Connect with us
Pubblicità

Trento

Finanziaria provinciale: nel 2021 stime di 4.408 milioni di euro di entrate

Pubblicato

-

Presentata la manovra di bilancio 2021-2023 a categorie economiche e sindacati.

Nel 2021 le stime delle entrate provinciali ammontano a 4.408,8 di euro (erano 4.913 nel 2020), al netto dell’avanzo di amministrazione, quantificato ad oggi in 100 milioni di euro. Il calo del pil è previsto nell’ordine del 10% circa, con l’ovvio impatto che questo genera sul prelievo fiscale e quindi sulle risorse a disposizione del Trentino per gestire tutte le competenze riconosciutegli dall’Autonomia ed inoltre per far fronte all’emergenza Covid-19.

E’ in corso una trattativa con lo Stato sia per il riconoscimento di un ristorno qualora le previsioni nazionali sull’andamento del pil – più positive rispetto a quelle provinciali – non fossero confermate, sia per alcune partite fiscali arretrate, che il Trentino ha in comune con l’Alto Adige, per circa 450 milioni di euro.

Pubblicità
Pubblicità

Ma la Provincia punta anche ad attivare canali di finanziamento diversi, coinvolgendo investitori qualificati: l’ipotesi è creare tre fondi, un Fondo di crescita (rivolto alle imprese), un Fondo immobiliare (per interventi di riqualificazione urbana e edilizia sociale), e un Fondo alberghi (per sostenere investimenti sul versante della qualità), in modo tale da mobilitare risorse private, dentro e fuori il Trentino, per almeno 200 milioni di euro.

A ciò si aggiungono le opportunità che verranno generate dal Recovery Fund, dai fondi europei e così via. Queste alcune delle cifre – e delle proposte – emerse oggi nell’ambito del confronto fra la Giunta provinciale, con il presidente Maurizio Fugatti e l’assessore allo Sviluppo economico e lavoro Achille Spinelli, le categorie economiche e successivamente i sindacati Cgil, Cisl, e Uil, per l’esame della proposta di manovra di Bilancio 2021-2023.

Una manovra che risente, come ovvio, della crisi generata dalla pandemia, il che rende difficile impostare azioni di lungo respiro, ma che al tempo stesso, proprio a causa della situazione contingente, spinge anche a guardare oltre l’emergenza, sia per una stima più realistica delle risorse su cui si potrà far conto, sia per mettere in campo misure e strumenti che consentano di avviare una fase di ripresa.

Pubblicità
Pubblicità

Il Bilancio di previsione 2021 presenta un divario di 500 milioni rispetto al 2020, escluso l’avanzo di amministrazione, che sarà possibile quantificare nel primo trimestre del 2021; era di 233 milioni nel 2020, nel 2021 la stima è di almeno 100 milioni.

E’ confermato un calo del pil attorno al 10%, (a fronte di un previsto + 5,8% nel 2021) per il quale è attesa una compensazione da parte del Governo.

L’anno scorsoha detto il presidente Fugattiil mancato gettito causato dalla pandemia ci è stato riconosciuto integralmente da Roma su 2 tranche. Nel 2021 prevediamo un gettito inferiore alla previsione dello Stato. Perciò la trattativa che stiamo portando avanti prevede di tener conto in prima battuta delle previsioni nazionali sulla crescita del pil; qualora però non fossero confermate, e il nostro gettito fosse inferiore, torneremo ad una ipotesi di accordo analoga a quella del 2020, che comporta un ristoro del Governo per le mancate entrate provinciali”.

Le previsioni del 2021, oltre a non conteggiare l’avanzo di amministrazione, scontano l’incertezza delle previsioni economiche: il Trentino è stato collocato dal dpcm di ieri inzona gialla”, il che lo sgrava delle limitazioni più pesanti a cui sono sottoposte altre regioni. Ma la situazione del Covid cambia continuamente.

Ciò che è possibile fare è, invece, elaborare delle proiezioni di medio-lungo periodo, sulla base degli elementi certi a disposizione, guardando anche ai saldi e ai gettiti arretrati. Nei prossimi 4 anni il Trentino potrà contare su 400 milioni in meno di gettiti arretrati (-90 milioni nel passaggio dal 2020 al 2021).

A fronte di ciò si continueranno ad esercitare tutte le competenze riconosciute in base all’Autonomia: scuola, sanità, aiuti alle imprese, welfare, lavori pubblici e così via. In parte sarà possibile farlo migliorando ed efficientando il sistema pubblico e generando nuovi risparmi. Ma sarà necessario anche guardare ad altre fonti e negoziare un ulteriore ricorso all’indebitamento.

