Connect with us
Pubblicità

Trento

Covid-19, Claudio Cia (AGIRE): “Non più utile in questa fase l’inseguimento degli asintomatici. Concentrarsi su chi ha sintomi e sulla domiciliarizzazione dei lievi”.

Pubblicato

-

Dalla prima apparizione del virus SARS-CoV-2, del quale non si conosce ancora la vera origine, abbiamo imparato a conoscerlo meglio, acquisendo le conoscenze che ci consentono di trattare e far fronte alle complicanze più temibili.

Abbiamo capito che le persone più a rischio sono i nostri anziani, persone particolarmente fragili perché in molti casi già affette da altre patologie croniche (il 98% dei decessi hanno interessato proprio questa categoria); che si muore per trombo embolia polmonare da coagulazione intravascolare disseminata perché il virus è trombogenico; che è controproducente ricoverare tutti, in quanto il quadro clinico potrebbe complicarsi a seguito di infezioni contratte in ospedale (ogni giorno in Italia – a causa delle malattie infettive contratte in ospedale – muoiono 135 persone, circa 50 mila all’anno).

Sull’argomento ieri è intervenuto anche il consigliere provinciale Claudio Cia: «Allo stato attuale delle cose, illudersi di azzerare il contagio è irragionevole perché non ci troviamo più nella situazione iniziale quando potevamo circoscrivere piccoli focolai. E’ ormai sotto gli occhi di tutti come il virus abbia una tale diffusione da non poter essere arginato, motivo per cui ha poco senso impiegare ulteriori preziose energie per ricostruire la catena dei contagi, inseguire e tracciare i positivi asintomatici quando ormai rappresentano il 95% delle persone sottoposte al tampone».

Pubblicità
Pubblicità

«D’altronde essere positivo non vuol necessariamente dire essere contagioso e neppure malato. Per risultare positivo, infatti, – aggiunge il consigliere provinciale –  è sufficiente la presenza sulle mucose orofaringee e nasofaringee di acido nucleico (geni) del virus, anche in quantità residuale. Dunque non è detto che la positività rappresenti una condizione infettante e/o patologica. Tutto dipende dalla vitalità e dalla soglia di concentrazione del virus, come ha evidenziato anche il professor Giorgio Palù, Professore ordinario di Microbiologia e Virologia Direttore del Dipartimento di Medicina Molecolare Università degli Studi di Padova.»

In concreto Claudio Cia spiega che ora i controlli non vanno effettuati sulle persone sane, ma su quelle che presentano sintomi, e non certo al mero fine di produrre uno sterile dato, spesso discutibile, da propinare alla gente per alimentare una comunicazione allarmistica, incapace di fornire spiegazioni e indicazioni utili alla popolazione, che ha già condotto su tutto il territorio nazionale ad un incremento dei suicidi e della vendita di antidepressivi.

«A ciò – aggiunge Cia –  si deve aggiungere un aumento dei decessi per gravi patologie, causato dalla quasi impossibilità di accedere ad ospedali ed ambulatori per effettuare visite di controllo e periodici aggiustamenti nelle terapie, pratiche impensabili da quando è comparso il virus SARS-CoV-2. E’ fondamentale per questo sottolineare l’importantanza dei comportamenti individuali ai fini preventivi: l’uso della mascherina, il distanziamento sociale e l’igiene delle mani. A mio parere bisognerebbe investire più convintamente sulla domiciliarizzazione degli interventi sanitari e nel dettaglio:

Pubblicità
Pubblicità
  • sensibilizzare la popolazione sull’importanza dell’isolamento precauzionale volontario dei soggetti deboli e più esposti a complicanze gravi in caso di infezione;
  • gestire a domicilio i malati Covid che non presentano sintomatologia particolarmente grave, ma manifestano sintomi simili a quelli dell’influenza (cefalea, febbre, mal di gola, congiuntivite…) evitando di affollare gli ospedali;
  • screening mirati ed immediati a domicilio, finalizzati a riconoscere un quadro clinico sospetto, per consentire al medico di medicina generale un monitoraggio mirato del paziente e un approccio terapeutico più adeguato.

Queste azioni sono possibili solo se si riconosce che in questa fase dell’epidemia è centrale la figura del medico di medicina generale. Lasciamoci condurre fuori da questo tunnel da quanti hanno una grande passione nel curare un paziente, non ascoltiamo i personaggi da salotto TV – negazionisti o sensazionalisti che siano – il cui unico scopo è quello di sfruttare questa epidemia per la loro fama personale o per qualcosa che ancora non ci è dato sapere».

