolare del servizio mensa – aggiungono –.Troviamo francamente inaccettabile che proprio una sindacalista della CGIL, sindacato che dovrebbe tutelare i deboli e tutti coloro che hanno difficoltà a difendersi da soli,compresi bambini e famiglie, si scagli astiosamente contro dei genitori che evidenziano un disservizio di cui sono vittime, accusandoli addirittura di non conoscere i protocolli nazionali e di non documentarsi a dovere. A questo proposito, vorremmo dire alla signora Dellai che il nostro modo di documentarci è ascoltare il disagio dei nostri figli».

Pubblicità
Pubblicità

Il gruppo di genitori si dice poi curioso di sapere cosa ne pensa la dirigenza della CGIL provinciale, e in particolare il segretario Grosselli, della posizione espressa dalla sindacalista. «La condividono? Attendiamo risposta – scrivono i genitori –. Ci è parso di scoprire, in questa occasione, una CGIL stranamente indulgente verso la ditta, che è l’unica a dover rispondere, caso mai, di faccende contrattuali, e ancor più stranamente schierata contro le famiglie e i loro bambini e ragazzi. Pensiamo che in questa guerra fra “poveri”, cioè fra chi lamenta un cattivo servizio reso ai propri figli (peraltro pagato e non gratuito) e chi lamenta sfavorevoli condizioni lavorative, si sarà fatta una bella risata la ditta appaltatrice».

«In questi tempi già di per sé così sfortunati, mai ci saremmo immaginati di diventare il bersaglio degli attacchi di una sindacalista, a tutto vantaggio di chi dalla confusione e dal conflitto fra i due presunti “litiganti” (da una parte il personale dipendente e dall’altra i genitori dei bambini che usufruiscono della mensa) non può che trarre profitto, potendo sostenere, addirittura con il supporto del sindacato, che il problema non è il cibo freddo e di cattiva qualità, ma il genitore che denuncia il problema, perché, secondo la signora Dellai, non conosce i “protocolli”».

La lettera si conclude con un ultimo riferimento alle parole di Dellai. «Il suo intervento scomposto e immotivato non solo non ci ha affatto convinti a starcene zitti, come forse a lei piacerebbe, ma ci induce piuttosto a gridare ancora più forte la nostra protesta, con l’esclusivo obiettivo del bene dei nostri figli».

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
Trento2 ore fa

Ecco il piano comunale per contenere i consumi energetici: possibile aumento delle tasse sulle seconde case

fashion12 ore fa

La moda che stupisce: il vestito spruzzato su Bella Hadid fa il giro del web

Piana Rotaliana12 ore fa

Mezzocorona aderisce alla campagna “Nastro Rosa” della Lilt

Val di Non – Sole – Paganella12 ore fa

Incidente sulla SS43 tra il Sabino e Mollaro: per fortuna non ci sono feriti

Arte e Cultura13 ore fa

Via libera al bando da 150 mila euro per i restauri delle opere del patrimonio culturale popolare

Val di Non – Sole – Paganella13 ore fa

A Campodenno raccolte 118 casse di mele per la mensa dei poveri di Milano. E domenica prossima si replica

Benessere e Salute14 ore fa

Dolori articolari: ecco la cause, la prevenzione e i rimedi

Giudicarie e Rendena14 ore fa

Circonvallazione stradale di Pinzolo, pubblicata la gara da 90 milioni

Trento14 ore fa

Sette tornanti: giovane agganciato dall’alettone di una macchina – IL VIDEO

fashion14 ore fa

Il Galà della Moda Sotto al Nettuno torna il 5 ottobre 2022

Trento14 ore fa

Coronavirus: due decessi nelle ultime 24 ore in Trentino, 159 i nuovi contagi

Arte e Cultura15 ore fa

Per la Settimana dell’Accoglienza gli esiti del progetto Cantiere Tempo

eventi15 ore fa

È arrivato l’autunno: ecco 5 posti da visitare in Trentino e nel Nord Italia

Val di Non – Sole – Paganella15 ore fa

Stanno per ripartire i corsi dell’Università della Terza Età e del Tempo Disponibile a Cles

Trento16 ore fa

Nastro Rosa, le iniziative in Trentino per la prevenzione del tumore al seno

Trento2 settimane fa

Caro bollette, supermercati Eurospin: «Abbiamo perso ogni speranza»

Trento3 settimane fa

Caro energia: dalla provincia arrivano 180 euro per ogni famiglia

Trento3 settimane fa

Autovelox e semafori intelligenti in funzione dal 19 settembre. Ecco dove sono installati

Trento3 giorni fa

Relazione della D.I.A.: in Trentino presenti le Mafie Calabresi, nigeriane e albanesi

Arte e Cultura3 settimane fa

A Riva del Garda Serena Dalla Torre si riconferma campionessa italiana di Body Painting

Trento3 settimane fa

Dopo 20 anni di amore Tony Menegatti sposa la sua Laura

Trento2 settimane fa

Il comune fa cassa: 104 multe in sole 3 ore grazie ai nuovi semafori «intelligenti»

Valsugana e Primiero3 settimane fa

Impiccato in garage, i Carabinieri di Borgo compiono il miracolo

Trento7 giorni fa

Ritrovata la 18 enne scomparsa sabato dopo la scuola

Politica1 settimana fa

Elezioni 2022, ecco i primi trombati eccellenti

Io la penso così…5 giorni fa

Giulia Torelli: Le turbe psichiche di questo soggetto sono particolarmente evidenti

Trento3 settimane fa

Morto a soli 61 anni Luca Mazzalai, partecipò ad oltre 20 edizioni della Trento Bondone

Val di Non – Sole – Paganella4 giorni fa

Dramma in Val di Non: il corpo di una donna recuperato nella forra del torrente Pongaiola

Le ultime dal Web7 giorni fa

«I vecchi devono stare a casa fermi, immobili, e non devono votare». è bufera su Giulia Torelli – IL VIDEO

Trento4 settimane fa

Trento, lavorare per le cooperative sociali a 4 euro l’ora: «Non ce la facciamo a vivere»

  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Pubblicità
    Pubblicità

Categorie

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

di tendenza