Gli obiettivi generali della manovra 2021-2023, come sintetizzati da Fugatti e Spinelli, anche commentando un documento presentato alla Giunta dal Coordinamento imprenditori, riguardano gli incentivi alle imprese, le politiche in favore delle famiglie e dei lavoratori, il finanziamento degli enti locali.

Naturalmente però gli obblighi più forti riguardano la necessità di contrastare il Coronavirus: il Trentino garantirà al settore sanitario un investimento ulteriore di 70/100 milioni di euro, conformemente alle necessità che si manifesteranno.

In agenda l’attualizzazione dell’assegno unico, per coloro che hanno perso il lavoro e hanno visto diminuita la propria capacità reddituale. La misura sarà in vigore anche nei primi 6 mesi del 2021. Confermato anche il turn-over del personale del settore pubblico.

Si proseguiranno inoltre gli interventi già avviati nel 2020 per 170 milioni, distribuiti in bandi, in parte ancora aperti, che hanno rappresentato una grande boccata di ossigeno per l’economia: dai contributi a fondo perduto a quelli per investimenti fissi nel turismo, dal sostegno alle aggregazioni aziendali ai contributi per categorie come lavoratori stagionali, agricoltori, autotrasportatori e così via. Questi impegni potrebbero essere ulteriormente rifinanziati, in ragione delle risorse disponibili.

Come far fronte agli oneri finanziari che questa situazione impone? Oltre a quanto già detto, la Provincia autonoma di Trento ha aperto assieme a quella di Bolzano un tavolo di trattativa con lo Stato su alcune entrate arretrate. Tre i capitoli principali: partite fiscali sui giochi e sui depositi di oli e combustibili e il Tar (spese anticipate dalla Provincia).

Il totale di questi arretrati, che risalgono a una decina di anni fa, ammonta circa a 450 milioni. La proposta è di recuperare queste somme in un’ottica di medio periodo, biennale o triennale.

Ma la vera sfida è oggi quella di mobilitare canali di finanziamento diversi, con proposte che siano naturalmente appetibili per gli investitori. L’ipotesi allo studio è creare tre fondi rivolti soprattutto ad investitori qualificati: Fondo di crescita, Fondo immobiliare, Fondo alberghi. L’obiettivo è mobilitare risorse esterne per almeno 200 milioni di euro, a cui si aggiungono le disponibilità di Cassa del Trentino.

Non deve sfuggire a nessunoha detto l’assessore Spinellil’importanza, in questo momento ancora più forte, di fare sistema. Vogliamo coinvolgere maggiormente gli istituti di credito cooperativi e in generale soggetti terzi come Laborfonds, Cassa depositi e prestiti e così via. Le risorse così raccolte potranno essere messe utilmente in circolo per rilanciare lo sviluppo del territorio. Per quanto riguarda ad esempio il Fondo immobiliare, esso potrà essere utilizzato per rigenerare aree dismesse a Trento e Rovereto, ed in generale per avviare un percorso di riassetto urbanistico e infrastrutturale, nonché bilanciare il piano di edilizia popolare puntando anche su progetti di co-living, co-housing, studentati”.

A ciò si aggiungono le fonti di finanziamento esterne per investimenti, in particolare:

Recovery Fund: al momento non c’è ancora chiarezza sulla sua distribuzione territoriale e sulla forma che queste entrate assumeranno. Il Trentino ha avanzato proposte distribuite in una trentina di progetti che toccano necessariamente diversi settori (fra cui l’ambiente e il digitale), a cui si aggiungono interventi per prevenire il dissesto idrogeologico;

– è stato richiesto al Governo di riconoscere la possibilità di ricorrere all’indebitamento per finanziare opere pubbliche, al netto del Recovery Fund;

– è prevista la riprogrammazione dei fondo strutturali europei FSE-FESR per circa 200 milioni;

– infine i finanziamenti statali per le Olimpiadi 2026 (120 milioni di euro circa).

Nel corso delle discussioni che sono seguite alle presentazioni sono stati toccati diversi temi, fra cui la proroga, nel 2021, delle agevolazioni Imis, l’addizionale Irpef, riproposta nella misura attuale, la velocizzazione della realizzazione di opere pubbliche, il marchio territoriale, la riforma di Agenzia del lavoro, il sostegno della Ricerca & sviluppo, il passaggio dal concetto di smart city a quello di smart territory.

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]
  • Treni con cupole in vetro: l’esperienza di lusso per diventare i veri protagonisti del viaggio
    Se è vero che l’aereo rimane il mezzo di trasporto preferito da chi deve fare viaggi lunghi, è altrettanto evidente che i viaggiatori hanno riscoperto i numerosi vantaggi del trasporto su rotaia. Entrando nel cuore di ogni città, costeggiando i litorali e attraversando vallate e montagne, il treno ha la capacità di resuscitare il vero […]

Categorie

di tendenza