Pubblicità
Pubblicità

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

  • Pubblicità
    Pubblicità
  • Pubblicità
    Pubblicità

Archivi

  • Isola in Irlanda cerca custodi: l’occasione per cambiare stile di vita per sei mesi
    La meta ideale per chi vuole entrare a contatto con la natura più incontaminata, allontanarsi dai ritmi frenetici della città, godendosi contemporaneamente un’esperienza di vita unica, si trova a Great Blasket Island, al largo della costa irlandese, dove è stata data l’opportunità attraverso un annuncio di lavoro, di cambiare stile di vita per sei mesi. […]
  • Illuminazione stradale accesa dal vento delle auto con l’innovativa di Turbine Light
    Con l’aumento di strade, autostrade e di reti viarie che necessitano di essere illuminate l’intera giornata, il fabbisogno energetico risulta essere in continuo aumento, costringendo a cercare diverse alternative per soddisfare e integrare le mutevoli esigenze di mercato. Uno dei problemi principali nel coprire la gestione territoriale urbana di reti periferiche e di grandi autostrade, […]
  • Auto elettriche, ricarica rapida: arriva la batteria del futuro che “fa il pieno” in cinque minuti
    I veicoli elettrici con tutti i loro vantaggi legati ai livelli di prestazioni e di emissioni, stanno diventando una componente essenziale per affrontare la crisi climatica internazionale. Un passo da compiere quasi inevitabile e già avviato in molti Paesi con l‘avvio di sussidi per l’acquisto di veicoli elettrici, ma ancora scoraggiato dai lunghi tempi di […]
  • Il Curriculum del futuro è anonimo: la Finlandia è la prima a sperimentarlo
    Per evitare discriminazioni di razza, sesso o età, in Finlandia stanno spopolando le selezioni anonime per chi è alla ricerca di lavoro. Una novità importante per gli uffici del Comune di Helsinki, che dalla scorsa primavera stanno sperimentando un processo di selezione del personale totalmente anonimo. La fase di analisi dei curriculum avviene senza che […]
  • Path, l’universo sotterraneo di Toronto
    Quando il cielo cede velocemente il passo alle perfette geometrie della selva di grattacieli del centro, dominati dalla Canadian National Tower si apre la città di Toronto in Canada, con i suoi grandi villaggi residenziali, i suggestivi quartieri periferici e le enormi strade che corrono verso il cuore della metropoli. Nonostante si mostri davvero affascinante, […]
  • Il primo cuore artificiale ottiene marchio CE: ora può essere venduto in tutta Europa
    La tutela della salute è una sfida che coinvolge medici, scienziati ed ingegneri, insieme impegnati da secoli per rendere sempre più concreta la possibilità di trovare soluzioni in grado di compensare le scarse disponibilità dei donatori e aiutare la vita delle persone che soffrono di particolari patologie. Negli ultimi anni la ricerca ha reso questa […]
  • Liberare l’agricoltura dai vincoli climatici con intelligenza artificiale e serre verticali
    L’inarrestabile evoluzione dell’intelligenza artificiale allarga si suoi già immensi confini coprendo anche l’importante mondo dell’agricoltura, puntando ad una vera rivoluzione agricola. L’esperimento di respiro europeo porta l’intelligenza artificiale nella conduzione di serre verticali che aiutano a rendere la produttività 400 volte superiore rispetto a quella tradizionale di colture orizzontali. Sfruttando l’intelligenza artificiale, con l’aiuto di applicazioni […]
  • Cereria Ronca: il posto dove alta qualità e rispetto per l’ambiente si incontrano
    Da oltre 160 anni, le candele della Cereria Ronca danno un tocco di luce e calore agli spazi dei propri clienti: cilindri, sfere, tortiglioni adatte ad ogni occasione vengono create ad hoc per illuminare e profumare l’ambiente. Dal 1855, infatti, Cereria Ronca produce e vende candele made in Italy a marchio, personalizzate o per conto di […]
  • Locherber Milano e l’arte della profumazione di ambiente
    Candele, diffusori, intense fragranze ed eccellenza sono i pilastri di Locherber Milano, brand creato dopo tre generazioni di sviluppo di prodotti cosmetici e grazie al connubio tra precisione svizzera e passione Italiana. L’azienda, gestita autonomamente grazie alla conduzione familiare, permette di mantenere un ethos invariato ed una propria libertà creativa. Le fragranze esclusive di Locherber Milano […]

Categorie

di tendenza