Connect with us
Pubblicità

Io la penso così…

Coronavirus, scuola: chi si deve occupare dell’insegnamento dei nostri figli?

Pubblicato

-

foto di repertorio scattata prima dell'emergenza Covid 19

Egregio Direttore,

sono Francesco, papà di Andrea, e vorrei rendere pubblica la riflessione fatta dopo un episodio avvenuto nella scuola di mio figlio: il 30 ottobre, Andrea (che frequenta la 5° elementare di una scuola della bassa Valsugana), mi ha riferito che una compagna di classe è stata prima ripresa dal gruppo dei pari a causa della mascherina portata distrattamente sotto il naso, e poi presa come esempio negativo dall’insegnante che ha approfittato dell’episodio per una lezione sull’importanza della stessa e il suo corretto utilizzo.

Ciò che mi chiedo è: è compito della scuola l’educazione sanitaria dei bambini? E lo è anche a costo di umiliare una bambina di 9 anni, che si è sentita prima emarginata e bullizzata dal gruppo, e poi additata anche dall’insegnante?

Pubblicità
Pubblicità

A chi spetta l’educazione sanitaria dei ragazzi, agli insegnanti o alla famiglia?

E se la famiglia ritenesse per la figlia più importante una buona respirazione che non una mascherina portata in un gruppo coeso e costante, nel quale, come in tutti i gruppi che si frequentano quotidianamente – è sostanzialmente impossibile garantire il rischio Zero, così come è impossibile che la si porti correttamente (ovvero senza mai toccarla sul davanti, disinfettando le mani prima e dopo averla indossata, prendendola solo dagli elastici laterali… Tutte regole che nemmeno gli adulti riescono a rispettare)?

Naturalmente, noi genitori di Andrea viviamo questa realtà come un qualcosa di profondamente Sbagliato. Educare deriva da educere, tirar fuori. Non buttare dentro.

Pubblicità
Pubblicità

Riteniamo che quello che la scuola dovrebbe insegnare è costruire un pensiero critico, imparare a valutare le situazioni e prendere decisioni coerenti, non imporre le proprie convinzioni e idee, sulle quali la stessa scienza si divide (importanti medici ed anche esponenti della task force governativa hanno dichiarato di ritenere sostanzialmente inutile portarla in determinate situazioni, in altri Stati non vige alcun obbligo, in altri gruppi chiusi non è ritenuta necessaria…)

Oggi invece assistiamo ad uno sgretolarsi dei punti di riferimento di questi bambini.

Le stesse maestre a cui loro si affidavano nei momenti di sconforto o difficoltà, che fino all’anno scorso li sostenevano ed accoglievano, oggi si trasformano in carcerieri, più o meno aggressivi nel far rispettare “regole” che sono state imposte e non condivise, e che nulla hanno a che vedere con l’ambito della formazione scolastica. “Metti la mascherina – tieni le distanze – lascia aperta la finestra – non urlare – non correre – non alzarti dal banco – non andare in bagno se non accompagnato – non prestare la penna al tuo compagno – non toccare la sua merenda”

Ci rendiamo conto del clima nel quale i bambini sono costretti a vivere ormai da mesi, col termine finale di questa situazione “provvisoria” che continua a spostarsi in avanti di settimana in settimana, quando altri paesi hanno preso strade diverse, lasciando i propri cittadini liberi di vivere e “respirare”?

Possiamo per un attimo metterci nei panni dei bambini, immaginare che per alcuni sia difficile questo rapporto con la mascherina? Che possano sentirsi a disagio nel non poter più interagire normalmente come prima con i compagni e le maestre? Che siano attanagliati dalla paura di fare qualcosa che “non va bene”, per cui possono essere continuamente ripresi?

Che soffrano nel dover mantenere un distanziamento innaturale con gli stessi compagni con cui poi il pomeriggio vanno in piena tranquillità a giocare al parco,  si toccano, si spingono, si parlano, scherzano, urlano, si scambiano oggetti e magari anche un pezzo di merenda?

Ecco, se possiamo immaginare quanto contraddittoria e punitiva possa essere questa situazione per i bambini, allora dobbiamo chiedere alle figure con cui loro passano il tempo scolastico, di avere discernimento.

Invece assistiamo a lezioni di indottrinamento e azioni “punitive” se un bambino toglie la mascherina perché gli dà fastidio, o non disinfetta la matita, o usa il gesso di un amico anziché il proprio

Con questa lettera voglio cercare di portare il punto di vista dei bambini, il 70% dei quali, secondo una ricerca del Gaslini di Genova, ha difficoltà dal punto di vista psicologico, a seguito di questi mesi di chiusura, distanziamento, ribaltamento di un mondo che non poggiava – come quello degli adulti – su basi stabili.

Questo repentino cambio di paradigma e di atteggiamento degli adulti di riferimento, li sta disorientando e intristendo. Stiamo togliendo loro la spontaneità e la voglia di vivere, rischiamo di farne dei bravi soldatini che rinunciano a vivere per la paura di sbagliare.

Sappiamo che i nostri figli stanno male a non poter vivere appieno la loro infanzia. Se togliamo, o solo scalfiamo, il loro diritto ad essere tranquilli, innocenti, bambini, già abbiamo perso. Tanto più che in questa pandemia, non sono i bambini, quelli che – fortunatamente – devono essere tutelati. E’ davvero questo che vogliamo?

Lettera firmata

Potete inviare le email al direttore da inserire nella rubrica «io la penso così» scrivendo a: redazione@lavocedeltrentino.it

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]
  • Thun: l’atelier creativo simbolo di Bolzano e dell’Alto Adige
    La storia di THUN ha inizio nel 1950 con la nascita del primo Angelo di Bolzano, la dolce figura ceramica che Lene Thun modellò guardando i figli che dormivano. Oggi l’Angelo è universalmente riconosciuto come simbolo dell’Alto Adige e della città di Bolzano, ed è presente in moltissime case italiane ma non solo. Negli anni […]
  • “ Kalabria Coast to Coast”: un cammino di 55 km per vivere la vera essenza della Calabria
    La Calabria è la regione dove mare e montagna sono così vicini da poter essere vissuti nella stessa giornata: caratteristica unica e particolare che ha spinto la nascita di “Kalabria Coast to Coast”, un percorso naturalistico di 55 km da assaporare a passo lento tra filari di vite, distese di ulivi, boschi e piccoli caratteristici […]

Categorie

di tendenza